martedì 21 aprile 2015

Berlino: quarto giorno


Già ci siamo fatti una bella idea della città nelle giornate precedenti (trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei diari di viaggi), ma abbiamo ancora una giornata intera per scoprire altre parti interessanti di Berlino. Anche stamattina abbiamo prenotato una visita al museo, il Neues, per le 10, all'apertura. Per far riposare un po' di più Anna Luisa, visto che io sono sempre più mattiniero e non voglio perdere momenti preziosi quando sono in giro a visitare un posto nuovo, decido di andare da solo a vedere la East side gallery, immaginando che essendo domenica mattina, non troverò i turisti intenti a far foto (di tutti i generi :-) e potrò scattare le mie in tranquillità . Comunque avrò modo di ritornarci con calma con Anna Luisa più tardi.
La sera precedente mi sono studiato il percorso. La fermata a cui conviene scendere è la Ostbanhof. Qui, tra l'altro, la domenica mattina c'è anche un mercato. Arrivo prestissimo e difatti ci sono i primi ambulanti che stanno montando le bancarelle, alle spalle della stazione. Conviene invece uscire direttamente dall'entrata principale, attraversare lo stradone principale e si è alla East side gallery, ovvero la porzione di muro più lunga che è stata conservata (circa 1,3 km). Ed è quella che è stata caratterizzata dai murales di diversi autori, alcuni dei quali sono davvero famosissimi ed un'icona della città. I principali si riconoscono dalle installazioni esplicative poste sulla strada. Qui il muro dà proprio il senso della divisione, dell'aver separato da un giorno all'altro persone che si conoscevano e frequentavano. Un'altra assurdità dell'uomo. Non c'è nessuno, come immaginavo, il sole è sorto anche da poco e mi incrocio solo con un altro paio di turisti/fotografi che hanno avuto la mia stessa idea. Qui c'è anche lo stadio che ha visto le gesta della nostra nazionale nel mondiale del 2006 e non posso non fotografarlo. Scatto le mie foto, potrei prendere la metro alla fine del muro, ma essendo un po' più complesso tornare in hotel con questa linea, ritorno alla fermata dove sono arrivato (saranno 10 minuti a piedi o poco più) e rientro in hotel per recupere Anna Luisa che intanto ha fatto colazione.




























Da qui ci dirigiamo verso il Neues museum, l'altro che da casa avevo deciso di visitare (e che abbiamo prenotato), museo egizio dove spicca il busto della regina Nefertiti. Anche stamattina c'è poca gente in attesa e subito entriamo. Non è bello come il Pergamon, ma è comunque un bellissimo museo che raccomando di visitare (ci vuole almeno un'ora e mezza).
Riprendiamo la metro e torniamo ad Ostbanhof. Facciamo un giro per il mercato che nel frattempo si è animato, quindi ripercorriamo la East side gallery senza fermarci per altre foto, se non qualcuna ricordo personale. A piedi raggiungiamo con una bella passeggiata la zona di Boxanger platz dove c'è un mercatino dell'antiquariato che era segnalato sulla guida. Nel fine settimana ce ne sono diversi in diversi punti della città












Abbiamo ancora un bel po' di tempo a disposizione e allora decidiamo di recarci allo zoo che non avevo incluso nelle cose da vedere. Devo dire che non amo molto il genere, mi sembra una costrizione troppo grande per gli animali vivere in spazi così angusti, e diventare uno spettacolo per gli uomini lo trovo triste. Ma molto sono nati in cattività ed è spesso l'unica occasione per poterne vedere qualcuno da vicino. Così mi lascio convincere, anche perché lo zoo di Berlino è famoso e ne approfitto per qualche foto agli animali. Per fortuna sono anche piuttosto attivi nelle ore centrali della giornata e trascorriamo un po' di tempo piacevolmente in questo grosso parco.





















Abbiamo prenotato la visita alla torre della tv (Fernsehturm per le 16:45, poco prima del tramonto. Abbiamo scelto l'opzione "fast view" per salire subito senza fare la coda. Facciamo la fila dedicata, quindi c'è il controllo al metal detector e poi si prende il velocissimo ascensore per salire su. C'è un bar piuttosto caro, gente che beve (anche un po' troppo) e cerchiamo di gustarci un tramonto che di fatto non c'è. Il sole scompare dietro le nuvole e quindi riscendiamo.









Torniamo a Potsdamer plat per un ultimo giretto e qualche foto, quindi ci spostiamo ad Alexander platz per fare qualche foto in notturna alla torre della tv, passiamo in hotel e ci prepariamo per la sera. Lascio lo zainetto in hotel e ci concediamo una bella serata presso il panoramico ristorante Solar. Facciamo un po' fatica a trovarlo. E' all'interno di un condominio, l'entrata non è ben visibile, sembra un club privato e la clientela è piuttosto selezionata ed elegante. La cena è buona, la presentazione dei piatti è sempre ben curata, anche se un po' particolare è l'accostamento dei sapori. Ottimi i dolci.




Prendiamo un bus e poi la metro a Potsdamer platz per rientrare in hotel e preparare la valigia.
Il giorno seguente infatti facciamo colazione con clama e verso le 9 ci dirigiamo verso Alexander platz per prendere il TXL jet express  bus per l'aeroporto. In un'oretta scarsa siamo nel piccolo aeroporto, ci spostiamo nell'ancor più piccolo terminal C e mangiamo qualcosa in attesa del volo di rientro che sarà piacevole come quello di andata. Ne approfitto per scattare qualche foto agli aerei.


Siamo davvero contenti di questa visita, Berlino ci ha sorpresi e conquistati pian piano. E' una città da scoprire e che ha tanto da offrire. Consigliamo semmai di attendere la fine dei lavori della metro e la chiusura dei tanti cantieri cittadini per viverla o riviverla al meglio.

Fabio

8 commenti:

  1. Consiglio ricevuto, quest' anno non credo di riuscire ma l' anno prossimo voglio andarci!!!
    Grazie per le foto, come sempre belle e gradite!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che il mio racconto te ne abbia fatto venire voglia :-)
      Poi aspetto le tue impressioni.

      Fabio

      Elimina
  2. Devo leggermi con calma i vari capitoli, perché Berlino mi è stata consigliata più e più volte e, anche se mio marito odia il tedesco, spererei di convincerlo prima o poi!
    Con calma arrivo eh?!?! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah si può fare anche a meno da turisti di parlare tedesco :-D non se ne accorgerà nemmeno :-) probabilmente è la meno tedesca tra quelle che ho visitato, è una città internazionale e moderna.
      Lo convincerai :-)

      Fabio

      Elimina
  3. Grazie delle belle immagini certo vedere Berlino oggi è tutta un altra cosa io sono stato a Berlino nel 1984 c'era un altra vita è divenuta una magnifica città che cambiamento

    RispondiElimina
  4. Immagino! Sarebbe stato bello vederla anche prima della caduta. Un'altra città proprio.
    Rimarrai molto sorpreso se avrai modo di ritornarci.

    Fabio

    RispondiElimina
  5. Visiterei Berlino solo per ammirare questi splendidi murales, belle foto complimenti ^^ !

    RispondiElimina
  6. Vero, Elena. Sono un pezzo di storia e da soli meriterebbero il viaggio.

    Fabio

    RispondiElimina