in

Frittelle di mele di Iginio Massari

- - Nessun commento

Se il proverbio dice che a Carnevale ogni scherzo vale, io aggiungo che a Carnevale ogni fritto vale!
E quindi bando alle diete, questo è il periodo dell'anno in cui tutto è concesso...anche un dolce fritto!
Ogni anno nei giorni di Carnevale mi chiedo quale dolce preparare, ed anche se il buon senso suggerirebbe di prediligere un dolce al forno, la tentazione di preparare (ed ovviamente mangiare) un dolce fritto ha sempre la meglio.
Ammetto anche che non amo particolarmente friggere, ed è per questo che nella preparazione dei dolci carnascialeschi mi faccio aiutare da Fabio, al quale affido totalmente la cottura.
Eppure i dolci fritti mi fanno sempre gola e non riesco a resistere, sia che si tratti di un bel bombolone al cioccolato, sia che si tratti delle più classiche chiacchiere.
Il resto dell'anno riesco ad evitarli ma nei giorni che precedono il Martedì grasso non riesco a farne a meno e la voglia di preparane è alla pari di quella di mangiarli.
In Italia esistono tantissimi dolci fritti legati al Carnevale e scegliere è sempre difficile, ma sapete che mi piace sperimentare e variare e così quest'anno ho deciso di preparare le frittelle di mele con la ricetta del maestro Iginio Massari.
Molto simili nella preparazione ai bignè, le frittelle di mele si mantengono morbide dopo la cottura forse proprio grazie alla presenza delle mele che regalano a questi dolci, oltre ad un sapore caratteristico, anche un tocco di freschezza.
Sono semplicissime da preparare, unica accortezza, come suggerisce il maestro Massari, è di aggiungere i cubetti di mela subito prima di iniziare la frittura, in modo che non rilascino troppa acqua che renderebbe il nostro composto troppo liquido.
Ed allora, fiamme ai fornelli ed iniziamo a friggere!


Frittelle di mele (da "Non solo zucchero" vol. II di I. Massari)

Ingredienti:
300 g di Marsala
5 g di sale
200 g di burro
280 g di farina bianca
400 g (circa) di uova
300 g di mele a cubetti
200 g di uvetta sultanina

Bollire in un tegame il Marsala, il sale ed il burro, quindi incorporare con un cucchiaio di legno la farina precedentemente setacciata, mescolando con energia per non fare formare grumi.
Quando la pasta comincerà ad attaccarsi alle pareti del tegame, toglierla dal fuoco, versarla in una piccola planetaria e aggiungere le uova poco alla volta, versandone una piccola quantità quando quelle precedenti sono assorbite oppure eseguire la stessa operazione mescolando con una spatola.
Quando la pasta sarà diventata liscia e morbida (note mie: dovrà avere la consistenza di una crema), incorporare le mele a cubetti con l'uvetta e formare delle palline tutte uguali.
Aiutarsi con un sac à poche dotata di una bocchetta liscia grossa e disporre le palline su un foglio di carta da cottura leggermente unto d'olio.
Appoggiare il foglio di carta nell'olio bollente girandolo e dando un leggero colpo per staccare le frittelle.
Cuocere a 176°C tenendole sommerse con l'aiuto di una rete metallica, fino ad ottenere un bel colore nocciola dorato.
Spolverate con lo zucchero a velo vanigliato.


Attenzione, le frittelle di mele sono cariche di acqua per la quantità di frutta contenuta e possono raffreddare l'olio di cottura, quindi si consiglia di non riempire mai troppo la pentola di cottura.

Buona frittura a tutti!

Anna Luisa

Nessun commento

Posta un commento