in

Pisarei e fasò

- - 11 commenti

Pisarei e fasò, ovvero gnocchetti di pane e fagioli direttamente dalla cucina tradizionale piacentina.


Pisarei e fasò


Sono tornata a partecipare anche al Club del 27 che questo mese propone ricette a base di gnocchi tratti dal libro "Facciamo gli gnocchi" dell'MTChallenge.

Tra le ricette ho scelto quella di Elena di Zibaldone culinario , una ricetta della tradizione piacentina, in cui i protagonisti sono i fagioli ed ovviamente gli gnocchi ma non i classici di patate che conosciamo tutti, ma fatti con farina e pane grattugiato.

Di questa ricetta ne esiste una versione con un sugo più liquido, io ho preferito un sugo più denso, forse anche perché la pasta e fagioli della tradizione napoletana, che mi è molto più familiare, è ben stretta.


Pisarei e fasò

Pisarei e fasò

Ingedienti:


Per i pisarei:
400 g di farina
200 g di pane grattugiato
20 g di burro
sale

Per il condimento:

250 g di fagioli borlotti (freschi o surgelati)
30g di burro
1 carota
2 costa di sedano
1 spicchio d'aglio
1 scalogno piccolo
1 cucchiaio di salsa di pomodoro
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
grana grattugiato
sale e pepe

Pisarei e fasò

Procedimento


Preparare il condimento: tritare le verdure e versare tutti gli ingredienti ad eccezione del grana del sale e del pepe, in una pentola capiente; coprire con abbondante acqua fredda. Portare a bollore e lasciare sobbollire a fiamma dolcissima per almeno un'ora e mezza. Quando i fagioli sono teneri, spegnere il fuoco e regolare di sale e pepe. Il sugo deve rimanere leggermente liquido.

Preparare i pisarei: setacciare la farina a fontana sulla spianatoia e versare nell'incavo il pane, il sale ed il burro a fiocchetti. Scottare il pane con un po' d'acqua calda (quanta ne serve per ammorbidirlo) e fare raffreddare. Impastare finché non si ottiene una massa omogenea e compatta a cui si darà forma di una palla che si farà riposare, coperta da un canovaccio, per 10-15 minuti.

Trascorso il tempo del riposo, prelevare dei piccoli pezzi di impasto e formare dei cordoncini di circa mezzo centimetro di diametro.

Ricavarne con le mani tanti gnocchetti e modellarli in modo che siano il più uguale possibile.

Riempire di acqua per 2/3 una pentola capiente e portare a bollore. Aggiungere il sale ed attendere che riprenda il bollore.

Versare gli gnocchi, pochi alla volta nell'acqua bollente.
Scolarli con una schiumarola appena vengono a galla ed aggiungerli via via al sugo,
Insaporire con il grana e servire immediatamente.

Note mie:

per ottenere gli gnocchetti della stessa misura, ho allineato i cordoncini fatti e tagliati a cilindretti, quindi li ho leggermente arrotondati tra le mani.

Pisarei e fasò

Con questa ricetta partecipiamo al Club del 27 di Aprile.

Anna Luisa

11 commenti

  1. I nostri pisarei ^_^
    Che gustosi tegamini!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, non li concoscevo, ma sono certa che li riproporrò spesso...sono troppo buoni!
      A presto
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Da piacentina non posso che approvare! Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Milena!
      E complimenti a tutti i piacentini per questa ricetta ;-)
      Anna Luisa

      Elimina
  3. sono bellissimi! e le foto, e i tegami, e la ricetta! TUTTO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Il merito della ricetta, come ho scritto, non è mio, ma per il resto Fabio ed io ti ringraziamo per i complimenti ;-)

      Elimina
  4. Mamma mia che piatto goloso! Mi piacciono tantissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a noi sono piaciuti tantissimo...da replicare sicuramente ;-)
      A presto
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Dico sempre che li voglio provare.... Stavolta, agisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io non li conoscevo.
      Provali e vedrai che non li lascerai più ;-)
      A presto
      Anna Luisa

      Elimina
  6. è un orgoglio per noi piacentini sentire che i nostri gnocchetti piacciono, abbiamo la sindrome del figlio mediano, ci troviamo tra Milano e Parma e gli onori vanno sempre a loro.
    Per quanto riguarda il sugo ormai anche qui, soprattutto al ristorante usano il suo sugo di fagioli ristretto, ormai la versione basotta (più brodosa) è quasi abbandonata. Un bacione e buon week end!

    RispondiElimina

Lasciateci un commento. È molto apprezzato.