giovedì 26 settembre 2013

Scozia 2013: Edimburgo (secondo giorno)


Diciannovesimo giorno

Visto che la colazione non è compresa, invece di farla in hotel come sempre abbiamo fatto durante tutto il viaggio, decidiamo di provare a farla fuori. Abbiamo adocchiato diversi localini carini proprio nei dintorni dell'hotel e scegliamo uno di questi.
Come prima cosa, oggi vogliamo andare a visitare il castello. Anche se abbiamo la tessera che ci consente di entrare direttamente senza fare la lunga fila per il biglietto, decidiamo di andare presto. Ovviamente ne approfittiamo per vedere altri angoli della città. Saliamo lungo il Royal mile (è la strada che consigliamo per evitare le ripide salite da market street) e, strada facendo, visitiamo la St.Gile's Cathedral e la Thistle chapel. La zona si sta già animando con gli artisti del Fringe festival di cui vi dirò in seguito.
Arriviamo al castello, ancora non c'è tantissima gente, neanche per fare i biglietti (verso le 9:30, all'uscita la fila sarà lunghissima!) e possiamo visitarlo per bene. In realtà è una piccola cittadina fortificata da cui si gode un bellissimo panorama su tutta la città.Ogni singola struttura è organizzata come un museo in miniatura. La visita è piacevole anche se il castello si sta man mano affollando. Per fortuna è abbastanza grande e la gente si divide nelle varie zone.





















 Riscendiamo in città lungo market street ed arriviamo alla national gallery of Scotland che è gratis. E ovviamente la visitiamo. E' una pinacoteca che merita senz'altro una visita.





Ci dirigiamo verso la Greyfriars Kirk famosa per il suo cimitero che ospita la tomba di Bobby, uno skye terrier che per 14 anni vegliò la tomba del suo padrone.




Da qui proseguiamo verso il vicino National Museum of Scotland, anch'esso gratis e situato in una interessante struttura moderna con belle esposizioni lungo i suoi 3 piani.





Cerchiamo Cowgate che la guida segnala come zona interessante. Il fatto che ci sia divieto di transito per le macchina la sera, ci fa intuire che probabilmente la zona si anima solo la  sera coi localini, le discoteche e con i relativi spettacoli teatrali del Fringe festival.
Arriviamo all'estremità opposta del Royal mile verso la collina di Calton hill, la piccola acropoli di Edimburgo sulla quale spiccano il National monument e il Burns monument. E' possibile anche salire in cima al Nelson monument. Prima di arrivare qui, vediamo la mercat cross, l'outlook tower e la sede del Parlamento scozzese. Vorremmo anche vedere la Holyrood abbey sita nell'omonimo palazzo che è compresa nella nostra tessera Historic Scotland, ma chissà per quale motivo, è possibile visitarla solo se si compra l'intero biglietto per visitare anche il palazzo. Per principio e per il prezzo del biglietto (più di 15 sterline a persona!) ci rifiutiamo di entrare. Ci limitiamo a fotografarlo dall'esterno.

























Passiamo in hotel per una sosta, tanto è di strada e ci reimmergiamo in centro. Invece di mangiare qualcosa, andiamo a farci un sontuoso tea, come si usa fare qui, l'afternoon tea presso Eteaket. E' abbondantissimo con scones, confetture, sandwiches, dolcini, insomma, molto più di un pranzo...



Ci dirigiamo in fondo a Princes street per visitare le due chiese, la St. John's e la St Cutbert's Parish churc e da qui entriamo nei Princes street gardens, un'oasi in piena città. Posto assolutamente fantastico per rilassarsi, godersi il panorama sul castello e vedere la gente che passa. La caratteristica di Princes street infatti è che i palazzi sono solo da una parte della strada così da lasciare libera la vista sul castello.















Decidiamo di ritornare sul royal mile, dove, nella parte finale, verso il castello, la strada è chiusa ed occupata dagli artisti che distribuiscono una ingente mole di volantini per pubblicizzare gli spettacoli che terranno nella varie venues cittadine a pochi pounds e nel frattempo danno un saggio di quello che sarà lo spettacolo. E' un'atmosfera bellissima! Ce n'è per tutti i gusti. Ci tratteniamo un po' qui anche per scattare qualche foto.






















A questo punto ci dirigiamo verso Grassmarket, sede di un mercatino, come lascia intuire il nome della strada. E ne approfittiamo anche per prendere una birra ad uno dei tavolini che dà sulla piazzetta.



Per stasera abbiamo prenotato uno dei ristoranti che avevamo selezionato prima di partire, tra l'altro è proprio vicinissimo al nostro hotel, si tratta del Forth Floor all'ultimo piano del centro commerciale Harvey Nichols. Noi lo consigliamo ad occhi chiusi, servizio eccezionale, piatti ottimi e bella vista sul castello dalla vetrata. Cosa si può volere di più?







Ovviamente dopo cena ne approfittiamo per un altro giretto prima di rientrare in hotel.







Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO

Fabio

22 commenti:

  1. Wowwww non ho altra parola per descrivere le meraviglie che avete visto, senza farvi mancare gli spunti culinari e che foto meravigliose ragazzi!!!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, cerchiamo sempre di vivere intensamente e al meglio i nostri viaggetti.

      Fabio

      Elimina
  2. Risposte
    1. Hai ragione, è una meraviglia questa città!

      Fabio

      Elimina
  3. Per me è sono viaggi virtuali,grazie a voi.Bacioni,Lisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, si viaggia anche solo leggendo e guardando le immagini di posti belli come questi.
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  4. Wow... nn ho parole... bellissime foto! :)
    Tra l'altro il Fringe Festival lo fanno anche a Roma da un paio d'anni a questa parte... è meraviglioso! :)

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono a sapersi! Però poi ti toccherà portarmi in giro per Roma :-p

      Fabio

      Elimina
  5. Che viaggio meraviglioso! Devono essere posti mozzafiato, sebbene ci si trovi in una città.
    Inutile dire che le foto sono da sogno...

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una delle pochissime città scozzesi che merita, di gran lunga la più bella. Una piccola Londra.

      Fabio

      Elimina
  6. Ciao. Foto meravigliose, è inutile persino dirlo. Mi hanno riportato indietro di...tanti anni quando ho visitato la Edimburgo durante un soggiorno-studio tra nord Inghilterra e Scozia, diciamo che allora ero una ragazzina... anzi una bimba !! Prima o poi ci torno. Grazie per condividere le vostre esperienze, sono molto utili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora devi tornarci assolutamente. Spero che qui troverai informazioni utili.
      Grazie per la visita.

      Fabio

      Elimina
  7. La storia di Bobby mi ricorda un pò il film Hachiko! Non c'entra niente vero? Mi sa che quello era un altro cane o.O

    Comunque adooooro la storia della megapausa tè con tutti quei dolci!! *____* Sapete dirmi se ci sono posti simili all'Eteaket anche nel resto del Regno Unito? Tipo a Londra o a Dublino?

    Spettacolari anche le foto degli artisti di strada. Io li adoro ma mi vergogno sempre a fotografarli. Nelle vostre foto hanno delle espressioni bellissimeeeeee!! Ma è sempre la stessa macchina fotografica delle altre volte?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre commoventi queste storie che legano cani e padroni, qualunque specie sia.
      A Londra quella del té è una tradizione che si può consumare in tantissimi posti. Ogni albergo quasi ha il suo afternnon tea. Quello più rinomato è quello del Ritz (tra l'altro "caro" ma fattibilissimo, d'altra parte poi si salta la cena), ma ce ne sono tantissimi altri a prezzi più economici. A Dublino non saprei, ma sicuramente ci saranno.
      Io ho preso un po' di coraggio ultimamente, di solito non amo fotografare le persone (come si vede dalle mie foto), ma il teleobiettivo, permettendo di fotografare da lontano, senza essere visti, assicura sguardi naturali ed un bello sfondo sfocato. Si, sempre la stessa macchina ;-)

      Fabio

      Elimina
    2. eheh vedi che oggi ci sono tante reflex, anche più avanzate della mia. Ma ti assicuro che non basta una macchina fotografica per fare belle foto, bisogna prima di tutto studiare un po' di tecnica, fare molta pratica ed essere i primi critici di se stessi. Ma se c'è la passione, si fa :-)

      Elimina
  8. Altro che foto... sembrano dipinti! .... e che luce in quei piatti di cibo:))... davvero bravi... :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La luce nei ristoranti era sempre splendida e considera che era sera! Voglio una bella vetrata così anche io! :-)
      Grazie :-)

      Fabio

      Elimina
  9. Le vostre foto sono incantevoli! Adoro quelle agli artisti di strada, sono davvero dei soggetti ^_^
    :* a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sono davvero bravissimi questi artisti oltre che molto fotogenici.
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  10. Fantastico post! Mi sono divertita a riconoscere i posti che abbiamo visto anche noi :-D
    Le fotografie sono belle, anzi bellissime ... grazie per la passeggiata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è sempre bello vedere i posti visitati anche nelle foto di altri :-)
      Grazie a te per essere passata.

      Fabio

      Elimina