in

Fall foliage in New England on the road: sesto giorno

- - 6 commenti

13 Ottobre

Visto che ieri abbiamo fatto colazione da Flapjak's, stamattina vogliamo cambiare un po' e così, anche per fare una colazione più veloce visto che abbiamo da fare un bel giretto, andiamo in un vicino Dunkin Donuts. Paghiamo 12$ per un cornetto salato, un english muffin salato, un succo di arancia ed un paio di donuts a tema Halloween che poi mangeremo per strada. Inutile dirlo, decisamente meglio ieri. Sono cose economiche, ma anche la qualità ovviamente ne risente. Ma una volta andava fatta.











Dopo poco che ci siamo messi in marcia da Lincoln verso sud, incontriamo un bel ponte coperto, il Blair bridge e ci fermiamo a scattare qualche foto.







Stamattina la temperatura era scesa molto, la brina sulla macchina era ghiacciata e che faccia più freddo lo vediamo anche dall'acqua che evapora sui laghetti che incontriamo per strada col primo sole che li riscalda.





Più avanti  troviamo un altro ponte coperto sullo Squam river.








Lungo la strada troviamo un altro bel lago coi colori autunnali e cifermiamo per qualche foto.


 Arriviamo così sulle sponde del lago Winnipesaukee e precisamente alla spiaggia di Weirs beach segnalata sulla guida come una delle più belle. C'è uno stradone principale con tantissimi posti auto da entrambe le parti, qui c'è anche la stazione ferroviaria ed inoltre ci sono diverse imbarcazioni che fanno escursioni nei dintorni. Lo troviamo come il tipico posto che d'estate deve brulicare di persone e movimento e noi ce lo godiamo nella tranquillità di una mattina d'autunno. Da come leggiamo su alcuni cartelli, la stagione estiva va dal 21 Giugno al 7 settembre. Cominciamo a percorrere una zona con le spiagge in cui anche i bagni pubblici sono stagionali e spesso chiusi.















La successiva sosta infatti è all'Ellacoya state park, anch'esso chiuso. Si tratta di spiagge in cui durante la stagione estiva si paga per il parcheggio e per l'accesso alla spiaggia. Infatti qui si può trascorrere un'intera giornata. Una sorta di pineta fa da barriera verso il mare e sulla spiaggia ci sono anche tavolini e postazioni per barbecue. Noi entriamo solo a dare un'occhiata e per scattare qualche foto, lasciando la macchina sulla strada principale.








Ci spostiamo sull'altra sponda del lago, precisamente a Wolfeboro. E' un bel centro sviluppato, anche qui c'è la stazione dei treni e facciamo una passeggiata per i negozi.








Quindi visitiamo un'altra spiaggia, quella di Wentwort state park, anch'essa chiusa come le precedenti. Entriamo lo stesso per vedere com'è. Anche qui la situazione d'estate deve essere completamente diversa.






Siamo stati abbastanza veloci in questi visite e quindi, visto che la nostra prossima destinazione è Portsmouth, volendo visitare la città, vediamo da che ora possiamo fare il check in nella struttura a Kittery (che è nel Maine) dove dormiremo. Ci fermiamo lungo la strada presso un altro bel laghetto con le foglie degli alberi colorate. Un'alytra bella strada dove osservare il fall foliage.






Avendo la macchina e anche per i costi alti degli hotel a Portsmouth (poi scopriremo anche il perché, c'è una importante manifestazione di cinema in città), optiamo per il Kittery Inn & suites dall'altra sponda del fiume a pochi minuti di auto da Portsmouth. La camera sarebbe dovuta essere ponta dalle 14, ma aspettiamo una mezz'ora  prima di poterla prendere. E' spaziosa e pulita. La struttura è un Inn, una sorta di motel per intenderci con i posti auto numerati come le camere e struttura a due piani, immersa nel verde. Il tempo di lasciare le valigie e ci spostiamo a Portsmouth.


Qui ci sono dei grossi parcheggi pubblici in centro molto comodi e convenienti, oltre che economici, solo 1,50$ all'ora. Precisamente la lasciamo all'Hanover parking in Hanover st..
Usciamo e con la nostra cartina su Google maps con tutti i punti di interesse che ci siamo segnati, iniziamo a visitare la città.
Ci spostiamo prima verso l'attrazione più lontana, la John Paul Jones house che ospitò il primo grande comandante di marina durante il suo soggiorno in città ed iniziamo a conoscere questa cittadina. Dovrebbe essere aperta ed invece la troviamo chiusa.





Jhon Paul Jones house

Quindi ritorniamo più in centro per vedere lo Strawbery Banke Museum, un agglomerato di costruzioni d'epoca alcune delle quali risalenti al XVII secolo. All'inizio non capiamo se è solo una casa e da dove si entra, poi capiamo che in effetti è tutto un complesso, non sappiamo se riusciamo a visitarlo e così, in un primo momento decidiamo di saltarlo. Facciamo un salto al vicino Prescott park, sede di grandi manifestazioni è la parte molto ampia e en plein air, poi c'è un piccolo giardino pieno di fiori, curatissimo. Vediamo altre belle case storiche, qui ce ne sono davvero molte, come la Tobias Lear house e la Wentwort house.















Diamo uno sguardo alle cose che dobbiamo vedere e decidiamo di visitare lo Strawbery Banke Museum prima che chiuda. In effetti abbiamo solo un'ora. Il biglietto d'ingresso vale due giorni, ma noi staremo qui solo oggi. Ci viene fatto un biglietto a metà prezzo, ovvero 19,50$ in quanto il museo chiude alle 17. All'interno delle case ci sono pannelli esplicativi, personaggi in costumi d'epoca che danno informazioni. Noi non abbiamo il tempo di fermarci più di tanto (ci interessa anche poco), preferiamo vedere queste case dall'interno, è comunque molto interessante, soprattutto vedere come erano costruite.










Avevamo letto sulla guida che qui c'è una gelateria imperdibile, Annabelle's. Ci troviamo a passarci davanti dopo aver percorso Bow street. Da qui, entrando in una specie di grosso condominio, si accede ad una terrazza panoramica dalla quale si ha una bellissima vista su uno dei ponti della città.
Il gelato è discreto, ma notiamo più il prezzo, 7,80$ per due coppette con 2 gusti ciascuna. Un po' caruccio 😄








Altra bella casa da vedere in centro è la Moffatt-Ladd house. Non ci resta che fare un giro anche a Market square con la bella chiesa. Ora abbiamo terminato le cose da vedere ed approfittando dei negozi aperti fino a tardi, probabilmente a causa della presenza del festival del cinema di cui dicevo prima, ci godiamo la piacevole atmosfera di questa cittadina curata, tranquilla e piacevole da visitare.








Per cena abbiamo prenotato alle 20 da The Wellington room. Vogliamo infatti provare il famoso filetto alla Wellington. Ci rendiamo conto che manca ancora molto tempo e allora passiamo al ristorante per anticipare la nostra prenotazione alle 19. Prima di andare a cena facciamo un ultimo giro per la città, andando anche di nuovo a fotografare il ponte che è a pochi minuti dal ristorante. Di sera è illuminato ed è bellissimo. Come rendere attrattivo con poco un ponte che a dire la verità non è esattamente dei più belli.



Con nostra sorpresa purtroppo in menu il filetto alla Wellington non c'è e prendiamo dell'anatra e dell'haddock. E' comunque un ottimo ristorante.



Rientriamo a Kittery al nostro Inn.


Itinerario: 124 miglia TOT: 2h 40 min


Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO.
Con questo post il diario di viaggio del New England si prende una pausa e ritornerà a Settembre 2018 col resto: Cape Code, Matha's Vineyard e Boston. Lasciamo spazio a mete meno autunnali.
Per qualsiasi informazione relativa all'itinerario, nel frattempo potete scriverci alla nostra mail: info@assaggidiviaggio.it

Fabio


6 commenti

  1. Le foto del paesaggio sono bellissime! I posti così, per quel che riguarda gli USA, mi attirano anche più delle grandi metropoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa bella è che noi spesso associamo gli Stati Uniti alle grandi città, ma la stragrande maggioranza dei posti invece sono piccoi centri e soprattutto una Natura che sorprende sempre. E considerando quandto sono vasti, ti lascio immaginare quanta bellezza.

      Fabio

      Elimina
  2. Grazie mille per aver condiviso queste stupende foto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata a leggere :-)

      Fabio

      Elimina
  3. Ah quei laghetti meravigliosi con anche l acqua che evapora a rendere tutto ancora più fiabesco ...forti i muffin di Halloween come anche il gelato della gelateria imperdibile pagato a carissimi prezzo! Ma in viaggio certe cose non si possono perdere. Che nostalgia quelle stanza così spaziose che sembra esserci l eco. Posti come sempre bellissimi e anche Portsmouth mi pare proprio una bella città!

    RispondiElimina
  4. I paesaggi sempre fantastici, anche avvicinandosi all'oceano :-)
    Sì, in viaggio si spende sempre un po' di più, non è che ci si va tutti i giorni :-D anche per un semplice gelato :-)
    Non ho mai capito se poi qualcuno si divide dormendo ognuno in un lettone diverso, che tanto già sono enormi :-D
    A me Portsmouth è piaciuta un sacco! Una delle scoperte di questo viaggio :-)

    Fabio

    RispondiElimina