mercoledì 13 gennaio 2016

Baci di dama al limone per la Giornata Nazionale dei Baci di Dama


Oggi si celebra la Giornata Nazionale dei Baci di Dama secondo il Calendario del Cibo Italiano promosso dall'AIFB, Associazione Italiana Food Blogger.


Il progetto si propone di diffondere la cultura e la tradizione gastronomica dell’Italia, attraverso l’istituzione di un calendario in cui si celebrano, in 366 giornate e 52 settimane nazionali, i nostri  piatti e i prodotti più tipici, scelti sulla base della loro diffusione e dei loro legami con la cultura popolare e organizzati sulla base del calendario delle stagioni e delle ricorrenze litugiche o istituzionali.
Sono entusiasta di questa iniziativa, infatti alcune giornate nazionali già venivano celebrate all'estero, ma la cucina italiana, con tutti i suoi piatti, i suoi prodotti, le ricorrenze a cui è legato ciascun piatto, le tradizioni, ha permesso di creare un calendario che impegnasse tutti i giorni, addirittura di un anno bisestile. Non è un'iniziativa che coinvolge solo i soci Aifb, ma l'istituzione delle Giornate Nazionali ed il loro festeggiamento riguarda tutti i foodblogger che vogliano ancora di più esaltare la cucina italiana e diffonderne la conoscenza.
Oggi per la prima volta, ma sicuramente la prima di tante, partecipiamo al festeggiamento di una giornata nazionale ed ammetto di essere anche anche un po' emozionata.
Come prima partecipazione ho scelto i baci di dama,  biscotti piemontesi che la leggenda vuole "nati nel 1852 su richiesta di Vittorio Emanuele II che, desideroso di provare qualcosa di nuovo, chiese al suo cuoco di preparare un dolce".

In realtà pare che questi buonissimi pasticcini siano originari di Tortona in provincia di Alessandria.
La ricetta originale prevede la farcitura di cioccolato fondente tra due biscotti alle nocciole, ma nella mia versione ho preferito utilizzare le mandorle e porre tra i biscotti una farcitura ai limoni di Sorrento. Ne sono usciti dei pasticcini irresistibili, con l'unico difetto che uno tira l'altro (proprio come i baci!) e resistere dal mangiarli è cosa tutt'altro che facile.



Baci di dama al limone

Ingredienti
Per i Baci di Dama:
115 g di farina
40 g di farina di mandorle
30 g di fecola di patate
50 g di zucchero
90 g di burro
1 uovo
1 pizzico di sale
1/2 cucchiaino di lievito in polvere
1/2 baccello di vaniglia
scorza grattugiata di un limone di Sorrento

Per la ganache al limone:
250 g di cioccolato bianco
100 g di panna
60 g di crema di limoncello
50 g di burro

Preparare i baci di dama: in una ciotola unire il burro ammorbidito, lo zucchero, il sale, la vaniglia e la scorza grattugiata del limone e montare per 5 minuti utilizzando una frusta elettrica. Unire  l'uovo e continuare a sbattere. Unire quindi la farina, la fecola di patate, la farina di mandorle ed il lievito setacciati e mescolare fino ad ottenere una crema uniforme. Coprire la ciotola con un foglio di pellicola per alimenti e lasciare riposare in frigo per almeno mezz'ora.
Trascorso il tempo, riprendere l'impasto e prelevandone una piccola quantità, girandolo tra le mani, formare delle palline grandi quanto nocciole. Disporle su una teglia rivestita di carta da forno tenendole ben distanziate e cuocere a 170°C per 13-14 minuti, rigirando la teglia a metà cottura.
Estrarli dal forno e lasciarli raffreddare.
Preparare la ganache al limone: Riscaldare la panna portandola quasi ad ebollizione e versarla in tre riprese sul cioccolato tritato, mescolando fino a sciogliere completamente il cioccolato. Unire il burro a pezzetti e continuare a mescolare. Lasciare riposare per 10 minuti ed unirvi la crema di limoncello, mescolando fino ad ottenere una crema di colore uniforme. Coprire con il cellophane e lasciare riposare in frigo per almeno 12 ore.
Preparare i baci di dama: Riempire una sac à poche con la ganache al limoncello e farcire la metà del baci di dama dal lato piatto. Accoppiare ciascuna metà ad un'altra metà senza farcitura e disporre su un piatto da portata. Spolverizzare di zucchero a velo e servire. Se non vengono consumati subito, vanno conservati in frigorifero in una scatola d latta. Si conservano per 3-4 giorni.



Come dicevo, questa è la nostra prima partecipazione al Calendario del Cibo Italiano e vi comincio ad annunciare che sono ambasciatrice non solo di una giornata, ma anche di una settimana, ma per questo c'è tempo e ve ne parlerò più avanti.

Anna Luisa



27 commenti:

  1. Ecco, alla ganache al limoncello non avevo mai pensato. Ma sembra davvero strepitosa. Che bella idea, sicuramente da provare. Peccato non avere sotto mano dei limoni di Sorrento originali :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giorgia, la ganache al limoncello è un asso nella manica che utilizzo di tanto in tanto...provala nei cioccolatini al latte, poi mi dirai ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Ciao Annalu, bellissima idea!!! Trasportata in un attimo nella tua terra!!! Sento già il profumo della Costiera... Un abbraccio (anche a Fabio!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabrina, sono felice di averti portata con noi in questo tour virtuale...sperando che presto diventi reale ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Ciao AnnaLu , immagino il profumo dei limoni sono i miei preferiti conosco bene ... Mi avete fatto venire l'acquolina in bocca copio la ricetta non voglio dimenticarla. Un caro saluto a Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, sono contenta che ti siano piaciuti anche se solo virtualnente...per ora ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  4. E perché bisognerebbe resistere dal mangiarli?? Non ci penserei proprio :-)) golosissimi, raffinati e perfetti! Brava come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, sono cose che si dicono, ma poi si sa, tra dire e fare... :-D
      Grazie mille
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Wow, splendidi!! Anche io non ho ancora partecipato davvero al Calendario e non vedo l'ora di poterlo fare. Vedo tanta partecipazione, ricette bellissime e tanta profondità storica e culturale nei post che ho letto: ne sono entusiasta come te!
    Un abbraccio,
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice, il Calendario è un progetto bellissimo e quando inizi a partecipare ci prendi gusto...è proprio il caso di dirlo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  6. Sono strepitosi, bravissima!!
    Un mix perfetto!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  7. Siamo sicuri che si conservano per tre-quattro giorni? Forse volevi scrivere 3-4 ore!!! Non credo che queste piccole delizie possano rimanere li ferme senza essere addentate all'istante!!!
    Ottima la tua versione con la ganache al limoncello, mi ispira tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristian, hai ragione, avrei dovuto scrivere :"la teoria vuole che possano durare 4-5 giorni,ma nella realtà..." :-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  8. Sono di Torino, quindi non posso non apprezzare i baci di dama. La variante al limone non l'ho mai assaggiata nè cucinata, ma mi incuriosisce molto.
    E che carina l'idea del calendario, ora vado a curiosare!
    Bravissima!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice, sei entrata in pieno nello spirito del Calendario, che è quello di diffondere la conoscenza dei piatti della tradizione, anche apportando qualche modifica, senza però stravolgere la ricetta originale ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  9. è un bellissimo progetto e voi, come sempre, vi avete aderito con serietà proponendo una versione davvero super speciale dei baci di dama! wow!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena! È un progetto molto grande, ma noi siamo felici di farvi parte :-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  10. Sono meravigliosi! E l'accostamento ancor di più! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. Che meraviglia!!! Il limone è un sapore che non ho mai associato ai baci di dama, ma dopo aver letto la vostra ricetta ho la fissa, devo assolutamente capire come fare quella deliziosa ganache al limone (che poi è al limoncello, golosastri :P ) senza latticini!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, la prossima volta che ci vediamo ti portiamo una bottiglia di limoncello tutta per te, per farci perdonare :-*
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
    2. Ahaahah tranquilli!!! Quando avrò un pochino di tempo mi studio la ricetta e vedo se riesco a rifare questa meraviglia senza latte.... vi faccio sapere! Intanto devo pubblicare i vostri bagel, che anche senza latte son favolosi :)

      Elimina
  12. Non avevo mai immaginato i baci di dama in questa versione ma devo dire che hanno proprio un loro perchè, devono essere meravigliosi. E grazie per le notizie storiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari, è troppo bello cambiare le ricette tradizionali, ovviamente senza stravolgere però...si apre un mondo nuovo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina