in

Un compleanno sul Gargano

- - 27 commenti


Ormai l'avrete capito, ogni occasione per noi è buona per andare a farci un giretto da qualche parte, in Italia o all'estero è indifferente. "La scusa" questa volta è stato il mio compleanno che cadeva a ridosso dello scorso week end. E allora, approfittando anche di un buono soggiorno da spendere in uno Charme & relax che abbiamo ricevuto abbonandoci ad una rivista...di cucina (ma guarda un po'...), tra le varie possibilità abbiamo scelto la Puglia e precisamente il Gargano, zona a noi sconosciuta nonostante la relativa vicinanza.
La nostra "base" sarà a Monte Sant'Angelo, all'interno del Parco nazionale del Gargano. Posto a 850 m di altezza, con le sue caratteristiche casette bianche, domina il panorama sul golfo sottostante.
Dopo avere lasciato i bagagli in camera, subito ci incamminiamo verso il centro storico e ci imbattiamo nel castello normanno/svevo/angioino. Vorremmo visitarlo subito, anche perché nel pomeriggio abbiamo voglia di andare verso il mare, vista anche la bella e fredda giornata. Purtroppo però sta chiudendo e riaprirà solo verso le 14:30. Ne approfittiamo allora per mettere qualcosa sotto ai denti, visto che è praticamente ora di pranzo e considerato che alla sera abbiamo voglia di cenare in un ristorante che Anna Luisa ha precedentemente scovato su internet dopo avere consultato le nostre guide, ci "accontentiamo" quindi di un panino (rigorosamente fatto con due fette di pane locale e formaggi e salumi del posto) e proseguiamo la nostra visita sino al rinomato Santuario di San Michele Arcangelo, meta di pellegrini da tempi immemori, a causa dell'apparizione in questo luogo dell'Arcangelo. Oltre ad essere un posto molto suggestivo (si scende nel sottosuolo e la chiesa ha per tetto la roccia, bellissima) c'è anche un matrimonio in corso a rendere il tutto ancora più bello.







Scendendo le scalette di fronte al Santuario, notiamo l'indicazione per il ristorante dove dovremmo andare a cena. Leggo il menu affisso all'esterno e subito mi convinco che è il luogo giusto e prenotiamo.



Ci godiamo questi posti, le casette bianche, i caratteristici comignoli sui tetti, il silenzio nelle strade, i profumi che escono dalle case, prima di tornare al castello per la visita.













Subito dopo ci rimettiamo in macchina per dirigerci verso le due perle del Gargano, Vieste e Peschici. Per l'andata scegliamo la strada costiera, anche se in verità il mare è sempre troppo lontano. Giungiamo in una Vieste che si presenta come la tipica località balneare d'inverno, con tutte le strutture ricettive e i lidi balneari chiusi. Ci fa un po' tristezza vista dalla strada e così, visto che i tempi stringono anche, decidiamo di dare solo uno sguardo veloce e di puntare il Tomtom verso Peschici. Ci concediamo un rilassante giretto a piedi tra le sue stradine, dove la vita sembra essersi fermata a qualche decennio fa, prima di fare ritorno in hotel per la più breve strada interna. Mentre attraversiamo la foresta umbra, ci godiamo lo spettacolo della "super moon" che sta sorgendo. Purtroppo non possiamo fermarci lungo la strada, la fotograferemo più tardi, quando sarà un po' più alta.









Stasera fa molto freddo qui e decidiamo di anticipare di un po' la nostra cena. Veniamo accolti dallo chef de "Li jalantuùmene", Gegé Mangano. Il ristorante è così chiamato, come ci spiega la moglie dello chef, perché la Piazza de Galganis, dove ha sede il locale, un tempo era la piazza principale del paese e qui "i galatuomini" erano soliti concludere i loro affari. Di fronte ad un menu da imbarazzo della scelta (in positivo), su proposta dello chef, decidiamo di affidarci alla sua fantasia e creatività. Dall'appetizer al dolce è un susseguirsi di piatti della tradizione studiati e mai banali, oltre che ben presentati e giusti nelle porzioni, il tutto accompagnato da un ottimo vino locale, il Nerone della Marchesa. Lo chef ci spiega che le sue ricette sono sempre legate al territorio, le carpisce anche alle vecchiette del paese che "pedina" in fila alle Poste e poi le ripropone in chiave moderna. E così ci fa spaziare tra ottima ricotta locale, in purezza o nella versione fritta accompagnata da una melanzana ripiena al pomodoro, per poi passare ad un'intrigante zuppa di fave con cardoncelli, alle orecchiette dei lavoratori delle cave, con zucchine e zucca e cacioricotta, agli ottimi ravioli al podolico su salsa di cime di rapa, per poi deliziarci con uno strepitoso filetto di podolica e chiudere con un dolce di ricotta e con le ostie, dolce tipico di Monte Sant'Angelo. E così tra chiacchiere, curiosità e ottima cucina, passiamo una piacevole serata. Inoltre lo chef ci ha detto che il ristorante si sta trasferendo nei locali adiacenti, mentre in quelli dove è attualmente il ristorante, prenderà vita a breve un b&b. L'idea ci sembra molto interessante e speriamo di tornarci per quando i lavori saranno finiti. Altra bella idea è stata quella di creare un segnalibro con l'indicazione di alcuni ristoranti da lui selezionati nei dintorni, per rispondere alla classica domanda "In quel posto dove mi consigli di mangiare?". Inutile dire che se vi trovate da queste parti, sapete dove andare a mangiare...





















Per l'indomani non abbiamo programmi precisi, altre mete possibili sono troppo lontane da qui e nel pomeriggio dobbiamo anche tornare a casa. Così dopo avere fatto colazione, ci rilassiamo presso la SPA del nostro hotel prima di lasciarlo verso ora di pranzo per recarci presso l'Abbazia di Pulsano, ad una decina di km. Non ci resta che prendere la via di casa e  prepararci per il prossimo viaggetto...







Fabio

27 commenti

  1. Mi ritrovo molto nello stile di "visita" che fate, nel tipo di approccio al luogo da conoscere.
    Ricalca un pò anche il modo di fare mio e della mia ragazza, eccezion fatta per le foto che io ovviamente sono un 'cane' in merito senza alcun offesa per il miglior amico dell'uomo che forse ha un senso maggiore della prospettiva rispetto a quanto ne ho io! :P ahahahahahaaha
    Bella la foto dall'Abbazia di Pulsano che spinge l'occhio sino al mare :)
    Conosco Vieste e dintorni per averci passato più di una estate come avrai ben capito dai miei ultimi post...e se posso permettermi...vi consiglio eventualmente di tornarci verso Maggio o a fine Settembre...è una zona davvero ricca di sorprese architetturali, culturali ed anche enogastronomiche.
    Grazie per la bella condivisione :)

    RispondiElimina
  2. Che bei ricordi! Mia cognata è di Vico, tra l'altro è una pittrice e in casa ho parecchi scorci in acquarello di Peschici e Vieste.
    Parte meravigliosa dell'Italia dove si mangia benissimo.
    Interessantissimo post!
    A presto!

    RispondiElimina
  3. Che bel post..io la Puglia ce l'ho nel cuore!!!! Bacioni e auguri in ritardissimo per il tuo compleanno, bacioni, Flavia

    RispondiElimina
  4. magnifico reportage, conosco i posti che avete visitato e li ho rivisti con tanto piacere! grazie! Un abbraccio....

    RispondiElimina
  5. che magnifico reportage! conosco i posti che avete visitato, li ho rivisti volentieri, grazie! Un bacione!

    RispondiElimina
  6. Abbonati ai matrimoni, vedo!
    ... eperchè mi è venuta una nostalgia infinita per i Paesi Baschi???? Vediamo di rifarci in qualche modo, cosa dite?
    Foto grandiose e resoconto davvero ok
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  7. @Mario: si, ho letto recentemente di una delle tue strepitose avventure verso la Puglia :-p A noi piace goderci appieno i posti, in tutte le loro sfaccettature, arte, cultura, relax, buon cibo. La conosciamo ancora troppo poco quella zona, sicuramente sarebbe da tornarci in periodi più vivi per avere un'idea piena di questi splendidi posti.
    @Ale e Mirtilla: si, siamo molto contenti di essere andati in quelle zone!
    @Dana:vero, una zona tutta da scoprire e si mangia anche benissimo che non fa mai male ;-)
    @Ely/Fla: contento di averti riportato piacevoli ricordi. Grazie ancora per gli auguri :-)
    @Chiara: contenti di averti fatto fare un giro virtuale in Puglia.
    @Ale: si, ci abbiamo pensato anche noi. E i paesi baschi non sono l'unica volta che abbiamo beccato matrimoni! :-D
    Cosa diciamo? Che con voi andiamo volentieri ovunque :-D

    RispondiElimina
  8. Ok.se propio volevate farmi invidiare i vostri viaggi,ci siete riusciti.Questi sono i posti magici che preferirei,magnifico.Bacioni,Lisa.

    RispondiElimina
  9. Ho un amico pugliese che vive qui a Palermo e ogni volta mi fa vivere la sua Puglia così come avete fatto voi... peccato che lui non mi fornisca le immagini che invece qui sono strepitose!!!
    :*

    RispondiElimina
  10. P.s. L'anno scorso abbiamo passato sia il mio compleanno che quello di mio marito fuori all'estero... quest'anno per il mio eravam a casa... vuol dire che non partiremo nemmeno per quello del marito ad agosto???? ;)

    RispondiElimina
  11. Ciao ragazzi, passate a trovarmi che ho un premio per voi e il vostro blog! Buona giornata

    RispondiElimina
  12. bella scappatella! buon compleanno Fabio!
    io aspetto Pasqua :)

    RispondiElimina
  13. Bellissimo reportage,e anche se conosco il luogo,ho guardato con occhi diversi.Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  14. ci fate sognare con i vostri reportage! e che bella la puglia così fuori stagione... grazieeeeee!

    RispondiElimina
  15. Bellissime foto, non avevo mai visto quei tetti a zig zag danno l'impressione che le case siano state tirate verso l'altro, e anche le foto del cibo hmmm, grazie del giretto virtuale, immagino anche che bello andare fuori stagione, ai tempi lo facevo anche io. Bacioni, e buona domenica.

    RispondiElimina
  16. Il Gargano ti prende il cuore inevitabilmente, Monte Sant'Angelo è una vera perla, come tutta la Puglia del resto, complimenti e grazie per regalarci queste belle immagini!!
    Buona Domenica!!

    RispondiElimina
  17. @Lisa: :-D Poi i posti di mare fuori stagione hanno sempre un fascino particolare.
    @Stefania: si, sono posti splendidi. Guarda, io l'ho portata a NY e lei ha portato me sul Gargano, ti sembra giusto??? Allora anche quello di tuo marito a casa :-p
    @Vale:grazie, passo subito!
    @Gio: grazie. Dai che la Pasqua è vicina ;-)
    @Maria: grazie, è un piacere condividere i nostri giretti :-)
    @Cristina b.Vero, splendida anche in primavera.
    @chamki:hanno delle costruzioni particolarissime, dentro hanno tutte i tetti in pietra a volta.
    @chabb: sono pienamente d'accordo con te ;-)
    Fabio

    RispondiElimina
  18. Vi ringrazio di cuore per tutte le splendide foto!! Ho sempre sentito parlar bene del Gargano e mi era venuta una gran voglia di visitarla... avevano ragione allora! Un abbraccio e buonissima settimana

    RispondiElimina
  19. Grazie a te per essere passata a visitarci e per avere lasciato un commento. Sono posti da visitare sicuramente.
    Fabio

    RispondiElimina
  20. E che magnifioco reportage, bravi ragazzi, un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  21. grazie del fantastico report sul gargano è un luogo dove non sono mai stato, grazie è un modo per conscere l'Italia

    RispondiElimina
  22. Grazie a te. L'Itlai è piena di sposti splendidi, non si finisce mai di conoscerla.
    Fabio

    RispondiElimina
  23. Complimenti ragazzi, che foto! ciao Alex

    RispondiElimina
  24. Grazie mille Alex. La bellezza dei posti e dei piatti ha sicuramente aiutato ;-)
    Fabio

    RispondiElimina