in

La Pasqua è vicina....minisfoglie Pasqualine

- - 12 commenti



Ormai mancano solo due settimane a Pasqua, quindi bisogna cominciare a pensare al menu. Un classico pasquale, di origine genovese, ma ormai conosciuta in tutta la penisola, è la torta Pasqualina. La ricetta originale prevederebbe che l'involucro esterno sia costituito da una serie di sfoglie, per la precisione 33 che corrisponde agli anni di Gesù Cristo. Purtroppo non tutti abbiamo il tempo e la pazienza di preparare questa sfoglia; non me ne vogliano le genovesi, ma solitamente i rotoli di pasta sfoglia già pronti mi facilitano molto la vita...
Per quanto riguarda l'interno, è costituito da un impasto di ricotta e spinaci, in cui vengono sgusciate delle uova intere che nella cottura diventano sode.
La torta Pasqualina è  presentata normalmente nella versione grande, ma oggi voglio proporvi delle miniature che potrete servire intere ai singoli ospiti, oppure tagliarle in quattro fette e servirle come componenti di un antipasto misto.

Minisfoglie Pasqualine

Ingredienti (per 6 minisfoglie)

3 rotoli di pasta sfoglia fresca
300 g di ricotta di pecora
100 g di spinaci surgelati
8 uova
50 g di parmigiano grattugiato
pane grattugiato
sale




Lessare gli spinaci, strizzarli bene e tritarli. Preparare il ripieno unendo alla ricotta gli spinaci, il parmigiano, il sale ed un uovo. Mescolare bene e riporre in frigorifero. Usare una ciotola che abbia il diametro di circa 2 cm più grande rispetto ai nostri stampini da tartellette come misura per tagliare sei dischi di pasta sfoglia. Usare uno stampo da tertellette per tagliare altri sei dischi che saranno i coperchi. Rivestire gli stampini con  dei quadrati di carta da forno e porvi i dischi di pasta sfoglia di misura maggiore. Bucherellare i dischi con una forchetta, cospargere di pangrattato e mettervi il ripieno di ricotta e spinaci. Con il dorso di un cucchiaio formare una fossetta  abbastanza grande al centro del ripieno e sgusciarvi un uovo all'interno. Ricoprire con i dischi di sfoglia più piccoli, sigillare i bordi, bucherellare con una forchetta e spennellare con un uovo sbattuto. Cuocere a 200°C per 30-35 minuti. Servire interi tiepidi o freddi, oppure fare raffreddare completamente prima di tagliarle a fette.



Buon appetito!
Anna Luisa

12 commenti

  1. A me la Pasqualina piace! Sia il piatto che quella mia amica...
    P.S. La tua ha un gran bell'aspetto.
    ciao ciao

    RispondiElimina
  2. troppo spesso dimentico di fare la torta pasqualina che poi mi piace anche precchio. Grazie per avermela ricordata !

    n.b le tue esecuzoni hanno sempre dei risultati molto vicini alla perfezione (sono invidiosissima !!;) )

    RispondiElimina
  3. Queste mi risolverebbero alla grande il problema del pranzo ... ne sono avanzate??

    RispondiElimina
  4. Cara Annalù, ti faccio un commento da genovese DOc, così solo per informazione...
    La "Pasqualina" ligure è una torta di bietole, eventualmente bietole e carciofi, mai di spincaci.
    C'è anche la torta "Cappuccina" con la stessa procedura della pasqualina per pasta e sfoglie (almeno due sopra e due sotto)mentre per la farcia si fa un unico impasto (nella pasqualina invece strato di verdura e sopra la quagliata)
    Ciò detto, buone e belle le tue tortine!

    RispondiElimina
  5. che belle in questo formato mini!

    RispondiElimina
  6. ;-)
    il problema è che non è possibile arrabbiarsi con te, in nessun modo- neanche con la sfoglia nella pasqualina...:-)
    ale
    P.S. però, dopo questa, un invito a cena ad assaggiare quella vera non te lo toglie più nessuno!!!!!

    RispondiElimina
  7. cIAO MIEI CARI ,COME STATE? Queste mini porzioni di torta pasqualina sn bellissime ...come sempre mi scappa da dire complimenti!!!!Bravissimi

    RispondiElimina
  8. Ciao questo post capita a fagiolo! Quest'anno visto che sono oltreoceano ho la necessita' di portare la Pasqua qui e pensavo alla torta con le uova sode, io la pasta sfoglia la vorrei sostituire con un impasto diverso, mi suggerisci qualcosa?...pero' questo ripieno mi sa' che lo copio! Se vi va' passatemi a trovare su americanpieedintorni.blogspot.com
    a presto, Katia

    RispondiElimina
  9. Perdono, perdono, perdono...mi cospargo il capo di cenere e prometto di non chiamare mai più queste "torte rustiche" pasqualine...:-D
    @Sergio, la mia Pasqualina è carina, ma mi auguro che la tua amica sia meglio...:-DD
    @Ale, ti ringrazio, ma devo dire che Fabio ci mette del suo con le foto ;-)
    @Stefania, a questo punto devo provare assolutamente a fare le versioni originali...grazie 1000 per le dritte!!!
    @Alem, grazie!
    @Ale, ecco, mi dovevi dire solo questo, ora provo a fare il cappon magro, così hai il menù completo ;-)
    P.S. Ho già prenotato il biglietto aereo per Genova!!! :-DD
    @Rossairlandese, sei sempre troppo gentile!!!
    @Katia, purtroppo non saprei cosa consigliarti...eresia per eresia, potresti provare con la pasta fillo (ecco, adesso le genovesi mi ammazzano davvero! :-D)o frolla. Grazie per essere passata, sicuramente verremo a trovarti.
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  10. Che simpatiche! Ma guarda un pò...la storia dei 33 strati di sfoglia, che curioso ^_^
    baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  11. eh si, ora si inizia a pensare a cosa preparare...per stupire e non pasticciare!!
    proprio belle in versione mini!! e anche molto buone a veder la foto!!
    baci baci

    RispondiElimina
  12. @Maurina, scusa se non ti ho risposto prima...mi eri sfuggita...;-). Purtroppo sono finite...quasi in un boccone...;-)
    @Pagnottella, anche a me ha incuriosito tanto la storia dei 33 strati...certo che ogni regione ha le sue tradizioni...^_^
    @Manuela e Silvia,aspetta di avere delle idee per il pranzo di Pasqua anche da voi e sono certa non vi mancheranno...;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina