martedì 15 marzo 2016

Tagliatelle al pesto di pistacchi e gamberi all'arancia per una cena tra amici


Non ci capita di andare spesso al cinema, ma quando adocchiamo un bel film in proiezione, ci fa piacere trascorrere una serata un po' diversa. Quest'anno stiamo anche tenendo un po' più sotto controllo la programmazione in quanto i nostri amici mi hanno regalato per il compleanno proprio un abbonamento al cinema.
Domenica scorsa è stata una di quelle sere di pioggia e vento, dove vorresti fare qualcosa che non sia rintanarti sotto le coperte e l'opzione cinema ci ha allettati parecchio.
Controlliamo la programmazione: "Attacco al potere 2"...senza aver visto il primo non ha molto senso, "Zootropolis"...non abbiamo più l'età (almeno anagraficamente parlando), "Perfetti sconosciuti"...ecco un film che può andare!.
Così ci sediamo in sala muniti di secchiello di popcorn in formato large (mi domando ancora perché vinca sempre il mio senso del pudore quando chiedo il secchiello e non oso chiedere l'extralarge) in attesa di un film di cui ci hanno parlato bene.
Accenno solo al tema per coloro che non lo hanno ancora visto, ma ne hanno intenzione.


Il film parla di un gruppo di amici, tre coppie ed un single che si riuniscono per una cena, chiacchierano del più e del meno, di un'altra coppia che si è appena separata, di come sia stato scoperto da lei che lui la tradiva, quando qualcuno, un po' per gioco, propone di mettere tutti i cellulari al centro del tavolo e di fare sentire e leggere a tutti le telefonate e i messaggi che sarebbero arrivati durante la cena. Da lì cominciano una serie di scenette esilaranti, oltre a scoprire ciascun commensale, gli scheletri nell'armadio dei propri partner.
Il film fa capire quanto dipendiamo dai cellulari e quanto della nostra vita sia racchiuso in essi. Non solo numeri telefonici, e l'agenda con gli appuntamenti, ma anche le foto, i social dove raccontiamo la nostra vita pensando che la leggano solo gli amici, forse i cellulari sono diventati veramente la nostra "scatola nera" e non ne siamo del tutto coscienti.
 Insomma un film che inizia in maniera quasi comica, ma che manda un messaggio decisamente serio ...chissà che non sarebbe il caso di provare almeno a disintossicarci dalla nostra dipendenza da cellulari.


Tagliatelle al pesto di pistacchi e gamberi all'arancia

Ingredienti:
350 g di tagliatelle all'uovo
8-10 gamberoni
100 g di pistacchi
30 g di pecorino romano
1 arancia
una manciata di foglie di prezzemolo
olio estravergine d'oliva
sale e pepe

Preparare il pesto al pistacchio: immergete i pistacchi in acqua bollente e scolateli subito. Sfregateli in un canovaccio per eliminare le pellicine e metterli nel mixer con le foglie di prezzemolo, il pecorino, il succo di mezza arancia e 10 cucchiai d'olio. Frullare il tutto ed eventualmente aggiungere un pizzico di sale.
Pulire i gamberoni ed eliminare il carapace. Dividere ciascun gamberone in 3-4 pezzi e saltarli in padella con 2 cucchiai d'olio. Aggiungere il succo della mezza arancia rimasta e cuocere per due minuti, quindi aggiungervi il pesto di pistacchi diluito con un po' d'acqua della pasta.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata per 5 minuti. Scolarla tenendo un mestolo d'acqua da parte e saltare in padella con i gamberoni ed il pesto. Se necessario, aggiungere altra acqua.
Servire.


Questo piatto mi sembra adatto per una cena informale tra amici...fate voi se con o senza cellulari.

Anna Luisa

7 commenti:

  1. Deve essere carino quel film, grazie del suggerimento! Il piatto invece è proprio super nell aspetto e nell accostamento dei sapori! Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Io non l'ho visto volutamente quel film. So che è molto carino, ma certe cose in alcuni periodi infieriscono solo di più.
    Ma sono contenta d'aver letto quanto sopra hai scritto. Perché nulla è più vero.
    Bello il piatto, sa di primavera...
    [nota: nel titolo la parola gamberi è scritta errata]
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ottimo!! Conosco questo abbinamento, me lo cucino spesso ma non ho mai aggiunto l' arancia, da rifare al volo!!
    Non ho ancora visto questo film, in effetti dalla descrizione sembra molto carino, e soprattutto terribilmente reale!!
    Buona serata!!

    RispondiElimina
  4. Niente di piú vero. Non oso immaginare cosa succederebbe se lo proponessi ad una delle mie cene tra amici...meglio evitare! Purtroppo a volte non ci rendiamo conto di cone il web e le tecnologie registrino continuamente ogni nostro passaggio... e non solo quello... Le tagliatelle invece assolutamente da copiare!

    RispondiElimina
  5. Cara Annalù, non so se con o senza cellulari, ma questo piatto meraviglioso sarà presto sulla mia tavola! Grazie ragazzi...

    RispondiElimina
  6. L'arancia non mi piace molto, ma l'abbinamento pistacchi/gamberoni/pecorino mi ispira assai!

    RispondiElimina
  7. Ho visto Perfetti sconosciuti ed è stato quasi un pugno nello stomaco, unito a tante scene in cui si rideva. Sarà che sono ingenua o che cado spesso dal pero, ma non l'avevo mai pensata come una scatola nera, non avevo mai immaginato quanti segreti potessero esserci dietro le persone. Insomma, un bel film per riflettere. E se volete un suggerimento, anche The Danish girl vale la pena di vederlo. Ho pianto tanto, ma io sono facilmente emozionabile in questo periodo :) Mi emozionerei anche se avessi davanti a me questo piatto di tagliatelle :)

    RispondiElimina