giovedì 19 febbraio 2015

Bruxelles e Bruges: secondo giorno, Bruges


Siamo pronti a gironzolare per Bruges e visitare ciò che ci manca ancora da vedere (potete leggere la prima parte QUI). Accendo il cellulare e mi trovo un messaggio da parte dell'Alitalia. Il volo di ritorno è stato cancellato. Nel messaggio c'è solo il numero di telefono del servizio clienti da chiamare, quello dall'Italia. Dei geni. Per fortuna l'hotel ha il wifi, trovo il numero per chiamare dall'estero. A pagamento. Loro cancellano il volo, io devo chiamare per sapere che fine faremo. Sto un bel po' di minuti a telefono e poi, puff, cade la linea...allora richiamo, purtroppo questa cosa ha la priorità e bisogna risolverla quanto prima. Dopo aver rifatto tutta la trafila, scopro che non ci sono posti nei voli dei giorni seguenti quello programmato per il ritorno e che ci hanno riprotetti su un volo il giorno prima della partenza. Praticamente abbiamo perso un giorno di vacanza! Ecco, questa è una cosa inammissibile! I voli li abbiamo comunque pagati un bel po', non ce li hanno certo regalati e vedersi anche accorciare la vacanza (e meno male che era una vacanza...) non è affatto bello e non dovrebbe essere consentito. C'è lo sciopero, ok. Problemi della compagnia, non certo miei. Ovviamente dobbiamo accettare, non ci vengono nemmeno proposte alternative, come prevede la legge. E lo sciopero già era previsto da un po', come ci dirà il cugino di Anna Luisa che abita a Bruxelles. Perché comunicarcelo il giorno dopo il nostro arrivo?
Tutti i programmi sono saltati e dobbiamo cercare di vedere quello che si può. Ovviamente non ci sarà modo di concederci un momento di relax, il tempo a disposizione è diventato troppo poco. La vacanza è decisamente condizionata da questa variazione.
Avvertiti i nostri amici, ritardiamo l'appuntamento con loro ma abbiamo praticamente solo il tempo per dividerci quando avremmo dovuto trascorrere la vacanza assieme. Chiusa questa faccenda, facciamo velocemente colazione, lasciamo la camera e la valigia in hotel e facciamo un giro per Bruges.
Iniziamo proprio dalla zona dove eravamo la sera prima.






La prima cosa che visitiamo è il Beginhof, con le case bianche affacciate su un bel giardino ed il museo che ricorda di questa pratica del beghinaggio.








Usciti dal Beginhof siamo subito nel Minnewaterpark. E' noto come il parco dell'amore, in effetti è molto romantico con i suoi colori, il castello sull'altra sponda ed una deliziosa chiesetta che vediamo una volta entrati nel parco.


















Lasciato il parco, ci dirigiamo verso la Godshius St-Josef & De Meulenaere, abbandonata.
Siamo di nuovo in centro, verso il Markt ed il Burg. Qui  la mattina c'è il Vismarkt, il mercato del pesce. In realtà ci sono 3-4 venditori, uno solo di pesce.





















Arrivati al Burg, ci separiamo. Anna Luisa va in giro per cioccolaterie a comprare un po' di cioccolata da portare a casa, io invece vado ad esplorare il quartiere di St. Anna.
La zona è molto carina, non ci sono turisti. Faccio una deviazione per la chiesa di Sant'Anna, ma sono alla ricerca della Jeruzalemkerk che trovo subito dopo.
Arrivo quindi alla zona dei mulini a vento lungo il fiume. Percorrendo Rolweg, me ne trovo uno proprio di fronte. La pioggerella che stava scendendo mi dà un minuto di tregua e scatto qualche foto.











Rientro in centro percorrendo Carmestr. Questa è una delle zone più caratteristiche, dove ho trovato gli scorci sui canali più belli. Precisamente su Spiegerlei, venendo da Langerei. Un incanto.























Ritorno al Markt e mi ricongiungo con Anna Luisa. Vorrei salire sulla torre del Belfort, ma c'è un po' di fila e devo desistere. Abbiamo infatti deciso di anticipare il nostro spostamento a Bruxelles per cercare di visitarla per quello che si può. Salutati stamattina i nostri amici, avendo loro tempi e programmi diversi da nostri, torniamo verso l'hotel. Nella 't Zand c'è un mercato. Niente di eccezionale, facciamo giusto un giretto prima di recuperare la valigia in hotel e recarci in stazione. Per fortuna ci eravamo segnati gli orari dei treni e l'attesa è breve. Poco più di un'ora e siamo a Bruxelles.
















 (to be continued)
Fabio

15 commenti:

  1. Il volo cancellato con la vergognosa e unica alternativa che l'Alitalia vi imposto (non proposto) è incommentabile. Spero siate riusciti comunque a vedere il necessario e soprattutto che non vi siate amareggiati più del dovuto. Ma avete perso anche una notte in hotel? Vedere Bruges in un altro momento dell'anno (ci sono stata due volte e sempre in estate) mi ha fatto particolarmente piacere :-), affascinante anche con questa luce e...molto meglio con meno persone in giro! D'estate è gremita... Un bacione e al seguito del racconto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo riusciti a fare tutto, correndo come i disperati :-) altrimenti sarebbe stato impossibile :-)
      Per fortuna l'ultima notte era cancellabile e non l'abbiamo pagata (almeno quello!).
      C'erano poche persone perché alla fine tutte le foto sono state scattate la sera e la mattina presto. Di giorno (i nostri amici sono rimasti lì) era gremita e quando siamo andati via noi c'èera un fiume di persone che raggiungeva il centro dalla stazione.

      Fabio

      Elimina
  2. Ho un gran bel ricordo di Bruxelles!! Ma è l' unica città che ho visto in Belgio!!
    Mannaggia per il volo anticipato, sarebbe stato davvero un peccato dover saltare delle mete!
    Grazie per le belle foto e buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo fatto un po' tutto di corsa, ma ce l'abbiamo fatta :-)

      Fabio

      Elimina
  3. Bellissima Bruges, bellissime foto!
    :-)

    RispondiElimina
  4. (e brutta e cattiva Alitalia!;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah vero! Non si fa così :-D
      Bruges è deliziosa :-)

      Fabio

      Elimina
  5. L'estate appena passata abbiamo dovuto tagliar fuori mezza Sicilia a causa dell'inventiva del datore di lavoro di mio marito (chiamiamola così va'...), quindi capisco il disagio e il giramento di ammennicoli, ma le foto di posti così belli mi lasciano nuovamente senza fiato, rivedo gli angolini della mia vacanza di qualche anno fa e mi viene la voglia di ritornarci....
    Ciao,
    Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino! La vacanza è vacanza, si programma per tempo, comporta delle spese e certe cose non dovrebbero capitare!
      A me piacerebbe tornarci d'estate :-)

      Fabio

      Elimina
  6. Ho capito, devo arrendermi, non riesco più a star dietro a tutti i vostri magnifici viaggi, vi so in un posto e leggo il racconto di un altro :) Quello che è certo è che è sempre piacevolissimo vedere le vostre foto e leggere i vostri reportage.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari! :-)
      In effetti è slittato un po' questo diario di viaggio di Dicembre e si è un po' accavallato col recente viaggetto a Berlino di cui racconteremo tra un po' :-D

      Fabio

      Elimina
  7. un report fotografico cosi bello di bruges non lo avevo mai visto nemmeno nelle agenzie fotografiche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, mi fa davvero molto piacere :-)

      Fabio

      Elimina
  8. non sono mai stata a bruges, le tue foto sono stupende efanno venire una grandissima voglia di visitarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberta e felice di averti sul blog :-) Benvenuta.
      Bruges è una cittadina deliziosa che ti auguro di visitare.

      Fabio

      Elimina