martedì 12 settembre 2017

Fuerteventura, cosa vedere in una settimana


Prima di iniziare il consueto diario di viaggio giorno per giorno (lo troverete nella pagina dei diari di viaggio), voglio riassumervi in questo post cosa vedere a Fuerteventura in una settimana. Il periodo indicato è quello che abbiamo trascorso noi ed è anche quello solito di soggiorno su quest'isola delle Canarie. Poi, se starete di meno, potrete selezionare le cose da vedere, se starete di più, farete più mare, o vi dedicherete ad altre attività che il maggior tempo vi consentirà.
Noi siamo stati a Fuerteventura a Luglio scorso. L'isola è grande, ma non grandissima. Per farvi un'idea, per andare da Morro Jable che si trova nel sud fino a Corralejo che invece è nella parte nord, sono circa 110 km percorribili in un'ora e quarantacinque minuti (in macchina). Quindi, secondo noi le opzioni migliori sono o fare tipo 3 giorni a sud e 3 a nord per girare un po' tutta l'isola senza percorrere grosse distanze, oppure, come abbiamo fatto noi, prendere una sistemazione nel centro dell'isola (noi abbiamo scelto Caleta de fuste, ma anche Puerto del Rosario potrebbe andare benissimo. Tra l'altro sono vicinissime entrambe all'aeroporto).
L'isola ha delle zone ben delineate paesaggisticamente parlando. A nord ci sono le dune di sabbia subito a sud di Corralejo e le bellissime spiagge di El Cotillo.
La zona centrale invece è brulla, con paesaggi desertico/lunari a causa dell'origine vulcanica dell'isola, che comunque sono bellissimi da attraversare, con tanti paesini/villaggi dove fare una sosta e tanti punti panoramici.
A sud tornano le dune e spiagge dai colori stupendi.
L'isola, costantemente battuta dai venti ed anche per questo mai troppo calda (le massime difficilmente superano i 30 gradi, la sera a volte ci vuole anche qualcosa di più pesante), nonostante la latitudine e la vicinanza alla costa del Marocco e al Sahara (sono solo circa 100 km) è molto amata da chi pratica sport legati al vento come surf, windsurf e kitesurf.
Il vento purtroppo l'abbiamo trovato sempre e a volte anche abbastanza forte. Di conseguenza il mare sempre un po' agitato, ma spesso c'era un'onda lunga che con i fondali poco profondi consente comunque di fare il bagno. Proprio per i fondali poco profondi e sabbiosi, l'acqua non è mai freddissima pur essendo Oceano.
Su tutta l'isola si trovano spiagge attrezzate. Spesso sono anche riparate dai venti che alzano la sabbia attraverso dei teloni che sono posizionati alle spalle dei lettini. Di solito lettini ed ombrelloni occupano la parte retrostante delle spiagge. Ci si accomoda sotto un ombrellone libero e poi passerà qualcuno del lido a farvi pagare (noi abbiamo pagato dai 9 € a nord fino a 13,50 € nel sud per 2 lettini ed un ombrellone). Di solito c'è almeno un bar, più difficile trovare dei bagni. Noi ci siamo anche portati un ombrellone piccolo da casa per poter comunque andare in spiagge non attrezzate, anche se col vento forte non è facilissimo, bisogna ancorarlo bene a terra e controvento. Ovviamente si può acquistare anche in loco. Sull'isola infatti ci sono tante spiagge selvagge, senza lidi, dove potersi fermare a fare il bagno e prendere il sole.
Per mangiare, la cucina di solito è quella tipica spagnola, troverete quasi dappertutto la paella (che costa circa da 22€ per due persone). Il conto con 2 antipasti, paella, 2 calici di vino e acqua sui 50€ per una coppia. In alcuni posti dove i turisti vanno prevalentemente di giorno (come nella zona di Betancuria), i ristoranti potrebbero essere aperti solo a pranzo. Tipico dell'isola è il queso majorero, un formaggio di capra. Lo troverete in diverse stagionature. Alcuni ristoranti lo servono al naturale, accompagnato da confetture, altri grigliato, sempre buonissimo.
L'isola in generale è molto poco modaiola, molto easy e piacevole da vivere.

Iniziamo quindi a vedere cosa visitare sull'isola, partendo da nord.

1) Corralejo
Si tratta di una grande cittadona turistica situata proprio alla estremità nord dell'isola. Come un po' tutti i principali posti turistici, architettonicamente non è il massimo che ci si può aspettare. Si tratta di cittadone con tante case e palazzi per turisti oltre a negozi abbastanza commerciali. Ma si trova per questo un po' di tutto senza problemi. Da qui partono anche le escursioni per l'Isla de Lobos che però non abbiamo visto, anche se da qualche immagine trovata in rete sembra avere spiagge e mare bellissimi. L'attrattiva principale di Corralejo è il Parque natural duna de Corralejo. Percorrendo la Fv-1 lungo la costa est, ad un certo punto inizieranno le dune. Lo capirete dai turisti che si fermano per fotografarle e per salirci su. Inoltre qui ci sono anche tante spiagge per i surfers. Attenzione solo a non impantanarvi con la macchina. Da Corralejo parte anche una strada sterrata per Majanicho lungo la quale ci sono altre belle spiagge (purtroppo questa non siamo riusciti a farla).

Dune di Corralejo

Grandes playas

2) El Cotillo
El Cotillo è probabilmente la località del nord con le spiagge più belle, nonostante sia sulla costa ovest più battuta dai venti, ci sono tante calette riparate dove poter fare il bagno in acque placide e spettacolari, come la playa de la concha. Da qui è possibile raggiungere anche il faro del Toston. Inoltre nel piccolo centro ci sono ottimi ristoranti di pesce e cucina locale.

Faro del Toston
La concha

3) La Oliva
Graziosa cittadina
dell'entroterra nel nord dell'isola, presenta una serie di luoghi interessanti da visitare. Lo si può fare il venerdì, con una simpatica visita guidata che parte alle 10:30 dalla chiesa de nuestra Senora de la candelaria. Il giro termina nel mercato locale che si tiene il martedì ed il venerdì soltanto. Quindi raccomando di venire qui in questi due giorni.






Passando al centro dell'isola anche ci sono tante zone interessanti da vedere.

4) La strada panoramica che va da La Oliva fino a La Pared nel sud. Percorretela tutta, non ve ne pentirete! Il percorso si snoda lungo la la FV-10 (con possibili deviazioni anche a Tetir e a La Matilla, poi vedremo nel diario nel dettaglio cosa vedere), si procede per Tefìa, Vale de Santa Inès, i punti panoramici verso Morro Veloso, quindi sosta nella cittadina più bella e caratteristica dell'isola, vale a dire Betancuria (meglio andarci al mattino, prima dell'arrivo dei bus turistici e non di domenica). Si procede sempre verso sud con altri punti panoramici, come quello a Vega de Rìo Palma, si passa per Pajara, con deviazione per Ajuy, quindi lungo la Fv-605 fino a La Pared. Lungo la strada troverete mulini, gli scoiattoli che vi si avvicineranno nei vari punti panoramici lungo il percorso. Andateci in una bella giornata limpida e soleggiata per godervela al meglio.






5) Puerto del Rosario e Caleta de Fuste (detta anche El Castillo)

Sono altre due cittadine principali della zona centrale dell'isola caratterizzate da alberghi, negozi, tanti locali per tutte le tasche, servizi e bel mare. In entrambe le città c'è anche un bel lungomare per delle piacevoli passeggiate serali. Puerto del Rosario è anche la città dei murales e delle sculture che troverete in giro un po' dappertutto.



Puerto del Rosario
Caleta de Fuste

A sud di Caleta de Fuste ci sono diversi posti interessanti da vedere, come la Salinas del Carmen, per vedere come si produce sale marino, il caratteristico villaggio di pescatori di Pozo Negro, il faro della Entellada (il pezzo di strada finale per arrivarci non è per tutti!). C'è anche un bel campo di golf.


6) I villaggi di pescatori di Pozo Negro e di Los Molinos
Sono i più belli ed autentici che abbiamo trovato. Il primo sulla costa est, a sud di Caleta de Fuste ed il secondo sulla costa ovest, raggiungibile con una breve deviazione dalla Fv-207. Nel secondo ci sono anche un paio di ristorantini. Considerate che sono posti davvero piccoli, che si visitano in pochissimo tempo. A Los Molinos c'è anche un fiume, con delle locali anatre, una sorta di campeggio ed una bella spiaggia di pietre nere, molto selvaggia e suggestiva. Anche quella di Pozo Negro comunque è molto bella.

Pozo negro
Pozo negro
Los Molinos




Passiamo quindi alla zona a sud
7) Spiagge
Il sud è la zona amata da chi ama fare vita da spiaggia, ma anche sport acquatici. Le spiagge più belle sono sulla costa est, da Costa Calma, si scende lungo la Playa de Sotovento, bellissime quella di Esquinzo, de Butihondo e del Matorral col caratteristico faro e tanti negozietti dove fare un po' di shopping. Purtroppo albergoni e case non proprio bellissime sono un po' ovunque. Ottima invece Risco del paso per fare surf, windsurf e kitesurf.

Esquinzo
Risco del Paso
Risco del Paso
Playa del Matorral


8) Sterrato per Cofete e Faro de Jandìa
Nella estremità sud dell'isola c'è una zona selvaggia spettacolare, raggiungibile tramite strade sterrate. Queste sono sicure e facilmente percorribili anche da una macchina non 4x4. Noi avevamo una Fiesta e le abbiamo percorse senza problemi. Visto che comunque è uno sterrato e le assicurazioni degli autonoleggi non coprono i danni avvenuti su queste strade, chiedete una piccola assicurazione integrativa (noi l'abbiamo pagata 14 €).
La strada si percorre a velocità media di 30-40 km/h, ma è ben battuta ed è frequentata da tanti turisti. Noi non siamo arrivati fino alla Playa de Cofete, ma ci siamo limitati a vederla dal mirador, dall'alto sferzato da venti fortissimi! Poi ci siamo diretti al Faro de Jandia, altro posto bellissimo e selvaggio. Da qui ci sono tante discese verso le spiagge selvagge della costa.

Sterrato per Cofete
Playa de Cofete
Faro de Jandìa
Nel diario di viaggio che trovate nella nostra pagina dei diari di viaggio, vi racconterò nel dettaglio tutto ciò che abbiamo visto, le mille deviazioni fatte e dove e come abbiamo mangiato.

Fabio

14 commenti:

  1. Che dire, questa meta era già nella mia wishlist e dopo i vostri racconti e le vostre foto lo è ancora di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un'isola che ha delle sue caratteristiche specifiche che non trovi da altre parti. Per alcuni aspetti può anche non piacere. Io comunque mi sono fatta una settimana intensa tra visite e mare :-)

      Fabio

      Elimina
  2. E' la terza volta che compilo questo commento.....allora, articolo ben fatto e foto stupende come sempre.
    Sono stata a Fuerteventura nel 2007 e ne ho un ricordo meravigliosi...mi colpirono le rotonde con un messaggio diverso e cosi' originali. Il giorno che a Corralejo c'era la bassa marea, uno spettacolo unico! E il bagno rigenerante a Jandia e la festa dell'acqua a El Cotillo....li avete mangiati i Gambas Ajillo dal Sombrero?
    Spero di tornarci presto e grazie per avermi risvegliato questi ricordi oggi . Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un'isola molto particolare sotto tutti i punti di vista! I tuoi commenti erano da moderare, ma c'erano :-)
      I gambas non li abbiamo provati, dici che dovremmo tornare? :-)
      Grazie a te.

      Fabio

      Elimina
  3. Trovo le foto stupende. Un luogo perfetto per scegliere di perdersi...quel blu immenso, il vento che scuote ogni cosa e la costante voglia di visitare tutto. Sembra un paradiso.
    Quest'anno ci siamo immersi nel blu ebtrambi...un blu che voi avete conosciuto bene. È grazie al vostro diario di viaggio che ho optato per la Grecia. Mi ero innamorata delle foto e voila'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico soinceramente che ho preferito la Gracia, pe ri colori, la vita, i localini, i colori e anche il mare. Però secondo me tutti i posti vanno visitati. In ogni caso è un'isola molto particolare, lo vedi dai paesaggi. E sono contento di esserci andato.

      Fabio

      Elimina
  4. Come immaginavo l'anteprima è da sogno!! Davvero un'isola favolosa!! Aspetto il diario con grande curiosità!!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di legger eil diario, perché comunque vedrai ogni giornata è piena di cose interessanti da vedere, a parte il mare.

      Fabio

      Elimina
  5. Mi avete quasi convinta :P a pesci com'è messo il mare? A me e Juri piace fare snorkeling!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non ne ho idea. C'erano anche dei pesciolini a riva, ma niente di che. Secondo me il top nelle vicinaze per lo snorleling è il Mar rosso!

      Fabio

      Elimina
  6. Ho sempre snobbato Fuerteventura immaginandola come la classica meta turistica per gli amanti della spiaggia, ma a quanto pare oltre al mare c'è di più!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, guarda, quei posti li evito come la morte, soprattutto nella stagione più affollata. Infatti ho dato l'ok quando ho visto che c'era anche da visitare. C'è di meglio, secondo me. Per dire, Mykonos e Santorini mi sono piaciute di più. Però comunque sono isole particolari ed una visita la meritano. Mi incuriosisce molto Lanzarote :-)

      Fabio

      Elimina
  7. Che dire! Sembra proprio che a Fuerteventura ci sia l'imbarazzo della scelta in quanto a paesaggi, accontentando tutti i gusti. Adoro le spiagge bianche bagnate dall'acqua cristallina, ma il fascino di Playa de Cofete è impareggiabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! le spiagge bianche sono sempre da sogno! Ma lì c'è tanta bella Natura e bei paesaggi da vedere!

      Fabio

      Elimina