mercoledì 3 giugno 2015

Una buona merenda per grandi e piccini: Torta Arluno di Iginio Massari


"Non solo zucchero" di Iginio Massari, un'enciclopedia che tutti gli appasionati di pasticceria dovrebbero avere in casa. Per me il maestro Massari è colui che racchiude tutto il sapere di quest'arte e fortunatamente l'ha riportato in questi volumi, attualmente sono cinque (  me manca ancora l'ultimo, ma ricordo a qualcuno, leggi Fabio, che tra poco sarà il mio onomastico ed anche il nostro anniversario di matrimonio!), ma credo siano destinati a crescere ancora. Come diceva anche Flavia, qualche tempo fa, negli istituti alberghieri dovrebbero averli come testi obbligatori. Pensate che prima di iniziare ad acquistarli, cercavo appunto dei testi scolastici di pasticceria, ma senza approdare mai a qualcosa che soddisfacesse la mia ricerca. Il maestro Massari inizia con la descrizione degli ingredienti, l'effetto di ciascuno di essi nei dolci, portando per mano a realizzare torte anche elaborate.
Ho letto e sfogliato tantissime volte questi libri, senza avere il coraggio di lanciarmi nella preparazione dei dolci di Massari, poi pian piano ho fatto dei piccoli passi e questa che vi riporto oggi è stata una delle prime torte da me realizzate. E' molto semplice, ma buonissima.
L'unica variazione che ho fatto, a parte ridurre ad 1/4 le dosi per la teglia di 22 cm, è di sostituire la marmellata di arance sulla torta con una ganache al cioccolato. Mi rendo conto che data la leggerezza e la genuinità della torta la scelta della marmellata sarebbe stata più naturale, ma il giorno che ho preparato la torta Arluno, avevo intenzione di fare anche dei macarons, che sono venuti meno a causa del tempo scarso. Così, ho deciso di utilizzare la ganache al cioccolato che avevo preparato per i macaron, per la torta Arluno e vi assicuro che ci sta decisamente bene...d'altro canto con cosa non sta bene il cioccolato?


Torta Arluno (da "Non solo zucchero I " di I. Massari)

Ingredienti:
burro g 1000
zucchero a velo g 1000
baccello di vaniglia 2
mandorle in polvere g 250
tuorli g 200
uova intere g 500
liquore Strega g 125
fecola g 250
farina mais macinata finemente g 250
farina bianca 00 g 250
lievito in polvere g 10

Per la ganache al cioccolato:
250 g di cioccolato fondente
200 ml di panna
50 g di burro


Preparare la ganache: sciogliere il cioccolato a bagnomaria, aggiungere poco alla volta la panna precedentemente riscaldata ed infine il burro. Fare raffreddare completamente.
Montare a schiuma in una planetaria con lo scudo il burro, lo zucchero e la vaniglia. Mettere le mandorle macinate finemente e incorporare le uova e i tuorli poco alla volta, poi aggiungere il liquore; versare a pioggia farina bianca, mais, fecola e lievito in polvere setacciati due volte. Imburrare e infarinare con la farina di mais le tortiere, riempirle fino a 2/3 dell'altezza. Cuocere in forno a 180° per 30 minuti un dolce da gr 500 con valvola chiusa.

Quando la torta e' fredda, posizionare un anello fino a 1 cm dal bordo e dosare uniformemente la ganache al cioccolato.

Note mie: per uno stampo di 22 cm ho utilizzato 1/4 della dose indicata dal maestro Massari.


Questa torta è per la mia cuginetta che dice che preparo dolci troppo elaborati.

Anna Luisa

19 commenti:

  1. Il cioccolato sta bene dappertutto, questo è ovvio :) non ho mai sentito parlare del liquore Strega e sinceramente non amo particolarmente il sapore del liquore nei dolci, è forte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non preoccuparti, neanche io amo il sapore liquoroso nei dolci, ma considera che in cottura l'acool va via lasciando solo il sapore del liquore ;-) Lo Stega è molto buono, prima o poi lo devi provare, magari in una torta come questa ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Ecco...vedo la foto di questa meraviglia e obbedisco all'invito di visionare anche l'interno...e il panorama in entrambi e' invitante e paradisiaco! E anche se per me potrebbe essere fatale la rifaro' a beneficio delle papille gustative dei nipotastri e pure mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, purtroppo, come dico sempre, il difetto di internet è di non fare sentire anche il profumo dei piatti...ti assicuro che era irresistibile :-P
      Ti consiglio di farla, anche perché è velocissima e di una semplicità che non può non piacere...le papille gustative ti ringrazieranno ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Quando posso morire tra le bave????? matti <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non morire!!!...almeno prima di aver assaggiato questa torta ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  4. Dosi per un esercito ;)
    Sono sicura che non ne avanzerebbe neanche una briciola! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loredana, ovviamente ne ho fatto solo 1/10...peccato che il giorno dopo ho dovuta preparare un'altra torta perché la prima era già finita...sei sicura che sia una dose per un esercito? :-D :-D :-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Che meraviglia!! Un dolce davvero buonissimo, la ganache?? Ci sta una favola!! Brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, anche con la marmellata sta benissimo...ma con la ganache...:-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  6. Questa torta sembra assolutamente deliziosa.. e con lo Strega deve esserlo per forza! Io lo adoro, ne bevo spesso un goccio con un bicchierino di latte (latte stregato, appunto).

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica, è una torta che bisogna assolutamente provare e, come dici tu, lo Strega ci sta benissimo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  7. non la conoscevo, è bellissima !

    RispondiElimina
  8. Annalu,anche la ganache è da modificare le dosi? Grazie Lucia

    RispondiElimina
  9. che bontà questa torta e poi c'è il mio liquore strega sai io vivo nella città delle streghe e lo stabilimento e proprio vicino a me :)
    ottima

    RispondiElimina
  10. che deliziaaaa!! devo provare a farla :D

    RispondiElimina
  11. Ecco, ora ho tutti e 5 i volumi di Massari in wish list, sia mai che decida di regalarmeli piano piano, perché immagino che capolavori di tecnica e ricette contengano... tipo questa meraviglia assoluta! E io di certo non mi sarei offesa per la sostituzione della marmellata con la ganache al cioccolato :D

    RispondiElimina
  12. Ciao super complimenti!! Ma il dosaggio che hai pubblicato presumo non sia quello ridotto vero? Ultima domanda, il liquore posso proprio ometterlo? Perché a me non piace proprio il sapore.
    Grazie e ancora complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per i comlimenti :-) La dose è quella riportata sul volume, considerane circa 1/8 come dose per la torta che ho preparato io.
      Per il liquore, a parte che considerandone 1/8 diventa pochissimo, se comunque non ti piace, puoi tranquillamente sostituirlo con dell'estratto di vaniglia, oppure con del succo di arancia ad esempio e magari a quel punto metti anche un po' di buccia d'arancia grattugiata nella torta ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina