martedì 3 dicembre 2013

Dei dolcini che finiscono troppo in fretta: i budini di castagne


Ed ecco un'altra ricetta a base di castagne per l'Mtchallenge di questo mese di Novembre...come? Siamo a Dicembre?...E l'MTchallenge è finito?...Sono arrivata in ritardo?...Ed è stato anche proclamato il vincitore, anzi le vincitrici di questo mese?...Ok, allora significa che il mio unico neurone è totalmente fuso!
Pazienza! Certo non posso lasciare stare per questo e non postare una ricetta goduriosa come questa.


Come avrete capito, la ricetta che ho preparato è a base di castagne. Mi è sempre piaciuto molto questo frutto, ma dopo l'ultimo mese, ormai ragiono pensando quasi esclusivamente alle castagne. Così è successo che appena mia cugina e suo marito mi hanno regalato il libro di cucina toscana di Paolo Petroni, istintivamente l'ho sfogliato per vedere se c'era una ricetta a base, neanche a dirlo, di castagne per proporlo a Serena.


Guarda caso la ricetta c'era, e che ricetta! Un budino di castagne che dall'interno del libro mi chiamava e mi diceva di prepararlo. E certo, perché dopo aver perso il neurone, ormai vado incontro alla pura follia e le ricette dall'interno dei libri mi chiamano, o per meglio dire, mi perseguitano. Penso, anzi spero, che sia capitato qualche volta anche a voi di leggere una ricetta e continuare a pensare di doverla  preparare. Così, anche se consapevole di non iserirla per la sfida di Novembre dell'MTchallenge, avendo fatto altre scelte, l'ho fatta lo stesso ed ho scoperto che adoro il budino di castagne!
Riporto la mia versione di questo dolce, dopo aver apportato alcune modifiche alla ricetta del libro.



Budino di castagne

Ingredienti per 6 budini monoporzione:
800 g di castagne o marroni
150 g di zucchero
4 uova
1/2 l di latte
1 bicchierino di rum
1 baccello di vanigia
200 g di zucchero da caramellare
Marron glacé ed amaretti sbriciolati per decorare


Lavare le castagne e lessarle per circa 30 minuti. Tagliarle a metà e, con l'aiuto di un cucchiaino, prelerane la polpa. Mettere quest'ultima in un tegamino con il latte, 50 g di zucchero e il baccello di vaniglia che avremo precedentemente inciso per tutta la lunghezza.
Cuocere fino ad ottenere una crema densa. Eliminare il baccello di vaniglia e pessare la purea allo schiacciapatate, raccogliendola in una ciotola e farla raffreddare. Aggiungere lo zucchero, le uova, uno alla volta, ed il rum, mescolado bene. Per ottenere una crema liscia, passare il tutto attraverso un colino a maglie fitte e mettere da parte.
Nel frattempo mettere i 200 g di zucchero in un tegamino dal fondo spesso e cuocere finché lo zucchero avrà assunto un colore ambrato, con l'accortezza di non mescolare all'inizio, ma muovendo solo il tegamino per fare sciogliere tutto lo zucchero uniformemente.
Preriscaldare il forno a 180°C.
Versare in ciascuno stampino 2-3 cucchiai di caramello e, facendo roteare lo stampino, farlo aderire alle pareti. Versarvi quindi il preparato dei budini, riempendo lo stampo per 3/4.
Mettere gli stampini in un tegame più grande dove avremo messo dell'acqua fredda in quantità sufficiente a raggiungere in altezza la metà degli stampini.
Cuocere in forno per 30-35 minuti, fino a che inserendo uno stuzzicadente al cenro dei budini, ne esca pulito.


Sono letteralemente impazzita per questi budini, che hanno un unico inconveniente...finiscono troppo in fretta!

Anna Luisa


38 commenti:

  1. Ciao ragazzi, il vostro budino è una favola e, come sempre, presentato divinamente !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena, sono felice che ti siano piaciuti ^_^ ero indecisa sulla presentazione, così li ho fatti in entrambi i modi ;-)

      Elimina
  2. Eh, non ne dubito, hanno un'aria favolosa e poi immagino già il gusto dolce e avvolgente!!
    Veramente ottimi!!
    Buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, hai centrato il bersaglio...il gusto è veramente favoloso ed avvolgente...quasi, quasi li preparo di nuovo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Oddio mi sento svenire...sul serio! Ora corro lì eh! Ti avverto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisa, ti aspettiamo a braccia aperte, ma non svenire :-)
      Baci

      Elimina
  4. Sono stupendi, unici, meravigliosi... complimenti anche per la bellissima presentazione!
    Un abbraccio, Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela! Non ho saputo resistere alla voglia di prepararli...e di mangiarli :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Sono sicura che, quel tipo di incoveniente, piacerebbe anche a me... :-)))
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, sono proprio "dolci" inconvenienti ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  6. No ma la meraviglia???? Qui non si sbaglia mai un colpo :-) Ricetta e presentazione di gran classe...si capisce che questo post lo adoro? Con le castagne in versine budino mi avete stesa !
    Un abbarccio
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, ti assicuro che io ho adorato quei budini...trooooooppo buoni!!! :-P
      Baci

      Elimina
  7. Anche tu ti sei fatta coinvolgere dalla sindrome della castagna, eh eh eh! Ottimi questi budini. Anch'io, a tempo scaduto, ho dedicato un post ai marron glacé. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella quella della sindrome della castagna, ma qui mi sa che c'è una sindrome da MTchallenge :-D :-D :-D

      Elimina
  8. Mamma mia, deve essere buonissimooooo (come al solito :P)

    RispondiElimina
  9. adoro le castagne e questi farebbero davvero al caso mio :-P
    ci credo che finiscono i fretta :)
    complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betty,m se ti piacciono le castagne li devi assolutamente provare...sono una goduria :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  10. Lavorati ma di grande soddisfazione...leggevo la ricetta e rimanevo colpito. Budino si ma con l'essenza di castagna fatto proprio...e ci credo che finiscono troppo in fretta...tra l'altro prepararli mi sa che ha anche un onere temporale non indifferente!
    Brava...ma lo so che te ne fai di un brava da me...vabbè aggiungilo a margine di tutti quelli che riceverai più degnamente da altri! ;P ehehehheheheehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mario, ti stupirà, ma non ci vuole neanche troppo tempo, ma alla fine ci si fa un figurone anche a presentarli agli amici...sempre che arrivino a tavola prima di essere pappati dai padroni di casa...ma questa è un'altra storia ;-) Sempre felice di ricevere un "brava" da te ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  11. confesso che il fantasma delle castagne mi ha davvero perseguitata in queste notti...
    ho sognato, ho pensato, ho ideato ricette, budini e anche una panna cotta! mi sono consultata di qua e di la e.. nulla.
    poi vengo qui e vedo di questa delizia! mi sa che viviamo tutti lo stesso "trauma".
    preso nota della ricettina. bravi, bravissimi come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vaty, qui si è parlato di "sindrome da castagna" e credo che ci sia realmente :-) Chissà quale sarà la prossima "sindrome" :-D :-D :-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  12. Fantastici.. mi sa che li provo anch'io.. :D

    RispondiElimina
  13. Mai provati cosi';non sono budini,è estasi,qualcosa che provoca una dipendenza ,da non poterne fare a meno una volta assaggiati.Meravigliosi,Lisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente sono vellutati proprio come una crema di nostra conoscenza che dà una vera dipendenza ;-)
      Bai
      Anna Luisa

      Elimina
  14. ricetta salvata all'istante, da proporre nelle prossime feste, grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, anche io stavo pensando di riproporli alle feste...vedremo se ci sarà il tempo;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  15. nonostante io non straveda per i budini, un pensierino sul vostro lo sto facendo sul serio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, cedi...potresti innamorarti dei budini ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  16. Delizia!!! Sarà che le castagne mi piacciono troppo!

    RispondiElimina
  17. Ok, ho deciso, me lo vado a fare!
    P.s. e meno male che l'MTC è già finito! ;)

    RispondiElimina
  18. eh bon, ma questo blog lo state rifacendo? cambierete anche il nome in"mangiami" o qualcosa di simile?
    no perchè tra le castagne dell' MTC, la torta alla zucca e caramello per il thanksgiving.. qui non i sa più a che santo appellarsi per non riempire di bava il monitor!!!
    ora..... ora....... stiamo calmi che le castagne quest' anno erano pochine eh.. io non ho delle scorte infinite a casa e devo centellinarle.. ma questi budini mi stanno facendo friggere le mani!
    speriamo che le Calugi sisters propongano qualcosa di meno faticoso delle castagne.. io propongo il pane in scatola dell' ikea o la torta margherita del super mercato : )))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena, resisti e non sbavare che poi va in cortocircuito il pc e non si può ;-)
      Hai ragione, le castagne erano poche, ma questo mese hanno girato sulla blogosfera tante di quelle belle ricette con le castagne e solo grazie a qualcuno di mia conoscenza...insoma, grazie, grazie, grazie ^_^
      Baci
      Anna Luisa
      P.S. Voto per la torta margherita del supermercato :-D

      Elimina
  19. ma dai!! budini di castagne?
    che bella idea...e ci credo che finiscono in fretta...
    sicura che non ce n'è rimasto uno...?
    ahahah
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiacente Simona, sono finiti in tempi da guinnes dei primati :-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina