giovedì 16 luglio 2015

Blog tour Cilento e Dieta del Cilento (prima parte)

Quando si parla di Cilento molti pensano subito al mare, alle bandiere blu, ai paesini e alle cittadine che l'hanno reso famoso e di conseguenza posto di vacanza per tantissime persone. E che si mangi bene da queste parti anche è risaputo. E' qui infatti che si possono assaporare tantissimi prodotti di produzione locale che sono delle vere eccellenze. Quello invece che molti non sanno è che il concetto di dieta mediterranea nasce proprio in queste terre, nasce dalla Dieta del Cilento. Lo studioso americano Ancel Keys fu uno dei primi a capire la correlazione tra alimentazione e salute e dai suoi studi fu subito evidente che un'alimentazione sana ha effetti benefici anche sulla salute. In particolare notò che nonostante l'uso di grassi vegetali come l'olio extravergine d'oliva, il rischio di infarto fosse molto più basso rispetto ad altri posti dove venivano utilizzati altri grassi saturi.



Ed è per questo che da una collaborazione tra Dieta del Cilento ed AIFB, siamo venuti a visitare questi luoghi, per riprendere questo discorso e per scoprire che il Cilento non è solo costa, ma anche una zona interna tutta da scoprire e che la dieta mediterranea ancora oggi è la migliore.
Così, assieme agli altri compagni di viaggio con cui ci siamo incontrati alla stazione di Vallo della Lucania, siamo partiti "Da zero", così si chiama la pizzeria a Vallo della Lucania dove i 3 soci hanno capito l'importanza di partire da un ingrediente di qualità che loro stesso producono, ovvero il grano. A questo si accompagnano una lunga lievitazione che aiuta la digeribilità della pizza e l'uso di altri prodotti di qualità, come la mozzarella nella mortella, i pomodori datterini gialli, la 'nduja di Spilinga e tanti altri. Le pizze sono ottime, la carta presenta una buona offerta ed il locale propone anche delle buone birre artigianali. Abbiamo modo di provare anche degli ottimi dolci della tradizione locale come gli scauratielli, fritti nell'olio aromatizzato al rosmarino e cosparsi di miele di castagno ed i cannoli cilentani. Facciamo un percorso un po' a ritroso, partiamo dalla pizza per poi andare a scoprire piano piano alcuni degli ingredienti.











Da qui infatti ci spostiamo presso il caseificio Le starze dove abbiamo modo di assistere alla mungitura delle mucche e alla produzione della mozzarella con la mortella. Si tratta di un metodo di conservazione della mozzarella fasciata in rami di mirto che ne permetteva il trasporto dalle colline e che conferiva alla mozzarella ulteriori profumi e sensazioni olfattive e di gusto.











Proseguiamo la nostra giornata andando proprio tra i campi, quelli di grano, prima di tutto, di cui parlavo prima, ma anche vigneti ed oliveti di cui è ricca la zona. Lo facciamo a bordo di un pick up che ci fa vivere questa esperienza in maniera molto folk!







Subito dopo ci rechiamo per un altro allevamento dove sono presenti anche bufale.




Per la sera ci spostiamo presso l'agriturismo i Moresani a Casal Velino. Si tratta di una bella struttura immersa completamente nella natura, dotata di ristorante, piscina ed anche di un maneggio per fare belle passeggiate nei dintorni (ma di questo ve ne parlerò approfonditamente nel prossimo post). Proprio al ristorante avremo modo di degustare la cena con i prodotti e piatti della tradizione locale.










A presto per la seconda parte.

Fabio

9 commenti:

  1. che belle le mucche! che alta la pizza! (io sono attratta da quella coi fiori di zucca) che bei paesaggi (dalla luce si intuisce che doveva fare calduccio eh?) e che piatti succuenti - tutti! bello viaggiare grazie per aver raccontato ...tutto!

    RispondiElimina
  2. La mia voglia di pizza è salita alle stelle.
    Bellissime zone, ci sono stata spesso in passato, ma sempre per motivi di studio proprio in aziende zootecniche come queste che avete mostrato. Mi piacerebbe tornarci, ma in veste relax per godere appieno delle meraviglie che questa magica terra ci offre.

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia di posti e di cibo!! Non ci sono mai stata, grazie per questo post per me davvero da scoprire!!
    Buon we!!

    RispondiElimina
  4. Meraviglia allo stato puro e voglia a mille di visitare questa splendida terra!

    RispondiElimina
  5. Bel post...e bellissime foto, come al solito! :-)
    Adesso mi dispiace non averne fatta praticamente nessuna ai piatti...ma quella di voi sul pick-up ce l'hosolo io...e non ha prezzo!! :-D

    RispondiElimina
  6. Mamma quante cose buone. Non sapevo che la dieta mediterranea provenisse dal Cilento, che meraviglia :) e non sapevo neanche che esistesse la mozzarella nel mirto!

    RispondiElimina
  7. Davvero un posto tutto da scoprire, sotto tutti i punti di vista.
    A breve il seguito.

    Fabio

    RispondiElimina
  8. Conosco bene o meglio abbastanza bene il Cilento. Le mozzarelle appena fatte sono meravigliose io dico che scrocchiano mentre se le mangia ma solo quelle appena fatte.
    Buona serata e grazie del tour.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, un'altra esperienza gustativa.
      Grazie a te.

      Fabio

      Elimina