martedì 6 maggio 2014

Per un picnic perfetto: quiche di salmone, caprino e melagrana


Un mese pieno di "ponti", non mi viene altro in mente che definire così questo Aprile in cui un giorno si lavorava e l'altro si poltriva. Ma la cosa bella è che quando si lavorava, non si sapeva mai che giorno fosse, ci si confondeva, scambiando tutti i giorni della settimana per venerdì o per lunedì, a seconda se fossero prima o dopo il giorno di riposo. Purtroppo il tempo metereologico non ha assistito quelli che volevano organizzare picnic che sarebbero durati due settimane, ma pazienza l'importante è riposarsi e godersi qualche ora di relax.
A dire la verità io non rientro in questa categoria, non ho un buon rapporto con la natura, non sono una a cui piace stendersi o rotolarsi nell'erba, se vedo una formica quasi scappo.
Quando ero ragazza i nostri picnic erano organizzati in riva al mare, in primavera era tutto spettacolare. Il mare calmo, la brezza marina ancora fresca, il profumo di salsedine che ha un non so che di inebriante, il sole che iniziava ad emanare un lieve tepore e soprattutto...niente formiche!
Scherzi a parte, ormai conoscete la mia passione per il mare e quindi capirete che dopo mesi di "astinenza", per me riavvicinarmi a questo immenso amico blu, era sempre motivo di gioia.
Ripensandoci però c'è stato un picnic sui prati che ricordo con entusiasmo. Erano i giorni che precedevano il matrimonio di mio cugino in Colorado e gli sposi con le rispettive famiglie organizzarono per bene le gite e le cose da fare per gli ospiti venuti dall'Italia. Eravamo un bel gruppo tra amici e parenti e quando ci dissero che avremmo fatto un picnic, immaginai che non poteva essere un classico picnic. Non solo prenotarono una zona del parco, ma arrivò un catering con cesti da picnic ovviamente, contenenti ogni ben di Dio. Ricordo quei sandwich perfetti, parevano quasi finti...e come erano buoni...E gli scoiattolini che venivano a giocare con noi nella speranza di poter partecipare anche loro al picnic. Alla fine ci stava bene una bella partita di calcio, mentre qulcuno un po' più pigro, vale a dire la sottoscritta, faceva una passeggiata nel bosco chiacchierando allegramente con sua cugina.
Ora lo so che vi aspetterete un bel sandwich come ricetta di oggi, invece vi propongo un'altra quiche, questa volta al salmone, si, perché per me in un picnic non possono mancare le quiche.
La ricetta è tratta da "Alice"e insieme al salmone c'è la melagrana che evidentemente non è di stagione, ma al supemercato ormai si trovano facilmente i brick di succo di melagrana, che cadono a pennello per questa preparazione. Se poi volete annotare la ricetta e prepararla quando sarà tempo di melagrana, basterà prelevare i chicchi di questo frutto, metterli nello schiacciapatate e raccogliere il succo che otterrete. Con dei chicci potrete anche decorare la vostra quiche. Ho preferito preparare delle monoporzioni, ma volendo, si può optare per un'unica quiche.
Ma passiamo alla ricetta.



Quiche di salmone e melagrana

Ingredienti:
200 g di salmone fresco
1 melagrana (oppure 200 ml di succo)
1 rotolo di pasta brisèe
250 g di formaggio spalmabile (quark)
200 g di chèvre semistagionato
2 uova
sale
pepe bianco
pepe rosa in grani

Tagliate il salmone a dadini di circa 1 cm. Raccogliete i chicchi di 1/2 melagrana nel bicchiere di un frullatore, passateli in un colino a maglie strette, irrorate il salmone e fate marinare, aggiungendo qualche grano di pepe rosa.
In una ciotola raccogliete le uova, il formaggio spalmabile e 130 g di chèvre tritato; salate, pepate e amalgamate fino a ottenere un composto omogoneo, quindi aggiungete il salmone ben scolato dalla marinatura. Tagliate a fettine il restante chèvre.
Sistemate la pasta brisée in una teglia per crostata (precedentemente imburrata), versate il composto e ricoprite con le fettine di formaggio. Infornate a 250°C per 35-40 minuti. Trascorso il tempo di cottura, sfornate e lasciate intiepidire. Decorate con i chicci di melagrana e servite.

Note mie: preferisco sempre preparare io la pasta briséè perché ritengo che ci voglia più tempo ad andare al supermercato per comprarla, facendo la fila alla cassa, piuttosto che preparandola da soli in casa. La ricetta è questa:

Pasta brisée:
250 g di farina 00
150 g di burro
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo
1 cucchiaino di sale
Disporre a fontana sul piano di lavoro la farina ed il sale. Dividere a cubetti il burro e metterlo al centro della fontana con il cucchiaio di latte ed il burro e impastare velocemente, in modo da non riscaldare gli ingredienti, fino ad ottenere un impasto uniforme. Avvolgerlo nella pellicola per alimenti e riporlo in frigorifero per almeno mezz'ora.
Avendo preparato delle monoporzioni, la cottura si è ridotta a 20-25 minuti ed ho abbassato anche la temperatura a 180°C (250°C mi parevano evvessivi).


Non sono molti i casi in cui in un piatto convivono il pesce ed il formaggio, ma questo è un connubio buonissimo...come un picnic in riva al mare.

Con questa ricetta partecipiamo al contest "Come ti piace farlo? il picnic" 



Anna Luisa

32 commenti:

  1. Molto interessante. Non ho mai pensato di accostare la melagrana al salmone e penso che mi ricrederò!
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letizia, anche io sono stata attratta da questa "novità" e mi è piaciuta molto :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Adoro i picnic, ma sono sempre sfortunata, così negli ultimi anni il picnic di Pasquetta è diventato un ritrovarsi a casa nostra e ognuno porta qualcosa che vorrebbe mangiare o bere, prepariamo un bel buffet e si passa la giornata tra risate e amici, nella speranza che il tempo regga per poter stare all'aperto, ma se è brutto nessun problema: si sposta il tavolone imbandito in soggiorno e nessuno è costretto a correre con tovaglie e cestini in mano!
    Chissà come dev'esser stato un picnic con buffet e in un parco con gli scoiattoli: meraviglia!
    bella la ricetta, le quiche o torte salate o che dir si voglia mi piacciono molto, e l'abbinamento è perfetto, oltre che particolare con la melagrana quindi lo proverò di sicuro!
    PS: foto splendide, e questa serie di tessuti che c'erano anche in precedenza sono davvero chic, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo negli ultimi anniil tempo non è clemente soprattutto nei week-end di primavera, ma vuoi mettere il divertimento del picnic in salotto :-D
      La melagrana ci sta una meraviglia, sono certe che piacerà anche a te ^_^
      Grazie 1000 per tutti i complimenti !@_@
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Adoro questo tipo di picnic, dove c'è ogni ben di Dio così buono e sfizioso. Ad arpile ne abbiamo fatto uno, tutto sglutinato e non ti posso raccontare cosa abbiamo mangiato... ti dico solo che ben presto vedrai l'assaggio... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania, i picnic sono belli per tantissime ragioni, ma soprattutto perché si prepara (e si mangia) di tutto :-P
      Aspetto il tuo resoconto ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  4. Anche il mio picnic sarebbe "perfetto" con una di queste quiche: il mix di ingredienti per il ripieno è goloso e originale. Nelle mie corde decisamente. Bravi come sempre, ragazzi!
    baci simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, tu sei gentilissima come sempre ^_^
      A quando un bel picnic insieme, così ci conosciamo di persona? ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Bene;un'ottimo suggerimento da provare presto,cosi' potro' assaggiare un piatto con i fiocchi.Anche se non faccio picnic da tempo ,lo mangero' a casa,va bene lo stesso?Bacioni,lisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, questa quiche si fa mangiare bene ovunque :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  6. E' vero quest'anno il mese di aprile è stato più festivo di dicembre! Peccato per le continue piogge, ma ci rifaremo a maggio ;-)
    Deliziose queste quiche! A volte ho abbinato il caprino con il salmone affumicato, unire anche la melagrana rende tutto ancora più interessante.
    buona giornata
    AngelaS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si potrebbe dre che quest'anno il mese di Aprile sia stato quasi anche più freddo di Dicembre! :-D
      Interessante anche l'abbinamento caprino/salmone affumicato...la prossima volta vario ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  7. Mmm la frutta nelle ricette di primi o secondi mi lascia sempre un pò perplessa, ma questa quiche deve essere buonissima :)

    (stima per i tuoi parenti che hanno organizzato un picnic gigantesco in Colorado!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io a volte rimango perplessa pera alcuni abbinameni, ma poi spesso i ricredo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  8. Anche io ricordo sempre i miei pic nic al lago! Che meraviglia....ora devo accontentami del lago e dei prati, ma meglio di niente! Bellissime le tue crostate, e soprattutto meravigliose le foto!
    Un abbraccio
    ALice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice, chissà perché i picnic sono legati semre a bei ricordi ;-)
      Grazie 1000
      Anna Luisa

      Elimina
  9. A me piacerebbero molto i pic nic se non soffrissi di allergia ai pollini...! Mannaggia mi rovina sempre tutta la primavera (finchè non desisto e mi decido a prendere gli antistaminici..)
    Bellina la quiche^^
    Un bacione:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione per fortuna io non sono un soggetto allergico, ma comprendo che per cheisoffre di allergia, fare un picnic diventa un supplizio...dai una bella pilloletta prima e via ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  10. A me le quiches piacciono in tutti i modi e questa tua proposta è a dir poco invitante: salmone e melagrana... da provare! Complimenti Anna Luisa, un abbraccio e buona serata :) :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina! ^_^ Vedo che concordiamo, le quiches sono sempre buone!!! :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  11. Io amo i pic nic.. una coperta un cestino pieno di cose buone e magari una chitarra... l'idea di utilizzare la melagrana nella quiche mi incuriosisce molto..non ho mai provato!! che idea :) a presto Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, anche io amo il cestino pieno di cose buone e la chitarra...:-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  12. Ciaooo anche io sono una bloggallina :) grazie per la ricetta, la inserisco subito. Un favore, dovresti mettere il banner anche nella home :) Grazie e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, ho inserito il banner, anche se ho una pagina per i contest ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  13. AnnaLù anche per me non possono mancare mai le quiches nel cesto del pic nic! quindi accolgo tutte le tue, uan dopo l'altra con estrema gioia e massimo gaudio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, ne h già in mente qualche altra...W le quiches!!! :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  14. Per provarvi che di tanto in tanto passo dalle vostre parti...ovvero sul vostro blog...oggi ho deciso di lasciarvi un commento, sarà perchè la ricetta mi ha incuriosita...accostamento melagrana e salmone, molto particolare...e poi, mi avete fatto ricordare i pic nic che organizzavo al mare...diversi anni fa con mio marito (quando eravamo fidanzati)...bei ricordi...potrei anche pensare di organizzarne uno...e allora la vostra quique sarebbe perfetta ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusy, non dubitavamo che tu ognitanto passassi di qua ;-)
      Comunque speriamo di essere invitati anche noi al vostro picnic...sai come ci divertiremmo...anzi, mi hai fatto ricordare un picnic per festeggiare un certo compleanno...ma tanti, tanti anni fa :-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  15. Mi piace moltissimo questa ricetta, e trovo molto interessante l'abbinamento salmone-melagrana-caprino (ance se ammetto di avere sempre qualche resistenza sull'abbinamento pesce/formaggio.. sono vecchia scuola, in questo).
    Ho solo avuto un moto di rigetto alle istruzioni per fare in casa il succo di melagrana: questo autunno ho dovuto spremere due sporte (presente quelle Ikea? Ecco) di melograni per farne poi gelatina.. un incubo che ancora oggi mi perseguita ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulietta ti capisco...per fortuna co lo schiacciapatate è più facile ;-)
      Dai "convertiti" all'abbinmento pesce/formaggio...ne potresti restare stupita ;-)
      baci
      Anna Luisa

      Elimina
  16. Quel tocco della melagrana mi piace moltissimo. Grande proposta, per un momento spensierato all'aria aperta. Ma diciamo che renderei ideale qualsiasi momento, pur di gustare una simile bontà ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica, efetivamente penso che sia una quiches adatta a qualunque occasione, pranzi, cene...ed ovviamente picnic ^_^
      Baci
      Ana Luisa

      Elimina