giovedì 5 novembre 2015

Blog tour nelle Marche (parte seconda)





L'inizio di questo tour è stato davvero molto interessante. Dopo la visita al pastificio La pasta di Aldo, ci rifocilliamo presso uno splendido Agriturismo,l'Agra Mater a Colmurano (MC). Avremmo dovuto fare una visita all'orto, ma purtroppo le condizioni meteo non ce l'hanno permesso. Possiamo però assaporare i prodotti qui coltivati attraverso l'interessante cucina della struttura. Lara e Melissa sono delle eccezionali padrone di casa e ci presentano dei piatti deliziosi e sempre curati nei minimi particolari. Ad accompagnarli ci sono le birre artigianali di Birrifirma . Le etichette sono simpaticissime, come la campagna pubblicitaria, ma quello che colpisce è il gusto sempre ben delineato di queste birre, ognuna col proprio carattere che si sposa ai vari piatti assaggiati direi in maniera perfetta. Marco Simoni ci presenta anche una chicca, il suo idromele. E' la prima volta che l'assaggio e mi conquista al primo sorso. La struttura ha anche delle camere, quindi la consiglio anche come base per visitare i dintorni. Si trova infatti anche in una zona molto bella.



















Smaltiamo un po' di calorie con un bel giro per visitare Macerata. Qui la nostra guida, Michela, ci porta a visitare lo sferisterio. Si capisce che il gioco della palla col bracciale fosse molto popolare. Si tratta di una struttura molto grande, che oggi ospita concerti, anche lirici e manifestazioni di rilievo. Proseguiamo poi per il Duomo e la basilica della Madonna della misericordia, prima di arrivare a palazzo Buonaccorsi, dove ci attendono anche il Sindaco ed  un assessore. Si tratta di un museo molto bello che vale la pena visitare in maniera approfondita. Non può mancare anche la visita al teatro.













Ci spostiamo presso l'azienda agricola Si.Gi.
L'azienda produce confetture, gelatine, sottolio e sciroppate oltre a dei vini dolci. Martina Buccolini e sua mamma ci fanno degustare alcuni prodotti ed anche il giuggiolone oltre al vino di visciole. L'azienda in passato ha vinto l'Oscar Green della Coldiretti. Ed ovviamente ne approfittiamo per fare un po' di scorta dei loro ottimi prodotti.







Per cena ci attendono alla Trattoria da Ezio, vera istituzione cittadina, uno di quei locali un po' restrò ma nei quali si mangia una vera cucina di tradizione. La signora Mirella ci fa provare i vincisgrassi, tipico piatto maceratese (non vi azzardate a chiamarle lasagne!) e la pasta col sugo di papera, oltre ad una ottima zuppa inglese.



Facciamo ritorno alla locanda Fontezoppa. Qui faremo anche colazione nell'accogliente sala con vista sulle vigne.




A conclusione del blog tour, il giorno seguente ci spostiamo a Muccia, nell'entroterra, per visitare un'altra istituzione del territorio, vale a dire l'antica distilleria Varnelli. Dall'entusiasmo dei visitatori capiamo subito che si tratta di un'azienda molto amata. L'azienda ha una lunghissima storia, ed è attualmente gestita da 3 sorelle, Simonetta, Donatella ed Orietta. La prima in persona ci porterà a vedere la produzione dell'amaro di cui ci sono due versioni, il Sibilla ed il Tonico. Anche se il Varnelli, a base di anice, tipica correzione del caffè è il prodotto principe indiscusso, non mancano prodotti di qualità, anche per i golosi, come quello a base di cioccolata. C'è anche una piccola degustazione di prodotti tipici locali in azienda. Maura ci accompagna nella seconda parte del tour, e ci mostra la zona di produzione del liquore al caffè, fatto rigorosamente con espressi preparati uno ad uno e poi passiamo nella zona dell'imbottigliamento, prima della foto finale di gruppo che chiude questo bellissimo tour alla scoperta di alcune delle eccellenze marchigiane.









Grazie ancora a Giada e a Mariangela e a tutte le aziende che ci hanno gentilmente ospitati ed aperto le loro porte a noi curiosi ed appassionati di (buon) cibo.

Fabio e Anna Luisa

4 commenti:

  1. questa parte delle Marche mi manca, vedo che si sono un sacco di cose interessanti, prendo nota per un prossimo tour, buon we !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono bei posti. Voglio sicuramente tornarci per approfondire la visita :-)

      Fabio

      Elimina
  2. L'Agra Mater sembra un posto delizioso! Guardando le foto che hai fatto ai cibi e alle bottiglie vorrei dirti una cosa, che mi sono ispirata alle foto che fai alle bancarelle di cibo per alcune foto che ho fatto a Londra, ma il confronto purtroppo non esiste :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un agriturismo davvero delizioso.
      E' "normale" per le foto, non ti preoccupare. Continua a vedere foto che ti piacciono e a scattare.
      Normalmente si dice che per fare una prima foto buona, bisogna scattarne almeno dieci mila :-)
      Quindi, scatta, scatta, scatta ed analizza i tuoi scatti con occhio critico.

      Fabio

      Elimina