martedì 28 aprile 2015

La ricetta sperduta: Quiche di patate, mele, cipolle e gruyère



Chissà perché mi capita spesso di vedere qualche ricetta interessante su una rivista, piuttosto che su un libro di cucina e poi, non potendola preparare subito per una qualche ragione, la perdo.
Ho la brutta abitudine di non segnare le ricette che vorrei preparare, forse perché sono cosciente che con tutti i libri e le riviste che ho, non mi potrebbe bastare tutta la vita per sperimantere tutti i piatti.
Giuro che una volta mi ci sono messa d'impegno, ho iniziato dal primo libro della prima mensola della libreria della cucina ed ho iniziato a segnare su un'agenda il titolo delle ricette che avrei voluto fare, dividendole per mese dell'anno, dato che nella migliore tradizione, quando trovi una ricetta con le fragole? A Dicembre! Ed una con le castagne? A Maggio. Insomma, solitamente le ricette saltano all'occhio con un tempismo decisamente "imperfetto".
Non parliamo poi delle riviste, accuratamente ammucchiate in un'unica fila, che di tanto in tanto riordino dividendo per rivista e solo alla fine penso che sarebbe stato anche lì più saggio dividerle per mese dell'anno, perché anticiparsi va bene, ma preparare delle mince pie in estate non mi sembra il caso.
La ricetta che vi propongo oggi è un po' come i bimbi sperduti di Piter Pan, c'è da qualche parte, ma chissà dove, forse sull'isola che non c'è.
Sicuramente vi posso dire che l'ho vista su Sale&pepe ed approssimativamente ricordo anche l'aspetto che aveva ed alcuni ingredienti...insomma, questa quiche che propongo oggi diciamo che è una mia rivisitazione a libera interpretazione di una ricetta che vaga nella mia libreria...

Quiche con cipolle, patate e mele
Ingredienti

Per la pasta brisée di M. Roux:
250 g di farina
150 g di burro, tagliato a pezzettini e leggermente ammorbidito
1 cucchiaino di sale
Un pizzico di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo
 
Per il ripieno:
300 g di patate
2 cipolle rosse di Tropea
2 mele
80 g di burro
100 g di gruyére
2 uova
1 tuorlo
200 ml di panna
noce moscata
sale

 
Pelare le patate,tagliatele cubetti e lessatele 5 minuti in acqua bollente leggermente salata. Scolatele ed asciugatele. Affettate le cipolle e stufatele in padella con il burro e 2 cucchiai di acqua. Aggiungere le patate e le mele pelate e tagliate a dadini. Saltate il tutto per 2 minuti in padella, spegnere e lasciare raffreddare.
 Preparate la brisée: versate la farina a fontana sul piano di lavoro. Mettete al centro il burro, il sale, lo zucchero e l’uovo, poi mescolateli e lavorateli con la punta delle dita.
Incorporate piano piano la farina, lavorando delicatamente l’impasto finché assumerà una consistenza grumosa.
Aggiungete il latte e incorporatelo delicatamente con la punta delle dita finché l’impasto comincia  a stare insieme.
Spingete lontano da voi l’impasto con il palmo della mano, lavorando di polso, per 4 o 5 volte, finché è liscio. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo fino all’uso.
Infarinate leggermente il piano di lavoro (meglio se di marmo) e il mattarello. Stendete la pasta con colpi leggeri e pressione regolare, ruotandola di 90° e girandola di tanto in tanto, per evitare che attacchi e facilitare l’areazione. Continuate così fino a ottenere le dimensioni e la forma desiderate.
Usate il mattarello stesso per misurare la vostra tortiera. Se usate un anello, appoggiatelo sulla carta da forno. Stendete l’impasto con un diametro di 5-7 cm superiore a quello della tortiera, in base all’altezza. Sollevate la pasta sul mattarello e srotolatela sullo stampo.
Rifilate la pasta in eccesso col coltello o passando il mattarello sulla tortiera. Premete una pallina di impasto sul bordo per alzarlo un poco. Lasciate raffreddare in frigo per 20 minuti perché non si crepi durante la cottura.
Prima di cuocere in bianco o di versare il ripieno, bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta per far fuoriuscire l’aria.
Cuocete “in bianco” nel forno alla temperatura indicata dalla ricetta (di solito 180°-190°C) per 15 minuti, poi togliete i pesi e la carta e rimettete in forno perché la pasta si asciughi e colori. 
In una ciotola mescolare le uova, il tuorlo, la panna, la noce moscata ed il sale.
Mettete nela guscio di pasta brisèe il ripieno di mele e patate, cospargere di gruyère grattugiato e versarvi sopra il composto di uova. Cuocere in forno per 20-25 minuti.
 
Ho utilizzato le cipolle di Tropea che hanno dato alla quiche un tocco di colore, ma se preferite l'effetto "all white", non esitate ad utilizzare quelle bianche.
 
La domanda che resta è...ritroverò mai quella ricetta? 

Anna Luisa
 

9 commenti:

  1. molto interessante e molto ricca di sapore, capita magari a volte si vede una ricetta su un libro e poi la si perde e si inizia la ricerca quasi impossibile

    RispondiElimina
  2. Sembra buonissima, anche se fatico a immaginarne il sapore dato dalle cipolle e le mele :)

    RispondiElimina
  3. Come abbinamenti la trovo fenomenale!!!
    Brava Anna Luisa, davvero una quiche gourmande!!!

    RispondiElimina
  4. Deve essere sublime. E mi leverò presto la voglia ;)

    RispondiElimina
  5. Semplice e con quel gusto delicato ma non troppo che ci sta davvero bene per una quiche!
    Buonissima

    RispondiElimina
  6. Anche se la dovessi ritrovare, la ricetta l'avrai comunque perfezionata...non ci pensare! A me capita anche di preparare un piatto e fare le foto...per poi dimenticarmi di postarlo e non ricordare più come l'ho ottenuto, quali ingredienti ho cambiato, e così via...sono da ricovero, lo so. La quiche...la amo. Il formaggio...pure. Bellissima ricetta. Un bacione a entrambi

    RispondiElimina
  7. Ahah, anche io faccio così.. poi ogni tanto vado pure a scartabellare alla ricerca della ricetta perduta, e sia mai che trovi quella che stavo cercando.. sempre altre!! Mannaggia!
    Comunque questa quiche, se anche fatta solo sul ricordo, è veramente molto golosa.. mi piace moltissimo!!

    RispondiElimina
  8. L'ho avvistata ieri su Facebook e non vedevo l'ora di venire a leggere la ricetta! Questa ricetta finirà nella mia lista "da provare", ma non penso finirà come le altre 12543 segnate e mai provate :-)
    Tra l'altro ho delle mele da far fuori e questa mi sembra faccia proprio al caso!
    Buona giornata a te e Fabio, un bacione :*

    RispondiElimina
  9. finirà nella mia lista delle ricetta da fare, troppo golosa !

    RispondiElimina