mercoledì 7 dicembre 2016

Norvegia on the road, undicesimo giorno, Lofoten (seconda parte)


(se vi diete persi la prima di parte di giornata, la trovate QUI)
Per strada, ci fermiamo alle bianche spiagge di Flakstad prima (consiglio di fermarsi alla seconda indicazione, dove c'è la chiesetta rossa) e di Ramberg dopo (forse più bella. Il parcheggio è in una piazzola tonda). Le due spiagge sono molto vicine tra di loro ed anche se il tempo non è il massimo, ne apprezziamo la bellezza.
Flakstad...










...e Ramberg.







Anche lungo la strada non mancano bei paesaggi.







Proseguiamo verso A i Lofoten, l'ultimo "paesino" delle Lofoten (Å infatti è l'ultima lettera del loro alfabeto). In effetti non c'è un vero e proprio paesino, ma è tutto un museo di rorbuer.
Lasciamo la macchina prima della galleria (slargo sulla sinistra appena si arriva ad Å), come consiglia la guida e la percorriamo a piedi per poi entrare in centro. Subito dopo la galleria in effetti c'è un altro parcheggio più grande e ci sarebbe anche posto, a dire il vero. Si entra solo a piedi, facciamo un giro per i rorbuer e poi stesso da lì risaliamo al parcheggio (in effetti ci si arriva, anche se non c'è una vera e propria stradina).














Altra sosta la facciamo a Moskenes/Sorvagen, altro posticino che merita una breve senz'altro un giretto.







 

 Come i dintorni, verso Reine.













Quindi ci spostiamo proprio a Reine, dove abbiamo anche prenotato la cena presso Gammelbua, il ristorante dei rorbuer a Reine. Il posto è molto caratteristico. Non risulta la nostra prenotazione che avevo fatto per email tramite la reception. Faccio vedere la mail e ci danno un tavolo. Aspettiamo ben 45 minuti prima di ricevere qualcosa e non è nemmeno indimenticabile. Ne approfittiamo per fare un altro giro tra i rorbuer che sono molto belli e per goderci il panorama della cittadina e dei monti circostanti dalla piazzola di sosta panoramica all'inizio della strada.














Quindi torniamo a Nusfjord dove i turisti che affollavano il museo di giorno sono andati via e ce lo godiamo nella tranquillità della sera, anche per fare qualche altra fotografia con lunga esposizione.







Fabio

5 commenti:

  1. Quelle casette rosse a palafitta con tanto di prato sul tetto sono davvero stupende! A mano a mano che vi seguo nel vostro viaggio mi innamoro sempre più di quei luoghi. Che sono assolutamente da vedere! Domanda: ma su quelle magnifiche spiagge bianche ogni tanto transita qualcuno, anche solo a pescare o sono sempre così deserte? Stupende!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un posto c'erano dei ragazzi con delle tavole per fare surf :-) ma di solito, vista la temperatura dell'acqua, sono deserte.

      Fabio

      Elimina
  2. Un viaggio ripercorso in questa maniera, consente a noi che vi leghiamo ma anche a voi di (ri)viverlo nuovamente. Forse, lo si apprezza di più e si ha la possibilità di gustarlo lentamente.
    A me piace un sacco questo vostro viaggio. Mi piace il luogo e gli scatti che mostrate ne sono la prova tangibile! Complimenti a voi e un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. E' davvero un paradiso! Sono posti incredibili, caratteristici e selvaggi come panorami, uno spettacolo, che bel viaggio ci state facendo godere!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  4. Ah eccole le giornate col brutto tempo di cui parlavate. Beh, non hanno nulla da invidiare ai cieli tersi delle foto precedenti! Anzi, vi dirò, se possibile sono anche più suggestive, mi piace il tono "drama" ce fa spiccare ancora di più le casette dei pescatori. Immagino vederle dal vivo che spettacolo!

    RispondiElimina