giovedì 29 settembre 2016

Calamari imbottiti di cous cous


Vi ho già proposto tempo fa la ricetta dei calamari imbottiti. La versione che vi presentai all'epoca era quella di casa mia, la classica versione napoletana con pane, uvetta e pinoli.
Essendo la Penisola molto vasta ed avendo una ricca tradizione gastronomica di mare, a seconda della Regione in cui ci troviamo, i calamari vengono riempiti in vario modo, per cui, se in Liguria troveremo anche gli spinaci nel ripieno, nel resto d'Italia il ripieno potrà essere composto anche da altre verdure come zucchine o melanzane. Anche il componente base che nella cucina napoletana è il pane, altrove viene sostituito dalle patate.
Pensando a quante varianti si possono realizzare di questa ricetta, che potrebbe essere tranquillamente considerata svuota-frigo all'occorrenza, mi sono imbattuta in una versione siciliana che non si discosta molto da quella napoletana. Ho voluto però cambiarla, dandole un'impronta più legata all'isola ed ho deciso di farcire i calamari con il cous cous.
Questo alimento di origine nordafricana, è molto utilizzato in Sicilia, tanto che ogni anno viene organizzato il Cous cous festival a San Vito lo Capo, quindi mi è sembrato adatto per farcire i calamari.
Tuttavia ho voluto dare comunque ai calamari una nota campana ed ho aggiunto un cucchiaio di colatura di alici di Cetara all'acqua del couscous.
Il risultato è un piatto nuovo, ma di cui si possono fare infinite versioni cambiandone semplicemente gli ingredienti.


Calamaro imbottito di cous cous

Ingredienti:
4 calamari di media grandezza
150 g di cous cous
80 g di pinoli
50 g di uvetta
10 g di capperi dissalati
1-2 cucchiai do colatura di alici di Cetara
200 g di pomodori (del piennolo, possibilmente)
olio extravergine d'oliva (evo)
sale
semi di peperoncino


Pulire i calamari eliminando la sacca che contiene la penna di cartilagine e la pelle. In una padella mettere a riscaldare un paio di cucchiai di olio evo. Tagliare a pezzetti i tentacoli del calamaro e metterli a rosolare nella padella per 5 minuti.
Nel frattempo, in una ciotola fare ammorbidire l'uvetta in acqua calda per 10 minuti.
Preparare il cous cous: mettere 3 dl di acqua in una pentola e portare ad ebollizione. Quando l'acqua bollirà aggiungere la colatura di alici di Cetara ed il cous cous. Coprire e lasciare riposare per 15 minuti
Trascorso il tempo sgranare il cous cous (con le mani o con la forchetta), trasferirlo in una ciotola ed aggiungere i pinoli, l'uvetta strizzata bene, i tentacoli dei calamari, i capperi ed un filo d'olio evo. Salare leggermente e mescolare il tutto. Con questo ripieno, farcire i calamari e chiuderli con l'aiuto di uno spiedino metallico.
Aggiungere un altro paio di cucchiai di olio evo nella padella in cui abbiamo fatto rosolare i tentacoli. Riscaldare e fare rosolare i calamari girandoli in modo che prendano un colorito uniforme. Dopo circa 5-10 minuti, quando i calamari saranno ben rosolati, aggiungere i pomodori tagliati a metà, salarli leggermente, aggiungere, se si vuole, dei semi di peperoncino e lasciare cuocere coperto per 15-20 minuti, finché i calamari saranno teneri ed i pomodori avranno prodotto un gustoso sughetto.
Servire caldi o freddi tagliati a fette.


Come dicevo, di calamari imbottiti ne esistono infinite varianti, ma devo dire che questa la riproporrò sicuramente.

Anna Luisa

5 commenti:

  1. Dopo il pieno di calamari fatto in Grecia ho tanta voglia di ritrovare quei sapori, sperimentando diversi accostamenti! Questa imbottitura di cous cous mi ispira davvero moltissimo, ma anche la prima versione di casa tua non scherza ;)

    RispondiElimina
  2. E' una versione secondo me davvero originale e deliziosa!!
    Brava Anna Luisa!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  3. Versione fantastica! La colatura è una genialata! ;)

    RispondiElimina
  4. Ma che idea con il cus cus ... buonoooo ho preso nota mi serve qualcosa di stuzzicante. Buona fine settimana un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, è una bella variante col cous cous.. io ho usato i cereali misti, questa possibilità me la tengo per la prossima volta!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina