in

Cosa vedere a Nerw York city in una prima visita

- - Nessun commento

 

 
New York incarna un po' il sogno americano e spesso chi va per la prima volta negli Stati Uniti visita proprio questa città della costa est. 


Cosa vedere a New York City in una prima visita


Noi a New York ci siamo stati 3 volte (la prima nel 1999 per un giorno solo, c'erano ancora le torri gemelle che abbiamo visto di sfuggita in macchina, la seconda nel 2008 per 10 giorni assieme ad una coppia di amici e la terza nel 2010 per altri 5 giorni, sotto Natale, per il compleanno di Anna Luisa), più un'altra in cui abbiamo fatto solo uno scalo per andare nel Maine ed in Colorado. 

Proprio la terza volta abbiamo visto anche New York coi mercatini di Natale, perché questa città la si può visitare in ogni stagione ed ogni volta regalerà emozioni diverse. Insomma, abbiamo avuto modo di visitarla abbastanza bene e quindi vogliamo raccogliere qui tutti i consigli e le informazioni utili per pianificare e per organizzare al meglio la visita di New York (da questo momento eviterò di usare il "city" dopo New York visto che nel linguaggio comune non si usa, anche se la distinzione serve a non confonderla con lo Stato di New York).


A New York vi sentirete come in un classico film americano. Tutte quelle cose che avete visto in tv, le potrete vivere in prima persona ed è tutto vero! Spesso la città è anche il set dove vengono registrati film e telefilm e sarà facile imbattersi in una troupe che sta registrando. Magari vi troverete a fare la comparsa in un film, chissà.
A New York, contrariamente a quello che si può pensare, troverete persone gentilissime. E' facile che appena apriate una cartina per strada per vedere dove andare, qualcuno vi si avvicini per chiedervi se avete bisogno di aiuto.
Le foto di questo post sono dei due viaggi più lunghi.

Consigli utili

Cominciamo quindi con una serie di consigli utili.

 

 

Quando andare a New York

Credo che New York sia uno di quei posti in cui vale la pena andare in ogni stagione e che anzi andrebbe visto in ogni stagione, perché la città cambia tantissimo, dalla calda estate, ai colori autunnali, fino alle fredde giornate invernali con tanta neve per poi rifiorire in primavera. Probabilmente sono da evitare solo i primi giorni di Agosto, solitamente più caldi ed i mesi particolarmente freddi, quando sia il caldo che il freddo magari possono diventare un limite nello girare e visitare la città (che è enorme) con piacere.

 

 

Quanti giorni per visitare New York


Per una prima visita a New York io consiglio di dedicare almeno 7-10 giorni pieni. Le cose da vedere sono davvero tante e se intendete visitare dei musei dovete considerare che le visite richiedono tempo, così come dovete mettere in programma eventuali code da fare per accedere alle varie attrazioni.

 Una cosa è certa, indipendentemente dai giorni che dedicherete a questa città, non vi annoierete mai e potrete sempre tornarci, sicuri di vedere altro o qualcosa di nuovo che la prima volta non c'era.
Ovviamente, se avete meno giorni a disposizione, decidete a cosa dare la priorità. Ma sono sicuro che prima o poi ci ritornerete a New York, o per una seconda visita o per uno stopover.

 

 

Da e per l'aeroporto


New York ha 3 aeroporti principali sui quali potrete volare.
Il più grande è il JFK, il John F. Kennedy International che si trova nel Queens, a circa 15 miglia dal centro.
Sempre nel Queens si trova un altro aeroporto di New York dove si arriva più difficilmente, il La Guardia, a 8 miglia dal centro.
Terzo aeroporto, ma non ultimo per quanto riguarda i collegamenti è il Newark International Airport che si trova nel New Jersey in realtà, ma a sole 16 miglia da New York.

Essendo New York una meta molto gettonata, soprattutto d'estate e nel periodo natalizio, vale sempre la pena prenotare i biglietti aerei con largo anticipo per trovare buoni prezzi. La concorrenza e la scelta tra le compagnie che volano su questi che sono tra gli aeroporti più trafficati al mondo, non mancano.
Tutti gli aeroporti sono ben collegati con il centro.

Una prima opzione è prendere un taxi il cui costo varia a seconda dell'aeroporto, della distanza da percorrere per la vostra destinazione e dal traffico. Si va dai 50$ per e da il JFK (45-60 min), ai 35-30$ per e dal La Guardia, ai 45-60$ per e da Newark (circa 30 min).

Un servizio molto comodo che abbiamo utilizzato diverse volte è il Super Shuttle Manhattan, un taxi collettivo che accompagnerà voi ed altre persone nei vari hotel o in aeroporto. Il vantaggio è il costo, ma mettete in conto che bisognerà allungare un po' il giro per accompagnare o prelevare tutti.
A noi una volta, col traffico di Natale, facendo anche una sosta al La Guardia, abbiamo impiegato parecchio tempo per raggiungere il JFK.
Si può prenotare on line (specificando anche l'albergo e l'ora di pick up per andare in aeroporto) oppure al banco "Ground transportation" in aeroporto. Conviene comunque stare sempre molto larghi con gli orari per andare in aeroporto.

Per/dal JFK c'è anche il New York Airport Service Express Bus; altrimenti con la metropolitana potrete raggiungere la stazione Jamaica e predere l'AirTrain che pure è un'ottima soluzione. Ma dipende anche da quanti bagagli avete con voi e da dove alloggerete.
Anche dae per il La Guardia c'è il New York Airport Express Bus. Più complicato è invece arrivarci con la combinazione bus+metro.
Da e per Newark invece c'è anche l'alternativa del di un AirTrain gestito da NJ Transit che collega la stazione di Penn station a New York con Newark.
Oppure, sempre da e per Penn station c'è anche il PATH train.

Taxi a New York

 

 

Cambio


A New York c'è il dollaro americano come valuta, come in tutti gli Stati Uniditi d'America. Al momento della pubblicazione di questo post il cambio è il seguente:
1 Euro=1,20 $
1 $=0,83 Euro
Verificate sempre il cambio effettivo al momento del vostro viaggio, come pure orari di apertura e chiusura ed i prezzi indicati in questo post che possono cambiare nel tempo.

A New York potrete pagare praticamente tutto con la carta di credito.
Non dimenticate di dare la mancia che qui si è consuetudine (la mancia è pari al 10-15% del conto se il servizio è stato buono). Potete anche aggiungerla direttamente sulla ricevuta della carta di credito (gran cosa!).

 

 

Corrente elettrica


Visto che a New York, come nel resto degli Stati Uniti la corrente è a 110V e 60 Hz e le spine sono a doppio o triplo spinotto piatto, avrete bisogno di un adattatore. Non dimenticatelo! Altrimenti lo troverete in giro o negli aeroporti con facilità o ve lo fornirà l'hotel dove alloggerete.

 

 

Esta


L'Italia rientra nei 38 Paesi che fanno parte del Visa Waiver Program per viaggiare negli Stati Uniti. l'Esta è un documento indispensabile per entrare negli Stati Uniti. Va compilato on line (fatelo sul sito ufficiale dell'ESTA) con tutti i vostri dati e le risposte alle domande presenti e dopo poco potrete andare a controllare lo stato della vostra pratica.
L'ESTA ha una validità di due anni. Quindi può essere comodo se avete intenzione di tornare negli States. Quindi considerate anche quando farlo, né troppo presto, né troppo sotto data se possono insorgere dei problemi o se la vostra domanda dovesse essere respinta. In quel caso, rivolgetevi all'Ambasciata. Esiste un modulo individuale ed uno per i gruppi.
Ovviamente è necessario un passaporto valido per entrare negli Stati Uniti.
L'Esta ha un costo di 14$ non rimborsabili anche in caso di esito negativo.
L'ESTA non va confuso col VISA (il visto).

 

 

Assicurazione sanitaria


Visto che negli Stati Uniti non avrete copertura sanitaria, è fortemente consigliato sottoscrivere una assicurazione sanitaria che vi anticipi magari le eventuali spese sanitarie che doveste sostenere durante il vostro viaggio, che altrimenti dovrete sborsare interamente di tasca vostra.
Considerate che a volte anche qualcosa che può sembrare banale, di cui si può aver bisogno in viaggio, negli Stati Uniti vi può costare molto (ben più della polizza!). Valutate quale sia la migliore per voi tra le varie presenti sul mercato. Magari preferitene una con spese illimitate e con un'ampia copertura. Leggete bene tutte le condizioni ed in particolare le esclusioni, ovvero ciò che non è coperto dalla polizza assicurativa. Magari, visti anche i costi di un viaggio del genere, si può valutare anche di farne una completa che copra l'annullamento del viaggio, la perdita del bagaglio e tutte le spese accessorie che le moderne polizze coprono, come per esempio il cellulare anche.

 

 

New York city pass


La New York city pass è una comoda soluzione per risparmiare qualcosa sulla visita di alcuni tra i principali monumenti ed attrazioni che probabilmente visiterete in un primo viaggio a New York. Infatti include l'Empire State Building, il Museo americano di storia naturale, il The Metropolitan Museum of art (MET), il Top of the rock Observation deck o il Museo Guggenheim, la Statua della Libertà ad Ellis Island o una Crociera della Circle Line, il Memoriale e Museo dell'11 Settembre o l'Intrepid Sea, Air and Space museum.
Si può comprare sul posto, nelle principali attrazioni turistiche, ma anche on line, stampabile a casa e vale 30 giorni.Tutte queste attrazioni costerebbero assieme 210 Euro circa, mentre col City pass vi verranno circa 120 Euro. Un bel risparmio! Valutatelo.

 

 

Dove dormire a New York


E' difficile consigliare dove dormire in una città grande come New York che alla fine non ha un vero e proprio centro. In linea di massima, se riuscite, restate a Manhattan da dove vi muoverete più facilmente verso le varie attrazioni. Magari scegliete un posto con una fermata della metropolitana vicina anche se a New York comunque camminerete molto a piedi. Se riuscite, il massimo è essere a Time square o nei dintorni, per vivere l'energia di questo posto ad ogni ora del giorno, oppure verso la 5° strada.
Noi una volta abbiamo alloggiato all'Hotel Park central (tra la 56° e la 7°), vicino Central Park e ci siamo trovati molto bene. Una seconda volta, quando siamo tornati a New York nel periodo natalizio, invece abbiamo alloggiato in un albergo stupendo (sfruttando anche l'Euro molto forte all'epoca), il New York Palace, sulla 6° strada, all'altezza della St. Patrick's Cathedral.
Altrimenti si può alloggiare a Brooklin per risparmiare qualcosa (a volte anche tanto. Gli hotel sono carissimi a New York!) o si possono sfruttare le nuove tipologie di alloggio come Airbnb.

 

 

Come muoversi a New York (Metrocard)


La città di New York è molto grande, quindi necessariamente avete l'esigenza di servirvi dei mezzi pubblici per spostarvi e visitare le singole zone. Tutta Manhattan è un grande reticolo di strade a senso unico, parallele e perpendicolari tra loro, le Avenue, più grandi, scorrono in direzione sud-nord e sono tagliate ad ogni isolato dalle street, che sono più piccole.
Per questo motivo a New York è praticamente impossibile perdersi! Ad ogni incrocio saprete sempre precisamente dove vi trovate e se avete sbagliato direzione. Essendo così lunghe le strade, ad ogni isolato sono indicati anche i numeri civici. 

Muoversi a New York con una macchina a noleggio è fortemente sconsigliato, a meno che non ne abbiate l'esigenza o se arriverete qui da un on the road o se dovete andare fuori New York. I costi dei parcheggi sono altissimi ed il traffico caotico.

Le linee della metropolitana di New York sono diverse. Su ognuna di essere corrono diversi treni (per esempio, sulla rossa camminano i treni 1, 2 , 3 e 9 che fanno percorsi simili ma diversi! Tenetene conto). Inoltre ogni linea è caratterizzata da un colore diverso. La cosa a cui fare attenzione maggiormente è se il treno ferma in tutte le stazioni, indicate da un cerchio nero) o se riporta la lettera E e allora è un treno espresso e fermerà solo alle fermate indicate da un cerchio bianco. Fateci molta attenzione, altrimenti poi rischiate di dover prendere un altro treno o di trovarvi più lontano del previsto con perdite di tempo.

Considerate anche che non tutte le stazioni sono buone per prendere i treni in entrambe le direzioni. Quindi badate bene anche a questo; prima di scendere in stazione infatti, sull'insegna già c'è scritto.

Un comodo sistema per muoversi a New York è fare la Metrocard. Si tratta di una tessera gialla e blu che si può acquistare anche alle macchinette automatiche all'interno della stazione.
Ce ne sono di due tipi. Uno "Pay per ride"che dà diritto di prendere la metropolitana e un bus o due bus nel giro di due ore. Oppure, ed è quella che vi consiglio soprattutto se starete a New York più giorni, la "Unlimited ride" che consente corse illimitate al costo di 7$ al giorno o di 24$ a settimana. Un bel risparmio ed una bella comodità senza dover fare continuamente i biglietti.
Trovate tutte le informazioni sul sito della MTA, nella pagina dedicata alla Metrocard.


In alternativa, potete sempre un taxi. La città ne è piena. Vedrete il tipico colore giallo dei taxi ovunque e potrete prenderli al volo, alzando un braccio a bordo marciapiede proprio come nei film.

Interno della metropolitana di New York



 

 

Cosa vedere a New York

Non è facile elencare tutto ciò che c'è da vedere in una città grande come New York, tra l'altro sempre in rapida evoluzione, ma ci proviamo.

 

 

Statua della libertà


Se dobbiamo pensare ad un simbolo di questa città, probabilmente la prima cosa che viene in mente è la Statua della Libertà. Per visitare la Statua della Libertà potete utilizzare i traghetti della Circle Line. Nonostante siano da 800 persone, d'estate soprattutto, potreste anche dover aspettare un'ora per imbarcarvi e per vedere il museo e la Statua della Libertà dall'interno.
E' consigliabile quindi prenotarsi in maniera tale da avere un "time pass" ovvero un orario specifico in cui ci si è prenotati per la visita.
Da qui si ha anche un'ottima vista su Lower Manhattan.
Per comprare i biglietti, c'è il sito ufficiale Statue cruises.

Statua della libertà-New York

 

 

Ellis Island


Il traghetto della Circle Line che porta alla Statua della libertà ferma anche ad Ellis island, l'isola dove sono passati 12 milioni di immigrati. Qui venivano sottoposti ad una visita medica, ricevevano un nome nuovo se il proprio era troppo difficile e così avevano il lasciapassare per entrare negli States e provare a crearsi una vita migliore. Per approfondire questi aspetti si può visitare l'Immigration museum.

 

 

Staten Island ferry


Sembra incredibile, ma dal 1905 sono in funzione i traghetti gratuiti di colore arancione che solcano le acque del fiume Hudson per collegare Manhattan con l'isola di Staten Island. Qui avete due possibilità, o scendete a visitare l'isola ed i suoi parchi, magari con una bicicletta, oppure vi farete semplicemente una mini crociera panoramica con bella vista sulla Statua della libertà e su Lower Manhattan.

Staten Island ferry-New York

 

 

Battery city park


Il Battery city park è il parco che si trova proprio alla punta meridionale di Manhattan. E' bello il contrasto tra questo piccolo angolo di natura ed i grattacieli alle spalle, dove poco distanti sorgevano anche le Twin towers abbattute negli attentati dell'11 Settembre 2001. E' comunque un posto piacevole dove fare una passeggiata o per ammirare il tramonto. Da qui si vede anche bene la Statua della Libertà.

Battery city park-New York


 

 

Wall street e Federal hall


Quando si pensa a Wall street e alla Federal hall, si pensa al cuore della finanza di New York, alla Borsa e ai titoli che salgono e scendono. Anche questa è New York e vale la pena vedere anche solo gli edifici dall'esterno. La Federal hall ha al suo interno un museo dedicato alla New York post coloniale e qui potete vedere anche una enorme statua di George Washington.

Wall street-New York

 

 

Trinity church


Nelle vicinanze di Wall street vale la pena fare una sosta alla Trinity church (Broadway all'altezza di Wall street. Orario: 8-18 lun-ven, 8-16 sab e 7-16 dom). Da notare la vetrata istoriata dietro l'altare ed il piccolo cimitero alle spalle della chiesa.

Trinity church-New York

 

 

City hall


La City hall è la sede dell'amministrazione municipale di New York dal 1812. E' visitabile prendendo parte ad una visita guidata tenuta dalla Art Commission of the city of New York nei giorni feriali.

 

 

Chinatown

Anche New York, come tante grandi città del mondo ha la sua Chinatown. Si trova nella zona di Canal street ed ovviamente è chiassosa e colorata come tutte le Chinatown. Qui potrete fare un pranzo in un tipico ristorante per assaggiare le specialità locali, perdervi nel Pearl River Mart. Si può tranquillamente girare in autonomia, ma se avete bisogno di informazioni o consigli, c'è anche un punto informazioni al chiosco Explore Chinatown, all'angolo tra Baxter st e Walker st.
Qui potete visitare anche un paio di templi buddisti, l'Eastern States Buddhist Temple ed il Mahayana Buddhist temple.

Chinatown-New York


 

 

Little Italy

I turisti italiani a New York non possono non fare un salto a Little Italy. Non aspetttatevi niente di particolare. È solo una strada, Mulberry street dove troverete tante bandierine col tricolore ed altre a rallegrare questa strada piena per lo più di ristoranti italiani. Anche se ho sempre pensato che fossero molto turistici e poco italiani come spesso capita all'estero, anni fa i parenti di Anna Luisa ci portarono a La mela, dove c'era un eccentrico proprietario che rompeva anche i piatti per terra, e devo dire che mangiammo proprio bene, una buona cucina tradizionale italiana.
Purtroppo negli ultimi anni è stata un po' invasa dalla vicina Chinatown ed i due quartieri si sono un po' mescolati facendo perdere l'identità a Little Italy. Qui si tiene in occasione della festa di San Gennaro a Settembre il San Gennaro festival che dura 10 giorni con processioni, bancarelle e festeggiamenti.

Little Italy-New York


 

 

Chelsea market

Uno dei posti che più amo a New York per una sosta veloce a pranzo per esempio è il Chelsea market. E' un bel mercato coperto che si trova al numero 75 della Ninth Ave, tra la 15° e la 16° strada. Qui potrete concedervi un lobster roll, una zuppa, comprare del pane fresco o comprare qualcosa al Green market.

Chelsea market-New York

 

 

Flatiron building ed Union sq


Un altro simbolo di New York è il Flatiron building che deve il nome alla sua forma a ferro da stiro. Si trova sulla Broadway (strada così chiamata tra la 7° e la 8° Ave), tra la Fifth Ave e la 23° strada. E' un edificio del 1902, quindi in stile beaux arts, di 20 piani che fu progettato da Daniel Burnham.
Nelle vicinanze, il Greenmarket Farmers market a Union sq che si tiene il lunedì, mercoledì, venerdì e sabato.

Greenmarket a Union sq-New York

Flatiron building-New York

Flatiron building-New York

 

 

Bryant park

Altro piccolo parco cittadino che non ti aspetti a New York è Bryant park, circondato dai grattacieli, ma che regala momenti di relax dalla frenesia cittadina e delle visite. Qui si tiene la fashion week, ma anche tante altre manifestazioni. In inverno, nel periodo natalizio, qui viene allestita una piccola pista di pattinaggio circondata da qualche bancarella che vende souvenir natalizi, in pieno spirito dei mercatini di Natale.

Bryant park-New York

 

 

Chrysler building

Un altro bellissimo grattacielo che potete ammirare a New York è il Chrysler building su Lexington Ave, all'altezza della 42° strada. Si trova nelle vicinanze del Grand Central Terminal. E' in stile art decò, progettato da William Van Alen nel 1930 ed è alto 319 metri. Quando fu costruito, era l'edificio più alto al mondo prima di essere superato dall'Empire State building, a sua volta poi superato negli anni da altri edifici in giro per il mondo. Da notare gli elementi che soprattutto nel tetto ricordano i cerchioni di una automobile, visto che il palazzo doveva ospitare gli uffici della Chrysler. Bellissimo anche di sera quando è illuminato. Non ospita al suo interno ristoranti o terrazze panoramiche.

Chrysler building-New York

 

 

Empire State building

In una prima visita a New York non si può non salire sull'Empire State Building per ammirare il panorama anche se io preferisco quello dal Top of The Rock da cui si vede anche l'Empire State building.
Si trova al n° 350 di Fifth Ave, all'altezza della 34° strada. E' alto 102 piani e 443 metri ed è stato costruito in poco più di 400 giorni nel 1931. Le terrazze panoramiche sono all'86° e al 102° piano. Per evitare di trovare code lunghissime, il consiglio è di prenotare on line i biglietti oppure di munirvi di New York City pass.
Prima di accedere alla terrazza panoramica, potrete farvi una foto (a pagamento) che vi porterà a sedervi su una putrella di acciaio sospesa nel vuoto, come quelle dove mangiavano anche gli operai a lavoro che potrete vedere nelle gigantografie e nei video che illustrano la costruzione del grattacielo. Uno dei momenti più gettonati per salire sulla terrazza panoramica dell'Empire State building è al tramonto. Spesso i tramonti a New York (anche a causa dell'inquinamento) sono bellissimi ed accesissimi. Salite quindi con un po' di anticipo e poi godetevi il passaggio dal giorno alla notte senza fretta.
Per comprare i biglietti c'è il sito ufficiale dell'Empire State building.
La sera il grattacielo si illumina di diversi colori che hanno un significato specifico.

Empire State building-New York

Vista dall'Empire State building-New York

 

 

Grand Central terminal

Sulla 42° strada, all'angolo con Park Ave troviamo il Grand Central terminal la più grande stazione di treni di New York. Vale la pena entrare a vedere gli interni in stile beaux arts, con le grandi vetrate che fanno entrare luce e la grande cupola a volta sulla quale sono disegnati i segni zodiacali e le costellazioni al contrario a causa di un errore dei progettisti.

Grand Central terminal-New York

 

 

New York Public Library

Se siete amanti di belle biblioteche in giro per il mondo, non potete perdervi la New York Public Library, tra l'altro la visita guidata è gratuita. Si tratta di un elegante edificio in stile beaux arts del 1911, in marmo, che presenta al suo interno, al terzo piano, una sala lettura che può accogliere anche 500 persone.

 

 

United Nations

New York è anche sede delle United Nations, le Nazioni Unite, ospitate in un bel grattacielo di vetro sulla riva est di Manhattan. E' possibile visitare il palazzo tramite delle visite guidate in inglese che partono ogni 30 minuti (più rare quelle in altre lingue) per vedere la General Assembly dove si tiene la riunione autunnale dei membri delle Nazioni Unite, la Security Council chamber dove si riunisce il consiglio di Sicurezza e la Economic & Social Council Chamber.

United Nations-New York


 

 

Central park

Se pensate che New York sia solo grattacieli e cemento vi sbagliate di grosso. Nella parte alta di Manhatthan infatti c'è un parco cittadino enorme (340 ettari!): Central park. Qui troverete a qualsiasi ora runners, gente a passeggio, genitori con bambini, gruppi di ragazzi. E' un posto sempre vivo! Passeggiate tra i viali alberati, cercate i laghetti dove fare un giro in barca, il giardino dedicato a Jhon Lennon.
Bellissimo in qualsiasi stagione. Verdissimo d'estate, coi tipici colori del foliage in autunno che richiamano quelli del New England. Bellissimo con la neve e la pista di pattinaggio nel periodo natalizio ed una esplosione di colori in primavera. Non mancheranno mai gli scoiattoli, simpatici e curiosi.
Fate un giro anche a Columbus circle dove troverete anche un punto vendita Whole foods market buono anche per comprare qualcosa da mangiare per fare un picnic a Central park.

Central park-New York

Central park-New York

Central park-New York

 

 

Fifth Ave

La strada più famosa ed universalmente conosciuta di New York è sicuramente Fifth Ave. Qui ci sono alcuni tra i negozi più costosi della città, tra cui il celebre negozio di Tiffany, ma anche l'NBA store, il Disney store e tanti altri, la Trump tower ed il famossisimo Plaza Hotel, verso Central park.

Fifth Ave-New York

 

 

Memorial dell'11 Settembre e Freedom tower


Lì dove sorgevano le Twin Towers è stato creato un memoriale con due piscine al posto del basamento delle due torri a ricordare le vittime di quel terribile attentato. Toccante leggere i nomi di tutte le persone che morirono in quell'attacco terroristico. E' possibile anche visitare il 9/11 Museum. Attorno al memoriale sono stati piantati 400 alberi in segno di speranza e per dare un messaggio positivo.
Ora questa parte di New York è caratterizzata dal profilo della Freedom tower, alta 541 metri e poco più, praticamente 1776 piedi, a ricordare la data della dichiarazione di Indipendenza.
Al 102° piano si può accedere alla terrazza panoramica alla quale si accede tramite velocissimi ascensori che impiegheranno soli 47 secondi. Il biglietto costa 32$ e bisogna prenotarsi per una certa fascia oraria, con intervalli di 15 minuti. L'Osservatorio è al chiuso.
Fate un salto anche alla St. Paul's chapel che all'interno custodisce un piccolo memoriale di quel giorno drammatico.

Memorial dell'11 Settembre-New York

Freedom tower-New York

 

 

Madison square garden

Il Madison square garden è uno dei templi americani dello sport ma è anche sede di importantissimi eventi e concerti delle più grandi star del mondo coi suoi 19000 posti. 

Madison square garden-New York

 

 

Macy's e shopping


Una delle attività che probabilmente farete a New York con tutti i negozi che ci sono è lo shopping. Una delle mete classiche dello shopping a New York sono i grandi magazzini Macy's. E quando dico grandi intendo dire  prendetevi tutto il tempo per visitarli. Alternativa più economica, sulla Broadway è Century 21. Non perdetevi un salto nel negozio di fotografia B&H se siete appassionati di quest'arte. Se l'Euro è forte rispetto al dollaro, potrete fare ottimi acquisti.
Per acquisti gourmet invece potete andare da Dean & De Luca.

Macy's-New York

 

 

Museum of modern art (MOMA)

In una grande città internazionale come New York non mancano i musei. Uno di quelli imperdibili è il Museum of moderna art (MOMA). Si trova tra la 5° e la 6° Ave, sulla 53° strada. Qui troverete opere di Picasso, Matisse, Cézanne, Pollock e quelle di tanti altri artisti.
Il sito ufficiale del Museum of modern art (MOMA) per acquistare i biglietti.

Museum of modern art (MOMA)-New York

 

 

Radio city music hall

Sulla 51° strada, all'altezza di Sixt Ave c'è il Radio City music hall. E' una sala in stile art déco da 6000 posti. Qui potrete assistere a qualche spettacolo. Imperdibile nel periodo natalizio quello delle ballerine Rockettes, il Christmas Spectacular. E' gettonatissimo ogni anno, quindi prenotate i biglietti con anticipo.

Radio city music hall-New York

 

 

Rockefeller center (Top of the rock)


Se devo dire qual è per me il più bel panorama a New York vi dico che è di certo quello dal Top of the Rock, ovvero la terrazza panoramica al 70° piano in cima al Rockefeller center da cui potete ammiare da una parte Central park in tutta la sua estensione e dall'altra il panorama sulla parte bassa di Manhattan, con l'Empire State Building, il Chrysler buildig, il Metlife e tutti glialtri grattacieli ed i ponti sull'Hudson. Visto che ormai è un'attrazione gettonatissima, vi consiglio di prenotare con anticipo. Le terrazze panoramiche sono molto gradi, ci sono dei vetri a protezione e sono su più livelli.
Il sito ufficiale del Top of the Rock per acquistare i biglietti. 

Vista dal Rockefeller center (Top of the rock)-New York

Vista dal Rockefeller center (Top of the rock)-New York

Vista dal Rockefeller center (Top of the rock)-New York

Rockefeller center (Top of the rock)-New York

Rockefeller center (Top of the rock)-New York

Rockefeller center (Top of the rock)-New York

 

 

St Patrick's Cathedral

Proprio nelle vicinanze del Rockfeller center, non fatevi mancare una visita alla St. Patrick's Cathedral su Fifth Ave, all'altezza della 50° strada. Da vedere la Cappella dedicata a Nuestra Senora de Guadalupe, la Lady Chapel dedicata alla Madonna e la vetrata istoriata sopra l'organo che presenta ben 7000 canne!

St Patrick's Cathedral-New York

St Patrick's Cathedral-New York

 

 

Time square

Se New York è la città che non dorme mai, sicuramente il suo cuore pulsante è Time square. Qui sentirete un'energia che è difficile trovare in altri posti.  Sarete circondati dalle insegne pubblicitarie luminose, dai negozi e dal traffico che qui non manca mai. E' il posto tradizionale dove i Newyorkesi, ma anche i turisti, aspettano la mezzanotte per celebrare l'inizio di un nuovo anno.

Time square-New York

Time square-New York

Time square-New York

 

 

Teatri e Broadway


New York, come Londra (qui puo leggere: cosa vedere a Londra), è anche la città dei teatri e dei famosissimi spettacoli teatrali. Provate a vederne almeno uno, magari un musical o uno dei classici che sono in scena da anni ed anni. Sono una vera esperienza! I teatri si trovano principlamente in questa zona, tra la 41° e la 54° strada e Sixt e Ninth Ave, è il Theater district. Qui troverete anche il punto vendita TKTS dove potrete comprare anche biglietti scontati del 50%.

Insegne degli spettacoli di Broadway-New York

 

 

Metropolitan museum of art (MET)

(Orario: 9:30-17:30 mart-giov e dom e 9:30-21 ven e sab)

Un altro museo imperdibile secondo me a New York è il Metropolitan Museum of Art (MET). Probabilmente lo verrete a visitare quando andrete a Central park, infatti il museo si trova nel parco anche se l'ingresso è da Museum mile sulla 5° strada, all'altezza della 82° strada. E' un museo davvero grandissimo che espone un numero enorme di opere. Qundi prendetevi il giusto tempo per visitarlo, oppure partecipate ad una visita guidata per un percorso più mirato e concentrato.

Metropolitan museum of art (MET)-New York

Metropolitan museum of art (MET)-New York

 

 

Solomon R Guggenheim museum

(Orario: 10-17:45 sab-merc e 10-20 ven)
Sempre in tema di musei, bisogna vedere, anche solo dall'esterno il Solomon R Guggenheim museum perché in questo caso merita non solo il contenuto, ma anche il contenitore. Sempre sulla Fifth Ave, ma all'altezza dell'89° strada si trova l'inconfondibile edificio a spirale progettato da Frank Lloyd Wright, di cui ha dato un'altra interpretazione bellissima a Bilbao l'architetto Frank O. Gehry.
In entrambi i casi quasi la bellezza degli esterni fa passare in secondo piano le opere contenute, a volte discutili, come tutta l'arte moderna. Il percorso segue proprio la spirale interna, quindi salite in cima con l'ascensore e poi via via scendete. Tra le 5000 e passa opere esposte ci sono quelle di autori come Chagall, Pollock, Picasso e Kandinsky, ma pure Monet, Degas e Van Gogh.
Potete acquistare i biglietti sul sito ufficiale del Solomon R Guggenheim museum.

Solomon R Guggenheim museum-New York

Solomon R Guggenheim museum-New York

 

 

Pier 17

Un posto che mi piace tantissimo per il panorama che offre sul ponte di Brooklyn e sul Manhattan bridge è il Pier 17, dove tra l'altro troverete diversi locali dove cenare ed una bellissima atmosfera che quasi non vi sembrerà di essere nella frenetica New York. Magari veniteci di sera.

Ponte di Brooklyn visto dal Pier 17-New York

Pier 17-New York

Pier 17-New York

 

 

High line

Una delle attrazioni più recenti di New York è la High line. E' un bellissimo esempio di recupero di zone abbanonate. Su questa sopraelevata dove passavano i treni che correva tra i palazzi, dopo che è rimasta per molto tempo abbandonata, è stato creato un nuovo parco cittadino sopraelevato e che quindi offre vedute sicuramente insolite di New York. Si trova nella parte bassa di Manhattan tra i quartieri di Chelsea e del Meatpacking district.
Gradualmente nel tempo sono state aperte le prime 3 sezioni a cui è seguita l'apertura dell'ultimo tratto, "The Spur" (lo sperone). Se la volete percorrere tutta, da sud a nord, entrate da Gansevoort street. A parte questo, lungo la sua estenzione troverete altri accessi.
Altre informazioni le trovate sul sito ufficiale della High line.

High line-New York

 

 

Harlem e Abyssinian Baptist church


Una volta che avete visitato le attrazioni principali di Manhattan, per avere un'idea più completa di questa città, vale la pena fare uno spostamento un po' più lungo ed arrivare ben più a nord di Central park, nel quartiere afroamericano di Harlem che si sviluppa tra la 125° e la 140° strada.
Una visita da non perdere è quella alla Abyssinian Baptist church dove durante le celebrazioni potrete ascoltare un canto Gospel e se siete fortunati come noi, anche assistere ad un battesimo che qui si fa agli adulti, che vengono immersi interamente in una piscina.

Qui sono bene accetti i turisti, ma bisogna prenotarsi con largo anticipo. Provate a contattare l'ufficio informazioni per email. Entrano solo i prenotati, ci sono poche speranze per le persone che si mettono in fila anche per ore nelle lunghissime file attorno agli edifici circostanti. Visto l'alto numero di turisti che hanno iniziato a scrivere, non so se tutti si devono mettere in coda molto presto per entrare dal Tourist entry point tra la 138° strada ed Adam Clayton Powell jr boulevard. Altrimenti provate in qualche altra chiesa meno gettonata della zona.
Da non perdere anche l'esperienza culinaria a base di Soul food dalla ormai mancata Sylvia's su Malcom X boulevard.

Abyssinian Baptist church-Harlem-New York

 

 

Brooklyn e Brooklyn Heights


Una volta che avrete attraversato il Ponte di Brooklyn, vale la pena fare un giro nel quartiere di Brooklyn. Probabilmnete alloggerete anche da queste parti per risparmiare un po'. Imperdibile è la vista che si gode su Manhattan dalla Brooklyn Heights promenade. Il quartiere è caratterizzato dalle belle case ottocentesche in pietra scura e da strade alberate.
Su Montague street, la strada principale, troverete diversi ristoranti etnici, per tutti i gusti. Veniteci di sera per ammirare lo spettacolo dei grattacieli di Manhattan e dei ponti illuminati. Magari lasciate le visite di Prospect park, di Williamnsburg e di Dumbo per una seconda visita.
Sono diventate un'attrazione turistica da queste parti le case addobbate per Natale di Dyker Heights. Ormai è una gara a chi fa di più e le cose più stravaganti.

Manhattan vista da Brooklyn Heights-New York

 

 

Ponte di Brooklyn

E' probabilmente il ponte più fotografato di New York. Oltre ad essere sempre trafficatissimo, è possibile attraversarlo a piedi o in bicicletta (oltre che in macchina, ovviamente). C'è infatti una pista ciclopedonale che consente l'attraversamento e lungo la quale si hanno bei punti panoramici su Lower Manhattan. Il ponte si attraversa a piedi in circa 20 minuti, mettendo in conto anche le soste fotografiche.
A parte dal Pier 17 di cui già vi ho detto, il ponte di Brooklyn è molto fotogenico anche da Brooklyn dalla zona dell'Empire Fulton Ferry park e dal River café. Il ponte è del 1883 ed è il primo ponte costruito in acciaio con i cavi che sono fissati ai grandi piloni.

Ponte di Brooklyn-New York

Ponte di Brooklyn-New York

 

 

Manhattan bridge

Non meno affascinante ma molto diverso dal ponte di Brooklyn è il Manhattan Bridge. E' un altro ponte sospeso sull'East river ed è adibito al traffico automobilistico ma anche pedonale e ciclabile. Una delle immagini classiche del Manhattan bridge , con uno dei piloni tra i palazzi di Dumbo è scattata proprio da questo quartiere, precisamente tra Washington st e Water st.

Manhattan bridge-New York

Manhattan bridge-New York

Manhattan bridge-New York

 

 

Coney island

Se siete stanchi di girare per Manhattan e volete fare qualcosa di diverso, comunque a breve distanza dal centro, potete fare una piccola gita a Coney Island. Potete arrivare qui con un viaggio in metropolitana (linee D o F), scendendo alla fermata Coney Island-Stillweel Ave. Proprio qui vicino troverete il punto vendita di Nathan's che fa tra i migliori hot dog della città (mica volete perderveli?). Subito nelle vicinanze il parco giochi che ha reso famosa questa località ed il lungomare, la Riegelmann boardwalk.
Spesso si associa alla visita di Coney Island quella di Brighton beach col suo bel lungomare a soli 10 minuti a piedi da Coney island e da qui si può fare ritorno a Manhattan con la metropolitana (linee B e Q).

Nathan's famous-Coney island-New York

Coney island-New York

Coney island-New York

 

 

Yankee stadium

Abbiamo avuto la fortuna di assistere agli ultimi match degli Yankees, una delle squadre di baseball di New York, al vecchio Yankee stadium, tra l'altro contro gli storici rivali di Boston, i Red sox ed è stata una bellissima esperienza, anche se una partita di baseball può essere un po' noiosa. Ma è bella tutta l'atmosfera che si respira, le persone che vanno a fare le file per comprare un hot dog o peroprendere qualcosa da mangiare e da bere continuando a vedere la partita dai monitor dei ristoranti. Ora gli Yankees giocano nel nuovo stadio che è proprio di fianco al vecchio (che forse aveva tutto un altro fascino). Per arrivare qui, basta prendere la metropolitana, fermata 161 street-Yankee Stadium, nel Bronx. Spesso gli spettatori hanno gli abbonamenti e giocando tante partite di fila. Spesso troverete in vendita dei biglietti invenduti a prezzi molto faverovoli.

Yankee stadium-New York

 

 

Dove e cosa mangiare a New York

Per mangiare a New York di certo non avrete problemi e potrete spendere poco o anche tantissimo a seconda della scelta.
Molto spesso nelle tariffe degli hotel la colazione non è compresa, quindi la farete in giro in un bar vicino a dove alloggerete o in giro per la città dove troverete anche tantissime catene internazionali dove spesso potrete anche fare una sosta/spuntino, pranzare con qualcosa di veloce ed economico. Inoltre in giro per la città troverete i tipici chioschi di hot dogs dove troverete sia i colletti bianchi che gente meno abbiente, oltre ai turisti. Imperdibili! Tra i più buoni sembra ci siano quelli di Nathan's famous a Coney island.
Inoltre in città ci sono tantissime steak house di qualità dove mangerete dell'ottima carne, ma anche pesce. Ricordiamoci che siamo negli States e qui il BBQ è un'arte. Qui infatti mangerete anche degli ottimi panini con gli hamburger, gustosi, succulenti e pieni di qualunque cosa. I piatti di solito strabordano di french fries, le patatine fritte e magari sono accompagnati da insalata o coleslaw.
Inoltre ci sono tantissimi bei ristoranti per una cena più elegante, come quello girevole del Marriott hotel a Time square o il River café a Brooklyn con una vista fantastica su Manhattan per una serata speciale.
Imperdibile per esempio anche il panino col pastrami di Kat'z delicatessen, sì proprio dove fu girata la mitica scena del fim Harry ti presento Sally. Non mancano i tipici Diner americani.
Non perdetevi anche i bagel con cream cheese e salmone. Una vera delizia!
Di solito l'acqua liscia vi viene sempre offerta (sempre con ghiaccio e magari limone) e a volte capita che se prendete altre bevande, vi facciano il refill gratuito. In pratica vi riempiranno di nuovo il bicchiere.

Venditore di hot dog a New York

Hot dog a New York

 

 

Mappa di New York

In questa mappa di New York che ho creato con Google Maps trovate tutti i punti di interesse di cui vi ho parlato in questo post.

New York è una città complessa ed affascinante, sempre viva ed intrigante. Spero che questi miei consigli vi siano utili per pianificare al meglio la visita.

Fabio

Nessun commento

Posta un commento

Lasciateci un commento, lo apprezziamo molto.