giovedì 26 novembre 2009

Preparazione sushi





I Giapponesi sono dei veri e propri maestri nella preparazione del sushi. A parte una scelta scrupolosa degli ingredienti utilizzati, il pesce in primis, curano in maniera maniacale l'estetica del piatto. Il cibo per loro deve essere buono ma anche bello da vedere. E' inutile dire che le loro preparazioni colpiscono.
La loro è una cucina molto sana, a base di riso, pesce freschissimo, verdure e carne che vengono accompagnate con salsine varie, wasabi (pasta di rafano) e zenzero.
Non mi ritengo neanche lontamente vicino ai bravissimi maestri giapponesi, ma con qualche attrezzo apposito e un po' di pazienza si ottiene comunque un risultato accettabile e d'effetto.
Come già detto nel post dedicato alla cena orientale, la prima operazione da compiere è la cottura del riso, in versione agrodolce. L'aggiunta dello zucchero consente al riso di acquistare compattezza ed essere lavorato bene con le mani bagnate. E' necessario procurarsi i fogli di alghe nori per queste preparazioni. Si tratta di fogli che, essendo anche appositamente traforati, possono essere facilmente arrrotolati. Il procedimento classico prevede che si utilizzi una piccola stuoia di cannucce per agevolare l'operazione di arrotolamento. Personalmente utilizzo un sushi maker. Un comodo attrezzo che permette di dare facilmente la forma cilindrica al riso e di farcirlo come si preferisce.
Ma torniamo alla preparazione. E partiamo appunto dal riso.


Per 4 persone

Prendete 200g di riso a chicco corto e sciacquatelo in acqua fredda, cambiando l'acqua più volte finché sarà trasparente. A questo punto scolatelo in un colino e lasciatelo riposare almeno 1 ora.
Mettete il riso in una casseruola abbastanza profonda ed aggiungete 2,5 dl di acqua. Considerate che serve sempre il 15% di acqua in più rispetto al riso.
Coprite la casseruola con un coperchio e fate bollire a fuoco vivace per 5 minuti. Abbassate quindi la fiamma al minimo e lasciate cuocere il riso senza togliere il coperchio per 15 minuti. Il riso è pronto quando l'acqua sarà assorbita.
Togliete dal fuoco e lasciate riposare, sempre coperto, per 15 minuti. Mescolate al riso 8 cucchiaini di aceto di vino bianco (o di aceto di riso), 4 cucchiaini di zucchero ed un cucchiaino di sale. Trasferite il riso in una ciotola grande, versatevi sopra il liquido all'aceto appena preparato ed amalgamate con una spatola bagnata senza schiacciare. Coprite la ciotola con un panno da cucina umido e lasciate raffreddare completamente.
Una volta che il riso è raffreddato munirsi di una vaschetta da riempire con acqua che servirà per bagnare il sushi maker per agevolare la fuoriuscita del riso e per inumidirsi le mani per lavorare il riso.

Stendere un foglio di alghe nori su un piano asciutto.




Immergere il sushi maker completamente nell'acqua,



 quindi stendere uno strato di riso creando al centro un leggero solco nel quale si porrà il ripieno,









 coprire per bene con un altro strato di riso.



 Coprire il sushi maker con il coperchio e pressare energicamente per compattare il riso e fare uscire dai buchi sottostanti l'eventuale eccesso di acqua.





Scoperchiare e capovolgere il riso sul foglio di alghe lungo il lato corto verso una delle due estremità.



Arrotolare il foglio di alghe facendolo aderire al riso, completare il giro. Lasciare un cm in più di alga per sigillare e tagliare via l'eccesso (fatto a striscioline può essere utilizzato per una zuppa per esempio). Umidificare leggermente il tratto di alga rimasto e sigillare.





Lasciare riposare in frigo prima di affettare con un coltello bene affilato, creando dei cilindri di 3 cm circa di altezza.



Servire con la salsa di soia, il wasabi e lo zenzero.

Un'altro modo di prepararlo per esempio è non aggiungendo le alghe, ma rotolando il cilindro di riso ottenuto col sushi maker nel sesamo.

Oppure, con un altro tipo di sushi maker, si possono ottenere dei mattoncini di riso, sui quali verrà adagiato del pesce freschissimo. Riempire di riso il sushi maker precedentemente immerso nell'acqua, premere bene col coperchio e rovesciare.













Queste sono alcune preparazioni che si possono ottenere:









Cos'altro dirvi? Provatelo a fare, è divertente, non difficile, d'effetto...e pure buono!

Fabio

11 commenti:

  1. Mi ripeto. Bravi e pazienti. Quando vengo a Napoli vorrei un poco di tutto!! :)

    RispondiElimina
  2. davvero i miei complimenti !

    RispondiElimina
  3. @Alessà: quando verrete a Napoli ci sarà spazio anche per altro :-D

    @Ale: Grazie mille ;-)

    RispondiElimina
  4. Fabio, ma siete bravissimi! Intanto ho copiato foto e testo. Ho una figlia sushi-dipendente e questo post è perfetto: chiaro, elegante, assolutamente ben spiegato!
    Che bravi!

    RispondiElimina
  5. Grazie Patrizia! Lo scopo era proprio quello di illustrare in maniera chiara tutto il procedimento e mi pare che ci sono riuscito :-D
    Fabio

    RispondiElimina
  6. E' tanto che voglio farlo... mi sa che mi arrangerò senza sushi maker, anche se è fichissimo!!!

    RispondiElimina
  7. @Iana: anche senza sushi maker si riesce a fare! ;-)
    Ne approfitto per dire che il sushi maker si trova molto facilmente su ebay, per esempio. Ce ne sono tantissimi tipi per diverse preparazioni e i prezzi sono piuttosto contenuti.
    http://shop.ebay.it/items/sushi-maker_W0QQLHQ5fAvailToZ101
    Fabio

    RispondiElimina
  8. Ragazzi..non amo il sushi..ma tutta la coreografia che c'è si..molto...e voi siete stai bravissimi...io però quando vengo a Napoli...voglio mangiare..verace!!!!!Baci Flavia

    RispondiElimina
  9. Stai tranquilla Fla, quando verrai qui ci buttiamo su qualcosa di più tipico ;-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Ciao! il sushi maker mi manca, così è tutto molto più semplice e veloce!
    A presto.

    RispondiElimina
  11. Serena è comodissimo e il risultato ottimo! cerca di procurartelo ;-)
    Fabio

    RispondiElimina