mercoledì 15 ottobre 2014

Svezia 2014, diario di viaggio: Undicesimo e dodicesimo giorno (prima parte)

Undicesimo giorno (351 km): Vastervik-Vimmerby-Linkoping-Vadstena-Linkoping

Lasciamo Kalmar ed iniziamo a salire verso nord, verso Stoccolma, tappa finale del nostro tour nel sud della Svezia. Ma abbiamo ancora 3 giorni pieni da spendere e ce li vogliamo godere tutti.
Facciamo un trasferimento più lungo della media per arrivare a Vastervik, visto che per strada non sembra esserci altro di interessante. Parcheggiamo nelle vicinanze della Sankt Petri Kyrka e la visitiamo, anche se non è bellissima. Quindi facciamo un giro in centro, nella zona pedonale con le strade acciottolate e belle case. Visitiamo la chiesa di Santa Gertrude che è sicuramente più bella della prima e anche la casetta vicina, l'Aspagarden, la costruzione in legno più antica della cittadina che oggi ospita una produttrice di ceramiche. Facciamo una sosta in città presso un Coffee house che ricorda molto la catena di caffé più nota.









Subito dopo riprendiamo la macchina, direzione Vimmerby, il paese della scrittrice di Pippi calzelunghe. Allunghiamo un po', ma ne vale la pena, perché il paesaggio è costellato di laghetti ed è caratterizzato dalla tipica vegetazione nordica ed è molto piacevole ed infatti ne approfittiamo per qualche sosta. In realtà nella cittadina non c'è niente di che, la piazza è carina, la chiesa pure, ma c'è poco altro. Compriamo delle ciliegie e delle fragole che mangeremo a pranzo.









Da qui ci spostiamo a Linkoping. Visitiamo la chiesa ed il museo del castello che sono vicinissimi tra loro. La chiesa probabilmente è la più bella che abbiamo visto in tutto il viaggio. Facciamo un giro per il centro e visitiamo anche la Sankt Lars kyrka. Passiamo anche per un bel ristorantino sul fiume e lo prenotiamo per la sera, visto che da casa non avevamo trovato nessun posto che ci ispirasse particolarmente, mentre questo sembra meritare davvero. Tornati indietro, facciamo il check in in hotel, che è proprio al margine del centro, ma comunque in ottima posizione. C'è anche il garage che ci fa sempre comodo e che ci condiziona le scelte. L'hotel è molto bello, le camere ampie e moderne. La colazione è stata una delle migliori. C'erano addirittura anche i germogli freschi da tagliare! Oltre alla macchinetta per i waffel. Dei plus molto apprezzati, anche se i germogli non so quante persone li abbiano mangiati.













Siamo in anticipo sulla tabella di marcia, di tempo ne abbiamo e ne approfittiamo per un salto a Vadstena che mi ero segnato come extra possibile per la giornata. E devo dire che la cittadina merita una visita. Purtroppo arriviamo poco prima della chiusura dei negozietti, ma il centro sembra molto vivace e carino. Attrattiva principale è sicuramente il castello, che purtroppo chiude proprio al nostro arrivo, ma è talmente bello che mi consolo con le foto.










Tornati a Linkoping, ci rechiamo al ristorante, lo StangsMagasin che oltre a trovarsi in una posizione molto carina, sul fiume, dà la possibilità di mangiare all'esterno, su una chiatta. Ma anche l'interno è davvero bellissimo. La cucina di ottima qualità, siamo davvero contenti della scelta. Prima di ritirarci in hotel, ne approfittiamo per un ultimo giretto in centro. Sono praticamente tutti radunati nella zona della piazza principale dove ci sono diversi localini e baretti affollatissimi. Stiamo un po' qui prima di andare a riposare.









Dodicesimo giorno (373 km): Norrkoping-Nykoping-Trosa-Stoccolma (prima parte)

Quella che sulla carta doveva essere quasi solo una tappa di trasferimento verso Stoccolma, si rivela essere invece una giornata molto interessante.
Prima tappa di giornata è nella cittadina di Norrkoping. La caratteristica principale di questa città è che è stato fatto un grandissimo lavoro di recupero della zona industriale dismessa, la Industrialandskapet. Tutta la zona è davvero molto bella, alcuni edifici sono stati riconvertiti in musei e ristoranti. C'è anche una bella cascata ricavata tra le chiuse ed i canali e ne approfitto per fare qualche foto della zona. C'è tanto da imparare da questi lavori.
Attendiamo l'apertura dei musei (con comodo, alle 11) e visitiamo lo Stadsmuseum (gratis) che è davvero molto interessante. Qui sono esposti tantissimi macchinari industriali antichi davvero ben conservati e suddivisi per categorie. Meno interessante invece il vicino Arbetest museum, dedicato agli operai che hanno lavorato in questa fabbrica. Il palazzo che lo ospita, invece, a forma di ferro da stiro è davvero molto bello. Cerchiamo di vedere il tram storico n°1, che fa il giro del centro, ma ne vediamo solo una versione moderna.

















Da qui ci spostiamo a Nykoping. Nella strada principale c'è un mercato, neanche tanto bello, a dirla tutta. Il tempo di percorrere tutta la strada principale, di visitare la chiesa, la Sankt Nikolai kyrka e qualche vicoletto nei dintorni e crediamo che possa bastare. Sicuramente senza mercato avremmo avuto una impressione diversa di questa cittadina.







Prima di arrivare a Stoccolma ci aspetta un'ultima deviazione in questo nostro on the road in terra svedese per andare a vedere il paesino di Trosa. Il posto è davvero carinissimo, con le stradine e le case molto carine, i negozietti, il canale, il porticciolo e ci fermiamo volentieri un poco qui. Ne approfittiamo anche per mangiare un dolcino da Pralinkurs, una cioccolateria artigianale.
E' proprio ora di andare a Stoccolma. Abbiamo scelto, a causa della macchina, un hotel poco fuori dal centro, nella zona di Enskede, col parcheggio gratuito (la lasceremo anche dopo aver liberato la camera) e a due passi dalla metro che in una decina minuti ci porta in centro. Le camere sono carine, la colazione buona. C'è anche un simpatico dehors dove fare colazione o rilassarsi semplicemente durante la giornata.

















Nel prossimo post sintetizzerò tutta la visita di Stoccolma, quella di questo pomeriggio e del giorno seguente.

Fabio

16 commenti:

  1. Ragazzi voi ormai lo sapete: quando mettete questo genere di post, mi prendo il caffé alla macchinetta e trascorro volentieri la pausa daventi al pc a sognare...
    che meraviglia!
    complimenti
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa un sacco di piacere.
      Il prossimo sarà l'ultimo post di questo viaggio ed il caffè lo offro io :-)

      Fabio

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Silvia!
      Anche quest'ultima tappa che sembrava meno interessante invece ci è piaciuta molto.

      Fabio

      Elimina
  3. Non vedo l'ora di leggere Stoccolma :) queste cittadine sono carine, solo che le trovo un pò prive di personalità, un pò fredde per i miei gusti!

    (lo so, è assurdo che lo dica proprio io che amo il Nord)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' tutte così, poi mi ci metto anche io che spesso cerco di non fotografare le persone :-D
      Stoccolma arriverà la settimana prossima. ;-)

      Fabio

      Elimina
  4. Questi post fotografici sono un piacere per gli occhi. La prima foto è davvero favolosa!
    Complimenti!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice, non ti dico la mia gioia quando ho visto il castello con l'acqua attorno. Il resto l'ha fatto il vento che mi ha aiutato a creare quell'effetto.

      Fabio

      Elimina
  5. La Svezia è uno di quei Paesi che mi piacerebbe tantissimo visitare! Le foto di questo post sono veramente bellissime, complimenti! Posso chiederti che macchina fotografica hai? :)

    Nuova follower! ;) Nel caso ti andasse di passare dal mio blog, ti lascio il link! Topics principali: viaggi, Jane Austen, lettura, mondo British :)

    http://curiositadiunajaneite.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuly. Attualmente ho una Canon 500D, una reflex di qualche anno fa ma che mi dà ancora soddisfazione.
      Sono passato con piacere da te.
      Fabio

      Elimina
  6. Ciao,sarei curiosa di sapere qualcosa in piu' su i piatti postati,sembrano molto interessanti,tutto bello, non so che dire!Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito li segniamo sempre, ma questa volta ce lo siamo dimenticati. Direi che i piatti principali uno è baccalà, l'altro un filetto di carne. Poi c'è un carpaccio, credo di renna con uova di pesce.

      Fabio

      Elimina
  7. Queste foto sono una meraviglia, sembra di essere li con voi, di immergersi in quei paesaggi pazzeschi.
    Tocca fare la valigia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è stata una giornata un po' particolare, ma che ci ha sorpresi lo stesso per le cose belle che abbiamo visto.
      Fabio

      Elimina
  8. I vostri post con le vostre splendide foto riescono sempre, come per magia, a farmi viaggiare senza spostarmi da casa :)

    RispondiElimina