giovedì 17 ottobre 2013

L'American breakfast di Annalù


Non è facile spiegare quanto io ami gli Stati Uniti. Fin da piccola guardavo i telefilm americani ed ammiravo le famiglie riunite attorno al tavolo a fare colazione. Guardavo quelle fanastiche "frittelle" impilate a formare una torre e mi chiedevo che sapore avessero. Ammiravo le città, le immense praterie, la natura pazzesca e sognavo di essere lì. Sapevo che un giorno il mio sogno si sarebbe realizzato.
Ho sempre desiderato andare negli USA, ma non avrei mai immaginato di andarci per la prima volta per un matrimonio, il matrimonio di un cugino che fino a quel momento neanche conoscevo. Avevamo conosciuto i suoi genitori, suo fratello e sua sorella solo l'anno prima e loro ci hanno accolti a braccia aperte.
Andare negli Stati Uniti è sempre bellissimo, ma andarci per la prima volta a casa di una famiglia splendida, formata da persone affettuosissime, non ha paragoni.
Ricordo benissimo le colazioni preparate per noi dalla madre e dalla moglie di mio cugino. Mi commuovo quasi pensando alle uova strapazzate preparate con tanto amore per noi.  Ma all'epoca non riuscivo a mangiarle (almeno per i primi giorni) perché il salato a colazione proprio non andava giù. Così venne la moglie di mio cugino, un'altra splendida persona, che ci preparò i french toast e i pancakes. Finalmente assaporavo le torri di pancakes, mi guardavo attorno e mi trovavo in una enorme casa bianca, con il giardino, una cucina da sogno e davanti a me c'era l'american breakfast.
Ricordo i giorni seguenti, si alternarono donoughts e cinnamon rolls, bacon e canadian ham, bagels ed english muffins, muffins ai mirtilli e uova strapazzate.
Ho fatto tante altre colazioni sia negli Stati Uniti che in Canada, ma quelle colazioni così ricche di affetto non le potrò mai dimenticare.
Capirete che quando ho letto che la sfida dell'MTchallenge di questo mese, proposta da Roberta,  era l'american breakfast, ho quasi cominciato a saltare dalla gioia. Il mio primo pensiero è stato di inviare un messaggio ai nostri amici perché si preparassero all'evento. L'American breakfast è sempre bello, ma in compagnia acquista un valore aggiunto. E' il pasto ideale da consumare con gli amici in una pigra domenica. Senza tante formalità, con tutti i piatti a tavola, passando con nonchalance dal salato al dolce e viceversa.
Il problema maggiore è stato decidere cosa preparare, o per meglio dire, a quali piatti rinunciare. Alla fine hanno avuto la meglio i cinnamon rolls, nella cui preparazione non mi ero mai cimentata, ma devo dire che ne sono decisamente soddisfatta; ed i bagels, che invece di tanto in tanto ripropongo ai miei ospiti.
In questo caso l'idea di utilizzare i bagels come base delle uova alla Benedict mi è venuta dalle colazioni che abbiamo fatto al mercato di Ottawa, dove venivano usati questi panini a forma di ciambellaper una sorta di colazione da asporto, in sostanza contenevano una colazione completa. Erano cotti nel forno a legna, al momento e vi lascio solo immaginare il sapore ed i profumi. Altro posto mitico era a Toronto, un po' a nord della downtown, ce n'erano di tutti i tipi ed era pienissimo a qualsiasi ora.
La ricetta delle uova è tratta interamente da Roberta, tranne per l'aggiunta di qualche pistillo di zafferano che oltre a caratterizzare il sapore di questo piatto, gli dona anche una nota di giallo che bene si addice alle uova.
Non ricordo di preciso dove ho provato il bacon glassato con lo sciroppo d'acero, ma è una leccornia indimenticabile, che può essere sia inserita sul bagel, sotto l'uovo, sia accostata semplicemente nel piatto come ho fatto io.
Infine ho utilizzato dei frutti rossi, i miei amati "berries", per preparare un fresco smoothie.







Uovo alla benedict

Salsa olandese
Ingredienti:
4 tuorli
il succo e la scorza grattugiata di 1/2 limone
1 pizzico di sale
120 g di burro fuso, meglio se chiarificato
1 cucchiaino di zafferano (aggiunta mia)

In una ciotola di acciaio o che comunque sopporti le alte temperature, mescolate energicamente i tuorli con il succo di limone e un pizzico di sale. Ponete la ciotola sopra una pentola con acqua in leggera ebollizione: la ciotola non deve toccare l'acqua! Mescolando continuamente, fate scaldare i tuorli, poi versate a filo il burro fuso, sempre mescolando. Continuate a mescolare, in modo delicato e costante, fino a quando la salsa si sara' rappresa. Aggiustate di sale e pepe, unite lo zafferano e servite subito.


Poached eggs
Per quanto riguarda la cottura delle uova, ci sono diversi metodi ed il piu' diffuso e' quello di mescolare energicamente l'acqua per creare un vortice nel quale adagiare l'uovo che, trascinato dal movimento dell'acqua, rotolera' su se stesso avvolgendosi nel suo albume mentre questo si solidifica. A me questo metodo ha sempre dato poche soddisfazioni, mentre mi sono trovata meglio con il seguente:
In una casseruola da 24 cm di diametro, versate circa 5 cm di acqua e scaldate a fuoco medio fino alla comparsa delle bollicine sul fondo e sui bordi della pentola.
Rompete le uova in ciotoline separate, un uovo per ogni ciotola, eliminando quelli con il tuorlo rotto.
Versate delicatamente le uova, una alla volta, sulla superficie dell'acqua, lasciando che vadano dolcemente a fondo. Lasciate abbondante spazio tra un uovo e l'altro, cuocendone non piu' di tre o quattro alla volta. Lasciatele cuocere indisturbate per 3 o 4 minuti, usando una spatola di gomma per staccare delicatamente le uova dal fondo della pentola, se fosse necessario.
Con un mestolo forato togliete le uova dall'acqua, una alla volta, scolandole molto bene e se dovete servirle subito, tamponate il fondo del mestolo con un pezzo di carta da cucina per assorbire tutta l'acqua in eccesso.  Potete conservarle in frigorifero fino a 3 ore, avendo l'accortezza di deporle su un piatto coperto di carta da forno. Al momento di servirle, bastera' scaldarle per  35 o 40 secondi in acqua in leggera ebollizione.


Bagels
Ingredienti per 10 bagels:
225 ml di latte bollente
50 g di burro
25 g di zucchero
15 g di lievito di birra
un po' di sale
1 tuorlo
400 g di farina Manitoba
2 cucchiai di latte
semi di sesamo
semi di papavero

Versare il latte bollente in una ciotola, aggiungere il burro e lo zucchero e fare sciogliere il tutto. Appena è tiepido, sciogliervi il lievito di birra. Disporre la farina a fontana ed aggiungere il sale. Versarvi al centro il latte con il lievito ed impastare. Fare lievitare per un'ora. Trascorso il tempo, stendere l'impasto dello spessore di 2 cm circa e con un coppapasta tagliare le ciambelle. Praticare un foro all'interno con il dito, allargandolo bene perchè cuocendo tende a chiudersi. Fare riposare 15 minuti. Trascorso questo tempo, immergere i bagels nell'acqua bollente per 20 secondi e sistemarli in una teglia da forno. Spennellerli con il tuorlo diluito con un po' di latte (a piacere decorarle con i semi di sesamo o di papavero, ribaltandoli in un piattino in cui si saranno stati messi i semi.), ed infornare a 180°C per 15 minuti circa.



Maple glazed bacon
8 fette di bacon
2 cucchiai di sciroppo d'acero

Riscaldare il forno a 190°C. Disporre le fette di bacon una accanto all'altra in una teglia rivestita di carta da forno ed infornare per 10 minuti. Prelevare la teglia e spennellare lo sciroppo d'acero sulle fette di bacon. Infornare per altri 5 minuti e servire

Preparare l'uovo alla Benedict: tagliare a metà il bagel e disporlo sul piatto, povi sopra l'uovo e ricoprirlo di salsa olandese allo zafferano e decorare con qualche pistillo di zafferano. Servire con qualche fetta di  maple glazed bacon.



Cinnamon Rolls
Ingredienti per 10 rolls:

660 g di farina forte
1 cubetto di lievito di birra
240 ml di latte
75 g di burro
66 g di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di sale
3 uova grandi

Per il ripieno:
120 g di zucchero di canna
1 cucchiaio di cannella
120 g di burro ammorbidito


Per la glassa:
120 g di zucchero a velo
115 g di burro
2 cucchiai di latte
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 pizzico di sale



In una ciotola mescolare 295 g di farina e il lievito.
In una piccola casseruola , mescolando continuamente, scaldare il latte , il burro, lo zucchero e il sale sfino a che il burro sia quasi sciolto. A poco a poco versare il composto di latte nella miscela di farina, mescolando r a bassa velocità . Aggiungere le uova , una alla volta, mescolando bene dopo ogni aggiunta . Continuare ad impastare ad alta velocità per 3 minuti . Aggiungere i restanti 365 grammi di farina fino ad avere un impasto morbido, liscio ed elastico ma non appiccicoso (circa 5 minuti).
Formare una palla e mettere in una ciotola unta. Coprire con pellicola trasparente e lasciare lievitare in un luogo caldo (l'ho iposto in forno tiepido) fino a quando l'impasto sarà quasi raddoppiato (circa 1 e 1 /2 - 2 ore) . Prelevare l'impasto e stenderlo su un piano premendo con le dita per liberare l'aria e lasciare riposare per 10 minuti.
Stendere la pasta in un rettangolo largo circa 30 cm . Spennellarlo con la metà del burro e cospargerlo di zucchero e cannella. Arrotolare l'impasto e tagliarlo in modo da ottenere 10 rolls. Disporli in una teglia rettangolare 23x 32 cm, lasciando un po' di spazio per la successiva lievitazione. Con il pennello spennellare la parte esterna dei rolls con il burro che avremo tenuto da parte. Coprire con pellicola trasparente leggermente unta  e fare lievitare un'altra ora.
Preriscaldare il forno a 180°C e cuocere i cinnamon rolls  per 25 a 30 minuti , fino a farli dorare. Se necessario, per evitare una eccessiva doratura,coprire con la carta alluminio gli ultimi 5-10 minuti di cottura . Rimuovere rotoli da forno  lasciarli rffreddare.
Preparare la glassa: Sciogliere il burro ed incorporarvi il latte e la vaniglia. Versare il tutto sullo zucchero a velo che avremo messo in un'altra ciotola. Mescolare bene e glassare i nostri rolls ormai raffreddati. Lasciare asciugare la glassa a temperatura ambiente.



Smoothie ai frutti di bosco:
150 g di frutti di bosco surgelati
2 vasetti di yogurt bianco
50 ml di succo d'arancia


Frullare tutti gli ingredienti insieme e servire.



Un ringaziamento a Roberta per aver scelto la colazione americana per questa gara è d'obbligo, ma voglio ringraziare anche i miei parenti americani a cui mi lega un enorme affetto.

Con queta ricetta èartecipo al contes Cannella mon Amour di Blueberry Muffin Bakery


Anna Luisa

49 commenti:

  1. Certo che tu e Fabio vi siete veramente concessi due colazioni coi contro-fiocchi!! Bravissimi.. e quanto mi piacerebbe affondare i denti in quei cinnamon rolls ;)
    Non vi dico a sentire i vostri racconti made in USA quanta invidia (di quella buona). Chissà se riuscirò prima o poi ad andarci anche io..a parte la questione economica, avere un compagno che ha una fifa boia (non che io sia Mrs Coraggio) di volare non è che aiuti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulietta, diciamo che non ci siamo fatti mancare nulla ^_^
      I cinnamon rolls mi fanno impazzire e non ho potuto non prepararli :-P
      dai, facciamo il tifo per te, magari un giorno vincerete la paura di volare e visiterete questo Paese bellissimo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Che bello il tuo racconto Anna Luisa! Quanti ricordi....anch'io ho avuto la fortuna di vivere gli States "in famiglia": un cugino di Paolo che vive in New Jersey e poi tutte le famglie dell'AFS, l'associazione di scambio culturale tramite la quale il maritino ha avuto la possibilita' di passare un anno di studio in Iowa, quando aveva solo sedici anni. Dal Maine alla California, passando per l'Iowa, il Colorado, l'Arizona, ecc...abbiamo avuto la fortuna di vivere con queste persone cosi' cordiali, ospitali e generose, gustando il loro home cooking, cosi' diverso dallo stereotipo della cucina americana che si ha di qua dall'oceano. Svegliarsi la mattina con il profumo del pane tostato, dei pancakes, del caffe', ma anche, per me, del bacon che sfrigola in forno o in padella e' un'esperienza bellissima e, soprattutto la prima volta, proprio quella che ti fa dire: " Non posso crederci, sono davvero negli USA...dopo averli sognati tanto, sono qui...sta succedendo davvero e sta succedendo proprio a me..." ...A questo punto non devo dilungarmi troppo nel dirti quanto abbia apprezzato la tua colazione, giusto Annalu'?...ti dico solo che mi dovrebbero legare alla sedia per impedirmi di correre in cucina a farmi quei rolls!!!!....Grazie mille, grazie di cuore, grazie di tutto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta sono io che devo ringraziare te! Se non avessi lanciato questa sfida, chissà se e quando avrei deciso di preparare i miei amati cinnamon rolls. Preparare questa colazione mi ha riporatato negli USA e non puoi immaginare la mia gioia. Per me gli States sono una seconda casa e lì mi sento veramente bene. E' bello leggere che tante persone come me li amano ed apprezzano le loro tradizioni, tra cui l'american breakfast.
      Quindi grazie, grazie, grazie! ^_^

      Elimina
  3. i cinnamon rolls!!!! maremmina quanto mi piacciono! : )))
    potrei mangiarli tutti i giorni a colazione e pure a merenda.. la cannella mi da dipendenza eheh.
    è bello leggere non solo la ricetta ma anche di te, di matrimoni e di colazioni, di case bianche, di cucine enormi (aaaah.... sogni proibiti).
    p.s.: quel tocco di zafferano nella salsa olandese l' ho messo anche e io, e quindi essendo di parte ti dico che ci sta benissimo! : oP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena vedo che abbiamo gli stessi gusti :-P Anche io, casomai non si fosse capito, adoro i rolls e la cannella è la mia spezia preferita nei dolci. Per il salato adoro lo zafferano...mi pare di capire che siamo sulla stessa lunghezza d'onda ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  4. Chi di noi non vorrebbe abitare tipo a Wisteria Lane? :-) con quelle belle case bianche col portico, le cucine enormi con bancone centrale, il giardinetto ben curato, l'odore dei muffins appena sfornati! e questo mese, come tante e tanti desperate housewives and "househusbands" (!) ci siamo legati il grembiulone d'ordinanza e ci siamo tuffati in questa meravigliosa cultura americana. Ok, magari qualcuno potrà storcere il naso per l'apporto calorico di queste colazioni, ma ciò che sicuramente mette tutti d'accordo è l'assoluta bontà e goduria che si prova assaggiandole. La tua ovviamente non fa eccezione, avendo potuto fare l'esperienza più bella: una "local" che cucina per te la colazione tradizionale americana. E tu l'hai saputa reinterpretare alla grande, con i cinnamon rolls (neanche io li ho mai fatti, ma visti i tuoi resisterò ancora per poco!) lo smoothie, l'egg benedict perfetto (oh, ma avete fatto tutti dei corsi??:-D) grande Annalù! bacioni e scusa le "chiacchere"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francy, non ho nulla da scusarti, è un piacere leggerti ^_^
      Lo so che può sembrare esagerato dire che mi sono ritrovata praticamente in un telefilm, ma è così. Immagina solo che uno degli ultimi giorni mi hanno "beccata" con la telecamera che riprendevo il contenuto del loro frigo...anzi, quasi quasi vado a rivedere il filmino ;-)
      Baci e grazie per tutti i complimenti, sei sempre gentilissima ^_^

      Elimina
  5. Quante meraviglie..come fare a resistere!!
    Bravissima!!

    RispondiElimina
  6. Bello! Bellissmo tutto! Le ricette, che sicuramente proverò a fare, anche senza uova affogate. I piatti, l'ambientazione, le foto ... quanto rosico ... io da questo punto di vista sono un disastro! Ma soprattutto i tuoi aneddoti che mi hanno catapultata oltroceano con la fantasia! Partirei subito, ma per ora non si può, ma mai dire mai!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuela, anche io partirei subito e ti assicuro che scrivendo il post mi è scesa una lacrimuccia :-(
      Ma per ora, come hai detto tu, non si può...però, mai dire mai ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  7. Anche io a 17 anni sono stata "in famiglia" negli U.S.A.;la famiglia non era mia, ma chiamavo "mamma" la mia landlady e mi sono trovata benissimo! Ovviamente con la loro colazione salata, io diciassettenne, ci bevevo su coca cola :O
    Adoravo i cinnamon rolls e sono felice di avere assaggiato gli originali, me li ricordo ancora...
    Quanto vorrei abitare accanto a casa vostra... fra il cibo e le foto, avrei tanto da imparare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania, ti immagino a bere coca-cola a colazione :-D Noi ci siamo limitati al succo d'arancia, ma all'epoca anche quello era un'eccezione alla nostra solita colazione...e pensare che da allora è diventato un elemento fisso del mio risveglio mattutino...:-))
      Vieni pure a casa nostra quando vuoi, ma credo d non avere nulla da insegnare alla nostra Forno Star :-D
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  8. tu sai, io so..... l' amore per gli USA che ci unisce .... dice tutto...così come le immagini, le parole e le ricette di questo post ... :* Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Flavia, siamo leteralmente innamorate degli USA e, ti dirò, mi piacerebbe tantissimo andarci con te una volta o l'altra -)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  9. che meravigliaaaaaaaa!!! e quante cose!! so good :)))
    anch'io ho tantissimi ricordi made in usa... sigh...
    un bacio grande, anche a fabio và ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina! ^_^
      Ma perché sono così lontani? Ci vorrebbe un viaggetto l'anno almeno...;-)
      Baci

      Elimina
  10. io sono ancora nella fase in cui guardo le colazioni americane nelle serie tv :)
    ma ragazzi, tra te e tuo marito, questo mese ci avete regalato non solo due colazioni da urlo ma anche un sacco di bei ricordi!!
    che meraviglia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mile, siamo entrambi letteralmente innamorati degli Stati Uniti e siamo felici di essere riusciti a trasmettervi questo nostro amore ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  11. E brava Luisa, anche la tua colazione è favolosa!! E anche io amo gli Stati Uniti e le colazioni da re che si fanno laggiù!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, mi sono divertita un mondo a preparare questa colazione, è come essere negli States ^_^
      A presto
      Anna Luisa

      Elimina
  12. Se la colazione di Fabio mi ha conquistata, la tua mi ha ammaliato, dai bagels ai cinnamon roll non c'è niente che non proverei con piacere, incluso la vostra compagnia!

    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loredana, anche a noi farebbe molto piacere fare questa colazione in tua compagnia e, quando ci incontreremo, s vorrai, prometto di prepararti almeno i rolls...una goduria allo stato puro :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
    2. Per i rolls considerami già prenotata! ;)

      Elimina
  13. Sarò breve- anche perchè ho perso il primo quarto d'orain contemplazione ipnotica della foto numero uno dell'uovo alla benedict.
    La cosa più insopportabile di questa colazione è che conosco la tua cucina a menadito. So che cosa esce da quelle mani d'oro. So quali sapori primainimmaginabili sei capace di tirar fuori da quella che per il resto del mondo è un pastiera, per dire- e per noi è La pastiera di Annalu. Quindi, io lo so che cos'è per davvero quella che per il resto del mondo è un'American Breakfast. Lo so che cosa si nasconde sotto quel velluto di salsa olandese, nel contrasto col bacon glassato, nelle pieghe della sfoglia dei cinnamon rolls... e mi chiedo: perchè non c'ero io, a godermi 'sti capolavori.. perchè????????????????? Immensi, come sempre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, secondo me sei ancora sotto i fumi della pastiera, o per meglio dire dei fiori d'arancio :-D
      Sono felice che la mia pastiera ti piaccia, ma ho solo un rammarico: che tu non abbia mai assaggiato nessuna ricetta con cui ho partecipato in questi tre anni all'Mtchallenge. Per rimediare ti prometto che quando verrai da noi, non potendo certo riproporti tutto, almeno i rolls ed i bagels ci saranno ;-)
      Baci e grazie sempre ^_^
      Anna Luisa

      Elimina
  14. Vediamo se qui il commento appare. Magari il post di Annalù è più fortunato.
    Allora...se nella colazione di Fabio mi avevano conquistato i french toast, qui i cinnamon rolls. Tu non lo sai, ma per loro farei follie, ne sono perdutamente innamorata!!
    E ribadisco, per la terza volta (sperando che questa volta il tasto "pubblica" faccia il suo dovere) la prossima volta voglio essere invitata!!! :)))
    Un abbraccio ad entrambi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho una vera dipendenza da cinnamol rolls, infatti appena ho letto l'argomento della sfida di questo mese, ho immediatamente deciso di prepararli ^_^
      Per quanto riguarda l'essere invitata, fossi in te inizierei a prepararti ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  15. inutile dirvi che mi avete fatto venire un'acquolina incredibile. E sono solo le 18.34!!! :(
    Bel blog e belle foto.. davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000 Manuela ^_^ Se ti può consolare anche a me rivedere queste foto fa venire l'acquolina in bocca :-P
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  16. Che bel post cara Anna Luisa e quanto bei ricordi.
    Le immagini unite al tuo modo di scrivere hanno dato la sensazione di rivivere il tutto e confesso che io potrei morire per un cinnamon roll! Non sono americana ma sono cresciuta con gli americani e questi sapori e nomi sono così famigliari che ora che sono qui in Italia da tempo, mi mancano.
    Bellissimo post cara.
    Un abbraccio e complimenti.
    Vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vaty, sono felice di essere riuscita a trasmettere il mio amore per gli USA e per gli statunitensi. Sono un popolo fantastico. Mi sono divertita un mondo a cucinare questo breakfast e, finalemente, potrò mangiare i rolls ogni volta che lo vorrò ;-)
      Grazie 1000 per tutti i complimenti ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  17. Ancora non ho capito se adoro di più te o tuo marito :) Siete entrambi fenomenali, per la bravura che avete nel preparare i vostri piatti, sempre perfettamente equilibrati ma fantasiosi, ma anche per come li presentate e per i vostri racconti che fanno letteralmente viaggiare con la fantasia.
    Bravissima Anna Luisa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari, ma come? Ero convinta che tifassi per me!...:-DDDD
      Quando ci incontriamo la prossima volta ti parlerò un po' degli USA, così vedrai i miei occhi scintillare di gioia;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  18. A differenza di Alessandra (la Capa) non conosco la tua cucina ma, dalle tue foto, riesco a percepire il gusto, l'aroma, la consistenza delle tue preparazioni in una parola si sente l'amore e la cura per quello che prepari. Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di incontrarti presto, così magari potrò farti assaggiare la pastiera che Ale tanto ama ;-)
      Grazie per i complimenti, sei un tesoro @_@
      Anna Luisa

      Elimina
  19. Sto sognando.
    Sto sognando ad occhi aperti di essere nella tua cucina e di mangiare tutte quelle buone cose.
    Quel maple glazed bacon, per esempio.
    Quell'uovo alla Benedict preparato a regola d'arte con un'altrettanto meravigliosa salsa olandese.
    Quei bagel soffici e profumati.
    Quei cinnamon rolls soffici e profumati e, per finire
    Quel golosissimo smoothie.

    Voglio tutto questo - e lo voglio ADESSO!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mapi, lo sai, quando vuoi, ormai ci dividono solo poche ore di treno ;-)
      baci
      Anna Luisa

      Elimina
  20. I cinnamon rolls sono gli States!! Volevo a tutti i costi mettere della cannella nella mia colazione e non l'ho fatto...ma è uno degli odori tipici di ogni caffetteria. Quando ho lavorato lì il bello è che ho scoperto che per farli a casa si vendeva un tubo di cartone che veniva stritolato e da cui uscivano già belli e pronti da mettere in forno. Gli americani possono avere tanti difetti, ma in effetti non gli si può negare di essere ospitali e affettuosi...sempre che vogliano! Un bacio cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo, il tubo per farli mi manca!!! Lo voglio!!!! Adesso so cosa chiedere a Babbo Natale ^_^
      Hai ragione, la cannella è l'odore che più mi ricorda gli States...che nostalgia! :-(
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  21. Cara Anna Luisa, sei proprio forte! Il problema tuo non era cosa preparare, ma a quali piatti rinunciare... fantastico! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente avevo l'imbarazzo della scelta ^_^

      Elimina
  22. Siete dei grandi non c'e´niente da fare la classe non si sciacqua come dice una mia amica e la vostra colazione all'americana lo dimostra!
    stupendi i cinnamon rolls che ho visto per la prima volta quest'estate vicino a Toronto al St. Jacob's Market e mi hanno colpito tantissimo ...ma non gli ho assaggiati :-(
    e il bacon insaporito con lo sciroppo di acero una vera goduria
    Bravissimissimi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria sei troppo gentile ^_^
      La prossima volta che capiti in Nord America, provali, te ne innamorerai ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  23. E si vede, cara Annalù si vede! Quanto a tutti voi vi sia rimasta un pezzetto di America sul cuore!
    Deciderti tra tante cose BUONE ti sarà stato difficile ma hai fatto una scelta pazzesca! Tanto che adesso sonno ho scuse per fare di una volta per tutte i cinamon rolls che adoro sopratutto per quel profumo e sapore di cannella!

    Grazie e besossssss!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai, te li preparo appena vengo dalle tue parti, promesso ;-)
      Baci

      Elimina
  24. grazie per aver partecipato, rosetta inserita!

    RispondiElimina