venerdì 13 luglio 2018

Isole Egadi, come arrivare, cosa vedere


Siamo finalmente in estate ed il pensiero va subito a posti caldi, al mare, alle vacanze.
In questi giorni ripensavo ad alcune località che ho visitato prima dell’apertura del blog e tra le più
affascinanti c’è sicuramente Favignana che assieme a Marettimo e Levanzo (oltre all’isolotto di Formica e lo scoglio di Maraone) formano le isole Egadi.
Situate al largo di Trapani, oggi costituiscono una riserva naturale marina protetta, dalle bellezze
naturalistiche notevoli. Circondate da acque cristalline, ospitano anche una ricca e varia flora e fauna marina apprezzatissima dagli appassionati di snorkeling ed immersioni, ma anche dagli amanti della Natura e delle passeggiate. Diverse infatti sono le piante endemiche ed officinali che si possono apprezzare, come anche diverse specie di uccelli.
Uno dei metodi migliori per raggiungerle è arrivare alle Isole Egadi con l’aliscafo. Le isole si raggiungono facilmente da Trapani, ma anche dalla vicina Marsala, da Ustica e da Napoli.
Chi va alle Egadi è sicuramente attratto dal bellissimo mare e dal contatto stretto con la Natura, dalla voglia di ritmi lenti.
I sentieri di trekking di Marettimo o le calette nascoste di Levanzo proiettano il visitatore in un’atmosfera rilassata e piacevole. La prima cosa che colpisce è sicuramente il colore del mare, come le acque cristalline.
Non mancano comunque delle attrattive culturali per chi al mare vuole abbinare anche qualche visita, come l’ex stabilimento Florio a Favignana, il museo del mare più grande d’Europa o le grotte del Genovese, sull’isola di Levanzo, il sito più importante in Italia di pitture ed incisioni rupestri risalenti al neolitico/paleolitico (9680 a.C.).
Ci sono poi altre escursioni interessanti che si possono fare, come il giro in barca delle isole, la visita ai giardini ipogei, la salita in cima al monte Santa Caterina a dorso d’asino. E’ la bellezza della semplicità e del contatto diretto con la Natura, lì dove l’uomo ha messo poco le mani.
L’isolotto di Formica e lo scoglio di Maraone presentano dei paesaggi sottomarini incantevoli.
Tutte le isole sono anche ben collegate tra di loro.



Favignana
Favignana si trova a circa 7 km dalla costa siciliana al largo di Trapani e Marsala ed è l’isola principale dell’arcipelago.  E’ la più grande ed attrezzata tra le tre oltre che il capoluogo. Dominata dal monte Santa Caterina (da vedere in cima il forte saraceno), presenta alcune tra le calette più belle dell’arcipelago.
Il nome Favignana deriva dal latino e precisamente da favonio, il nome col quale gli antichi romani
indicavano il vento caldo proveniente da ovest. Altra origine possibile del nome potrebbe essere dovuta alla presenza abbondante delle capre sull’isola.
Il villaggio sorge su una insenatura naturale all’interno della quale è stato ricavato anche il porto sulle cui sponde sono presenti gli edifici dell’ex tonnara Florio.
Molto caratteristiche le abitazioni che presentano intonaco bianco e finestre colorate, blu o verde.
Ha una superficie di 19 km² circa e d una costa di 33 km frastagliati e ricchi di cavità e grotte.
Fu poi il pittore Salvatore Fiume a definirla “farfalla sul mare” proprio a causa della sua forma che ricorda proprio una farfalla.

Levanzo
E’ la più piccola delle Egadi con una superficie di appena 5 km². Il paese è costituito da poche case attorno al porto. Dista circa 15 km da Trapani. E’ praticamente priva di strade asfaltate, tranne che per un piccolo tratto che conduce alla spiaggia del Faraglione. Ciò ha sicuramente contribuito a preservarne un aspetto autentico.
​Come dicevo precedentemente, di grande interesse il sito delle grotte del Genovese con le pitture e le
incisioni rupestri.
Davanti Cala Minnola, invece, sul versante orientale dell’isola, c’è uno dei siti archeologici più importanti della Sicilia, vale a dire il relitto di una nave romana, col suo carico di anfore e frammenti di vasellame, che si trova ad una profondità di 27 m.
Levanzo presenta 12 km di coste e solo 200 residenti. La vita si svolge essenzialmente attorno a cala Dogana dove sono presenti dei negozi. L’isola presenta belle calette da scoprire a piedi o in barca, semmai accompagnati dai pescatori.

Marettimo
E’ il classico villaggio di pescatori, barche, reti e ritmi slow. Le case sono basse e bianche con porte e finestre blu. E’ la più occidentale dell’arcipelago, ha una superficie di 12 km²  ed anche la più alta. Si trova a circa 4 km da Favignana. Alcuni la identificano con Itaca, la patria di Ulisse.
Il nome avrebbe il significato di “isola sacra”. Natura incontaminata ed una fauna molto ricca sono i suoi punti di forza.
Insomma, queste isole sono una vera ricchezza del nostro Paese e se ancora siete indecisi su dove
trascorrere le vacanze estive, sicuramente è una meta che merita considerazione e che soprattutto non
delude le aspettative. E sono anche facili da raggiungere, il che non guasta.


Fabio

2 commenti:

  1. Ne ho solo sentito parlare e sempre bene. Non siamo mai stati nella zona di Trapani e penso che sarà la nostra prossima tappa in Sicilia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una zona molto interessante! Oltre alle bellissime Egadi ci sono Mazara del Vallo, Marsala, le saline di Mozie. Tutto sommato anche la riserva elo zingaro non è lontano, siamo comunque nella parte più stretta della Sicilia :-)

      Elimina