venerdì 15 novembre 2013

Una ricetta della tradizione: il calamaro imbottito


Dopo avervi portati a colazione negli Usa, aver fatto una passeggiata sulle bianche spiagge caraibiche, aver fatto un giro "on the road" per le strade americane, torniamo a Napoli con un piatto tipico che amiamo tantissimo: il calamaro ripieno o per meglio dire imbottito.
Dovete sapere che quando ero piccola mia zia mi preparava sempre dei piatti buonissimi, ma purtroppo, nonostante facesse dei primi, delle torte rustiche ed anche dei dolci ottimi, quando mi preparava il pesce, in casa si consumava una tragedia. Non lo volevo mangiare assolutamente. Certo, non ero una bimba che necessitava di mangiare a tutti i costi, ma mia zia mi voleva troppo bene per lasciarmi digiuna. Quindi si inventava qualunque espediente per farmi mangiare il pesce. Gli preparava un sughetto di accompagnamento, lo aromatizzava come meglio poteva, arrivava addirittura a presentarmelo coperto da uno strato di maionese...ma io nulla, non lo volevo.
Un giorno venne a pranzo da noi uno zio che abita a Roma e le chiese di preparagli uno dei suoi piatti preferiti che mia nonna cucinava loro quando erano ragazzi.
Ricordo che rientrando a casa da scuola chiesi a mia zia cosa fosse quel profumo che sembrava di pesce, ma che era "buono". Aveva preparato il calamaro imbottendolo con del pane, dei pinoli e dell'uvetta e con i suoi stessi tentacoli saltati in padella, il tutto accompagnato da qualche pomodoro che aveva generato un sughetto eccezionale. So bene che il calamaro, essendo un mollusco, non può essere definito pesce in senso stretto, ma da quel giorno è stato raggiunto un equilibrio tra quello che per mia zia poteva essere considerato pesce e quello che per me pesce non era perché troppo buono.
 Crescendo, ho poi imparato ad apprezzare i piatti di pesce, ma quando ho qualche ospite a cui mi fa piacere far provare la cucina napoletana, mi viene spontaneo pensare subito a questa ricetta e servire il calamaro come antipasto, tagliato a rondelle su dei crostini, oppure come secondo, o come lo serviva a volta mia zia, a rondelle come condimento per un piatto di spaghetti. Insomma, in qualunque modo voi vogliate presentarlo, sono certa che lo apprezzerete come noi.


Calamari imbottiti

4 calamari di media grandezza
la mollica di due panini (regolarsi in base alla grandezza dei calamari)
80 g di pinoli
50 g di uvetta
200 g di pomodori (del piennolo, possibilmente)
olioevo
sale

Pulire i calamari eliminando la sacca che contiene la penna di cartilagine e la pelle. In una padella mettere a riscaldare un paio di cucchiai di olio evo. Tagliare a pezzetti i tentacoli del calamaro e metterli a rosolare nella padella per 5 mnuti.
Nel frattempo, in una ciotola ammollare il pane nell'acqua e strizzarlo bene.
In un'altra ciotola, fare ammorbidire l'uvetta in acqua calda per 10 minuti.
Aggiungere al pane contenuto nella prima ciotola i pinoli, l'uvetta strizzata bene, i tentacoli dei calamari ed un filo d'olio evo. Salare leggermente e mescolare il tutto. Con questo ripieno, farcire i calamari e chiuderli con l'aiuto di uno spiedino metallico.
Aggiungere un altro paio di cucchiai di olio evo nella padella in cui abbiamo fatto rosolare i tentacoli. Riscaldare e fare rosolare i calamari girandoli in modo che prendano un colorito uniforme. Dopo circa 5-10 minuti, quando i calamari saranno ben rosolati, aggiungere i pomodori tagliati a metà, salarli leggermente e lasciare cuocere coperti per 15-20 minuti, finché i calamari saranno teneri ed i pomodori avreanno prodotto un gustoso sughetto.


Non avendo una ricetta precisa ho dato dei tempi e delle quantità approssimative, sapendo che saprete regolarvi voi stessi. Alcuni aggiungono al ripieno anche delle olive bianche tagliate, che ci stanno bene, ma io ho voluto riportarvi la ricetta originale come li preapara mia zia...ed ora anche io.


Con questa ricetta partecipo al contest "L'Italia nelle nostre tavole-Ricette regionali" di Deliziandovi


Anna Luisa

44 commenti:

  1. E' un piatto che sposa volentieri la mia non simpatia per i pesci e l'amore di mio marito per i calamari. Io lo preparo con un ripieno differente, ma pinoli e uvetta saranno deliziosi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, questo è un piatto che mette d'accordo un po' tutti...nessuno gli resiste ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Eccola qui! Ho un amico di origini napoletane, che mi ha sempre parlato con nostalgia dei calamari ripieni che gli preparava sua zia negli anni in cui studiava ingegneria a Napoli. Di voi mi fido assai, quindi la copio e raccolgo questo "tesoretto" per usarlo a momento debito. Un grazie sentito da parte dell'ignaro amico che prima o poi avrà una sorpresa ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulietta, sono sicura che farai una bella sorpresa al tuo amico ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Adoro il calamaro ripieno in ogni sua forma e con ogni ripieno.. ma questo, con pinoli e uvetta (che adoro abbinati a piatti salati e, soprattutto, di pesce), deve essere eccezionale!
    Lo proverò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulietta, anche io ho una predilezione per i pinoli e per l'uvetta...messi insieme e dentro questo calamaro poi...mi fanno imazzire! :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  4. Che bontà Anna Luisa!! Amo i calamari ripieni e lo voglio provare alla tua maniera!!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, sono felice che ti ispiri la mia ricetta ^_^ Fammi sapere quando la provi ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Sulla scia di ciò che ha appena scritto Fabio su FB (calamari vs. oreo)....io personalmente impazzisco per i calamari. Purtroppo non ho l'abitudine di cucinarli a casa, come il pesce in generale...e quindi nutro una pura ammirazione quando li vedo cucinati (e presentati) in un modo così goloso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, sembrerà strano, ma mi è molto più semplice preparare una torta che cucinare un piatto salato...però in questo caso lo sforzo ha dato ottimi risultati ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  6. Chissà perchè i bambini abbiano questa repulsione per il pesce dato che poi da grandi spesso ne diventiamo ghiotti!
    Ho già chiesto a Fabio dettagli sulla ricetta....presto la ripeterò nella mia cucina!! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tery, hai ragione, non so perché ai bambini non piaccia il pesce, ma l'importarsi è "redimersi" crescendo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  7. Annalù, tu mi fai prigioniera. Io amooo il calamaro ripieno ma non lo faccio quasi mai perché da noi pesce decente se ne trova poco. Però quel sughetto che si forma, la dolcezza della polpa ed il ripieno che assorbe tutti gli aromi mi mandano letteralmente in visibilio. Mi hai fatto venire una voglio pazzesca.
    La primo volta che li ho fatti, avevo messo troppo ripieno, e non sapevo che cuocendo il calamaro si riduce. Quando sono andata a guardare la padella, con i calamari che avevano la metà del ripieno fuoriuscita come degli Alien assai poco piacevoli a guardarsi, ho cominciato a urlare in cucina come una pazza...Non riuscivo a fermare la disfatta....mio marito rideva come un matto ed io ho servito dei calamari...con ripieno a parte!
    Questi tuoi sono meravigliosi!
    Ti abbraccio e a prestissimo! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty, allora devi assolutemente venrci a trovare, così ti farò provare del pesce buonissimo (qui se ne trova di freschissimo :-P)
      Anche io ho avuto lo stesso inconvenienete la prima volta...ma sbagliando si impara ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  8. se mi inviti a cena me li fai Annalu? io vengo se mi inviti!
    bellissimi, si sente il profumo da qua!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che ti invito ed ovviamente ti preparo i calamari imbottiti ;-)
      A presto
      Anna Luisa

      Elimina
  9. Mi unisco al coro: ricette così belle e sentite sono un patrimonio da tutelare...Bravi ragazzi, sempre molto "avanti".
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, per noi è una ricetta della tradizione, che abbiamo avuto sulle nostre tavole fin da bambini, eppure per trovare dei piatti eccezionali a volte non bisogna andare tanto lontano ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  10. Brava,a Napoli lo facciamo cosi' ed è originalissimo;che spettacolo le tue foto,figuriamoci il calamaro!Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, è uno dei miei piatti napoletani preferiti...e pensare che quando ero piccola non amavo il pesce...:-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  11. lo adoro...a volte però, visto che son pasticciona lo riempio troppo e...zac! Scoppia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se posso dirtelo, anche il ripieno fuoriuscito mi piace da morire, quindi se succede...pazienza ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  12. Conosco molto bene il calamaro imbottito...una delizia. Il problema che quel sughetto non può finire che in un intero filoncino di pane e il pane ben intriso di quel sughetto non può finire che sui miei fianchi....che tragedia questi metabolismi storditi e lenti! Brava anche a seguire la ricetta originale, io la vario sempre un pochino. Comunque splendida ricetta e come al solito bella anche la presentazione... Un abbraccio, cari, e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ros Mj, non ci pensare...un po' di moto in più e questo calamaro diventerà solo un bel ricordo :-)
      Sarei curiosa di conoscere le tue varianti, sono certa che saranno buonissime :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  13. Il calamaro ripieno è anche una preparazione tipica siciliana, a volte mi concedo qualche variazione: levo le uvette ed aggiungo un pò di capperi e delle olive nel sugo.... ma qualunque variante faccio alla fine lo imbottisco sempre troppo e mi "scoppia".
    Bellissime fotografie, come al solito.
    Un bacio a tutti e due, Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, anche con capperi ed olive deve essere buonissimo, ma al dolce dell'uvetta non so rinunciare :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  14. Io non amo l'uvetta nelle preparazioni salate, suggerisco la mia variante: nell'impasto metto olive nere snocciolate e prezzemolo, in padella cipolla tagliata sottile e vino bianco (al posto del pomodoro). Un bacio da Napoli :-)
    Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla, è decisamente nteressante anche la tua versione bianca...assolutamente da provare ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  15. Sai che pensavo fosse una ricetta siciliana? I li faccio alla mia maniera con ricotta, tentacoli e quello che trovo in frigo ma questa prima o poi devo proprio provarla.
    Foto bellissime!!!
    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, alla ricotta non ci avevo mai pensato...mi sa che presto proverò tutte le varianti che mi avete suggerito ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  16. Il calamaro imbottito, il suo profumo è inconfondibile! E' un classico a Napoli, con l'uvetta e i pinoli, ed è anche la versione che preferisco.
    Vedo che i tuoi sono perfetti. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei gentilissima!!! ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  17. Questo lo adoro e quando torno a casa di "mammà" lo gusto sempre con piacere, i vostri sono perfetti!

    RispondiElimina
  18. voi mi viziereste anche con una pasta in bianco! ne sono certa!
    qst calamaro bello tradizionale mi stra piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, come minimo ti condirei la pasta con ualche pezzetto di calamaro imbottito ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  19. a mia mamma piacciono tanto i calamari ripieni ma li fa senza uvette perchè mio fratello storce il naso..
    ora, o erano delle grandi le zie di una volta che riuscivano ad accontentare tutti oppure siamo noi gioventù rompiscatole.
    ma alla fine anche mia mamma ha trovato il ripieno "accontentatutti", ed i calamari imbottiti vanno forte anche a casa nostra..
    io però penso a quel pomodorino del piennolo.. che farebbe la differenza....
    bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena, erano veramente brave ad accontentare tutti ed ora sono curiosa di conoscere l'imbottitura che utilizza tua madre per non deludere nessuno ;-)...mi svelerai il segreto in cambio di qualche pomodoro del piennolo? ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  20. che bella ricetta, mi aiutate a "svecchiare" la mia sempre uguale da anni! Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, il bell dei ripieni è cambiarli come vuoi...ma io a questo sono molto affezionata ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  21. Ohhh adoro il calamaro ma non so mai come cucinarlo questo ripieno è favoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely!!! ^_^ Provalo con questo ripieno, sono certa che ti conquisterà ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  22. Ma che buono!
    E ora come si fa? Io ho fame :D

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiacente, è già finito :-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina