martedì 21 giugno 2016

MTChallenge di Giugno: la pizza estiva



Lo avevamo detto che la pizza gourmet non sarebbe stata l'unica con cui avremmo partecipato a questa gara dell'MTChallenge, e così è stato.
La sfida lanciata da Antonietta ed ancor di più le ricette che ha dato per preparare la pizza, ci hanno attirati come una calamita, tanto da indurci a cimentarci nella preparazione di questo piatto a noi tanto caro, non una, ma ben due volte.
Anche questa volta abbiamo voluto utilizzare il lievito madre, felice di aiutarmi nei miei esperimenti culinari.
In realtà a Napoli ci sono molte correnti di pensiero su come debba essere fatta la pizza e si va dal lievito di birra a quello naturale, passando, ahimè, per prodotti sintetici che accelerano il processo di lievitazione, tanto da avere il panetto pronto anche in mezz'ora. Fortunatamente i pizzaioli seri si tengono bene alla larga da questi prodotti e rimangono legati all'utilizzo dei primi due lieviti.
Altre correnti di pensiero si hanno su quale farina utilizzare, da quella macinata a pietra a quella biologica, da quella 00 a quella 0 e 1. Insomma, anche se la pizza è sostanzialmente fatta di ingredienti molto semplici, farina, acqua e lievito, ne esistono infinite versioni tutte diverse fra di loro (ora che ci penso forse l'unico punto su cui tutti concordano è l'acqua...a  patto che sia di Napoli).
Se poi ci affacciamo sull'argomento farcitura, rimaniamo intrappolati tra i puristi da una parte, per i quali la pizza è marinara, al limite margherita e quelli che azzardano gli accostamenti più strani.
Per quel che ci riguarda, ci poniamo nel centro. Quando proviamo per la prima volta una pizzeria, il nostro test è la margherita, ma poi non siamo assolutamente restii ad "andare oltre" e provare nuovi gusti (proprio l'altro ieri ho provato la pizza con tarallo napoletano di Sorbillo e me ne sono letteralmente innamorata).

Impasto

Impasto in teglia prima della lievitazione

Impasto in teglia lievitato

Impasto in teglia farcito prima di infornare
La tentazione di preparare una margherita per l'MTChallenge c'è stata, ma poi abbiamo pensato che ci sarebbero stati tanti capolavori in giro nel web, da richiederci un po' di fantasia.
L'idea per la pizza di oggi ci è venuta nel modo più semplice e casuale del mondo...abbiamo aperto il frigorifero. Potremmo chiamarla "pizza svuota-frigo" e ci starebbe tranquillamente come nome.
Abbiamo subito notato i peperoncini verdi di fiume o friggitelli che dir si voglia e ci è balenata l'idea di utilizzarli sulla pizza. Solitamente, quando li preparo, li mangiamo accompagnandoli con una provola affumicata, per cui la scelta del formaggio è stata semplice. Altrettanto semplice è stata l'idea di aggiungere del tonno sott'olio di Cetara, anch'esso rimasto a riempire mezzo barattolo nel frigo, che lega benissimo con i due ingredienti precedentemente scelti ed alla fine aromatizzare il tutto con il basilico che ha dato l'ultimo tocco estivo alla nosra pizza.


Pizza estiva

Ingredienti
Per l'impasto della pizza:

450 g di farina
320 ml di acqua
130 g di lievito madre
15 g di sale
Per la farcitura:
250 g di peperoncini verdi di fiume
150 g di provola affumicata tagliata a cubetti e lasciata sgocciolare
100 g di pomodori pachino o datterini rossi
100 g di tonno sott'olio di Cetara
1 spicchio d'aglio
basilico
olio extravergne d'oliva
sale

Sciogliere con un frullino il lievito madre con 130 ml di acqua, aggiungere 130 g di farina, incorporare velocemente e lasciar riposare per 2 ore.
Setacciare il resto della farina, trasferirla in ciotola, fare la fontana, aggiungere il lievito madre,il resto dell’acqua e il sale sulla farina, verso il bordo della ciotola.
Iniziare a incorporare man mano,  intridendo con le dita e poi una volta terminato ribaltare sul piano da lavoro e impastare per una decina di minuti, sbattendo e piegando più volte,strech and fold .
Fare una palla, trasferirla in ciotola, coprire con pellicola e mettere subito in frigo. Lasciar maturare 8/10 o come vi dicevo prima anche più ore.
Togliere dal frigo e lasciar a temperatura ambiente per 2 ore e comunque fino a quando l’impasto risulti gonfio. Ribaltare sul piano da lavoro, stendere con le mani, senza schiacciare, ma allargando l’impasto dal centro verso il bordo, infilare le mani sotto il disco di pasta fino a poggiarlo su metà avambracci e traferire in una teglia oleata.
Lasciar lievitare altre 2 ore.
Nel frattempo preparare la farcitura.Prearare i peperoncini verdi: pulire i peperoncini eliminando i semi in essi contenuti, lavarli bene e metterli da parte a sgocciolare.  In una padella riscaldare 6 cucchiaia di olio e farvi soffriggere lo spicchio d'aglio. Quando quest'ultimo si sarà dorato, eliminarlo e mettere i peperoncini nella padella, mescolando, in modo da farli dorare bene. Aggiungere quindi i pomodori lavati e tagliati a pezzetti e continuarli a cuocere coperti, aggiungendo un po' d'acqua se necessario. Salare.
Riscaldare il forno alla massima temperatura, condire la pizza con la provola ed i peperoncini verdi, versarvi un filo d'olio ed infornare sul ripiano centrale e cuocere per 20 minuti circa. Controllare la cottura: se sotto si presenta bianca, abbassare il ripiano, viceversa alzarlo.
Prelevare la pizza dal forno, distribuirvi il tonno a pezzi e le foglie di basilico spezzettate e servire calda.
Note mie: con il senno di poi, avrei messo i peperoncini sulla pizza in un secondo momento, dopo averla fatta cuocere solo con la provola, per mantenere il colore verde delle verdure. Però il sapore era ottimo ugualmente.


Purtroppo il tempo è tiranno e difficilmente riuscirò a preparare una terza pizza prima della fine della sfida, ma sono certa che la rifarò, magari utilizzando il lievito di birra.

Anna Luisa e Fabio

www.mtchallenge.it


7 commenti:

  1. Che buona la vostra pizza... io adoro i friggitelli ma anche gli altri ingredienti che avete utilizzato mica scherzano!!! Deve essere buonissima, alla faccia dello svuotafrigo!! <3

    RispondiElimina
  2. Bellissima, ricca, con gli ingredienti più invitanti che si possano mettere su una pizza. Spero abbiate fatto due impasti, così dopo le foto...... :-)))

    RispondiElimina
  3. Meravigliosamente buona! Non ho dubbi ed è così invitante solo a vederla. Poi, apprezzo molto gli ingredienti usati. Complimenti cond sempre! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Sono sicura che le foto non rendono pienamente l'idea della bellezza e della bontà di questa pizza
    Nell'ultima noto che è ben alveolata con un ottima base croccante
    Farcitura rustica e casareccia, con elementi ben calibrati e abbinati sapientemente

    RispondiElimina
  5. adesso però non so quale scegliere tra questa e la gourmet! come si fa???

    RispondiElimina
  6. Basta, io da voi a quest'ora non ci passo più... che ora per tenermi lontana dalla cucina mi devono legare :D

    RispondiElimina