in

Fall foliage in New England on the road: quinto giorno

- - 2 commenti
12 Ottobre
Pensavamo fosse possibile fare colazione in hotel, invece quando scendiamo per cercare la sala scopriamo che nella sruttura non si prepara proprio la colazione. D'altra parte le camere/appartamento sono dotate di cucina. Quindi guardiamo un po' su internet cosa c'è nei dintorni. Ma prima dobbiamo sbrinare la macchina. Sì, proprio sbrinare la macchina! Perché la temperatura infatti è scesa vicino allo 0 e la brina sulla macchina si è congelata. Intanto abbiamo scelto, andiamo da Flapjak's che sembra sia una istituzione qui per i pancakes.

Per fortuna troviamo un tavolo libero ed ordiniamo pacakes (ovviamente) e french toast. Avevamo proprio voglia di una bella colazione americana.  Il caffé ci viene versato automaticamente. Il locale è quello tipico dei film americani. C'è anche un trenino sopra di noi che all'ora precisa fa tutto il giro del locale. Costo della colazione (abbiamo preso anche due succhi d'arancia) è di 36$.




Le prime cose che vorremmo vedere oggi sono il Lost river Gorge e Boulder Caves. Delle grotte sovrastate da macigni ed il canyon creato dal fiume. Arriviamo al parcheggio, ma ahinoi lo troviamo chiuso. E così anche altri turisti. Davvero un peccato! Così ci accontentiamo (si fa per dire) dei primi alberi colorati che troviamo per strada. Dopo lo spettacolo che ci ha regalato ieri la natura, sappiamo che anche questa zona è molto bella per ammirare il fall foliage.








Ci rimettiamo in macchina, torniamo indietro perché vogliamo imboccare da Linclon la 112, la Kancamagus Hwy, la strada che attraversa le White mountains e che dovrebbe regalarci altre emozioni con le foglie degli alberi colorate. La situazione dei giorni precedenti è stata buona, la giornata è bella, ci sono tutti i presupposti per un'altra interessante giornata di viaggio.
In realtà il programma di oggi non prevede tantissimo, dobbiamo percorrere questa strada e poi altri pochi punti sempre in zona da toccare per poi fare rientro di nuovo a Lincoln.






In effetti lungo la strada facciamo diverse soste fotografiche. Dalla strada principale si diramano una serie di sentieri escursionistici. Per questo spesso ci sono dei gruppetti di macchine parcheggiate a bordo strada. Spesso il parcheggio costa 5$. Ma vediamo che nessuno paga. Forse perché siamo fuori stagione. In realtà bisognerebbe mettere i soldi in una busta, inserire i propri dati e quelli della macchina. Percorriamo anche noi un breve tratto di uno dei sentieri che costeggia un laghetto. Poi ci fermiamo in una piazzola panoramica.




















Più avanti invece facciamo una sosta più lunga presso il Rocky Gorge. Dal parcheggio un breve sentiero conduce prima al fiume pieno di grosse rocce e cascatelle e poi, attraversato il fiume su un ponte, pochi minuti occorrono per raggiungere un bel laghetto dall'acqua color verde smeraldo.
Ci sarebbero anche diverse aree di sosta panoramica, ma devo dire che il panorama non è particolarmente bello. Semplicemente una veduta dei dintorni.










Considerate che per percorrere questa strada occorre almeno mezza giornata se non si fanno i trail più lunghi. Non è lunghissima, ma si fanno un sacco di soste.













Arriviamo quindi a North Conway. Anche questo è il tipico centro con lo stradone principale, tanti negozietti, locali, la chiesa. Da qui parte anche un treno panoramico. Noi però non abbiamo tempo e preferiamo vedere altre cose in macchina.




Pochi minuti ci separano dall'Echo lake. Questo è molto bello! Anche qui bisognerebbe pagare, ma è tutto chiuso e non ci sono controlli. L'accesso al lago è comunque consentito. C'è una bella spiaggia, ed i riflessi sull'acqua sono bellissimi! Che poi capisco che paghi chi vuole trascorrere la giornata qui, ma non chi ci sta solo il tempo di fare un giretto e scattare qualche foto.







Dovremmo vedere le cascate di Jackson falls. Non è che ci aspettiamo le cascate del Niagara, ma lì dove ci porta il navigatore c'è davvero poco. Però in compenso vediamo un altro bel ponte coperto.









Torniamo indietro per un pezzo di strada per prendere la 302, la Crawford Notch rd. Qui c'è  l'esempio del punto panoramico di cui proprio non se ne capisce il senso. E' vero che proprio in lontananza si vede la cima del Mt. Washington, ma scattare anche una foto del niente mi pare sprecato (gli americani la facevano :-) ).






Abbiamo preso questa strada per passare da Crawford Notch, qui c'è prima un laghetto con un pontile, poi proseguiamo per Bretton Woods. Qui ci sarebbe anche il treno a cremagliera che sale sul monte Washington, ma veramente ci vorrebbe dell'altro tempo che non abbiamo. Una sosta però la facciamo alla silver cascade. C'è un breve sentiero che porta su. Siamo in montagna e già la luce non arriva più.





Bretton Woods è diventata famosa perché Rossvelt scelse l'hotel Omni per fare una conferenza circa il nuovo assetto globale in seguito alla seconda guerra mondiale. Prima di allora era praticamente una località sconosciuta. Si tratta di un bellissimo hotel bianco coi tetti rossi. Si vede che è un hotel di alta categoria. C'è anche il campo da golf e dal campo, accanto ad un laghetto si può anche scattare una foto con l'hotel riflesso nell'acqua.







Vogliamo tornare a Sugar hill per rivedere la chiesetta di ieri sera col sole. Facciamo un po' una corsa, ma arriviamo in tempo e soprattutto la chiesetta è ben illuminata ancora. Pochi minuti ed il sole scenderà dietro le montagne.




Quindi ci spostiamo nella vicina Bethlehem. Qui ci sono diverse antiquari/rigattieri. Ci divertiamo a girarne qualcuno anche se molti sono già chiusi.



Alle 18:45 siamo di nuovo in hotel a Lincoln. Ci rilassiamo un attimo prima di prepararci per la cena che abbiamo prenotato a Sugar hill, allo Sugar hill inn. E' un posto bellissimo, il servizio è eccezionale, come la cena. Ci costa un po' di più, ma finalmente mangiamo decisamente bene.







Mezz'ora scarsa di macchina e siamo di nuovo in hotel.
Il percorso circolare di oggi che ci ha permesso di trascorrere due notti nello stesso posto.


TOTALE: 3h e 25 min
138 miglia

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO.

Fabio







2 commenti

  1. Che pace quei laghetti. Un ambiente davvero bello e rilassante. Il treno a cremagliera avrebbe incuriosito anche me ma è vero che quando sei in macchina hai tabelle di marcia serrate e per fare tutto ci vorrebbero il doppio dei giorni di viaggio. Coloro incantevoli come sempre. Sulla colazione soprassiedo: singolarmente queste cose mi piacciono tutte ma pensare di mangiarle per colaZione...proprio no (anche se sarei tentata)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quei paesaggi sono davvero piacevoli e rilassanti! Si guida, si fanno tanti km (o meglio miglia! :-D) ma non ci si stanca. Purtroppo a volte bisogna fare delle scelte. Per esempio per le balene abbiamo un po' sacrificato altro, per il treno ci volevano un sacco di ore che non avevamo. Ci siamo goduti altro :-) Però era giusto segnalarlo per chi ha più tempo o per chi si concentra solo su quella zona essendo una delle possibili cose da fare.
      Lì è proprio la colazione tipica! Poi noi a pranzo quasi non mangiamo, quindi facciamo il pieno. Poi adoro le colazioni un po' dolci ed un po' salate! :-D

      Fabio

      Elimina