mercoledì 24 marzo 2010

Torta Sacher...con un sorriso...



Giovedì scorso è stato il compleanno di Fabio e domenica abbiamo festeggiato con un pranzo la sua veneranda età (forse è meglio che non lo dica troppo ad alta voce, considerando che io ho tre mesi più di lui...). Come ogni anno, la decisione più difficile è stata la scelta della torta. Ogni volta mi ricordo, o per meglio dire mi ricorda, che la sua torta preferita è la Sacher ed ogni volta cerco di evitare di prepararla. In realtà la mia storia con la Sacher torte è lunga e tribolata. Provai a farla tanti anni fa, con una ricetta di "Dolci&decorazioni" e venne buonissima, quasi insuperbile, tanto che, come mi fanno notare sia Fabio, sia mio fratello, altro estimatore di questa torta, dopo è stata solo una lenta discesa verso il baratro. Si, perchè, da non crederci, ogni volta che l'ho preparata mi è venuta peggio della precedente! Siamo arrivati al punto che pur di non farla (e considerate che mi diverto un mondo a preparare qualunque dolce), ho preferito ordinarla all' Hotel Sacher e farla arrivare direttamente da Vienna!
Quest'anno invece ho deciso: vuole la Sacher...e Sacher sia!
Ho ripreso la ricetta di "Dolci&decorazioni" e mi sono messa all'opera...risultato?...Alta, lievitata, ma compatta al punto giusto e la glassa...lucida, liscia...bellissima...una soddisfazione!
Fabio prende la sua torta e mi dice che va nell'altra stanza per fotografarla. Tempo cinque minuti e torna da me dicendo "Perdono!". Penso che stia scherzando, ma lui prosegue dicendo:" mi è caduto l'obiettivo sulla torta..."  NOOOOO "...ma avevo già fatto le foto però..." E come faccio a presentarla agli ospiti...troppo tardi per rifarla e così raccontando l'accaduto l'ho presentata con un segno sopra che ricordava un sorriso e così l'ho chiamata...la Sacher con il sorriso!

Torta Sacher (da Dolci&decorazioni)

Ingredienti per 6 persone:
150 g di burro
130 g di zucchero
6 uova
160 g di cioccolato fondente
150 g di farina
100 g di confettura di albicocche

Per la copertura
60 g di zucchero a velo
1 noce di burro
2-3 cucchiai di latte
150 g di cioccolato fondente



1 tortiera da 24 centimetri di diametro
Fare ammorbidire il burro a temperatura ambiente, quindi imburrare e infarinare la tortiera. In una terrina lavorare il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto bianco e spumoso. Separare gli albumi dai tuorli e aggiungere questi ultimi, uno alla volta, al composto di zucchero e burro.
Spezzettare il cioccolato, metterlo in un tegamino e farlo sciogliere a bagnomaria a fuoco dolcissimo; toglierlo dal fuoco, lasciarlo intiepidire e incorporarlo al composto precedentemente preparato. Montare a neve gli albumi, incorporarvi molto delicatamente la farina setacciata; unirli al composto di cioccolato mescolando delicatamente con una spatola di legno. Versare l'impasto nella tortiera imburrata ed infarinata, porla in forno preriscaldato a 180°C e fare cuocere la torta per 40 minuti circa; toglierla quindi dal forno, farla riposare qualche minuto, sformarla e farla raffreddare completamente. Tagliarla orizzontalmente in 2 strati.
Scaldare la confettura di albicocche in un tegamino, facendola ammorbidire, e farcire il primo strato di torta in modo uniforme; sovrapporre il secondo strato e spennellare di confettura anche la superficie di esso.
Preparare la copertura. Spezzettare il cioccolato, tenerne da parte un pezzettino e mettere il resto in un tegamino con il burro, il latte e lo zucchero a velo; fare sciogliere a fuoco dolce mescolando continuamente con dolcezza.
Versare sulla torta il cioccolato fuso, stendendo uniformemente con una spatola anche sui bordi e fare raffreddare completamente il dolce.
In un tegamino fare sciogliere a bagnomaria il cioccolato rimasto. Con un foglio di carta vegetale creare un piccolo imbuto, riempirlo con il cioccolato fuso e disegnare sulla superficie del dolce il nome della famosa pasticceria viennese che ha dato il nome alla torta ed altri decorazioni a piacere.

Note mie: dato che la mia tortiera misura 28 cm di diametro, ho aumentato tutte le dosi di 1/3, tranne le uova che erano 7.
Ho aggiunto una bustina di lievito per dolci.
Ho utilizzato la gelatina di albicocca riscaldata al microonde.
Ho capovolto la torta quando era quasi del tutto fredda, in modo da avere la parte dritta sopra.
Dato che lo strato di glassa ci piace abbastanza spesso, dopo averlo aumentato di 1/3, fuso e colata, l'ho fatta asciugare e ne ho versato un altro strato sulla torta. Per farlo stendere bene l'ho spatolata finché la spatola non ha iniziato a lasciare il segno, a questo punto ho sbattuto la torta sul tavolo per fare assestare la copertura.



P.S. Per la cronaca, a detta di Fabio era perfetta (cosa non avrebbe detto pur di farsi perdonare...) e mio fratello l'ha definita "decisamente in controtendenza rispetto alla mia discesa"...che tradotto significa che era veramente buona!!!
Anna Luisa

23 commenti:

  1. immagino la tua, la sua e quella della torta di faccia ^_^
    Però tutto è andato per il meglio che belle persone siete!
    Sai che anch'io oggi forse la realizzò?
    Mi sa che prendo nota della tua...
    anch'io per un compleanno...
    baci
    p.s auguri ritardatari a Fabio ^_^
    p.s se mettessi 5 uova verrebbe più bassa? La tortiera è di 24 quanto la tua,
    ovviamente ridurrò anche il resto degli ingredienti...che mi consigli?
    spero leggerai presto questo messaggio...tra poco mi metto all'opera ^_^
    Grazie!

    RispondiElimina
  2. Pagnottella, la mia tortiera è di 28 cm, per questo ho aumentato le dosi. Quelle riportate dalla ricetta originale invece sono per una tortiera da 24 cm. Non preoccuparti di usare 5 uova se aggiungi il lievito Pane Angeli, perché la torta crescerà benissimo lo stesso. Ricordati di capovolgerla quando è quasi del tutto fredda, in modo da avere la parte piatta della torta sopra ;-)
    Baci e grazie, sei sempre gentilissima!!!
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  3. ridoooooooooo!!!!
    se a giulio fosse mai caduto l'obiettivo sulla torta, si sarebbe messo in gramaglie per il resto dei suoi giorni- e avremmo servito una sacher con il ghigno.
    siete una meraviglia- come cuochi, come persone, come coppia
    un bacione grande
    ale

    RispondiElimina
  4. Ale, per fortuna la torta era per una festa in famiglia, quindi niente di formale. Altrimenti mi sa che non l'avremmo presa molto a ridere...soprattutto Anna Luisa...
    In fondo ci ha aiutato proprio quella mezzaluna che ha preso le sembianze di un sorriso.
    (A dirla tutta, mi sono preoccupato più per l'incolumità dell'obiettivo che per la torta che avrei mangiato comunque...)
    Fabio

    RispondiElimina
  5. bellissimo il commento di tuo fratello!!

    RispondiElimina
  6. Non ho paroleeeeeeeeeeee....ahahahahahhahahaha,mi hai fatto veramente ridere! Menomale che cmq hai potuto recuperarla ,pensa se cadeva in terra e nn potevate gustarla!!!AHAHAHAHAHA,AUGURI A fABIO NATURALMENTE E UN BACIO A TE ANNA LUISA

    RispondiElimina
  7. Intanto auguroni a fabio,immagino sia un giovincello e tu una dolce fanciulla.La sacher è meravigliosa e si trova la ricetta giusta solo dopo tante prove.Complimenti ha un aspetto da fare invidia all'hotel di Vienna!!

    RispondiElimina
  8. si scusa di 28 cm la tua, ora ho letto con più attenzione!
    Quindi dovrò diminuire tutte le dosi di 1/3 tranne le uova che resterebbero 7...è cosi?
    spero bene!
    Baci e grazie!
    Vadooooo, aspettavo la risposta!
    Saprete ;-)

    RispondiElimina
  9. Auguri posticipati a tuo marito;la sacher è la mia torta preferita,la tua è molto OK.pensa che io ho avuto la fortuna di mangiarla all'Hotel Sacher,quest'estate è stato un'emozione per me trovarmi li' ,non credevo ai miei occhi,strabiliante credimi.Brava,complimenti Lisa.

    RispondiElimina
  10. Cara perdonami, ma le quantità che leggo sono quelle già aumentate o da aumentare?
    Ovvero mi attengo a quelle che leggo per realizzare la mia nella tortiera da 24 cm o devo diminuirle di 1/3?
    scusa l'imbranataggine! ^_^

    RispondiElimina
  11. Sorryyyyyyy!!!!!!!
    ho sistemato tutto!!!
    l'avevi già scritto...(che figuuuuura! ^_^)
    Grazie!

    RispondiElimina
  12. Ragazzi, operazione compiuta!
    Stasera verdetto finale...speriamo bene!
    Grazie ancora ^_^

    RispondiElimina
  13. Una sacher degna della ricetta originale segretamente nascosta, auguri in ritardo e alla prox.

    RispondiElimina
  14. @Alem, mio fratello è, come dire...di poche parole...;-)
    @Rossairlandese, in realtà Fabio si sarebbe meritato proprio di non provarla...ma era il suo compleanno...:-D Ricambio il bacio!
    @Damiana, abbiamo 36 anni, quindi ti ringraziamo per il "giovanotto" e la "dolce fanciulla"!!! Grazie anche per il complimentone!!!
    @Lisa, spero anche io prima o poi di assaporare questa torta in quello splendido posto che deve essere l'Hotel Sacher...
    @Pagnottella, forse non mi ero spiegata bene, perdonami! spero che ora sia tutto a posto...;-)
    @Max, grazie infinite per il bel complimento!!!
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  15. Grazie a tutti per gli auguri.
    Lo so di avere combinato un pasticcio con la torta, ma d'altra parte chi fa le torte si chiama pasticcere non a caso...
    Fabio

    RispondiElimina
  16. Tantissimi auguri a Fabio e complimenti a te per la torta, davvero molto bella...oltre che sicuramente buonissima ;)
    Ciao ragazzi e buona serata :)

    RispondiElimina
  17. torta sacher! croce e delizia! è il mio dolce (ehm..uno dei miei dolci...)preferito e sto tentando da tempo di farla come dico io. non ci sono ancora riuscita...proverò con la vostra ricetta...
    auguri di buon compleanno in ritardo!

    RispondiElimina
  18. Roby, come ti capisco...veramente è una croce e delizia!!! Ma è troppo buona per non preparata...
    Grazie per gli auguri e baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  19. davevro buona, anch'io ho provato a farla. Vorrei, un giorno, poterla assaggiare originale di Vienna! :)

    RispondiElimina
  20. Federica, fermo restando che la Sacher è la Sacher...questa si difende bene ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  21. Ciao Anna Luisa, secondo te se uso il cacao amaro per la base, al posto del cioccolato fondente, viene bene lo stesso?? Tu hai mai provato così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, il risultato sarebbe decisamente diverso, la torta risulterebbe più secca...ti consiglio di usare il cioccolato ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina