giovedì 3 ottobre 2013

Napoli: istruzioni per l'uso


Mi sono reso conto di parlare spesso dettagliatamente dei nostri viaggetti, di dare consigli su tanti posti ma di non aver mai fatto un post ad hoc sulla mia città natale, Napoli. Certo, ne ho già parlato in passato ed ho scritto qualcosa, ma mai come se dovessi dare dei consigli su itinerario e posti da vedere o dove fermarsi ad un amico/a. Ed è stato proprio in occasione della visita che mi ha fatto recentemente un amico che, facendogli scoprire la mia città, ho finalmente deciso di portare con me la macchina fotografica per immortalare i posti visitati, e per segnare gli indirizzi che mi piace consigliare. Sicuramente un giorno è un po' pochino per visitare per bene una città grande come Napoli, ma vi racconto il giro che abbiamo fatto, sottolineando per ogni zona alcuni posti che meritano una sosta.
Abbiamo iniziato la nostra visita dal cuore del centro storico di Napoli, dalle strade principali dove fu fondata dai greci Neapolis, secondo l'ordinato schema classico dei decumani e dei cardini.
Arriviamo dal Vomero da dove abbiamo preso la funicolare di Montesanto che in pochi minuti ci porta su quella che è universamente conosciuta come "Spaccanapoli", strada lunghissima che spacca in due la città, come si può notare girandosi da una parte e dall'altra o come si può vedere dalla terrazza panoramica di San Martino, punto più alto del Vomero, facilmente raggiungibile a piedi con una bella passeggiata (in salita) o con i bus pubblici. Qui ci sono diversi siti interessanti da visitare, come il Castel Sant'Elmo ed il Museo Nazionale di San Martino. E si gode di un bel panorama cittadino, anche se il migliore, a mio parere, è dalla terrazza antistante la chiesa di Sant'Antonio a Posillipo (dove è meglio arrivarci in macchina o coi mezzi pubblici che salgono per via Orazio da Mergellina).
Ma torniamo nei vicoli del centro. Lasciata la funicolare alle spalle, in pochi minuti siamo in una delle piazze più belle della città, quella del Gesù Nuovo, così chiamata per l'omonina, bellissima chiesa col caratteristico bugnato all'esterno e gli interni mozzafiato. In piazza c'è un bellissimo obelisco dell'Immacolata, con la statua della Madonna in cima e a pochi passi, di fronte, c'è la Chiesa di Santa Chiara con il bellissimo chiostro maiolicato che è assolutamente imperdibile. Continuando a percorrere Spaccanapoli, si passa per un indirizzo storico, la pasticceria Scaturchio, anche se recentemente ha cambiato gestione. Siamo in piazza San Domenico Maggiore, col suo bellissimo obelisco e la relativa chiesa. Qui è possibile sedersi ai tavolini per godersi il posto ed il passeggio dei napoletani e dei turisti. La zona è sempre molto animata perché siamo alle spalla di via Mezzocannone, sede storica dell'Università Federico II. Alle spalle invece assoltamente da non perdere è la Cappella privata Sansevero che custodisce quella che per me è l'opera d'arte cittadina più bella: il Cristo velato. Non si può non rimanere sbalorditi di fronte a tale e tanta bellezza.










Ci rimettiamo in marcia fino ad arrivare a via San Gregorio Armeno. Questa è la cosidetta "strada dei pastori". Durante tutto l'anno gli artigiani napoletani lavorano alla realizzazione delle preziose statuine che come da tradizione andranno ad arricchire i presepi cittadini e non solo. Io mi sento di suggerire Marco Ferrigno come punto vendita di assoluta qualità.






In cima a San Gregorio Armeno, giungiamo a via dei Tribunali, altra strada dell'originaria Neapolis. Qui hanno sede (almeno) due delle storiche pizzerie che fanno tra le migliori pizze cittadine: Gino Sorbillo, creativo, gran comunicatore e Di Matteo. C'è sempre da aspettare tanto, quindi consiglio di andarci molto presto, sia a pranzo che a cena. Su questa strada c'è anche uno degli ingressi alla Napoli sotterranea per chi volesse conoscere la città da un punto di vista diverso. Molti dei palazzi cittadini sono costruiti in tufo prelevato dal sottosuolo, il che ha comportato il crearsi di una infinità di gallerie che sono state utilizzate anche nei periodi bellici come rifugio durante i bombardamenti.
Da non perdere, ovviamente, il Duomo (via Duomo) col tesoro di San Gennaro dove ogni anni 3 volte si ripete il miracoo del Santo e la liquefazione del suo sangue nell'ampolla.








Raggiungiamo piazza Bellini, col vicino conservatorio dal quale escono note e canti, le rovine delle mura e i caffé. Siamo a due passi da Via San Sebastiano, piena di negozi per appassionati di strumenti musicali e da Port'Alba, dove è possibile provare la cosidetta "pizza a portafoglio" proprio sotto la porta, alla Pizzeria Port'Alba o comprare libri nuovi ed usati presso le storiche librerie.
Usciamo a piazza Dante. Andando a destra è possibile salire fino al Museo archeologico nazionale che merita senz'altro una visita. A sinistra invece ci si inoltra verso la centralissima e commerciale via Roma (o via Toledo, come troverete sulle insegne). Qui ci sono alcuni indirizzi che meritano per chi volesse assaggiare alcuni sapori cittadini.
Gay-Odin, storica cioccolateria cittadina che ora si contende i clienti con Dolce idea.
Leopoldo è rinomato per i suoi taralli sugna, pepe e mandorle (tralascerei gli altri prodotti tipo i macaron...).
Fantasie gelati è una delle migliori gelaterie cittadine, assieme alla vicina "La Scimmia", in piazza Carità. Anche la recente Casa Infante non è male.
Altri indirizzi da non perdere su via Roma, a due passi dalla funicolare centrale (che anche collega il centro col Vomero) è Pintauro, inventore della famosa sfogliatella. Indecisi se prendere la riccia o la frolla? Beh, prendetele entrambe che sono diverse, ma ugualmente buonissine. Poco più avanti, sotto la bellissima Galleria Umberto I ci sono anche le sfogliatelle di Mary, in un piccolo chioschetto sempre affollato (ma io raccomando Pintauro).
Qui c'è anche una ottima gastronomia/rosticceria, LUISE, dove è possibile assaporare un po' di street food cittadino. Altro punto imperdibile sotto questo punto di vista è la storica friggitoria Vomero, proprio all'uscita della funicolare centrale, in piazzetta Fuga. Il Vomero è un quartiere molto tranquillo e commerciale dove vale la pena spendere qualche ora, semmai per completare la visita cittadina e vedere un'altra Napoli.
Su via Toledo è stata anche recentemente aperta la stazione della metropolitana che va ad aggiungersi alla linea già esistente che è stata votata come la più bella d'Europa. In realtà tutte le stazioni della nuova linea sono bellissime e varrebbe la pena scendere in ognuna di esse.











Siamo praticamente giunti nel salotto cittadino, in piazza Trieste e Trento, sede delle storiche caffetterie cittadine, quella più conosciuta, il Gambrinus, caffé letterario dal caffé cortissimo e quello richistissimo ed amato dai napoletani, il caffé del Professore.
Siamo a due passi da uno dei castelli cittadini, il Maschio Angioino, vicinissimo a Piazza Municipio (attualmente interessata dai lavori di ampliamento della metropolitana) e dalla stazione marittima che quotidianamente ospita le grandi navi da crociera e da dove partono traghetti ed aliscafi per le isole di Procida, Ischia e Capri e non solo.
Siamo giunti in quella che reputo la più bella piazza cittadina, Piazza del Plebiscito, col Palazzo reale e la Basilica di San Francesco di Paola col suo fantastico colonnato semicircolare. Posto di incredibile bellezza.
















Da qui pochi passi ci separano dal bellissimo lungomare cittadino, in parte liberato dal traffico, in parte riaperto. Si arriva in uno dei posti più belli della città, qui ci sono gli alberghi più lussuosi ed esclusivi, con vista sul Castel dell'Ovo ed il borgo marinari dove ci sono alcuni storici ristoranti cittadini, come anche nel borgo di Santa Lucia che è giusto alle spalle dei grandi hotel.
Consiglio di percorrere il lungomare interamente, per giungere nella zona di Mergellina (qui c'è anche un'altra funicolare che collega il Vomero), coi suoi chalet e localini. Sul lungomare c'è anche la villa comunale, all'interno della quale c'è il piccolo acquario cittadino e da qui ci si può inoltrare nel quartiere  Chiaia con i negozi prestigiosi delle grandi firme, tanti localini, librerie e non solo. Indirizzo molto popolare qui è Marinella, famosissimo in tutto il mondo per le sue cravatte sartoriali. Attraversata via Chiaia, prima di arrivare a piazza del Plebiscito, c'è un'altra pizzeria storica, Brandi, inventore della pizza margherita.

















Poi ci sono alcuni indirizzi che sono fuori da questo giro e che non è possibile raggiungere a piedi. Primo tra tutti il bellissimo Museo di Capodimonte coi suoi stupendi quadri esposti all'interno del palazzo Reale.
Come pizzerie invece (a parte quelle già segnalate in precedenza) mi sentirei di consigliare la storica Michele, a via dei tribunali, a pochi minuti a piedi dalla stazione centrale e la Notizia a via Caravaggio (quartiere Fuorigrotta). In città mangerete comunque una buona pizza un po' ovunque, ma io partirei dalle storiche, mettendo in preventivo un po' di attesa.
Di musei cittadini ne sono sorti molti negli ultimi anni, come il MADRE, il PAN, insomma in città c'è un'offerta culturale e gastronomica da fare invidia a qualsiasi città. Resterete sorpresi da una città sempre in fermento, forse un po' frenetica per chi non è abituato al caos della grandi città, ma sicuramente affascinante coi suoi vicoli, i suoi colori, i suoi suoni, i suoi profumi. Insomma, una città magica. Non vi resta che venirla a scoprire, tra l'altro ci sono una serie di alberghi dove si può comodamente alloggiare per visitare Napoli nel migliore dei modi. D'altra parte siamo al sud e si sa che ci teniamo particolarmente all'ospitalità.
Per qualsiasi ulteriore consiglio e/o informazione (c'è ancora tanto altro da vedere in città) potete contattarmi all'indirizzo mail del blog.

Aggiornamento del post: Nel tempo le cose cambiano un po', oppure ci troviamo a provare dei locali nuovi ed è giusto inserire qualche novità. Come pizzerie, da segnalare quelle di Sorbillo con lievito madre sul lungomare, dove potete assaggiare anche la pizza gourmet di Giuseppe Vesi (che trovate anche al Vomero al viale Michelangelo), come quella di Vuolo, sul lungomare e ad Eccellenze campane, nei dintorni della stazione. Indirizzo imperdibile, sempre zona stazione, è la Masardona per le pizze fritte.
Per le sfogliatelle invece, mi sento di indicare altri due indirizzi, entrambi a piazza Garibaldi, la storica F.lli Attanasio e la più recente Sfogliattellab che propone delle versioni innovative e più moderne come la sfoglia campanella.

Fabio

47 commenti:

  1. Non posso non commentare... bellissime foto di una delle città più belle che tu abbia visitato e fotografato ;)
    ciao
    Fabrizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sicuramente la città più bella che abbia fotografato e visitato :-)
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  2. Con le Vostre foto avete reso omaggio a una delle città più belle d'Italia. L'averla fotografata così naturale, la fa apparire anche pulita, nonostante quello che si dice...Io sono campana e quindi difendo le mie origini. Grazie anche per le indicazioni che provvederò a tenere per i prossimi viaggi. Buon lavoro....
    Maria52

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che non sono stato certo a ripulirla prima di fare le foto :-) Sono i luoghi comuni e l'inciviltà di qualcuno che l'offende. Ma è una delle città più belle al mondo, non solo d'Italia.

      Fabio

      Elimina
  3. Hai fatto benissimo, io non la conosco e mi hai incuriosito :-)

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire un pò di malinconia.....la cattiveria e l'inciviltà, spesso e purtroppo degli stessi cittadini, a volte restano come un'onta indelebile su una città che non lo merita. Le hai reso omaggio nel migliore dei modi. Però io aggiungerei, come consiglio, di assaggiare la pizza fritta da Pellone a Via Nazionale e le sfogliatelle da Attanasio alla stazione ;-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Bella l'idea di parlare dei vostri viaggi.
    Con tutte queste foto mi sembra di aver visitato Napoli anche se non ci sono mai stata.
    Continuate così: aspetto il vostro prossimo viaggio.
    Ciao e buon pranzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :-) Allora ci devi venire, perché è una città bellissima e non si può non vederla.
      Il prossimo...speriamo presto :-)

      Fabio

      Elimina
  6. Ho dei bei ricordi del mio viaggetto a Napoli! Fatalità hai messo al foto dell'ingresso dell'hotel dove sono stata!!

    http://conigliogiallo.blogspot.it/2011/05/napoli.html

    Non è che avete qualche dritta su Amalfi, dove andrò a Natale?
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che io l'ho scoperto per caso in questo giro :-)
      Amalfi è piccolina e si visita facilmente. Non ti saprei però consigliare una struttura in particolare anche perché noi ci andiamo comodamente in giornata. Ti consiglio però di avere un mezzo di trasporto per andare a visitare anche le altre cittadine della penisola.

      Elimina
    2. Sì, avremo l'auto a noleggio e quindi gireremo un po' tutta la costiera! La base per dormire (appartamento) già ce l'abbiamo ad Amalfi ma se avete dritte sul dove mangiare (così evitiamo le trappole per turisti;-).
      Insomma cercasi pizzerie e locali tipici ed autentici ad Amalfi e limitrofi (Vietri, Sorrento, Atrani, Furore, Positano ecc..) :-)

      Elimina
    3. Ti dico la verità, in costiera non ho grandi dritte per quanto riguarda i posti dove mangiare.
      L'unico che mi sentirei di consigliare è l'Antica trattoria a Sorrento, cucina molto curata e ovviamente un po' caro, per una serata speciale. Altrimenti verso Massa Lubrense c'è lo stuzzichino con presidi Slow food. A Sorrento c'è tanta offerta, fatti guidare dall'istinto anche se non sempre sono rimasto soddisfatto. Se nel frattempo provo qualcosa di nuovo, te lo scrivo ;-)

      Elimina
  7. Non sono mai stata a Napoli. Vicina si. Napoli è uno di quei posti che ho nella mia wish list da visitare. Prima o poi, ci vado, ammiro e assaggio :)
    Grazie per questo post e magnifiche foto
    Ciao
    Isabel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dico che non si può non visitare, ti tocca venirci :-)

      Fabio

      Elimina
  8. Che bellezza, sono stata a Napoli tanti anni fa arrivando al mattino presto da Genova in treno e poi partendo la sera per andare alle Eolie, l'ho girata un pochino in centro a piedi e devo dire che mi ha stracolpita, un po' perchè mi ricorda Genova,con i vicoli, il porto, ma decisamente più briosa e divertente, e poi è così bella!!
    Mi piacerebbe tornarci con un po' più calma, magari chissà...e poi la pizza...io come a Napoli giuro non l'ho mangiata da nessuna altra parte!!
    Ciaoooo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, conoscendo un po' Genova è come dici tu. E ti assicuro che non devi insistere, la pizza non è buona come quella di Napoli da nessuna parte :-) Neanche poco fuori Napoli, ti assicuro.

      Fabio

      Elimina
  9. Napoli è una città che ho (purtroppo) solo sfiorato. Inutile dirvi che con le vostre meravigliose foto e appunti golosi la voglia di prendere un treno e venire da quelle parti è ancora più forte...Complimenti davvero. simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, non puoi non venire a Napoli, dai, ora è anche collegata benissimo coi treni veloci :-)
      E se vieni, fai un fischio.

      Fabio

      Elimina
  10. Eh Napoli Napoli... non me la sono mai goduta a dovere perchè l'atmosfera che respiravo a lavoro mi faceva sentire sempre un'estranea anche dopo anni di servizio e per questo l'ho sempre vista solo come il brutto posto dove andavo a lavorare.

    Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah ma che brutto! Dai, devi rimediare e tornarla a visitare per bene, così sostituirai belle immagini a questi ricordi meno piacevoli.

      Fabio

      Elimina
  11. ok! mi hai convinto, ci torno!!! fantastico post e foto stupende, la città è....... unica! ciao, Cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, così mi piaci! Non si può non tornare.

      Fabio

      Elimina
  12. siamo stati a napoli questa estate per 4 gg di ritorno dalla sicilia e ce ne siamo innamorati. rivederla nel tuo post attraverso le tue fotografie mi fa venire le lacrime agli occhi.. e comunque, visto che le pizzerie che cercavo erano tutte e dico tutte chiuse per ferie, ci devo ritornare! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si, ti tocca! Purtroppo è vero, molte pizzerie (come quasi tutte le attività in città) ad Agosto soprattutto si fermano (molte anche la domenica). Non hai scuse.

      Fabio

      Elimina
  13. Questo è un grande omaggio che fate alla "nostra citta'"Napoli merita ,anche se ne dicono di cotte e di crude,
    ma per noi che la viviamo,sappiamo quanto è magica.Bravi,Lisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Tutti luoghi comuni che mi piace smentire ad ogni visita. Restano tutti meravigliati dalla bellezza della città.

      Fabio

      Elimina
  14. Anche le Lunch Girls approfitteranno di queste informazioni.. sperando anche nella guida :)

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto volentieri! Mi fa sempre piacere portare amici a scoprire la città :-)

      Fabio

      Elimina
  15. Che splendido viaggio virtuale mi hai fatto fare!!!
    Grazie, per ora.. aspetto di venirci di persona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io direi che non si può non vedere una città come Napoli.

      Fabio

      Elimina
  16. E' sempre un piacere immenso viaggiare con voi...io Napoli non l'avevo mai vista, grazie!
    ( e quella pizza...che fame, vista a quest'ora!!!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah hai ragione e dopo che l'hai mangiata vorrai sicuramente tornare, perché è troppo buona!

      Fabio

      Elimina
  17. Grazie! per un'attimo ho sognato ad occhi aperti di essere li...poi mi sono svegliata e mi sono ritrovata a casa mia con pioggia e nebbia!! :-( Ah se almeno avessi una sfogliatella!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente una sfogliatella cambia una giornata :-) Si può sempre organizzare una spedizione, no? ;-)

      Fabio

      Elimina
  18. Tanti, troppi anni che non metto piede a Napoli, in cui il mio compagno non è nemmeno mai stato.
    Se riuscirò a tornarci, so a chi guardare per qualche interessante dritta. Bellissime foto, come sempre.

    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi sa che devi proprio portarcelo! A disposizione per qualunque consiglio.
      Grazie

      Fabio

      Elimina
  19. Pensa che a Napoli ci sono stata una sola volta in gita scolastica e non mi ricordo praticamente nulla. Mi piacerebbe tantissimo tornarci e ti assicuro che terrò presente questo tuo post, dettagliato e utilissimo! E magari ci si vede anche :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ricordi delle gite scolastiche spesso son così, non si apprezzano nemmeno i posti che si visitano.
      Nel caso, fatemelo sapere, sarà un piacere farvi da guida.

      Fabio

      Elimina
  20. Il mio cuore è a Napoli, mi sono innamorata di questa città molti anni fa! Le foto sono, come al solito, bellissime e la rappresentano pienamente :) Sono curiosa di provare le pizzerie che hai nominato...escluso Sorbillo che conosco e adoro!

    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che tu sia innamorata diq uesta bellissima città :-)
      Prova le altre pizzerie segnalate, non te ne pentirai ;-)

      Fabio

      Elimina
  21. che post magnifico, caro fabio!
    non sono mai stata a napoli e so che è una lacuna immensa... speriamo di colmarla al più prwsto!
    un abbraccio e buona settimana a te e annalu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, con delle guide d'eccezione come noi, vi tocca venire :-)
      Grazie e buona settimana anche a te.

      Fabio

      Elimina
  22. Bellissimo anche il tuo post sulla tua città, che tra l'altro mi manca all'appello.
    Quando organizzo partirò sicuramente da qui.

    Sa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere e se avrai bisogno di altri consigli, chiedi pure ;-)

      Fabio

      Elimina
  23. bellissime foto, che città meravigliosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Federica. Merito di una città che come dici tu è meravigliosa.

      Fabio

      Elimina