in

Festa di Sant'Agata a Catania 2018: il giro esterno, le cannelore

- - 11 commenti


Già da ieri sera (3 Febbraio) ci siamo immersi nel clima travolgente della Festa di Sant'Agata a Catania con lo spettacolo di luci e fuochi d'artificio in piazza Duomo.
Non vediamo l'ora di seguire i festeggiamenti nel programma di oggi (4 Febbraio).














La Santa infatti esce dal Duomo (lo fa solo ed esclusivamente in questi giorni di festa) e viene portata in processione lungo le vie della città nel cosiddetto "giro lungo". Il 5 Febbraio invece ci sarà il "giro interno", ovvero più corto, nelle strade del centro.












Il giro inizia al mattino presto, dopo la Messa dell'Aurora, con l'uscita della Santa dal Duomo e prosegue tutto il giorno, fino al mattino seguente, quando la Santa viene riportata in Cattedrale (quest'anno intorno alle 7 del mattino).
Altri momenti clou della giornata sono la salita dei Cappuccini, che un tempo si faceva correndo, ora ad andatura sostenuta, grazie all'ausilio di un motore che aiuta il fercolo, la vara come la chiamano i catanesi, ovvero il tempietto di argento all'interno del quale è custodito il busto della Santa contenente le sue reliquie.













Il fercolo di Sant'Agata viene preceduto dai cerei o cannelore, di cui appunto vi parlerò in questo post.
La tradizione è molto antica. Nascono come carri allegorici di Carnevale e all'inizio erano più di 30.
Oggi invece sono 12 e rappresentano le corporazioni delle arti e dei mestieri della città. Si tratta di strutture in legno variamente decorate nello stile del barocco siciliano che al loro interno presentano un cereo. Il peso si aggira intorno ai 400/900 kg e sono portati a spalla da un numero variabile di persone con la caratteristica andatura barcollante detta 'a 'nnacata. Da quest'anno i cerei diventeranno 13 con l'ingresso di quello dei Mastri artigiani.




















Oltre a precedere la vara di Sant'Agata nelle processioni del 4 e del 5 Febbraio, le Candelore già nei 10 giorni antecedenti la festa iniziano a girare per le botteghe dei soci della Corporazione accompagnate da una banda. Ovviamente l'ordine nella sfilata non è casuale, ma rigoroso.
Il 5 Febbraio le cannelore sono tutte riunite in piazza Duomo al mattino.










Nel prossimo post vedremo il passaggio della processione con la Santa e seguirò un po' per strada il giro lungo.
Trovate altre info per la visita di Catania QUI e gli altri post sulla festa di Sant'Agata a Catania nella pagina dei diari di viaggio.

Fabio

11 commenti

  1. Ammetto di non essere un'amante delle feste religiose, però è bello che si parli di Catania anche da questo punto di vista: la devozione a Sant'Agata fa parte della sua anima <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! La sentono tantissimo questa festa ed il rapporto con la loro patrona è molto forte. Vale la pena andare una volta per visitare la città ed un'altra per viversi questa festa bellissima.

      Fabio

      Elimina
  2. Non le trovo le parole giuste per descrivere questo post! Le foto sono così belle che mi commuove vederle. Forse, perché so cosa c’è dietro. La passione, un credo che supera tutto. Sono bellissimi i dettagli che avete raccolto. ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto piacere mi faccia questo tuo commento. Spero di essermi calato nello spirito della festa. A me è sembrato di entrarci dentro. E vedrai col prossimo post :-)
      Grazie di cuore!

      Fabio

      Elimina
  3. Bravissimo Fabio, le foto sono meravigliose! Ti aggiungo che ogni candelora ha una sua precisa annacat,a che le contraddistingue, per esempio quella dei Panifici e fornai si chiama “ la mamma” perché ha le movenze di una mamma quando culla i suoi bambini, quella dei fruttivendoli èla “ aggraziata” e infatti la chiamano “a signorina”, quella dei pescivendoli o macellai, ora mi confondo, per il ritmo è chiamata “ a’ bersagliera” , insomma qualsiasi aneddoto, o personaggio che fa parte di questa Festa, la rende davvero unica! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flavia, grazie per le aggiunte, preziosissime! Una festa che va conosciuta in profondità e vissuta dall'interno, con qualcuno del posto che la conosce bene.

      Fabio

      Elimina
  4. Che foto splendide, ancora più del solito, specialmente i ritratti delle persone:rendono tutta la fatica ma anche la passione per questo evento.
    Molto emozionante. Sono stata a Catania ma non in questa occasione che invece, a quanto vedo, merita assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sai, difficilmente fotografo le persone. Qui era inevitabile. Mi sono lasciato trasportare ed è stato bellissimo. Una festa da vedere, assolutamente.

      Fabio

      Elimina
  5. Che meraviglia!! Una festa che vorrei davvero vedere!!
    Che fatica e passione dietro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci deve essere un'organizzazione enorme. E' lunga, partecipata e coinvolgente! Ma anche assolutamente da vedere almeno una volta :-)

      Fabio

      Elimina