martedì 19 luglio 2016

Vienna: terzo giorno (seconda parte)


Visto che stiamo abbastanza bene rispetto al programma che ci siamo prefissati in linea di massima e che prima di partire l'amica Mari ci ha vivamente consigliato di andare a Grinzing (metro U2 o U4 fino alla fermata Shottentor e poi stesso da lì tram n° 38 con lo stesso biglietto urbano, in circa 15 minuti), questo tarlo si è messo nella nostra testa e vogliamo andarci. La piccola deviazione verso questo quartiere periferico di Vienna vale decisamente la pena. A parte le caratteristiche case colorate, qui si viene per mangiare nei tipici ristoranti locali, gli Heuriger. E' carino andarci anche a pranzo, ma probabilmente la sera o durante il periodo natalizio questo posto dà il meglio di sé. Siamo comunque molto contenti di essere riusciti a venirci.
























Visto che le previsioni non sono buone per il pomeriggio (poi, per fortuna non pioverà nemmeno! Sante previsioni del tempo...), avevamo spostato al pomeriggio la visita al Castello del Belvedere (ci sono diversi biglietti cumulativi, noi abbiamo preso quello per l'upper ed il lower Belvedere a 20 € a persona che permette di vedere i palazzi, le mostre interne ed i giardini. A parte la bellezza del Castello e dei giardini curatissimi, l'attrazione principale qui infatti è il bacio di Klimt. Lo si ammira in fondo alla sala, e spicca, nonostante gli altri bellissimi quadri dello stesso autore. Mi ha ricordato un po' l'effetto che mi ha fatto la Gioconda al Louvre, anche se questo è anche più grande come dipinto. Non si possono (o meglio, non si potrebbero) fare fotografie, ma mi scappa il dito sul pulsante di scatto dal fondo della sala, per sbaglio, ovviamente :-) Questa cosa che non si possono fare foto ai quadri (senza flash, ovviamente) non la capirò mai, neanche poi uno se la vendesse. E' solo una pubblicità anche per i musei quando semmai ne parliamo su un blog o sui vari social network. E poi non si capisce perché alcune volte sì ed altre no.



























Soddisfatti della visita, visto che il tempo sembra reggere, ci spostiamo al Prater, il parco/parco giochi più famose di Vienna, con la ruota panoramica, la Riesenrad che è praticamente un simbolo cittadino. C'è tantissima gente. E' sabato e c'è anche l'amichevole pre-europei Austria-Olanda. C'è un bel clima di festa e giriamo un po' tra le varie giostre prima di tornare in hotel per prepararci per la cena.




































Abbiamo prenotato un locale molto carino per la cena dove abbiamo mangiato molto bene, in centro, sulla Fleischmarkt, strada di molti locali e ristoranti. Il posto da noi scelto è ef16, scelto e prenotato da casa, prima di partire. Cucina di qualità e prezzi onesti in un bell'ambiente.









 Abbiamo voglia di fare 2 passi dopo cena. La guida consiglia di passeggiare per Vienna di sera, perché è tranquilla e sicura. E' pure sabato sera e c'è molta gente in giro, quindi facciamo una passeggiata in centro davvero molto volentieri prima di tornare in hotel.














Domani infatti ci aspettano la visita del castello di Schonbrunn e poi il volo di rientro in Italia.

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO

Fabio

16 commenti:

  1. il palazzo belvedere è qualcosa di spettacolare! grazie per queste foto, mi hai fatto rivivere tanti ricordi, ho visitato vienna nel lontano 2010.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero! Fa immaginare la potenza di chi ci abitava.
      Sarà ora di ritornarci? ;-)

      Fabio

      Elimina
    2. eh magari!! la città mi era piaciuta parecchio, meno gli abitanti. Mi sono sembrati un po' scorbutici e arroganti. O forse ho incontrato io le persone sbagliate :P

      Elimina
    3. Purtroppo succede! Persone gentili e più scontrose sono ovunque! :-D

      Fabio

      Elimina
  2. Mi ricordo benissimo tutti questi posti, e al Prater sono andata anche a cavallo!!!
    Quanti ricordi, si via, bisogna tornarci, oltretutto è una delle città dove si vive meglio in Europa, ci sarà un motivo no??
    Grazie per le belle foto e per tutte le info, i vostri post sono sempre super dettagliati e completissimi!!
    Buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Dà proprio l'idea di una città in cui si vive molto bene!

      Fabio

      Elimina
  3. Io non ci sono mai stata, ma ho sempre nutrito un'amore sconfinato. E ritrovarla qui nelle vostre foto più bella che mai è raggiante come l'ho sempre immaginata.
    Grazie a voi di questa condivisione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per noi è stata una bellissima scoperta. L'immaginavamo bella, ma non così!
      Un abbraccio a te.

      Fabio

      Elimina
  4. Conosco molto bene Vienna è anche la città di una parte della famiglia. Non ci si stanca mai di vederla anche se in estate è tremenda. Bello Grinzing con gli "heuriger" sopra tutto in inverno ovviamente solo carni e birra forse oggi trovi anche altro tutto di propria produzione. Schoenbrunn stupenda ed anche la grande ruota del Prater. Per mangiare c'era un posto caratteristico Augustiner Keller particolare scendi giù e se ben ricordo sono passati anni esiste la famosa "Pest Stube" un vano ove ci sono tavoli naturalmente ma che risale al vecchio ricovero medico nel periodo grave della peste a Vienna.
    Ciaooo buon proseguimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Buono a sapersi per la prossma visita! :-)

      Fabio

      Elimina
  5. Ma siete saliti sulla ruota, sì? A me faceva una gran paura, ma io non sono portata per i lunapark quindi non faccio testo! Oltretutto quel giorno non c'era molta gente e nella cabina eravamo solo Fabio ed io. Però devo dire che è proprio bella, come tutta Vienna del resto. Anche noi siamo stati in primavera ma mi piacerebbe tornare a vederla d inverno magari sotto Natale. Foto come sempre bellissime! Ma quando quelle dei fiordi???
    Bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sulla ruota non siamo saliti. Anzi, credo di non essere mai salito su una ruota panoramica a dirla tutta :-D Ovviamente parlo della "piccola" :-) anche un po' per paura di tutto quello che sta succedendo, a dire il vero, un po' condiziona...
      Anche a me piacerebbe tornarci d'inverno, nel periodo dei mercatini natalizi, deve essere splendida!
      I fiordi arriveranno a Settembra, dopo la pausa di Agosto :-) Intanto finisco Vienna che mi manca ancora un post e poi un po' di break anche dal blog :-)

      Fabio

      Elimina
  6. Sono stata diverse volte a Vienna e il Belvedere mi ha affascinata, mi piacerebbe molto tornarci, soprattutto per visitare la galleria. E un'altra cosa che amo sono gli Heuringen, ogni volta mi ci faccio portare dalla mia amica austriaca...li trovo folcloristici :-D
    Aspetto la terza puntata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono dei posti davvero belli! Per il turista sono imperdibili!

      Fabio

      Elimina
  7. Bellissimo resoconto! In questo momento di stanchezza all'apice, mi avete regalato un piccolo viaggio di ritorno a Vienna. Ed ho anche scoperto tanti angolini che non conoscevo!

    RispondiElimina