martedì 15 novembre 2016

Norvegia on the road: nono giorno, Lofoten, itinerario e consigli


Ci sono posti che entrano un po' nel mito e nell'immaginario collettivo come posti in cui almeno una volta nella vita bisogna andarci. Le Lofoten per me lo erano, per le tante belle immagini viste e per il sogno di soggiornare nei rorbuer, le tipiche casette dei pescatori che rendono queste isole così affascinanti. Così, una volta che abbiamo deciso di andare in Norvegia per le vacanze estive, dopo aver speso i primi giorni in tour nei fiordi del sud (doveroso, trovate tutto nella pagina dei diari di viaggio), era inevitabile pensare di andare anche alle Lofoten che non avevamo toccato durante la crociera che avevamo fatto qualche anno prima, sempre in Norvegia. Abbandonato subito il proposito di arrivarci in macchina, che avrebbe richiesto troppi giorni, abbiamo optato per prendere un volo da Bergen, fine del nostro tour al Sud. Immaginando tutti aeroporti piccoli (e di conseguenza aerei piccoli per arrivare alle Lofoten), abbiamo pensato di volare su Tromso che ci sembrava quello più grande. Alla fine abbiamo preso comunque un aereo piccolo, con eliche, della Wideroe e quindi, col senno di poi, avremmo fatto un'altra scelta per visitare le Lofoten, sia per la distanza da Tromso che per il fatto che fino a Svolvaer non c'è quasi niente da vedere (ovviamente ce n'è, però poco e non certo paragonabile alle bellezze dei fiordi del Sud). Quindi io mi sento di raccomandare altre due alternative. O un volo per Svolvaer o un traghetto o da Bodo per Å i Lofoten o da Skutvik per Svolvaer.
Anche l'eroporto Harstad/Narvik in località Evenes può essere una buona soluzionese non si trova altro, ma comunque non è vicinissima a Svolvær.
Tutte le bellezze maggiori di questa zona infatti sono concentrate tra Svolvær ed Å i Lofoten.







L'itinerario che abbiamo seguito noi è il seguente:
Arrivo con l'aereo a Tromso, da qui, un primo avvicinamento a Narvik, quindi Svolvær, la cittadina più grande (davvero deliziosa!) e visita delle vicine Henningsvaer e Kabelvag, dove dormiremo in bellissimi rorbuer. Da qui proseguiamo per le spiagge bianche di Ramberg e Flakstad, quindi deviazione a Nusfjord (dove dormiremo anche nei rorbuer, praticamente in un museo). Ma mano che si fa verso A i Lofoten, le strade diventano più strette, aumentano i tralicci per essiccare il merluzzo e tutto diventa più caratteristico, quindi imperdibile la visita di Sorvagen, Reine (piccola e graziosa con tanti rorbuer) ed Å i Lofoten, l'ultima località, alla punta delle Lofoten dove c'è sostanzialmente solo un museo. Da Nusfjord abbiamo fatto un lungo trasferimento con sosta a Rundhaug per poi proseguire verso Tromso, facendo però una interessante deviazione per l'isola  di Senja coi suoi bei paesaggi lungo la costa per rendere più interessante il ritorno a Tromso (qui sono tutte isole, ma essendo tutte collegate da ponti o tunnel sottomarini è difficile rendersene conto). Se riuscite a concentrarvi nella zona tra Svolvaer ed Å i Lofoten, sicuramente riuscirete a fare altre deviazioni sulle altre isole nei dintorni.


L'altro consiglio che mi sento di dare è prenotare quanto prima possibile l'alloggio, soprattutto se volete dormire nei rorbuer, le tipiche casette dei pescatori di merluzzi delle Lofoten adibite ad appartamenti per turisti. Già di base sono carissimi! Aggiungeteci anche che alla fine sono dei mini appartamenti, con camere da letto, soggiorno e cucina. Inoltre sono tipici, sono costruiti in posti meravigliosi e si possono condividere con degli amici per ridurre le spese. C'è poco altro come scelta su dove dormire (salvo camping, ovviamente), se non a Svolvaer e quindi dovrete anche adattare l'itinerario a seconda di dove troverete da dormire. Noi abbiamo prenotato a Febbraio per Luglio e non abbiamo trovato quasi niente (forse molti posti già bloccati dai tour operator?), anche se alla fine (svenandoci) abbiamo trovato due ottime soluzioni di cui vi parlerò nei post che seguiranno.
Ma iniziamo subito anche col racconto!

















Da Bergen abbiamo un comodo volo diretto per Tromso. Raggiungiamo l'aeroporto con la macchina noleggiata. Il tempo non è granché e siamo un po' preoccupati per il volo con l'aereo ad eliche. Dopo circa un quarto d'ora tra le nuvole, finalmente rivediamo il sole ed il viaggio prosegue splendidamente. Anzi, possiamo anche goderci il panorama dall'alto, diventa quasi un volo turistico. Già siamo esaltati per quello che vedremo! Arriviamo a Tromso in perfetto orario, qui prendiamo la macchina che abbiamo noleggiato (ecco, questo è un altro problema, avevamo visto che negli aeroporti più piccoli c'era meno scelta di autonoleggi ed i prezzi erano mediamente più alti che a Tromso). Uscendo da Tromso ci sono diverse gallerie, con rotonde all'interno. Visto che si perde il segnale del navigatore, meglio studiarsi bene prima l'itinerario e le direzioni da prendere. Ci aspettano 3 h e 45 min di trasferimento per arrivare a Narvik. Lungo la E6 e la E10, infatti, non avevamo trovato proprio niente e quindi siamo costretti ad allungare di qualche km il nostro itinerario per raggiungere Narvik (questo almeno sui motori di ricerca. Forse, affinando la ricerca su google, non so , ma anche sul posto, ci si rende conto che di alternative ce ne son poche o nessuna).
















Dopo tutto il cattivo tempo tempo trovato a sud, per fortuna, una bella giornata di sole con cielo azzurro! Non manca qualche sosta lungo la strada.
Arriviamo a Narvik, dove alloggeremo al Quality hotel. La camera è un po' vecchiotta, ceniamo al ristorante dell'hotel ed ovviamente prendiamo lo stockfish, specialità locale e restiamo increduli! Mai mangiato uno stoccafisso così buono! Ed in effetti poi questo sarà il migliore del nostro giro alle Lofoten...e pensare che il ristorante è quasi un pub!
Vogliamo fare due passi per vedere un po' com'è questa cittadina a 3 ore e mezza di macchina da Svolvaer. In realtà, a parte per l'aeroporto che può essere comodo, c'è una strada principale abbastanza anonima e nient'altro.








La prima tappa verso le Lofoten è fatta e non ci resta che proseguire l'indomani verso Svolvaer e le altre località che intendiamo visitare.

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO

Fabio

P.S. le foto di questo post sono di tutto il tratto di strada da Tromso fino a Svolvær, quindi anche dopo Narvik.

10 commenti:

  1. Vedo che gli aerei a eliche terrorizzano un po' tutti XD bellissimo giro, lo stoccafisso mi ha ricordato il pesce buonissimo che ho assaggiato qualche giorno fa in un ristorante svedese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, alla fine sono stati due voli piacevolissimi, ma diciamo che in linea di massima, più sono grandi, più mi sento sicuro. Soprattutto se il tempo non è buono :-) Eh, sì, lì al Nord hanno del pesce ottimo, niente da dire!

      Fabio

      Elimina
  2. È no, massaggia!! Già finito?? Stavo facendo un bellissimo viaggio, trasportata da quel cielo di un azzurro incredibile è sul più bello finisce il post, accidenti! Che posti meravigliosi. Come ti ho già detto farò assolutamemte tesoro di tutte le informazioni per l organizzazione di un viaggio in quei luoghi. Lo stoccafisso non mi piace tanto, ma quel piatto ha un aspetto davvero invitante e credo che li sul posto lo apprezzerei moltissimo. Aspetto la prossima puntata, vi abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah scusa, hai ragione! Ma alla fine ho preferito fare un post riepilogativo per dare un po' di consigli e per parlare del primo piccolo trasferimento per poi immergerci nel racconto alle Lofoten proprio. E arriva prestissimo, promesso :-)

      Fabio

      Elimina
  3. Non avrei mai immaginato che le acque dei mari del nord avessero dei colori maldiviani! *_*
    Comunque avete beccato delle giornate meravigliose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in altri posti del Nord abbiamo trovato spiagge caraibiche, pensoall'Irlanda e alla Scozia. Alla fine dipende dalla sabbia e dal tipo di roccia che c'è.
      Giarda, purtroppo era una giornata di trasferimento. A sud non è che abbiamo trovato bel tempo e vedrai che anche nei giorni seguenti non sarà bellissimo. Ma al Nord è così, può andare bene o male in tutto l'anno. Per fortuna cambia sempre molto velocemente :-)

      Fabio

      Elimina
  4. Io non riesco ad immaginare la bellezza di tale posto. Le foto sembrano cartoline...chissà potresti pensare di svilupparle anche così 😅
    Io sarei la prima a volerle!!!
    Per il resto, mi piace questo post riepilogato in questa maniera. ☺️ A prestissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah grazie mille! :-)
      Eh, sì, ho cercato di dare un po' di consigli utili in base alla mia esperienza. Purtroppo non si trova tantissimo in rete.

      Fabio

      Elimina
  5. Che meraviglia . . . bellissimo questo tratto, è un sogno questo viaggio!!
    Amo lo stoccafisso, chissà quanto è delizioso lassù, invidia allo stato puro!!!! Aspetto le altre puntate, troppo bello davvero!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il meglio deve ancora venire. Il primo tratto è bello lungo ed un po' monotono, anche se non mancano scorci di notevole bellezza :-)
      Il seguito arriverà presto :-)

      Fabio

      Elimina