giovedì 30 gennaio 2014

Una delizia: kumquat cristallizzati alla vaniglia



I kumquat, questi frutti misteriosi...Non tutti li conoscono e mi capita, nominandoli, di vedere delle facce perplesse e sentire esclamazioni tipo "i kum..che?" a cui segue la spiegazione che è il nome dei mandarini cinesi. Purtroppo, neanche così a volte capiscono di preciso di cosa io stia parlando.
Ricordo la prima volta che mio padre ne portò a casa, non li avevamo mai visti nè tantomeno provati, ma trovarci davanti questi "bonsai" di mandarini, ci metteva un'enorme curiosità.
La prima a provarli fu mia cugina, che ovviamente associandoli agli agrumi nostrani, iniziò a sbucciarli...poi li provò e si sentì un mugolio di disprezzo per l'eccessiva asprezza dei frutti e per la presenza d troppi semini al loro interno.
A quel punto intervenne mio padre, spiegando che chi glieli aveva dati gli aveva anche detto di mangiarli così come erano, con la buccia.
Un po' perplesse mia madre ed io allungammo la mano per prenderne uno e stringendo gli occhi e arricciando il naso, li provammo. Certo, aspri sono aspri, ma la parte che addolcisce il tutto è proprio la buccia che istintivamente verrebbe di togliere. Dà loro il sapore agrumato e...tanto buono.
Non ci fu nulla da fare, fu amore a prima vista (anzi, a primo assaggio) ed ogni volta che mio padre ne portava a casa era diventata una festa per noi. Ci impossessavamo dei mandarini cinesi e li magiavamo guardando la televisine, come se fossero dei popcorn.
Oggi vi propongo una versione "addolcita", con lo zucchero cristallizzato attorno, giusto per allettare anche chi è un po' reticente all'assaggio di questi agrumi che mi piacciono tanto.



Kumquat cristallizzati alla vaniglia

Ingredienti:
300 g di kumquat
800 g di zucchero semolato più quello per la finitura
mezzo baccello di vaniglia



Fate cuocere i kumquat per 5 minuti in una casseruola con acqua bollente e sgocciolateli, quindi cuoceteli allo stesso modo una seconda volta e scolateli di nuovo.
Mettete lo zucchero in una capace casseruola con 7,5 dl di acqua, mescolate fino a scioglierlo, unite la vaniglia non incisa, portate ad ebollizione e lasciate sobbolire per 10 minuti.
Aggiungete i kumquat, lasciate cuocere a fiamma bassissima per 20 minuti, spegnete e lasciate raffreddare. Mettete quindi di nuovo la casseruola sul fuoco, portate ad ebollizione, fate cuocere ancora per 20 minuti, spegnete e lasciate raffreddare.
Lasciate riposare per una notte i frutti nello sciroppo di cottura.
Il giorno seguente, fateli sgocciolare in un colino, poi fateli rotolare nello zucchero e sistemateli man mano su un vassoio ad asciugare.


Se poi proprio non riuscite a mangiarli neanche così, vi dò il mio indirizzo per spedirmeli...

Anna Luisa

30 commenti:

  1. in effetti devo ammettere che erano per me sconosciuti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirtilla, sono certa che quando ne farai la conoscenza, sarà amore <3

      Elimina
  2. Io adoro i kumquat, li trovo deliziosi... e la marmellata? Ne vogliamo parlare? Una cosa libidinosa!
    Però questa versione cristallizzata sento che ha taaaante carte da giocare.. bellissima idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure la marmellata di kumquat mi manca...chissà se il mio paparino me ne porta degli altri ;-)
      Provali e fammi sapere...però attenta perché danno dipendenza :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. un ottima idea per utilizzare kumquat

    RispondiElimina
  4. Adoro i kumquat. I nostri non arrivano in cucina. li mangiamo direttamente in giardino appena presi dall'alberello.
    Ma conserverò questa ricetta. Bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gloria, cerca di farne arrivare in cucina perché cristallizzati sono una goduria ;)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Non li conoscevo e non li ho mai assaggiati :( ottima ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si rovano abastanza facilmente, soprattutto in questo periodo. Provali e mi dirai ;-)

      Elimina
  6. dinorma non li amo moltissimo, devo dirvi la verità, ma così elegamentmente vestiti a festa e arricchiti dalla vaniglia mi appaiono come un miraggio delizioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche Fabio non li ama (tradotto me li mangio solo io :-P), ma in questa versione si è dovuto ricredere e sono piaciuti anche a lui (ahimè :-D)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  7. Al naturale non li mangio molto volentieri, ma li uso molto per decorare i dolci. Questa versione addolcita invece mi sa che me li farà pappare così come sono ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questa versione sono decisamene meno aspri...ma io sono di perte, mi piacciono sempre ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  8. Che belli!! Mi piacciono molto sotto spirito ma così non li ho mai assaggiati!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per 'idea, la prosima volta li farò sotto spirito ^_^

      Elimina
  9. Li conosco sotto il nome di mandarini cinesi, kumquat è una parola che so di aver già sentito ma che finchè uno non spiega non riesco a capire... Purtroppo li trovo raramente, ma ne sono molto golosa!!!

    http://langolodellacasalinga.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti li conoscono con questo nome, ma comunque siano chiamati...sono sempre buoni :-P

      Elimina
  10. sapevo dell'esistenza di questo mandarino ma non purtroppo non ho avuto mai la possibilita'di assaggiarlo...pero' adesso la curiosita' e' a mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patrizia, penso che si trovino abbastanza facilmente in questo periodo.
      Felice di averti incuriosita ^_^

      Elimina
  11. Não é muito fácil encontrar por estes lados kumquat, mas eu tenho uma árvore:)
    Vou levar esta receita, que lindos ficaram.

    Beijinhos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fico feliz que você está piaciut e eu espero que você experimentá-los logo com esta receita ;-)
      Anna Luisa

      Elimina
  12. Sempre più bello, il vostro blog... sempre migliori le proposte!!!
    Domani chiedo al mio fruttivendolo di procurarmi i mandarini cinesi.
    Altrimenti, me li faccio portare direttamente dalla Cina da mio marito...
    Grazie della visita al mi www.paneperituoidenti.it!
    A presto.

    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei troppo gentile ^_^
      Penso che il tuo fruttivendolo non avrà problemi a procurarteli ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  13. che bella idea....io i kumquat li ho impiegati in vari modi, così però devono essere molto particolari...da fare, oh yess!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, sono troooooppo buoni fati così :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  14. Ciao Anna Luisa, che ricordi!! I miei genitori avevano un alberello di mandarini cinesi e io lo spogliavo dei frutti, che si dice aiutino tanto la digestione (ogni scusa è buona ;-)). Piacciono molto anche a me ed è molto simpatica l'idea della cristallizzazione!! Un bacione e buon we ad entrambi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa scusa della digestione me la gioco anche io la prossima volta che mi trovano a sgranocchiare kumquat davanti al televisore ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  15. Quella disgraziata della mia coniglia se li mangia tutti quelli del mio alberello :(
    È una buongustaia!!!

    RispondiElimina
  16. e io che li ho sempre chiamati mandarini cinesi, da un po' di tempo scopro il loro vero nome!!! ma cosi sono deliziosi!!!!

    RispondiElimina