in

Cosa vedere a Budapest

- - 16 commenti

Budapest è una città che volevamo visitare già da un po' di tempo. Abbiamo approfittato di un ponte del 2 Giugno per farlo. In questo post vi dirò tutte le cose più importanti da vedere a Budapest.


Cosa vedere a Budapest in 3 giorni pieni


E' una città relativamente grande, che si gira molto bene a piedi, con l'ausilio anche dei mezzi pubblici (metro, bus ed i caratteristici tram). Ma vi consiglio 3 giorni pieni (più i due di viaggio) per visitarla per bene e per concedersi almeno due tappe presso i bagni termali.

Le cose da vedere a Budapest sono tante, alcune sono imperdibili. Come in ogni organizzazione di viaggio ci teniamo a stare tranquilli, anche perché di solito prenotiamo con parecchio anticipo e non sempre è possibile annullare l'hotel, oltre al volo e quindi siamo soliti stipulare un'assicurazione di viaggio.



Diario di viaggio a Budapest giorno per giorno.



Primo giorno: Palazzo Karoly, Chiesa dell'Università, Museo nazionale ungherese, Biblioteca centrale, Ponte della libertà, Ponte Elisabetta, Ponte delle catene, Budapest eye, Quartiere ebraico e Grande Sinagoga.

Secondo giorno: Ponte della libertà, Mercato Nagicsarnok, Mercato Lehel, Stazione Nyugati, Teatro della commedia, Flak Miksa utca, Parlamento, Scarpe sul Danubio, Statua di Imre Nagi, Mercato Belvarosi piac, Monumento dedicato all'esercito sovietico, Palazzo dell'Opera, Robert Capa Contemporary Photography Center, Basilica di Santo Stefano, Palazzo Gresham, Statua di Ferenc Deak, Ponte Elisabetta, Collina Gellert, Bagni Gellert e Chiesa nella roccia.

Terzo giorno: Chiesa di Sant'Anna, Fo utca, Bagni Lucaks, Collina del Castello, Galleria nazionale ungherese, Fontana di Mattia e Biblioteca nazionale, Chiesa di San Matteo Corvino, Bastione dei pescatori, Tancsics mihaly hutca, Terme Gellert, Chiesa nella roccia, Grande Sinagoga e Ruin pubs.

Quarto giorno: Parlamento, Isola Margherita, Parco Municipale e Monumento del Millenario e Bagni Szechenyii.



Buda e Pest

Budapest è formata sostanzialmente da due parti, Buda e Pest appunto, separate dal Danubio, ma ben collegate da diversi ponti.
Il consiglio che do per visitarla è di andare per zone, semmai dal punto più lontano e poi tornare indietro pian piano. Scegliete che zona visitare ed iniziate ad esplorarla.



Budapest card

Un altro consiglio è quello di fare la Budapest card. Ce ne sono diversi tipi, da 24, 48, 72 e 96 e 120 ore e consentono di utilizzare tutti i mezzi pubblici, di avere delle entrate gratuite o sconti per entrare in alcuni musei ed attrazioni. La validità parte dal momento del primo uso che va indicato sulla card apponendo nome, cognome, data e orario.

Noi siamo stati 5 giorni, compresi quello di arrivo e di partenza ed abbiamo trovato molto comoda quella da 72 ore. Le card devono sempre essere esibite alle entrate della metro o sugli altri mezzi di trasporto, come pure i biglietti che vanno obliterati sempre ed esibiti, in stazione, all'autista o ai controllori a bordo. Un controllo c'è sempre, quindi non dimenticate di farlo.

Altre informazioni utili:




Come raggiungere il centro di Budapest dall'aeroporto

Ci sono diverse opzioni. Noi abbiamo scelto il bus 200E più la metro. Dal terminal dell'aeroporto si prende il bus che in circa 25 minuti, senza traffico, porta alla stazione Kobanya-Kispets M (fate attenzione che quella precedente è Kobanya-Kispstes P+R).

Le metro sono molto frequenti (dai 3 ai 5 minuti massimo di attesa) ed in circa 25 minuti si è in centro (fermata Deak Ferenc tér). Considerate che nelle ore di punta ci vuole più tempo a causa del traffico verso il centro città al mattino ed in uscita dalla stessa la sera.

Le alternative sono i taxi o gli shuttle bus collettivi che portano ai vari hotel ad un prezzo superiore.



Cambio e Euro

Molti negozi, ma anche qualche attrazione turistica, accettano anche gli Euro anche se spesso in questi casi il cambio è arrotondato un po' per eccesso. Ma comunque può essere comodo.
I bancomat distribuiscono Euro e fiorini ungheresi. Al tempo del nostro viaggio 1€=320 fiorini (ft o huf).
Verificate sempre il cambio al momento del vostro viaggio.



Mappa di Budapest

Inoltre abbiamo creato una mappa di google con tutti i posti principali da vedere e dove mangiare che potete consultare anche off line cliccando sul link qui sopra.



Cosa vedere a Budapest





Cosa vedere a Pest (sponda ad est del Danubio)






Il Parlamento

Il Parlamento di Budapest, imponente palazzo bianco lungo 268 metri dal tetto rosso situato proprio lungo la sponda est del Danubio, oltre ad essere bellissimo dall'esterno, è pure visitabile attraverso delle visite guidate.  o consiglio di prenotare la visita già on line anche se poi il biglietto andrà comunque stampato o ritirato alle casse del visitor center. Nel fine settimana infatti di solito è tutto esaurito.

La sua posizione serviva per bilanciare la presenza del palazzo Reale sull'altra sponda, quella di Buda.
presenta diversi stili, neogotico, neoromanico e neobarocco. Le statue di personaggi illustri guardano verso il fiume. L'ingresso, l'Entrata del Leone, si trova su V Kossuth Lajos ter.

La visita guidata dura 45 minuti, i gruppi sono divisi per lingua e questa quindi va scelta al momento di programmare l'orario della visita. Se non c'è la propria lingua disponibile, vale comunque la pena accodarsi a quelle disponibili in altre lingue perché il palazzo all'interno è bellissimo e si vede anche la vecchia sala dove si riuniva un'ala del Parlamento che è stata soppressa, la Sala dei Congressi.

Le sale in totale sono quasi 700 ma ne vedrete solo alcune che sono nell'ala nord. Una volta esntrati e saliti i 196 scalini, sarete alla Sala della Cupola con 16 lati e alta 66 metri dove è esposta la corona di Santo Stefano, un globo e uno scettro persiano.

La guardia cambia ogni ora dalle 8 alle 19.

Parlamento di Budapest



Basilica di Santo Stefano

Si tratta della chiesa più importante e più bella d'Ungheria, non solo di Budapest. All'interno è custodita la reliqua della mano destra mummificata del Santo da cui prende il nome. Qui non si prenota, non si paga un biglietto, ma si lascia solo un'offerta libera di 200 Ft o di 1€. Vale la pensa salire sul campanile per ammirare il panorama.

In stile neoclassico, è la chiesa più grande d'Ungheria. Una delle due torri campanarie contiene una campana dal peso di 9,25 tonnellate. La cupola è alta 96 metri (orario: 10-17:30 apr-giu, fino alle 18:30 lug-set, fino alle 16:30 ott-marzo). La cupola si può raggiungere con 2 ascensori e 40 gradini, se volete salire a piedi, invece i gradini saranno 302.

Dietro l'altare maggiore si trova la Cappella della Santa destra (orario: 9-16:30 lun-sab, apr-sett e 10-16 lun-sab, ott-mar. Dalle 13 la domenica. Qui è custodita la reliquia della mano destra mummificata di Santo Stefano. Inotre è da vedere il tesoro. Sono possibili visite guidate. Sitengono anche concerti d'organo alle 20, di solito il giovedì ed il venerdì.

Basilica di Santo Stefano-Budapest



Vaci utca

La strada commerciale principale pedonale lungo la quale è possibile anche vedere diversi negozi in stile art nouveau molto belli, come la Philanthia, negozio di fiori e di articoli da regalo, la Casa Thonet e la Galleria Polgar.
Nelle vicinanze, in Kristof ter, c'è il pozzo della piccola pescivendola, ancora funzionante.

Da Vaci utca si arriva su Vorosmarty ter, una grande piazza con tanti negozi, gallerie, caffé e artisti di strada. Alcentro della piazza la statua di Mihaly Vorosmarty, poeta del XIX secolo. Fate una sosta da Gerbeaud, il caffé più elegante di Budapest.

Da qui potete percorrere Duna korzò, la passeggiata lungo il Danubio che va dal Ponte delle catene al Ponte Elisabetta.

Vaci utca-Budapest



I mercati di Budapest

Secondo noi non si può visitare un posto senza fare un giro per i mercati. Per questi consiglio di consultare la guida per i giorni e gli orari di apertura, in quanto possono cambiare. Noi li abbiamo visitati di sabato mattina.

Uno dei più grandi e più belli, oltre che il più antico è quello di Nagycsarnoc, a sud, alimentare soprattutto, ma al suo interno ci sono anche negozi di abbigliamento e locali dove mangiare. Comodamente raggiungibile con la metro scendendo a Fovam ter. Orario: 6-17 lun-ven e fino alle 15 sab.

A nord invece troviamo il mercato Lehel. Molti meno turisti si spingono fin quassù e quindi il mercato ha più l'aspetto di un mercato di quartiere. Fermata della metro, Lehel ter.

Un altro piccolo mercato che abbiamo visitato è stato quello di fronte alla Cassa di Risparmio postale, l'old street market, anche se si trova all'interno del classico capannone da mercato. Non so se in alcuni giorni il mercato si svolga proprio per strada.

Ecseri Piac (orario: 8-16 lun-ven, 5-15 sab e 8-13 dom), un po' fuori dal centro, è il più grande mercato delle pulci dell'Europa centrale. Il giorno migliore per andarci è il sabato di buon'ora. Altrimenti andate al piccolo mercato del Parco Municipale se interessati al genere.

Mercato Nagycsarnoc-Budapest



La Grande Sinagoga ed il quartiere ebraico

Aperta dalle 10 del mattino fino alle 8 di sera, la Grande Sinagoga, con la facciata merlata in mattoni rossi e gialli e due torri in stile moresco, è un'altra attrazione da non perdere a Budapest. E' l'edificio ebraico più grande al mondo se si esclude New York. Presenta una cupola in rame in stile romanico e moresco. Il rosone ricorda le chiese cristiane e per questo viene chiamata la Cattedrale ebraica.

Situata ovviamente nel quartiere ebraico, nella zona dei localini, dei ruin pubs e della movida serale, è una bellissima costruzione che vale la pena visitare attraverso una visita guidata che parte in diverse lingue a determinati orari. All'interno ci sono dei cartelli con le diverse lingue, ci si accomoda nei relativi banchi e si aspetta che la visita inizi. Dura circa 45 minuti, c'è uno sconto se avete la Budapest card.

Annesso alla Grande Sinagoga, il Museo ebraico ungherese.

All'esterno trovate il Monumento alle Vittime della Shoah,un albero della vita con le foglie di metallo su cui sono incisi i nomi di alcune vittime dell'Olocausto.

La Grande Sinagoga di Budapest



I ruin pubs

Anche se di solito non ci buttiamo nella movida serale delle città, qui a Budapest è quasi d'obbligo. Anche perchè la mattina anche i bar, per dire, non aprono prima delle 8:30 e le principali attrazioni non prima delle 10. Quindi la sera si può fare un po' più tardi prendendosela con più calma al mattino presto.

Nella zona del quartiere ebraico ce ne sono diversi di ruin pubs. I principali sono Szimpla ed Instant.
Ma c'è anche una stradina tra Kiraly utca e Madach Imre utca piena di localini carini dove poter bere o mangiare qualcosa.

Ruin pub-Budapest





Scarpe sul Danubio


Lungo le sponde del Danubio, nei pressi del Parlamento trovate questo toccante monumento dedicato aglie ebrei ungheresi fucilati e gettati nel Danubio nel 1944. Consiste inn60 paia di scarpe vecchie e di stivali in ghisa posizionate a margine del fiume.

Scarpe sul Danubio-Budapest



Cosa vedere a Buda (sponda ad ovest del Danubio)





La collina del castello

E' una sorta di cittadella nella quale ci sono tantissime cose da vedere. Io consiglio assolutamente la Chiesa di Mattia Corvino, il Bastione dei pescatori con la splendida vista sulla città e il museo della farmacia dell'Aquila d'oro.

Da non perdere la Chiesa di Mattia Corvino (orario: 9-17 lun-sab e 13-17 dom), in stile neogotico. Bellissimo il campanile ed il tetto colorato in ceramica Zsolnay, come le vetrate istoriate e gli affreschi.

Il Bastione dei pescatori (orario: 9-23 metà marzo-metà ottobre) fu progettato nel 1905 come terrazza panoramica, in stile neogotico dall'aspetto medioevale. Inutile dire che la vista su Pest da qui è stupenda.

Il Museo della farmacia dell'aquila d'oro (orario: 10:30-20 mart-dom, metà marzo-ottobre e fino alle 18 nov-metà marzo) sorge dove era la prima farmacia di Budapest. All'interno è riprodotto il laborartorio di un alchimista ed altri oggetti.

Dall'altra parte della collina invece, il Palazzo reale, che ospita due musei, la Galleria nazionale ungherese (orario: 10-18 mar-dom) che è uno dei musei compresi nella Budapest card. La visita dura un'oretta ed è interessante. Su qauttro piani è esposta la storia dell'arte ungherese dall'Xi secolo ai giorni nostri.

All'esterno ci sono diverse bancarelle che vendono artigianato e cibo e ci sono diversi punti panoramici.

Vista dalla collina del Castello-Budapest



La Siklò

La Siklò è la funicolare che porta dal ponte delle catene in cima alla collina del Castello. E' tutta in legno, un po' calda sotto il sole estivo, ma troppo carina.

La Siklò-Funicolare di Budapest



Collina Gellert

Se avete tempo e soprattutto forze, salite in cima alla collina Gellert per vedere il panorama dall'alto.
La salita è faticosa, tra sentieri in salita e scale e le necessarie pause per riprendersi e per ammirare il panorama, richiede circa 45 minuti (più 25 minuti per la discesa). Lo sconsiglio ai meno preparati. Una volta in cima, dove cisono una sorta di fortezza, la Cittadella ed il Monumento alla libertà, ci si rilassa guardando il panorama.

Monumento alla libertà-Collina Gellert-Budapest



Le terme

Ci sono diversi stabilimenti termali a Budapest. Molti sono dalla parte di Buda, qualcuno anche a Pest.
Noi siamo stati ai Bagni Gellert (a Buda) (orario: 6-20), piccoli, curati, in stile art nouveau, con piscine miste, siamo stati molto bene e a quelli Szechenyi  (a Pest)(orario: 6-22) all'interno del Parco municipale, molto più grandi, con 15 piscine coperte e 3 scoperte, in un edificio molto affascinante ma con qualche problema di sovraffollamento e di manutenzione degli armadietti. Essendo le piscine esterne con acqua calda (tranne quella centrale, almeno d'estate), sono aperte tutto l'anno. Anchq euste terme sono miste e bisogna indossare il costume.

Ce ne sono anche tanti altri bagni in città. Quelli Lucaks sono compresi nella Budapest card. Alcuni sono misti, altri riservati solo agli uomini o alle donne a seconda dei giorni e delle fasce orarie. Alcuni hanno degli spazi comuni, altri no.

Bagni Gellert-Budapest



I Ponti

In una città divisa da un fiume così lungo e largo, il Danubio, i ponti hanno un ruolo fondamentale, sia per le macchine che per i pedoni. I principali sono 4. Da nord, il ponte Margherita che consente di scendere col bus o a piedi sull'isola Margherita.
Il ponte delle catene Szechenyi, con i piloni in pietra, il più fotografato.
Il ponte Elisabetta invece è moderno, quello che mi è piaciuto di meno.
Ed infine il Ponte della libertà, in ferro, verde, molto bello, in stile liberty e comodissimo per andare ai bagni Gellert.

Ponte delle catene Szechenyi-Budapest





Isola Margherita


A nord di Buda e Pest,l'isola Margherita è un'isola in mezzo al Danubio lunga 2,5 km. Oggi è un parco pubblico. Potete arrivare sul Ponte Margerita coi bus 26 e 226 che sono abbastanza frequenti. Da qui potete proseguire a piedi o noleggiare una bicicletta. Vi occorrerà circa mezz'ora per percorrerla tutta a piedi. Da vedere, le rovine della chiesa e del convento dei francescani, l'ex convento dei domenicani ed il giardino giapponese. C'è anche un teatro all'aperto, dove c'è la torre idrica ed uno stabilimento termale con piscine.Sicuramente non è tra le principali attrattive, ma se avete tempo e voglia di un po' di relax in un bel parco, questo posto fa per voi.

Giardino giapponese-Isola Margherita-Budapest



Dove mangiare a Budapest


Come sempre, prima di partire faccio un po' di selezione dei posti dove andare a mangiare per non perdere tempo e per andare più o meno sul sicuro.

Un locale molto carino che vi consiglio è Dobrumba, nel quartiere ebraico con cucina ebraica molto buona.
Abbiamo mangiato benissimo al ristorante Petrus, un po' fuori dal centro, ma locale mooolto carino e piatti molto belli e buoni.
Un altro posto che mi sento di consigliare è il Monk's bistrot, in una traversa di Vaci utca, quindi centralissimo, con cucina a vista e ottimi piatti!


Trovate tutto il diario di viaggio a Budapest nella pagina dei diari di viaggio. ed anche in quella dedicata all'Ungheria.

Fabio

16 commenti

  1. Ma grazie mille!!! Per un momento vi assicuro che mi è sembrato di essere già lì. Invece è una città che ancora non ho visitato, le vostre considerazioni le terrò sicuramente in conto :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Garazie a te! Seguici in tutto il diario di viaggio. Ti faremo scoprire nancora meglio una bellissima città!

      Fabio

      Elimina
  2. Che bella Budapest. Ci tornerei volentieri, anche per provare Bagni Gellert! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ci sarebbe da tornarci anche solo per andare ad altre terme :-)

      Fabio

      Elimina
  3. Credo sia il periodo più indicato per fare un viaggio del genere, dove piedi e mente non devono stancarsi mai. I ponti hanno una magia incredibile così come tutto il resto. Viaggio meraviglioso, chissà che prima o poi io non riesca ad andare...☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! La primavera è il momento migliore per visitare queste città! Danno il meglio.
      Te lo auguro.

      Fabio

      Elimina
  4. Ormai Budapest è diventata una meta gettonatissima e, a parte il discorso economico, dalle foto capisco perchè. Bellissimi il mercato e la sinagoga!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci volevo andare da un sacco di tempo. Prima che cambiasse del tutto.
      Una città piena di cose da vedere. Sì, mercato e Sinagoga sono due posti bellissimi!

      Fabio

      Elimina
  5. ho viso budapest 2 volte, la prima da adolescente, la seconda da 25enne e in entrambe le occasioni l'ho amata! ora che di anni ne ho quasi 34 ci tornerei ancora, ma mi sa che aspetterò che la mia piccolina cresca un po' così da permetterle di ricordarsela.
    Sono d'accordissimo con il tuo itinerario, solo io non sono stata alle terme...
    averlo saputo ti avrei indicato un ristorante in cui andare: da quando ci avevo messo piede la prima volta, a 15 anni, mi era rimasto nel cuore ed è stato il primo posto in cui ho portato Alessandro a cena 10 anni pià tardi! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, allora me lo devi segnalare, così la prossima volta che vado a Budapest lo provo!
      Tornarci con la bimba mi sembra un'ottima idea! Così avrai un'idea chiara dell'evoluzione di questa città avendola vista in tempi diversi.

      Fabio

      Elimina
  6. Ecco, come ti dicevo io Budapest l'ho vista in pieno inverno, sotto una coltre di neve prima e una pioggerellina fine durata tutto il tempo del nostro soggiorno, poi. Tante cose non ho potuto apprezzarle quindi, poi siamo stati così poco tempo che non abbiamo sperimentato il must delle terme. Ma vedo dalle tue foto che sono meravigliose e imperdibili. Ecco, è una città in cui vorrei assolutamente tornare per rivederla, possibilmente con il bel tempo (ragion per cui mi salvo la vostra preziosa guida)! la cosa che mi aveva colpito di più però era stata l'immensità del Danubio, quel fiume grandissimo che la taglia in due e che sembra mare per quanto è sconfinato. Sono d'accordo con voi: non si può visitare una città prescindendo dai suoi mercati. Ecco, poi mi ricordo che a Budapest avevamo trovato un ristorante molto carino e romantico in cui avevamo gustato un'ottima palacsinta. Non solo pioggia quindi!!
    Grazie, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono rimasto impressionato dalla largezza del fiume! Un sacco di tempo per attraversarlo. Però questo dà anche modo di ammirare ogni particolare delle due sponde.
      Se ti ricordi il nome del ristorante, segnalamelo anche!

      Fabio

      Elimina
  7. E' una fuga di tre giorni che prima o poi dovrò decidermi a concretizzare. Sarebbe un'altra città su un grande fiume da aggiungere alla mia collezione! Voi avete incluso esattamente le tappe che avrei fatto io (si, ho le cartelle nel pc con le eventuali tappe di viaggi futuri)! :D
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dei viaggi itineranti perfettamente organizzati ed ancora non fatti. Quindi ti capisco. :-D Sono sempre affascinanti le città coi fiumi!

      Fabio

      Elimina
  8. Inutile ribadire che è una delle capitali che voglio sbrigarmi a vedere. Post completissimo e ricco di informazioni che non sapevo, per esempio pensavo che ci fosse un solo e famosissimo centro termale a Budapest e non so perché. L'interno del Parlamento deve essere stupendo, non sapevo che si potesse visitare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa,ma leggo solo ora questo tuo commento! Pensavo fosse una visita noiosa quella al Parlamento, invece il palazzo è bellissimo, vale la pena! Di stabilimenti termali in città ce ne sono tantissimi! Infatti non è stato facile scegliere dove andare! Da visitare sicuramente!

      Fabio

      Elimina

Lasciateci un commento, lo apprezziamo molto.