lunedì 26 ottobre 2015

Blog tour nelle Marche (prima parte)


Abbiamo girato tanto, però le Marche le conosciamo ancora poco, ed è un vero peccato perché è una regione ricchissima di posti meravigliosi, ottimo cibo e cultura. Per questo abbiamo partecipato molto volentieri al blog tour organizzato da Mariangela e Giada in collaborazione l'AIFB.
La prima visita è stata al frantoio Torresi a Potenza Picena. Il motto dell'azienda è "il futuro ha un cuore antico". Sì, perché quella del frantoio è una storia che inizia nel 1964 e diverse generazioni l'hanno fatto crescere fino al trasferimento nel 2010 nella sede attuale. Tutto il processo, da quando le olive di diversi coltivatori arrivano al frantoio, è curato nei minimi particolari per garantire la realizzazione di un prodotto di qualità. Oltre ad illustrarci la storia del frantoio, ci viene fatto un test pratico di degustazione. E siamo felici che tutti abbiano individuato l'olio migliore tra i due proposti. Dopo la doverosa lezione sulla degustazione, alla scoperta delle caratteristiche organolettiche principali dell'olio, ovvero fruttato, amaro e piccante, salutiamo Tommaso Ruffini e la signora Fausta Torresi che ci hanno ospitati.








Dopo un breve giro per il paesino, ci trasferiamo alla Locanda Fontezoppa che sarà la nostra base, sì, perché qui, con uno splendido panorama sulle vigne e su Civitanova Marche, si può anche dormire e mangiare, ma è anche la cantina che avremo modo di visitare e di cui degusteremo i vini.




 Si tratta di un'azienda che produce vino biologico, come ha modo di illustrarci l'enologo che ci porta prima in vigna e poi in cantina ed in barricaia per illustrarci la tipologia di uve lavorate e le tecniche di lavorazione e di stoccaggio.













Siamo in piena vendemmia e visto che le attività sono in corso ed è previsto cattivo tempo l'indomani, assistiamo anche al primo trattamento dell'uva nella diraspatrice, prima di finire nel tino di fermentazione. E' un periodo magico quello della vendemmia.













Durante la cena avremo modo di degustare diversi vini dell'azienda, tra cui la passerina Jaja, anche in versione spumantizzata, un metodo classico rosé, il Ribona ed il Citranò oltre al Carpignano. Ne ho apprezzati particolarmente alcuni e quindi ne ho acquistata qualche bottiglia prima di andare via. Ad arricchire la tipica cena, la presenza del Professor Carlo Cambi che ci ha eruditi sulla cucina marchigiana, col suo modo di fare sempre puntualissimo e simpatico allo stesso tempo.








Il secondo giorno, sotto una pioggerella costante, raggiungiamo un pastificio speciale. Speciale perché tali sono Luigi, che ci ammalia coi suoi racconti e le sue parole, ma soprattutto con la sua passione e Maria, altra anima dell'azienda che si unisce a Luigi in maniera direi perfetta. Dai loro cognomi è nato il nome dell'azienda, la pasta di Aldo. Dietro ogni pacchetto prodotto c'è una storia, un'evoluzione ed uno studio costanti che hanno portato il pastificio ad essere cercato dai più grandi chef del mondo. Staremmo davvero ore ad ascoltarli.









Prima di andare via, passiamo per Monte San Giuto per andare alla chiesa di Santa Maria della pietà, da poco restaurata, per ammirare la pala della Crocifissione di Lorenzo Lotto. Se passate da queste parti, non perdetevela.


A presto col seguito del racconto.

Fabio e Anna Luisa

7 commenti:

  1. Molto interessante buona serata

    RispondiElimina
  2. Bellissima e soprattutto molto interessante la vostra gita nelle marche.splendida la vendemmia, meravigliosa quella pasta stesa. Anche noi conosciamo molto poco quella zona, ci siamo stati l anno scorso mna solo per un paio di giorni e senza tutte queste belle esperienze che avete vissuto voi. Sono posti che meritano assolutamente più tempo e in cui si mangia talmente bene che non si andrebbe più via! Bravi e complimenti per il bellissimo reportage!

    RispondiElimina
  3. Una Regione tutta da scoprire, anche in varie stagioni :-)

    Fabio

    RispondiElimina
  4. sono stata anche io un mese fa nelle Marche , ho visto Urbino e me ne sono innamorata, spero di ritornare , prendo nota dei posti che avete visto nel vostro tour !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Spero tu possa trovare ottimi spunti.

      Fabio

      Elimina
  5. Che bello il vostro racconto della prima parte della nostra avventura e che belle le foto! Sono stra-felice che vi siate trovati bene e che le mie Marche vi abbiano conquistati! Sono curiosa di leggere il resto del reportage. Grazie e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avete fatto un ottimo lavoro di organizzazione, mi ha fatto piacere conoscerti di persona, è stato davvero un blog tour molto interessante che ci ha permesso di scoprire tante realtà e posti nuovi.

      Fabio

      Elimina