giovedì 24 ottobre 2013

Per conservare un raggio di sole: Confettura di mele annurche e limoni di De Riso




Mi sto godendo questi ultimi giorni di sole e di calore (...sempre che siano veramente gli ultimi). Domenica siamo andati a fare una bella passeggiata sul lungomare della nostra città e abbiamo notato che le persone andavano in giro tranquillamente con t-shirt e pantaloncini, neanche fosse piena estate. Ci siamo seduti su una panchina ed abbiamo ammirato il paesaggio: il mare blu, il Vesuvio e le barche a vela che uscivano pigramente dal porto facevano sembrare l'insieme come una gouache dell''800. Una bambina imparava ad andare in bicicletta spinta dal padre, mentre il fratellino la inseguiva e la madre gli gridava di non correre. Due fidanzati, poggiati alla ringhiera, si baciavano, incuranti dei passanti. C'era una grande frenesia, senza una ragione precisa, forse perché si avvicinava l'ora di pranzo, forse dovuta alla felicità di avere avuto l'ennesima domenica di fine estate. Qualcuno sarà andato sicuramente al mare, magari senza immergersi nelle fredde acque, ma semplicemente per poter godere di questo bel sole e ravvivare la tintarella estiva.
Quando le persone hanno cominciato a ritirarsi nelle proprie abitazioni, il brusio è scemato ed ho potuto godere anche del suono delle onde, uno dei suoni più musicali che ci offre la natura. Una ninnananna cantata  ad un ritmo costante ed incessante e per un attimo mi sono rivista bambina in spiaggia, sotto l'ombrellone, quando i miei genitori mi facevano fare il riposino pomeridiano.
La "voce" di un gabbiano mi riporta alla realtà e mi ricordo che a casa ho delle mele annurche e dei limoni che mi aspettano per essere trasformati in una confettura che mi accompagnerà durante l'inverno, riportandomi alla memoria i caldi raggi di sole di una domenica di fine estate.



Confettura di mele annurche e limoni (da "I dolci del sole" di Sal De Riso)

5-6 limoni (Note mie:ho usato quelli di Sorrento)
500 g di mele annurche
350 g di zucchero


Con l'aiuto di un pelapatate, pelate i limoni, ricavandone 50 g di buccia sottile che taglierete a julienne. Fatele cuocere a  fuoco lento per 6 minuti con 50 g di acqua e 50 g di zucchero. Lasciate poi raffreddare a temperatura ambiente. Pelate gli spicchi di limone a vivo, eliminando la parte bianca, le pellicine e i semi, e pesatene 125 grammi. Sbucciate e riducete le mele annurche a piccoli pezzi. In una pentola riunite tutti gli ingredienti con lo zucchero restante. Fate cuocere fino a 104°C e controllate con un rifrattometro che i gradi Brix siano 60. Versate la confettura ancora bollente in vasetti sterilizzati. Cchiudete subito con il tappo e pastorizzate su una teglia in forno a 130°C per 12 minuti.

 La ricetta in realtà è della madre di Sal De Riso e mi ha incuriosita molto per l'abbinamento mele/limoni. Inoltre viene utilizzata una qualità di mele campana, la mela annurca, che ha la peculiarità di terminare la maturazione a terra, dopo essere stata raccolta e stesa su dei graticci di paglia (melai) sotto gli alberi su cui è cresciuta per consentirne l'arrossamento della stessa per almeno 10-15 giorni durante i quali viene girata a mano di sovente. E ha una polpa dal sapore e dalla consistenza molto caratteristica. Ed è sempre uno spettacolo vedere queste distese di mele.


Spero che questa confettura mi accompagni per l'inverno...anche se non so quanto durerà a casa nostra prima di essere spalmata su delle gustose brioches o altro, a colazione.

Anna Luisa

38 commenti:

  1. Buonissima, accostamento decisamente perfetto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha incuriosito abbinare il dolce delle mele con l'aspro dei limoni...e ti assicuro che è un abbinamento fantastico ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Ciao! L'accostamento mele/limoni deve essere senza dubbio buonissimo e poi mi sembra una confettura davvero facile da preparare :) Tra l'altro io abito nel paese della mela annurca e qui con questo frutto ci facciamo di tutto.In queste settimane ci sono melai ovunque ed è uno spettacolo davvero bellissimo...se passate da queste parti siete miei ospiti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa, amiamo molto fare delle passeggiate dalle tue parti...la prossima volta che veniamo ti facciamo sapere ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Le annurche sono speciali!!!IO ieri le ho viste e le ho subito comprate....peccato abbia sperimentato una cosa che si e rivelata un po ' un flop......ma poi ho visto questa confettura e me ne sono innamorata!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Micol, le mele annurche sono buone anche al naturale, ma in questa confettura si sposano alla perfezione con i limoni...sono curiosa di scoprire come le avevi utilizzate ;-)
      A presto
      Anna Luisa

      Elimina
  4. Che meraviglia! La confettura che deve essere profumatissima. Le mele. che conosco per averle mangiate ma di cui non sapevo la storia (grazie). Ma soprattutto la domenica di fine estate!! da me l'estate è finita da un pezzo!! Qui non si sa nemmeno più come è fatto il sole ... C'è una nebbia!! Non credevo ci potesse essere una nebbia così fitta in montagna...invece si!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuela, mi dispiace che da te l'estate sia finita, ma magari d'inverno avrai la neve che noi sognamo, ma mai vedremo qui :-(
      Amo preparare confetture d'estate, mi sembra di portare con me il calore della bella stagione per poterlo gustare d'inverno...l'unico problema è che temo che questa confettura finirà prima :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. Che bella domenica! Adoro queste giornate di fine estate. Ed è bello pensarci, mangiando questa bella, buona e colorata confettura
    Ciao
    Isabel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isabel ho sempre amato i mesi di Settembre ed Ottobre quando la temperatura è ancora mite e devo dire che quest'anno sono stati due bei mesi...il golfo di Napoli poi i queste giornate diventa ancora più bello...sempre che sia possibile ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  6. Anche a casa mia un vasetto di questa dolcezza raffinata farebbe tanta ma tanta fatica ad arrivare all'inverno vero...Complimenti!
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, come ti capisco...:-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  7. CHE BUONA!!!!!! ottima idea ^_^ bravi!

    RispondiElimina
  8. Questa marmellata ha davvero un colore meraviglioso. Purtroppo qua è molto difficile trovare quel tipo di mele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che tu non riesca a trovare le mele annurche...magari potresti provare con un'altra qualità di mele (considera che le mele annurche sono dolci con sapore leggermente acidulo)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  9. le confetture con le mele, chissà perchè non le faccio quasi mai...ma questa deve essere favolosa, me la salvo!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch io non so perché non uso quasi mai questi frutti per le confetture, ma questa vle l'eccezione ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  10. Sembra buonissimissimissima questa marmellata...! Infatti, la sola marmellata di limoni delle volte è immangiabila quanto aspra...con le mele è un'altra cosa ! Quasi, quasi, non vedo l'inverno per mangiarla a colazione su un abella fetta di pane (chissà poi perché uno debba aspettare l'inverno...)
    Ciao !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, sentendo il profumo di questa confettura, si avverte il sapore aspro dei limoni, ma quando la si prova, viene fuori tutta la dolcezza delle mele...insomma è trooooppo buona e, come dici tu, perché aspettare l'inverno? :-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  11. Direi che questa meraviglia si dovrebbe mangiare tutto l'anno, magari anche su una bella crostata... Ho lavorato 6 anni guardando Castel dell'Ovo dalla finestra, so molto bene di cosa parlate :-). Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, su na bella crostata starebbe proprio bene...e mi sa che la vedrete presto pubblicata ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  12. la faccio. giuro che la faccio. perchè un velo di marmellata a colazione sul pane mi piace tanto, e poi perchè spero che sia una sorta di rito propriziatorio per la stagione autunnale.
    io non ne posso più di questo caldo, di uscire e tornare a casa sudata come una lumaca.. in fondo voglio dire.. ci si può baciare anche tirando giù la sciarpa, e si può imparare ad andare in bicicletta anche con la giacca imbottita (anzi, vuoi mettere la sicurezza???) e i pantaloncini si possono mettere pure sopra le calze da 80 den (che va pure di moda, olè).
    uff... io comincio ad essere insofferente parecchio. e poi mi conosco, divento scorbutica..
    un cucchiaino di marmellata quindi anche per addolcirmi : ))))
    baciooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, con un cucchiaino di marmellata tutto passa ^_^
      Effettivamente questo caldo la sta tirando un po' per le lunghe...ma io amo il caldo e questa temperatura per me è idilliaca ^_^ Dai un altro po' e vedi che passa ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  13. Ecco, qui andiamo di pioggia e nebbia ... mi rifugio nel dorato della confettura :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, mi dispiace per te...dai che il sole tornerà anche da voi ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  14. Se questa confettura è legata a quella giornata, a quel momento, anche nel giorno dal cielo d'asfalto e dalle strade di nebbia, saprà di estate.
    Bella la ricetta e bello il racconto.

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, sono certa che questa marmelata mi riporterà con il pensiero a uesta bella giornata estiva anche tra qualche mese, quando il freddo sarà arrivato anche qui ;-)
      Baci e grazie
      Anna Luisa

      Elimina
  15. Questa marmellata la voglio provare perché mi ricorda le mele di casa e deve essere speciale!
    Buon w.e.
    Enrica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enrica, provala, te la consiglio...mi ha letteralmente conquistato ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  16. Adoro il vesuvio, la spiaggia, il rumore delle onde.. semplicemente la meraviglia! E adoro questa confettura gialla .. che racchiude un po' di estate... Siete bravissimi:)
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei troppo gentile ^_^ E' bello condividere con voi queste sensazioni ed essere capiti appieno ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  17. Ma guarda ,potevamo incontrarci,che peccato;per caso mi trovavo anch'io sul lungomare a Napoli,non vado spesso la Domenica ,pero' quel giorno ero li'.
    Stupenda marmellata,troppo per non prepararla,sono curiosa.Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non ero a Napoli, ma nella mia città...però il golfo è bello visto da ogni angolazione ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  18. Anche qui non fa freddissimo, anzi...però il sole delle vostre parti lo vorrei catturare anche io :)
    Buonissima questa confettura!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisa, mi sa che per assaporare il sole di Napoli dovrai venirci a trovare... e noi ti aspetteremo a braccia aperte ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  19. Qui di certo non c'è il vostro sole, ma nemmeno il solito freddo.
    Adoro le mele anurche, secondo me quelle più adatte anche per lo strudel di mele.
    Fantastica confettura, e un abbinamento molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, allo strudel non ci avevo pensato...e devo dire che mi hai dato un'ottima idea :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina