in

Cherry cheesecake tart

- - Nessun commento

Una ciliegia tira l'altra, soprattutto se sono usate in un dolce. Meglio una cheesecake o una crostata? Nel dubbio, ho preparato una Cherry cheesecake tart.

Cherry cheesecake tart

Le ciliegie sono sempre una tentazione a cui non so resistere, un po' come succede anche per i dolci.
Ne mangerei all'infinito e tutte le volte che le vedo inizio automaticamente a pensare in quale torta posso utilizzarle come ingrediente principale.

Amo utilizzarle per un dolce fresco coma una cheesecake, ma anche nelle crostate stanno sempre benissimo.

Questa volta avevo le idee chiare su come utilizzarle perché mi ero imbattuta in una ricetta sul web che mi piaceva tantissimo per la semplicità, ma anche perché era un mix tra una cheesecake ed una crostata, visto che la base di biscotti viene utilizzata anche sui bordi del dolce.

Per troppo zelo ho utilizzato le ciliegie migliori che potessi trovare, quelle nere, ma la prossima volta utilizzerò sicuramente quelle rosse per ottenere un colore della crema più chiaro.

Unica pecca di questa cheesecake è che va cotta, ma vi assicuro che quella mezz'ora di forno verrà ripagata ampiamente quando proverete la cherry cheesecake tart.

Cherry cheesecake tart

Ricetta dellaCherry cheesecake tart (da "Taste")

Ingredienti

250 g di biscotti al cioccolato
50 g di farina di nocciola
125 di burro ammorbidito
200 g  di ciliegie denocciolate
110 g di zucchero
375 g di cream cheese ( ho utilizzato il Philadelphia)
120 g di sour cream (ho utilizzato lo yogurt bianco)
2 uova

Per la decorazione:
ciliegie
lamponi
mirtilli

Procedimento

Rivestire con carta da forno la base di una tortiera da 24 cm con fondo removibile.

Unire i biscotti spezzettati e la farina di nocciole in un frullatore ed avviarlo fino ad ottenere un composto tritato finemente.
Aggiungere il burro e mescolare bene.
Mettere il composto a cucchiaiate nella teglia, pressandolo bene sulla base e sui bordi, aiutandosi con un bicchiere o con un cucchiaio.
Riporre in frigorifero a rassodare per 30 minuti.

Nel frattempo mescolare la ciliegie snocciolate, lo zucchero e 60 ml di acqua in una pentola e cuocere a fuoco basso. Cuocere mescolando per 2 minuti o fino a che lo zucchero si sia sciolto completamente.
Alzare il fuoco e portare a bollore. Cuocere per altri 5 minuti o finché le ciliegie siano tenere. Mettere da parte fino a che si siano raffreddate, quindi mettere le ciliegie ed il sugo che avranno prodotto in un frullatore e frullare fino ad ottenere un composto liscio.

Riscaldare il forno a 150°C.
Mettere in un frullatore la cream cheese e la sour cream e mescolare fino ad avere un composto liscio.
Aggiungere le uova ed il composto di ciliegie e frullare fino ad avere un composto uniforme e liscio.
Versarlo nella base di biscotti nella teglia.

Cuocere per 30-35 minuti, fino a che il composto si sia rassodato. Spegnere il forno e lasciare la torta in forno con lo sportello socchiuso per 2 ore a raffreddare.
Trasferire la torta in frigorifero per 1 ora a raffreddare.

Trasferire la torta sul piatto da portata e decorare la superficie con le ciliegie, i lamponi e i mirtilli.

Cherry cheesecake tart

L'ho detto che una ciliegia tira l'altra, ma nel mio caso anche un dolce alle ciliegie tira l'altro...ho già in mente qualche altra idea.

Anna Luisa



in

Torta Manila di Stefano Laghi

- - Nessun commento

Una torta moderna con una bavarese al mango, un inserto di pralinato croccante e un cremoso alla nocciola, è la torta Manila di Stefano Laghi, perfetta per un compleanno.

Torta Manila di Stefano Laghi

Mango e nocciola sono gli ingredienti principali della torta Manila di Stefano Laghi, una torta moderna composta da una bavarese al mango, un inserto di cremoso alla nocciola ed un pralinato croccante.
Non abbiamo mai provato l'abbinamento tra mango e nocciola, ma mi ha incuriosita molto.

Quando ho letto la ricetta, ho pensato subito che era il dolce perfetto per festeggiare il compleanno di Fabio; tra l'altro lui ama i dolci alla nocciola ed il mango ci porta alla memoria il viaggio in Thailandia, del quale abbiamo dei ricordi bellissimi.

Insomma per un viaggiatore goloso come lui, non potevo resistere alla tentazione di preparare questo dolce.

Torta Manila di Stefano Laghi


Ricetta della Torta Manila (di Stefano Laghi)

Ingredienti

Per la bavarese al cioccolato al latte e mango:

500 g di polpa di mango
150 g di zucchero
200 g di tuorli 20 g di colla di pesce
500 g di cioccolato al latte
1000 g di panna montata 

Per il cremoso alla nocciola:

500 g di panna
130 g di tuorli
160 g di zucchero
4 g di colla di pesce
80 g di pasta alla nocciola pura 

Per il pralinato croccante:

750 g di pralinato alle nocciole
100 g di cioccolato al latte
150 g di corn flakes

Torta Manila di Stefano Laghi

Procedimento

Preparare il pralinato croccante: sciogliere il cioccolato a 45°C, aggiungere il pralinato e poi i corn flakes. Versare in un anello più piccolo del diametro della torta, precedentemente rivestito di pellicola per alimenti.

Preparare il cremoso: incorporare lo zucchero nei tuorli senza montare, aggiungere la panna calda con la pasta di nocciola.
Cuocere a 85°C sul fuoco, aggiungere subito dopo la colla di pesce ammorbidita in acqua fredda e strizzata, quindi passare al setaccio ed emulsionare.
Versare sul pralinato croccante, riporre in frigorifero per 4 ore e poi abbattere in negativo o congelare.

Preparare la bavarese: scaldare la polpa di mango  e versarla sui tuorli sbattuti con lo zucchero, portare tutto a 85°C aggiungere la colla di pesce e poi il cioccolato.
Lasciare raffreddare e alleggerire il tutto con la panna montata.

Procedere con il montaggio, riempire per 3/4 lo stampo con la bavarese al cioccolato e mango.
Smodellare il cremoso alla nocciola ed il pralinato croccante ed inserirlo nello stampo.
Riempire lo stampo con la restate bavarese e porre 4 ore in frigorifero e poi in abbattitore a temperatura negativa o n congelatore.

Estrarre il dolce dallo stampo e spruzzare con burro di cacao colorato marrone alla base e con glitter dorato la parte superiore.
Conservare in frigorifero fino al momento di servire.

Note mie: per lo stampo "Gemma" di Silikomart che ho scelto, ho preparato 1/5 della dose indicata.
Consiglio di usare un mango maturo in modo da sentirne bene il sapore nella bavarese.
La ricetta originale prevedeva che si spruzzasse la torta con burro di cacao giallo, ma ho preferito usare quello marrone per la parte bassa e glitterare solo d'oro il resto del dolce.

Torta Manila di Stefano Laghi

Direi che Fabio ha apprezzato la sua torta di compleanno, peccato che si compiano gli anni solo una volta all'anno.

Anna Luisa


in

Zeppole di San Giuseppe napoletane moderne

- - Nessun commento

Le zeppole di San Giuseppe sono un classico della pasticceria napoletana, ma a volte è bello rivisitare i classici e creare così una versione moderna proprio delle zeppole di San Giuseppe.

Zeppole di San Giuseppe napoletane moderne

Le zeppole di San Giuseppe sono un classico a Napoli per la festa del Santo, ma in realtà ormai si trovano tutto l'anno nelle pasticcerie, forse perché alla loro bontà è praticamente impossibile resistere.

La caratteristica di questi dolci, che siano nella versione mignon o nella versione più grande, è la morbidezza della pasta choux accompagnata dalla crema pasticcera e dalle amarene, un abbinamento sempre vincente.

Le zeppole di San Giuseppe sono di solito fritte, ma per chi non ama la frittura o ne preferisce una versione "light", possono essere cotte anche al forno.

Già l'anno scorso ho proposto le zeppole in una versione diversa, ho infatti preparato una torta di zeppole di San Giuseppe.

Quest'anno invece ho pensato di preparare le zeppole di San Giuseppe moderne, dando loro la forma dell'éclair francese, farcendone quindi anche l'interno con la crema pasticcera e decorandole poi con crema pasticcera e amarene, accompagnate da una lastra di cioccolato bianco che conferisce a queste zeppole una aspetto più "trendy".

A parte l'aspetto devo dire che il croccante del cioccolato sposa benissimo con questi dolci.

Zeppole di San Giuseppe napoletane moderne


Ricetta delle Zeppole di San Giuseppe napoletane moderne

Ingredienti:

Per le zeppole (ricetta di L. Montersino):

315 g di acqua
143 g di latte intero
240 g di burro
225 g di farina 260W
570 g di uova intere
4 g di sale
4 g di zucchero semolato

Per la crema pasticcera (ricetta di Salvatore De Riso):

700 g di latte intero
300 g di panna liquida
360 g di tuorli
300 g di zucchero
80 g di amido di mais
4 g di sale
1 limone d'Amalfi
1 bacca di vaniglia

Amarene sciroppate
Cioccolato bianco

Zeppole di San Giuseppe napoletane moderne

Procedimento

Preparare gli éclairs: mettere in una casseruola l’acqua, il latte, il burro a pezzetti, lo zucchero e il sale. Portare il tutto a bollore, quindi, spostare la casseruola dal fuoco e versare tutto d’un colpo la farina mescolando con una paletta.
Una volta incorporata rimettere sul fuoco e cuocere fino a formare un composto che si stacca delle pareti. A questo punto il composto è cotto, pregelatinizzato, colloso, elastico e gommoso.
Trasferire  il  pastello  in  planetaria  con  la  frusta,  farlo  intiepidire  (basta  passare da una temperatura di 100°C ad una di 90°C) ed incorporare poco alla volta le uova intere. Si tenga presente che la consistenza finale della pasta choux dovrà essere molto simile a quella di una crema pasticcera bella cremosa.
Prendere  una sac à poche  (con  bocchetta  rigata  n°13),  riempirlo  con  il composto e, su una teglia rivestita con un tappetino in silicone microforato andate a confezionare gli éclairs.
Preriscaldare il forno ventilato a 270°C, infornare, aspettare 10 secondi quindi spegnere il forno, dopo 13-15 minuti riaccendete il forno a 170°C e cuocere 15 minuti.

Preparare la crema pasticcera: fare bollire il latte con la panna e le scorze del limone.
A parte sbattere i tuorli con lo zucchero e la polpa di vaniglia, poi incorporare l'amido ed il sale.
Filtrare il latte caldo versandolo sui tuorli.
Rimettere tutto in una casseruola e mescolando a fuoco basso, portare alla temperatura di 82°C.
Versare velocemente la crema su una teglia di acciaio, lasciare raffreddare e conservare alla temperatura di 4°C.
 
Preparare le piastrine di cioccolato: Sciogliere a microonde i 2/3 del cioccolato, quindi aggiungere il terzo restante e mescolare fino a completo scioglimento.
Stendere il cioccolato su un foglio di acetato, quindi farlo solidificare parzialmente.
Con l'aiuto di un righello fare dei tagli in modo da ottenere dei rettangoli 11x2 cm.
Fare completare la cristallizzazione del cioccolato.

Con una sac à poche munita di bocchetta liscia fare dei fori nella parte inferiore degli éclairs e farcirli.
Con un'altra sac à poche munita di bocchetta a stella decorare la superficie di ciascun éclairs, poggiarvi sopra una piastrina di cioccolato e completare co ciuffetti di crema pasticcera e amarene.

Conservare in frigorifero fino al momento di servire.

 
Zeppole di San Giuseppe napoletane moderne

Che piacciano fritte al forno, classiche o moderne, le zeppole di San Giuseppe non possono mancare per la festa del papà.
 
Anna Luisa