giovedì 10 ottobre 2013

Scozia 2013: Edimburgo (terzo giorno) e dintorni



Ventesimo giorno

Siamo, ahinoi, giunti all'ultimo giorno di questa lunga vacanza che ci ha portati in giro per la Scozia a scoprire molte delle sue bellezze. Ma non ci facciamo prendere dal pensiero che la vacanza stia finendo e cerchiamo di vivere questo giorno come gli altri, come se domani dovessimo ancora andare in giro e visitare altri posti.
Stamattina preferiamo fare colazione in hotel (molto abbondante! Addirittura desistiamo dall'ordinare qualcosa di cotto al momento visto  che il buffet è già molto ricco).
Lasciamo la camera e subito siamo in giro. Abbiamo scaricato da internet, prima di partire,  l'elenco dei farmers market di tutte le città che abbiamo visitato. Di solito si tengono la domenica o il sabato. Quindi oggi, come prima cosa, raggiungiamo Castle terrace, subito dietro il castello, alla fine di Princes st. E' un piccolo mercatino, ma carino.











Da qui ritorniamo nella zona di Grassmarket che mi piacerebbe visitare meglio e scopriamo che c'è un mercatino di cose vecchie/antiche e ovviamente ci mettiamo a rovistare tra le bancarelle in cerca di qualcosa di interessante. E ovviamente lo troviamo.







Ritorniamo nella zona degli artisti del Fringe festival e ne approfitto per fare qualche altra foto. Ci sono sempre personaggi diversi, da un giorno all'altro, ma anche dal mattino al pomeriggio, a seconda poi di quando sarà lo spettacolo. C'è un'atmosfera allegra e ci piace lasciare Edimburgo così.
Si, perché pur avendo ancora tutta la giornata a disposizione, avendo ormai visitato tutta la città, non stanchi dei tanti chilometri (o meglio, miglia!) percorsi, avendo ancora la macchina a disposizione, decidiamo di fare un ultimo "fuori porta". D'altra parte io avevo studiato anche tutta la zona a sud di Glasgow ed Edimburgo (i Borders) che purtroppo abbiamo dovuto escludere dal giro e quindi già so cosa c'è di interessante da vedere allontanandosi dal centro.
























Poco fuori dal centro, la prima sosta la facciamo presso il Craigmillar castle. E' davvero a poca distanza e anche chi va solo ad Edimburgo può andare a visitarlo. Probabilmente ci sono anche dei collegamenti col bus dal centro.



Possiamo ora incamminarci verso la costa ad est di Edimburgo. Raggiungiamo il punto più lontano che vogliamo raggiungere, Eyemouth, a circa 80 km. La cittadina sembra carina, c'è però in corso una specie di "festa del paese", tanti bambini che giocano felici sulla spiaggia e non riusciamo a trovare neanche un posto libero in uno dei parcheggi. Mentre Anna Luisa resta nel parcheggio nell'attesa che qualcuno esca, vado a fare qualche foto. Purtroppo per noi posti non se ne libereranno e quindi ci muoviamo verso la prossima tappa.
Poco a nord di Eyemouth, lungo la costa, c'è un bel posto, St Abbs head dove si può godere di un bel paesaggio. Qui è il paradiso dei sommozzatori ed infatti è pieno!













E' quindi la volta di visitare Dunbar. E' un paesino carino, piacevole per una passeggiata e poi nelle vicinanze della piscina c'è un bell'arco naturale.


Continuiamo il nostro giro in direzione del Tantallon castle. Il bigliettaio resta sorpreso da quanti castelli e attrazioni abbiamo visitato durante il nostro giro vedendo i timbri che ci siamo fatti mettere ogni volta e ci chiede quale ci è piaciuto di più. Beh, a questo non avevamo ancora pensato e non sappiamo rispondere, anche perché sarebbe estremamente difficile scegliere. Lui, ovviamente, ci assicura che quello che stiamo per vedere è il più bello. Noi andiamo a controllare. Certo, non so se sia il più bello, ma di certo gode del panorama più spettacolare. Inoltre proprio di fronte al castello, in mezzo al mare, c'è un grosso scoglio, interamente "bianco" perché invaso dagli uccelli. C'è anche un bel faro e si può vedere col telescopio a pagamento che è sul prato del castello.














Il castello si trova poco prima di North Berwick che ci dà l'impressione che qui si riversi un po' l'Edimburgo benestante. E' molto carina e curata. Lungo la strada c'è un'ultima chiesa che rientra tra quelle tutelate da Historic Scotland che possiamo visitare gratuitamente perché compresa nella tessera annuale che abbiamo sottoscritto. D'altra parte ci manca solo l'ultimo timbro per completare la nostra scheda. Purtroppo siamo al limite coi tempi, arriviamo pochi minuti prima della chiusura, facciamo una corsa, ma il custode ci dice che anche qui l'ultima entrata è mezz'ora prima della chiusura. Ora, mi chiedo io, ma quanti minuti ci avremo impiegato a visitare una chiesetta di campagna? Comunque non ce la fa visitare, ci accontentiamo di vederla dall'esterno, ma almeno ci mette il nostro ultimo timbro!


Ora si che il giro sta davvero finendo. Come all'andata, anche al ritorno abbiamo un orario pessimo per il volo. Ci tocca svegliarci alle 3 e per questo abbiamo optato per un Inn che si trova a meno di 10 minuti dall'aeroporto anche se questo è appena fuori Edimburgo. Prima di arrivarci, facciamo un salto in aeroporto per fare il pieno di benzina alla macchina prima di riconsegnarla e per vedere il luogo di consegna perché di notte non vogliamo avere problemi. Chiediamo anche dove dobbiamo lasciare la chiave della macchina essendo a quell'ora chiusi gli uffici. E bene facciamo, perché non sarebbe stato intuitivo. Arriviamo in hotel pronti per la cena che abbiamo prenotato per le 7 per cercare di andare a dormire quanto prima possibile. La camera era deliziosa, la cena ottima, il servizio pure. Ci dispiace solo che dobbiamo partire perché si sta davvero bene.
Lasciamo l'hotel nel cuore della notte, in pochi minuti siamo in aeroporto pronti a spiccare il volo prima per Amsterdam e poi per Roma dove recuperiamo la nostra macchina e torniamo a casa.
E' stato un viaggio bellissimo che ci ha lasciato un numero infinito di ricordi. Quella sensazione che avevo leggendo la guida e documentandomi su internet che c'erano tantissime cose da vedere e che una selezione fosse indispensabile, mi è stata confermata. Le giornate sono state sempre molto intense, ma vissute coi ritmi giusti (ok, qualche corsetta l'abbiamo dovuta fare lo stesso, presi dalla voglia di vedere quanto più possibile).
Non sappiamo quanti castelli, chiese e cimiteri abbiamo visto alla fine, animali di tutti i tipi, siamo stati sull'isola di Skye e alle Orcadi, abbiamo attraversato incontaminate vallate, quelle che sanno di Scozia, dove resteresti per sempre, fiumi, laghi, abbiamo mangiato benissimo ovunque, insomma siamo pienamente soddisfatti di questo bellissimo viaggio!

Fabio

16 commenti:

  1. ma perchè appena leggo un post di viaggio mi vien voglia di prender la valigia metterci dentro quattro straccetti e partire nell'immediato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa anche a me lo stesso effetto quando leggo di altri, ma spesso mi basta anche guardare solo le foto per prendere la valigia e scappare.

      Fabio

      Elimina
  2. Quanto è carino il mercato!!! E che visione quelle brioches!! Peccato che questa sia l'ultima puntata :(
    Che dire, io la Scozia l'ho già messa in lista da un pò....a questo punto ho l'itinerario già bello che confezionato!! Mi basta segnarmi le vostre tappe e posso partire ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh Sicuramente abbiamo visto tanto e farei solo delle piccole modifiche, col senno di poi perché alcune cose meritano sicuramente più di altre. Ed in ogni caso abbiamo dovuto fare una selezione delle cose da fare, perché ce n'è davvero tante.
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  3. Ciao Fabio e Anna Luisa, ho letto questo racconto tutto d'un fiato e guardato le foto con un piacere incredibile! Bellissimo tutto, il viaggio, le foto, il resoconto dettagliato! La Scozia mi manca e devo rimediare. Mannaggia, ma qualcuno ci potrà mai finanziare :-D? Io e mio marito saremmo sempre in giro per il mondo, come voi due. Complimenti ancora, ora mi devo leggere tutto il pregresso e ci metterò un pochino ma sarà una gioia! A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ros! Il piacere è nostro. Trovi tutte le "puntate precedenti" nella pagina dei diari di viaggio. Buona lettura.

      Fabio

      Elimina
  4. Ciao ragazzi, grazie per questo bellissimo reportage accompagnato da foto strepitose! Il paesino di Dumbar sembra davvero fantastico. Non conosco la scozia, ho visitato l'irlanda che a quanto vedo ha paesaggi simili, dei quali mi sono innamorata. Ciao alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I paesaggi sono simili, ma avendo visitato entrambi i Paesi, ritengo che la Scozia sia molto più bella e abbia tanto da offrire sotto tutti i punti di vista. E lo dico da innamorato dell'Irlanda.

      Fabio

      Elimina
  5. sempre più incantata dai vostri scatti di viaggio:D le persone travestite sono adorabili^^
    Un bacione cari.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti quegli attori erano bravissimi e non potevo non fotografarli, vista anche la loro disponibilità :-)

      Fabio

      Elimina
  6. Quante belle foto, ragazzi!!! Le foto degli artisti sono fantastiche ma anche le altre non sono da meno. La Scozia meriterebbe davvero una bella visita, grazie a voi per l'assaggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita decisamente una visita! Gli artisti erano davvero molto interessanti, ma anche tutto il resto non era da meno.

      Fabio

      Elimina
  7. Grazie per le vostre bellissime foto! A Castle terrace ho acquistato proprio il pane fotografato ( quello a cilindro) con semini e frutta secca, e poi ottimo salmone affumicato a trancetti:-) mi è sembrato di ripercorrere la strada
    Notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo comprato delle pie con cui poi abbiamo pranzato. Un po' piccolino come mercato, ma comunque carino. Da vedere se ci si trova nel giorno giusto.

      Fabio

      Elimina
  8. Lo vedo che avete mangiato bene!!! :-) mi state facendo nascere un deisderio di viaggio estremamente grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah in effetti non è che abbia nascosto molto la cosa, ma è per convincere gli scettici :-)
      La Scozia è lì che ti aspetta.

      Fabio

      Elimina