giovedì 9 febbraio 2017

Mercatini di Natale a Dresda (seconda parte)


Il tempo non è granché a Dresda, ma oggi abbiamo tanto da visitare (e qualcosa già l'abbiamo visitata "ieri") e da camminare e subito ci dirigiamo verso il Kunsthofpassage. Si tratta di un cortile con palazzi particolari. Quello che più vogliamo vedere però è quello celeste con una serie di instalazoni sulla facciata che suona quando piove. In realtà cadono solo poche gocce di acqua e quindi abbiam modo di sentire solo qualche flebile suono, ma merita una visita anche col sole.






















Altra cosa da vedere nella pate alta della città è il Pfunds Molkerei, un negozio di formaggi che vende anche altri prodotti tipici con delle bellissime ceramiche sulle pareti. Purtroppo non si possono fare foto all'interno (cercatelo su internet).


Nel frattempo ha aperto il mercatino di Augusto che si trova sempre nella parte alta della città, anche se non sembra granché. Ci sono comunque diverse specialità alimentari straniere e locali e qualche bancarella di artigianato. Alla fine del mercatino, verso il ponte, c'è anche il goldener Reiter, una statua equestre dorata. Qui mangiamo un trdlo, il dolce cotto sui carboni che avevamo provato a Praga che tutto sommato è molto vicina, dolce che si trova anche in Ungheria. Facciamo ritorno nella parte bassa della città, dall'altra parte del fiume Elba.




















Attraversato il fiume e ritornati nella parte sud della città, puntiamo diritti verso il mercatino medioevale che si trova all'interno del castello. Questo è davvero molto carino e caratteristico, coi venditori in abiti d'epoca.







Visitiamo il Dom, la Cattedrale, che affaccia sulla piazza del castello. Da fuori è davvero bellissima, l'interno invece è piuttosto spoglio. Dobbiamo sempre tener presente che tutto è stato ricostruito dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale.
Proprio qui vicino c'è il Furtenzurg, il murale lungo 102 m raffigurante la Processione di Principi. Ci sono anche dei lavori di ristrutturazione in corso.





Vorremmo visitare la Gemaldegalerie Alte Meister all'interno dello Zwinger, ma ci sono dei gruppi in coda e veniamo invitati a tornare più tardi in quanto gli ingressi vengono scanditi per non far sostare troppa gente all'interno. Ne approfittiamo per fare una pausa e per ritornare un attimo in hotel dove compriamo i biglietti d'ingresso al pc dell'hotel, sperando di saltare la fila. Visto che è vicina all'hotel, andiamo a vedere la vicina Yenidze, una sorta di minareto orientaleggiante che in realtà era una manifattura di tabacco. Quando torniamo al museo, non c'è più fila ed entriamo subito. Le opere d'arte esposte sono davvero bellissime! Una visita da non perdere e visti gli spazi interni limitati, capiamo ance perché le entrate fossero scaglionate. Il biglietto costa 10 € ma ci sono artisti come Cranach, Tiziano, Botticelli, Mantegna, Vermeer, Rubens, Correggio, Raffaello, Tintoretto, Carracci, Van Dyck, Rembrant, Canaleto...direi che ci siamo capiti, no? Impieghiamo circa un'oretta per la visita senza audioguida.

















Di mercatini in città ce ne sono davvero parecchi. Ce ne dovrebbe essere anche uno con la pista di pattinaggio, ma probabilmente non c'è, perché non lo troviamo. Però ci spostiamo nel Neumarkt, piazza molto grande che ospita un altro mercatino quasi collegato a quello presente sotto la Frauenkirke, anch'essa davvero molto bella, sia all'esterno che all'interno, con la sua caratteristica pianta circolare.
























Non fa freddissimo, ma abbiamo voglia di mangiare qualcos'altro prima di cena e così ci spostiamo al Kuchen atelier che avevamo adocchiato su internet prima di partire. Si trova nella zona della Kreuzkirke, anch'essa molto bella all'esterno, niente di che all'interno. Condividiamo un dolcino molto bello e soprattutto molto buono.
Visto che è ancora relativamene presto, ci spingiamo ancora più a sud nella zona di Prager strasse, una lunga strada commerciale affollata di persone che saltano da un negozio all'altro, ma anche da una bancarella all'altra. Sì, perché lungo la strada ci sono anche tante bancarelle di prodotti di artigianato e di cose buone da mangiare.














Visto che è una bella serata e non fa nemmeno particolarmene freddo (e soprattuto visto che non piove più da un po'), ne approfitto per scattare qualche foto notturna nei posti più belli della città.



















Avevamo chiesto in hotel di prenotarci un ristorane tipico per la cena che avevamo trovato prima di partire, ma purtroppo non c'erano posti liberi e quindi optiamo per il Kutscherschanke dove mangiamo qualche piatto tipico prima di tornare passeggiando in hotel.

A presto col seguito.

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO

Fabio

4 commenti:

  1. che belle foto, che bella città, che voglia di partire che mi hai messo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero carinissima, tutta da scoprire!

      Fabio

      Elimina
  2. Ma che bella Dresda! Io ci sono stata da piccolissima quando vivevamo a Berlino e ne ho un ricordo proprio vago ma molto bello e dolce. Conservo ancora un pachettino di foto in bianco e nero che mio padre mi aveva comprato al museo della porcellana. Non so perché mi fossi fissata con quelle foto, so solo che mi piacevano tanto è le ho sempre conservate come una reliquia! Mi piacerebbe tornarci adesso e vederla per bene in tutto il suo splendore. Deve essere proprio magnifica. Bellissime le foto come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino le sensazioni che potresti provare vedendola oggi :-)
      Grazie!

      Fabio

      Elimina