giovedì 25 giugno 2015

Un giretto per Catania


A completamento del blog tour nel Calatino e nella zona dell'Etna, ci siamo concessi un giorno ulteriore in compagnia dei nostri amici Flavia e Paolo a Catania città.
Entriamo subito nel salotto della città piazza Duomo, dove campeggia l'elefante, il liotru, simbolo cittadino. La piazza è già movimentata, la Cattedrale di Sant'Agata è aperta e ne approfittiamo per una visita.
Qui è custodita la statua della Santa che viene portata in processione durante i festeggiamenti che si svolgono dal 3 al 5 Febbraio (oltre che il 17 Agosto). Si tratta di una ricorrenza religiosa molto sentita in città ed è molto suggestiva e coinvolgente.






Ci spostiamo presso un altro luogo simbolo della città, la pescheria, ovvero il mercato del pesce, animatissimo fin dalle prime ore del giorno per comprare il presce freschissimo. C'è molto fermento ed il pesce è meraviglioso, più di tutti colpisce il rosso intenso dei tonni. Ne approfitto per un giro tra le varie bancarelle.



















Ma anche il resto del mercato che da qui si dirama per le varie strade del centro ha una bellissima atmosfera. E' bello vedere il rapporto tra le persone ed i propri rivenditori di fiducia. Credo che sia uno dei più bei mercati mai visti. Ovviamente ne approfittiamo per comprare qualcosa da portare a casa con noi.




Tornando verso la macchina ci fermiamo alla chiesa di San Francesco in piazza Dusmet dove sono custodite le candelore che vengono portate in processione durante i festeggiamenti di Sant'Agata.
Poco più avanti, sul corso Vittorio Emanuele, è possibile visitare invece il teatro romano, attualmente circondato dai palazzi, davvero bellissimo.





Visti i bagordi dei giorni precedenti, per pranzo ci concediamo una granita con brioche alla pasticceria Russo a Santa Venerina. L'ambiente è molto carino ed i dolci super.





La sera poi, dopo una passeggiata in centro, andiamo a cenare nel ristorante della bravissima chef Bianca Celano, il Qqucinaqui. Il posto è davvero molto carino, con delle grandi tavolate, ma dove ogni dettaglio d'arredo è sapientemente curato. La cucina a vista è uno spettacolo per chi poi assapora i piatti preparati da una squadra che lavora in armonia. I piatti sorprendono, per i sapori e per le presentazioni, sempre curatissime. Tra l'altro il menu cambia ogni 2 settimane, garantendo sempre prodotti freschi di stagione. E si può quindi intuire lo studio e la dedizione che c'è sempre dietro un piatto. Insomma, giudizio più che positivo e tanta voglia d tornarci. Attualmente è aperta anche la parte esterna.









Il giorno seguente ce la prendiamo con calma, arriviamo a Zafferana Etnea dove proveremo la Siciliana, la tipica pizza che fanno qui. Ne approfittiamo per comprare dei souvenir, gastronomici e non.



Arriviamo così alla fine del nostro tour. Ci aspetta nel pomeriggio il volo di rientro. Dopo un bell'acquazzone decolliamo a bordo del nostro piccolo ATR con le eliche, ma il viaggio è piacevole e rientriamo a casa con tanta voglia di ritornare presto in questi luoghi ed in genere in Sicilia, che più conosciamo, più amiamo.

Fabio

6 commenti:

  1. Splendida città Catania, il mercato purtroppo non ho avuto il piacere di visitarlo!!
    Grazie per questo tour siciliano, davvero splendido!!
    Buona giornata!!

    RispondiElimina
  2. Veramente uno dei mercati più belli e autentici che abbia mai visto!
    Per non parlare di come si mangia a Catania...mi è venuta voglia di ritornarci!;)

    RispondiElimina
  3. io ci sono stata quanche anno fa proprio per sant'Agata e ho mangiato direttamente al mercato! Polpo lesso da una pentola in strada per la precisione, e poi qualche altra specialità in una botteguccia con poche sedie dietro un banco di pesce... Esperienze di vita che non si dimenticano...

    RispondiElimina
  4. quel cannolo mi ha fatto stramazzare al suolo, una tentazione infinita ! Splendide foto che mettono voglia di fare la valigia e partire!

    RispondiElimina
  5. Sono rimasta imbambolata a guardare le foto delle bancarelle del pesce, sono magnifiche. Curiosi i piatti marroni del Qqucinaqui, il colore del cibo risalta tantissimo!

    RispondiElimina
  6. Che belle foto, Fabio! Mi sono innamorata della pasticceria, strano eh? :D Un abbraccio :**

    RispondiElimina