martedì 9 settembre 2014

Il mio "ravioloVe" per la Galleria dei sapori Cirio


Il 9 Luglio scorso, assieme ad altri blogger campani, ci siamo ritrovati nella cornice della scuola del Gambero Rosso di Napoli per una sfida culinaria. Elemento base della gara è stata la Polpapiù della Cirio, una sorta di via di mezzo tra una passata ed il classico pomodoro pelato, con la presenza all'interno di qualche pezzetto di pomodoro intero. A questo ingrediente, uguale per tutti, si sono aggiunti i 2 a sorpresa che abbiamo trovato all'interno della artistic box e che abbiamo scoperto proprio all'inizio della gara. Dopo che lo chef Luca Ogliotti ci ha dato due esempi dell'utilizzo creativo della polpa più in cucina, ciascuno ha preso posto nella propria postazione. Un po' di timore non mancava, sia per l'incertezza degli ingredienti che avremmo trovato,diversi per ciascun concorrente, sia per la ricetta da realizzare che era da "inventare" al momento. A me sono toccate la stracciatella e la maggiorana. Dopo averci pensato un attimo, ho deciso di realizzare della pasta fresca, precisamente di fare un raviolone, ripieno di stracciatella e maggiorana a cui ho aggiunto della provola affumicata che era assieme ad altri prodotti a disposizione di tutti in dispensa. Ho preparato un sughetto a base di Polpapiù che mi sarebbe servito da base e poi un sughetto di zucchine e di fiori delle stesse come condimento esterno. E' stata anche un po' una corsa contro il tempo, ma per fortuna, con l'aiuto di due ragazze della scuola che ci mettevano a disposizione utensileria e quant'altro di  cui avevamo bisogno, direi che alla fine ce la siamo cavata tutti piuttosto bene.
Ma non finiva qui, perché bisognava anche dare un nome a questa ricetta. Chi mi conosce lo sa, a me piace giocare con le parole e visto che per me l'ingrediente principale di una ricetta è sempre l'amore, ho deciso di storpiare leggermente il nome di questo raviolone e di chiamarlo "ravioloVe". Sì, perché l'amore è sia quello che si mette quando si prepara, sia quello per la persona o le persone per le quali stiamo cucinando.
Ho deciso così di riprodurre con calma la ricetta a casa. Nell'occasione ho usato la maggiorana secca non avendo trovato quella fresca e della ricotta, quella più asciutta, al posto della stracciatella.


Ingredienti

Per la pasta fresca
200 g di farina 00
2 uova

Per il ripieno
250 g di ricotta
100 g di provola affumicata
maggiorana secca q.b.

Per il sugo
Un barattolo di Polpa più Cirio
2 cucchiai di vino rosso
3 cucchiai di olio evo
sale q.b.

Per il condimento
4 zucchine coi fiori
3 cucchiai di olio evo
sale q.b.



Procedimento
Iniziamo a preparare la pasta che dovrà riposare. Disporre la farina a fontana, aprire le uova intere all'interno ed iniziare a lavorare con una forchetta finché sarà possibile, incorporando pian piano la farina. Passare poi a lavorare con le mani fino ad ottenere una pallina compatta e liscia. Lasciare riposare almeno mezz'ora in una pellicola per alimenti.
Nel frattempo mescolare assieme la ricotta con la maggiorana e la provola tagliata a pezzetti piccoli.
Passata la mezz'ora, stendere per bene la pasta, piuttosto sottile. Con un coppapasta tagliare dei cerchi. Su metà di questi disporre al centro il ripieno di ricotta, maggiorana e provola affumicata. Ricoprire con un altro cerchio di pasta e sigillare per bene con i rebbi di una forchetta per evitare che si possano aprire in cottura.
In una padella riscaldare l'olio extra vergine d'oliva, versarvi un po' di Polpa più e far cuocere un po', prima di sfumare con il vino rosso. Fare evaporare il vino e aggiungere poco a poco la Polpa più, portare a cottura finché avrà raggiunto la giusta consistenza. Salare.
In un'altra padella riscaldare l'olio evo, aggiungere le zucchine precedentemente private delle estremità e dei fiori, lavate ed asciugate per bene e tagliate a pezzetti. Girare di tanto in tanto finché saranno rosalate. Un attimo prima di spegnere il fuoco, aggiungere i fiori sminuzzati (tranne uno) e salare. Riempire il fiore di zucca tenuto da parte con la stessa farcitura del raviolone ed utilizzarlo per la decorazione del piatto.
Disporre "a specchio" il sugo nel piatto, con forma circolare. Adagiarvi sopra il raviolone cotto in acqua bollente salata per un paio di minuti, quindi il condimento a base di zucchine a completare il piatto. Decorare con un rametto di maggiorana fresca, se disponibile, per dare un po' di altezza al piatto e della maggiorana sui bordi del piatto, oltre che col fiore di zucca ripieno.



Io ho trovato questa polpa davvero fresca e con un ottimo sapore, molto delicato. Provatela e fatemi sapere cosa ne pensate.
Intanto vi lascio quanche foto ufficiale della serata.




Fabio

34 commenti:

  1. Bei ricordi... e bellissimo il tuo RavioloVe! Bravo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vittorio, è stata una bellissima serata. Piacere di averti conosciuto.

      Fabio

      Elimina
  2. Che bellissima ricetta.
    Adoro la pasta fresca, soprattutto se ripiena di bontà e questi ravioli, ben conditi e profumati, ne sono un ottimo esempio.
    complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! La pasta fresca è sempre ottima!

      Fabio

      Elimina
  3. Che ricetta meravigliosa.... complimenti!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Mi piace questo concetto dell'amore nei piatti. Mi ci rivedo molto, io che cucino tutto quello che si vede nel mio blog principalmente per la felicità di chi si siede tre volte al giorno a tavola con me... Bello (e sono sicura buono) il ravioloVe, interessante quella polpa...

    http://langolodellacasalinga.blogspot.it

    RispondiElimina
  5. Un ravioloVe perfetto :D
    Ho splendidi ricordi di quella serata, una volta passata l'ansia da prestazione davanti ai fornelli!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Una volta ai fornelli ci siamo anche divertiti!

      Fabio

      Elimina
  6. è che voi i piatti non li sapete solo fare. voi li sapete raccontare. che è ben diverso e anche più complicato.
    ma ci vuole un certo saper fare e bisogna intendersi di cose buone per riuscire nell' intento.. voi siete impareggiabili.
    il ravioloVe ci garba, gli accostamenti, pure. ecco, braVi! : )

    RispondiElimina
  7. Il nome è stupendo! E non voglio nemmeno pensare al sapore, perché già sbavo!!!
    Daresti qualche lezione al mio dolce doppio? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al prossimo incontro, ben volentieri :-D
      Ma lui è già bravissimo ;-)

      Fabio

      Elimina
  8. Ma grandissimo Fabio, io sarei andata nel panico, tanto più che notoriamente il sugo di pomodoro non mi fa propriamente impazzire.
    Stupendo il tuo RavioloVe, da provare... col solo condimento delle zucchine e dei loro fiori, per me (vedi sopra). ;-)
    Congratulazioni davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che non è stato facilissimo, ma alla fine sono uscite ottime idee :-)
      Io ho cercato di difendermi e ho cercato di farlo al meglio.

      Fabio

      Elimina
  9. Sempre cosette chic e mai banali, da queste parti, eh ragazzi? chapeau!
    simo

    RispondiElimina
  10. la metà del mio dna è campana, ho detto tutto ! Splendida proposta, complimenti !

    RispondiElimina
  11. Elegantissimo! E deve essere anche squisito :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena. Sì, una volta che si amalgamano tutti i sapori è davvero squisito!

      Fabio

      Elimina
  12. RavioloVe, avete avuto un'idea non solo golosissima ma anche originale complimenti davvero!! :D Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! forse la cosa più difficile è stata proprio dare un nome a questo piatto.

      Fabio

      Elimina
  13. Meraviglia era e meraviglia è! Avendo la postazione vicino lo chef potevo vedere i vari piatti mentre completavo il mio e il tuo era tra i miei preferiti *.* Mi piaceva tantissimo questo raviolo gigante pieno di verdurine a cubetti piccini piccini :)

    RispondiElimina
  14. Questo piatto è una meraviglia. Appena lo vidi me ne innamorai: un raviolo gigante con tanti cubettini di verdurine che somigliavano ad una golosissima pioggerellina :) Davvero un bel piatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, detto da te che hai fatto una fantastica ricetta, giustamente premiata, fa ancora più piacere e poi per un po' abbiamo lavorato vicino :-)

      Fabio

      Elimina
  15. ma guarda che bella squadra! :)
    e che bella ricetta Fabio! il tuo stile non c'è che dire, si riconosce da lontano ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena, detto da te che fai cose bellissime, mi fa ancora più piacere.

      Fabio

      Elimina
  16. chapeau, sembra un'opera d'arte!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. Ah, ma come capisco lo sconcerto della mistery box! Però direi che con stracciatella e maggiorana hai fatto un ottimo lavoro.. anche se pure la versione casalinga con la ricotta ha il suo bel perché!
    Bellissimo il tuo raviolove (anche nel nome) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulietta! Non era facile inventarsi una ricetta al momento, io sono stato molto soddisfatto del risultato raggiunto :-)

      Fabio

      Elimina
  18. complimenti Fabio! che super raviolo gustosissimo!
    Frankie

    RispondiElimina