in

Mercatini di Natale a Londra: secondo giorno (prima parte)

- - 2 commenti


Già ieri siamo riusciti a fare un bel giretto sfruttando il fatto che siamo arrivati a Londra ad ora di pranzo. Se vi siete persi il post, lo trovate QUI.
Visto che già abbiamo visitato in passato la città e che vogliamo anche prendercela un po' più comoda del solito, ci prepariamo ed evitando anche la rush hour che è fino alle 9:30, siamo pronti
ad iniziare questo secondo, intenso giorno di visita a Londra.
Sicuramente ci sarà anche l'occasione di visitare altri mercatini di Natale nel pomeriggio (d'altra parte a Dicembre ci piace proprio girare per mercatini e siamo venuti qui anche per questo!), ma vogliamo anche scoprire  qualcosa che ancora non conosciamo e di insolito di questa sempre fantastica città.
Proprio Flavia, l'amica blogger che ci ospita, poco tempo fa ha pubblicato sul suo blog un post dedicato ad una zona di Londra che mi è piaciuta subito e per questo motivo le ho dato la precedenza rispetto ad altre cose che pure avrei voluto vedere. Sto parlando di Hampstead.
Siamo anche fortunati, il meteo è decisamente dalla nostra parte e quindi alcuni musei che ancora non abbiamo visto e che mi piacerebbe vedere come la Wallace collection ed il Sir John Soane Museum (ma anche il British museum, che vergogna!)  ce li lasciamo per un'altra volta (semmai quando beccheremo pioggia :-p). Inoltre avevo ipotizzato altre possibili visite come al Kyoto garden o a Greenwich o a Little Venice ma semmai queste le visiteremo in un viaggio primaverile.
Arrivare ad Hampstead è piuttosto semplice. Basta infatti prendere la linea nera (la Northern line) in direzione Edgware e scendere proprio alla fermata Hampstead. Impieghiamo circa 40 minuti in totale per arrivarci dalla zona sud est della città.
Già la stazione della metropolitana mi piace un sacco, con i vecchi botteghini dei biglietti.
Mi ero segnato sulla cartina di google maps personalizzata (che ormai mi creo sempre prima dei miei viaggi) tutti i punti più interessanti che Flavia aveva menzionato nel suo post, quindi è stato piuttosto semplice visitare questa zona.
Subito ci spostiamo verso la parte sud, andando a sinistra, uscendo dalla stazione della metropolitana, lungo la A502 fino a Perrin's lane. Quello che si nota subito è che qui non ci sono turisti, peccato davvero, perché è un posto delizioso, con belle casette e tanti negozi interessanti. Ma forse è solo presto. Ma questa cosa è anche un punto a favore. Posto più vero e meno turistico.



















Risaliamo lungo Heat st dove ci sono delle case colorate molto carine (vi consiglio di gironzolare anche nelle varie traversine a destra che troverete) per poi procedere verso Holly hill. Qui è davvero singolare, c'è una piccola stradina laterale che porta su, ma volendo si può percorrere anche la strada principale. Arrivati in cima, su Mount Vernon, andando a sinistra si arriva su Holly walk e su Holly berry lane. Qui ci sono diverse case appertenute a persone note, come stanno ad indicare le varie targhe affisse all'esterno delle case. C'è anche una piccola chiesa cattolica.















Riscendiamo verso l'incrocio sul quale si affaccia la fermata della metropolitana per risalire lungo Healt st. Arriviamo fino alla chiesa battista (che è chiusa), quindi prendiamo Back ln, in fondo alla quale giriamo su Flask walk, una piccola stradina pedonale in cui c'è un ristorante (all'angolo), un fioraio, qualche antiquario ed un bar. Molto carina. Usciti da questa strada, visto che fa freddino, prendiamo una bevanda calda prima di infilarci di nuovo nella Tube e proseguire con la nostra visita. Prendetevi comunque un'oretta/un'oretta e mezza (massimo 2) per visitare Hampstead.















Com'era? Deliziosa, vero? Direi che il suggerimento di Flavia è stato ottimo! Sul suo blog trovate un sacco diq uesti post interessanti, ovviamente non solo di Londra.
Riprendiamo la metro e scendiamo a Moorgate. Siamo di nuovo nella City e siamo circondati dai grattacieli. Proprio qui vicino c'è il Gherkin, il Cetriolo come hanno soprannominato i londinesi questo bellissimo grattacielo a forma di suppostone (ok, cetriolo è più elegante). Il vero nome sarebbe  30 St Mary Axe, un po' triste. Io ne rimango affascinato ogni volta che lo vedo. So che non avrei tempo, ma me lo vado a rivedere.

















La vera meta però è il mercato di Spitalfields che non abbiamo mai visitato prima.
Devo dire che mi ha sorpreso molto positivamente! Non è un mercato trasandato o per turisti. Ci sono tante bancarelle e negozi, oltre a locali e poi c'è una piazzetta con tantissimi venditori di street food. E' quasi ora di pranzo e facciamo volentieri una sosta. Da ognuno dei venditori ci sono le file ed in effetti non saprei proprio quale scegliere. Alla fine mi faccio tentare da un tradizionalissimo fish &chips che desideravo proprio mangiare. Siamo da Poppie's, ordino un haddock (eglefino) regular. E' enorme. Non oso immaginare come sia il large. Spendo meno di 10 £ e ci mangiamo tranquillamente in due.
























Qui in zona ci sono anche altri mercati. L'Ely's yard dovrebbe essere anche lui di street food. In realtà non c'è una grande offerta, troviamo molto più carino quello all'interno dello Spitalfields. Troviamo invece chiuso il Backyard market di Brik lane, probabilmente aperto solo la domenica.












Percorriamo tutta Brick lane fino ad Osborn st. Qui ci sono tanti ristoranti indiani e crediamo una moschea. Passiamo anche per lo Sky garden che però visiteremo domani.




















Ma del resto della giornata ve ne parlerò nel prossimo post.
Andremo infatti al Borough market, saliremo sullo Shard, andremo in una bellissima pasticceria, Peggy Porschen, poi faremo una passeggiata verso il London eye dove visiteremo altri mercatini di Natale e infine andremo a manfiare a Flat Iron sq, un mercato coperto con bancarelle di street food troppo carino.

Fabio

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO



2 commenti

  1. Mi fa molto piacere che Hampstead vi sia piaciuta, e' stata una scoperta recente ed e' un sacco fotogenica! :) Molto meglio del suppostone XD
    Che belle le foto di Spitalfields market, sono luminose, nitide e rendono perfettamente l'atmosfera allegra e multietnica che c'e' ogni giorno! Ho gia' espresso il mio amore per quella signora che cucina, mi verrebbe da abbracciarla :D Ah, aggiungerei che la pizza dei ragazzi di Sud Italia (il furgoncino azzurro che hai fotografato) e' buonissima!
    "Passiamo anche per lo Sky garden che pero' visiteremo domani"(pero' intanto una quarantina di fotografie ce le piazzo lo stesso) auihauiahuiahaiuhaahua scusa XD Mi e' scappata *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero! Hampstead è carinissima! Merita sicuramente un giro in una visita successiva a Londra!
      Lo Spitalfields è ststa la vera scoperta. Mi piacciono un sacco questi posti. Poi mercato più zona street food è fantastico! Davvero, era fantastica la signora!
      Il suppostone era fotogenico, per questo ho messo un bel pacco di foto di quello, ma anche dello Sky Garden, giusto come anticipo per tutte quelle che metterò quando racconterò la visita! Sia chiaro! ahahah

      Fabio

      Elimina