giovedì 10 settembre 2015

Per i pastaoli come me: Tortiglioni al pesto di pomodori


Per quanto giriamo il mondo, non riusciamo a trovare una cucina all'altezza di quella italiana. Tutti i Paesi hanno una propria tradizione che rispecchia la cultura del posto, le tradizioni ed ovviamente sfrutta appieno il patrimonio produttivo della terra, ed in ogni posto dove andiamo troviamo dei piatti che contribuiscono a farci innamorare del luogo che stiamo vistando. Così è stato per i Pasteis de nata per il Portogallo, per i piatti a base di salmone in Islanda, per la clam chowder nel New England, per la frittata di ostriche a Taiwan, per il Pad Thai in Thailandia e potrei continuare in un elenco infinito, ma difficilmente abbiamo trovato una cucina completa e varia come quella italiana. Solo i nostri cugini d'Oltralpe potrebbero tenerci testa ed in alcuni campi credo che ci battano addirittura, ma non sono sicura che abbiano una varietà di piatti come la nostra, che differisce da regione a regione e da città a città.
Un filo conduttore però percorre tutto lo stivale: i primi piatti di pasta. Condita con sughi freschi o al forno, fresca o secca, rossa o bianca, non c'è regione che non annoveri tra i suoi piatti tipici la pasta.
Considerata da sempre alla base della dieta mediterranea, come principale fonte di carboidrati, oggi è stata un po' bandita dalle tavole di molti italiani, vuoi per le diete (oggi di moda le isoproteiche che eliminano del tutto i carboidrati), vuoi perché pare che un eccesso di glutine in essa contenuto darebbe origine a vari tipi di intolleranze.



Fatto sta che alcuni studi hanno rilevato che la pasta permette una produzione di triptofano nel nostro organismo, donandoci il buonumore. Sicuramente non ho fatto test a riguardo, ma devo dire che effettivamente la pasta è uno di quegli alimenti "appaganti" che, seppure senza eccedere, mi piace consumare. Personalmente la preferisco in piatti semplici, dove ci sia un giusto equilibrio tra pasta e condimento, insomma, sono quella che si potrebbe definire una "pastaiola".
Oggi vi propongo un piatto semplice, ma gustoso, con i sapori mediterranei del Sud Italia e sono certa che già la prima forchettata metterà di buonumore anche voi.
Noi abbiamo la fortuna di vivere a due passi da Gragnano, città famosa per la produzione di pasta di qualità, trafilata al bronzo. Per questa ricetta abbiamo utilizzato la pasta del Pastificio Carmiano, una piccola e nuova azienda di cui vi abbiamo parlato in questo precedente post.



Tortiglioni al pesto di pomodori
Ingredienti:
300 g di pasta del Pastificio Carmiano di Gragnano
200 g di pomodori ciliegia
2 spicchi d'aglio
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di capperi
10 olive nere
10 pomodori secchi
4 cucchiai di olio evo
1 mazzetto di basilico
sale

Lavate i pomodori, asciugateli, tegliateli a dadini e metteteli da parte. Tritate finemente l'aglio, i pinoli, le olive denocciolate, i capperi, i pomodori secchi ed il basilico. Scaldate l'olio in una padella antiaderente e fatevi saltare i pomodorini per 1 minuto. Aggiungete gli altri ingredienti e mescolate a fuoco vivo. Cuocete la pasta al dente, scolatela e fatela saltare in padella con il condimento.



Pastaioli o non, è difficile resistere ad un piatto così gustoso.

Anna Luisa

15 commenti:

  1. Anche io, come te, sono decisamente una "pastaiola", infatti mi hai fatto proprio venire l'acquolina in bocca con le tue foto ;) Complimenti per il tuo blog e per le tue capacità culinarie :D - Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara! ^_^ In realtà una parte dei complimenti va a Fabio perché e lui che fa le foto (anche a me piacciono tantissimo, ma non diciamoglielo ;-)), quindi ti ringraziamo entrambi ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Buonissima!! Ecco, da pastaiola quale sono, me ne mangerei un catino, altro che modica quantità!!
    Davvero ghiotta!!
    Buon we!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, non diciamolo troppo ad alta voce, ma non mi sono rporio limitata davanti a questo piatto ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Io sono a dieta ma la pasta nelle mie ricette concesse non manca mai, con i condimenti bilanciati diventa anche uno splendido piatto unico, come questa pasta, fa venir voglia solo a guardarla, buona serata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely!!! :-) Effettivamente la migliore dietaè quella bilanciata, dove è presente un po' di tutto...e così non siamo costrette neanche a rinunciare ad un buon piatto di pasta ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  4. Non amo particolarmente i capperi, ma il resto è perfetto. Anche io pastaiola. Mi incuriosisce la presenza dei pomodori secchi insieme a quelli freschi, è per fare meglio il sughetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non amo particolarmente i capperi, ma qui ci stavano benissimo :-P
      I pomodori secchi servono per dare un sapore più deciso e ai pomodori...prova e poi mi dirai ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Sai qual è secondo me il prolema della pasta? E' che è talmente buona che la si mangia velocemente e non ci si rende conto del senso di sazietà e alla fine se ne mangia sempre di più del necessario. Bisognerebbe abituarsi a dimezzare le dosi, così non ci si priva di un piatto meraviglioso come questo e al tempo stesso non si ingrassa.
    Questo condimento mi piace molto, come anche il formato, che non ho mai provato, mi sa che raccoglie molto bene il sugo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione su tutto. Purtroppo temo che la bontà della pasta dia una vera e propria dipendenza e con un formato che lega il sugo come questo poi...;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  6. Non so come non so quando...ma ho scoperto il vostro blog e mi piace tantissimo...sarà anche perchè adoro cucinare, adoro fotografare, e mi sembra che qui ho trovato due persone che hanno due passioni come me. Complimenti e questa pasta al pesto...buona da mangiarla anche a colazione! Anche io ho aperto dopo ripensamenti vari un blog, ancora piccolo piccolo, se venite a farmi visita sarete i benvenuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabry per i complimenti e per aver apprezzato tanto il nostro blog ;-)
      Passeremo sicuramente a trovarti e ti diamo un grosso in bocca al lupo per il tuo blog ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  7. Ultimamente a dieta, ma senza (giammai) eliminare la pasta! E questo sugo semplice e saporito mi piace assai, quasi quasi ve lo copio!

    RispondiElimina
  8. io mangio poca pasta (non perchè non mi piaccia anzi...ma per la perenne dieta) quindi quando succede, purtroppo un paio di volte al mese devo smetterla di condirla solo con un filo di olio che mi ha scocciata.... voglio un condimento meraviglioso come questo!!! (anche la ceramica è bellissima!)

    RispondiElimina
  9. Metti pasta e pomodori nello stesso piatto fatti in qualunque modo e mi rendi la donna più felice del mondo! Questo pesto poi...deve essere delizioso! *.*

    RispondiElimina