martedì 26 luglio 2016

Vienna: quarto giorno, il castello di Schönbrunn


Schönbrunn è un piccolo mondo tutto da scoprire. E così ce lo siamo lasciati come chicca finale del nostro viaggio a Vienna di cui potete leggere nella pagina dei diari di viaggio. E' l'ultimo giorno di un viaggio che è stato intenso, per le tante cose che c'è da vedere e fare a Vienna e per le emozioni man mano provate. Di sicuro ci aspettavamo una bella città, ma non così bella ed appagante. E questo non considerando che ovviamente non siamo riusciti a vedere tutti i musei che ci sono, non siamo riusciti a provare tutte le caffetterie/pasticcerie che avremmo voluto, come non siamo riusciti a fare una nostra classica personale delle migliori cotolette alla viennese o dei ristoranti provati. Ma per questo avremo tempo in una futura visita che di sicuro ci sarà, ma nel periodo dei mercatini di Natale, che deve essere magico.
E' domenica e mi piace sempre assaporare il risveglio cittadino in questa giornata dove i ritmi sono più lenti e tutto quasi fa fatica a prendere il giusto ritmo, spinti dalla voglia di relax e di godersi la giornata festiva.
La fermata Schönbrunn si trova sulla linea verde, la U4. Dopo aver fatto colazione, preparata la valigia da lasciare in hotel, andiamo alla nostra fermata, Wien Mitte per raggiungere il castello. C'è poca gente in giro, molti sono turisti che si dirigono verso la nostra stessa meta.







Usciti dalla metro, l'entrata non è proprio vicinissima (neanche lontana, eh!), basta andare a destra e camminare un po' fino all'ingresso principale. Qui, sulla sinistra, appena entrati, c'è la biglietteria. Non sapendo se ce l'avremmo fatta a visitarlo (e soprattutto quanto tempo occorresse per raggiungerlo), non avevamo prenotato i biglietti on line (cosa consigliata soprattutto in piena estate, per presentarsi direttamente all'ingresso ed entrare). Ci sono diverse combinazioni di biglietti, noi scegliamo quella che ci permette di visitare il palazzo, il Kronprinzengarten, l'Orangeriegarten e la Gloriette e l'Irrgarten col labirinto, ovvero il biglietto Classic Pass.
Non c'è tantissima gente in coda, praticamente quella scesa dalla metro, perché è ancora presto. Ci sono anche le macchinette automatiche per farsi i biglietti, ma non ci sono tutti i tour e non mi accetta il pagamento con la carta di credito. Per fortuna Anna Luisa si era messa in fila e facciamo subito i biglietti. C'è comunque una ventina di minuti da aspettare e allora ne approfitto per qualche foto al palazzo dall'esterno.
Con qualche minuto di anticipo ci fanno entrare. All'interno è possibile visitare solo 40 stanze delle 1441 totali, che sono una più bella dell'altra.
Dopo la visita al palazzo, iniziamo a visitare il Kronprinzergarten per poi sbucare nei giardini grandi.
Arriviamo alla fontana del Nettuno, dove è possibile anche andare alle spalle della stessa. Ovviamente non mi lascio scappare qualche foto da un punto di vista diverso (ed anche un po' bagnata).












Ci aspetta la salita alla Gloriette. La ascesa, discretamente impegnativa, viene ripagata dalla sontuosità della struttura e dal panorama che si gode sul parco, sul palazzo e sulla città in lontananza. Da qui ci si rende conto di essere quasi all'interno di una piccola foresta. All'interno della Gloriette c'è anche un bar dove viene suonata della musica classica che rende la visita ancora più suggestiva riportando ad altri tempi e ad altre atmosfere.






















Prima di terminare la visita, passiamo per il labirinto. Arrivare al centro e soprattutto poi uscire, non è proprio semplicissimo. Abbiamo però un aereo da prendere e dopo qualche tentativo, finalmente becchiamo la strada giusta per uscire.
Prima di andare via, passiamo per il giardino dell'Orangerie, anche se è piuttosto deludente.



Torniamo quindi alla metro per andare a recuperare la valigia in hotel. In pochi minuti siamo di nuovo alla fermata Wien Mitte e da qui prendiamo il CAT (avevamo fatto il biglietto a/r) per tornare in aeroporto. Anche se non ci accettano subito i bagagli, visto che siamo un po' in anticipo, ne approfittiamo per mangiare qualcosa prima del volo.  Volo Vueling puntualissimo, e anche se il tempo non è proprio il massimo, facciamo un bel volo ed arriviamo a Roma dove recuperiamo la macchina per tornare a casa. C'è un po' di traffico vista la fine del ponte (del 2 Giugno), ma una volta a Roma sud filiamo lisci, mentre verso nord ci sono code davvero lunghissime.
Torniamo a casa davvero contenti per questa piccola vacanzina che ci siamo concessi.

Fabio

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO

P.S. con questo post ci prendiamo una pausa estiva e ci rivediamo a Settembre!
Serene vacanze a tutti!

6 commenti:

  1. Stupende foto come sempre. Magica Vienna che anche a me piacerebbe tanto rivedere perché è proprio magnifica e ricca di cose i perdibilo. Mo era piaciuto tanto il museo delle carrozze oltre naturalmente a tutto il testo!un bacione a tutte e due. Buona estate e buona sistemazione dei post e delle foto sulla Norvegia!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!Vero, una città in cui si può tornare sempre, che non stanca ed è sempre piacevole :-) Il museo delle carrozze non l'abbiamo visto, ma deve essere bellissimo!

      Fabio

      Elimina
  2. Che bello!! Me lo ricordo benissimo, è uno dei primi palazzi reali che ho visto da bambina e ne sono rimasta affascinatissima!!
    Vienna sarà tra le prossime mete, adesso non resta che decidere quando!!
    Buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei ricordi che ti restano impressi! Un castello è sempre un castello per un bambino :-D
      Ti auguro di andarci presto!

      Fabio

      Elimina
  3. Questo castello è praticamente l'unica cosa che ricordo del mio viaggio a Vienna. È stato interessante vedere come l'hai fotografato, io quando si tratta di monumenti molto larghi e bassi sono sempre in difficoltà, non riesco mai a trovare la posizione giusta per fare una foto decente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è facile, perché col grandangolare ti devi comunque allontanare un po' per farlo venire tutto. Si gioca un po' con le geometrie alla fine. E' bello che badi anche a queste cose :-)Già sei brava, lo diventerai sempre di più :-)

      Fabio

      Elimina