martedì 3 settembre 2013

Scozia 2013: dalle Orcadi a Brora e poi ad Inverness (Loch Ness)


Nono e decimo giorno

Visto che abbiamo il traghetto di ritorno alle 11:15, dopo la colazione consumata in hotel, ci concediamo un giro a Kirkwall per vedere la Cattedrale che non eravamo riusciti a vedere il giorno prima e gitriamo un po' per i negozietti aperti.
Terminato il giro proseguiamo in direzione di St. Margaret's hope per metterci in fila per l'imbarco.
Siamo seduti in uno dei saloni della nave, ma ogni tanto gettiamo l'occhio fuori dal finestrino per vedere se avvistiamo qualcosa. Aguzziamo la vista, quando vediamo dei piccoli uccelli neri appollaiati sull'acqua, qualcuno prende il volo e ci dà l'impressione di essere un pulcinella di mare, ma non ci sembra di vedere il becco colorato. Ma a quel punto ci mettiamo ancora più attenzione e abbiamo la conferma: sono pulcinella di mare!
Mi precipito sul ponte del traghetto armato di macchina fotografica e scopro che dall'altra parte rispetto a dove siamo noi, stiamo costeggiando un isolotto sulle cui scogliere ci sono diversi uccelli, tra cui anche i pulcinella di mare. Purtroppo siamo quasi oltre e ne vedo solo qualcuno in lontananza.




Sbarcati dal traghetto, passiamo velocemente per John O' Groats, da dove salpano le imbarcazioni per le Orcadi che però non trasportano automobili, quindi proseguiamo per Duncansbay head. Leggendo sulla guida che si tratta di scogliere, essendo molto vicino a dove ho avvistato i pulcinella di mare, spero vivamente di ritrovarli.




Così mi inerpico sulla collina, da cui si gode di una bella vista sui due faraglioni e mi avvicino allo steccato per scrutare la scogliera. Subito ne intravedo qualcuno su un grosso scoglio e ciò già mi rende felice, nonostante la relativa lontananza. Li adoro, non so se si è capito. Ovviamente la maggior parte sono sulla scogliera, un po' più in basso, per essere al sicuro. Ma mi ricordo che in Islanda alcuni più coraggiosi si appollaiavano più sopra. Così mi sporgo per quanto posso dall'unico punto dove si può e la mia curiosità viene premiata. Ce n'è uno proprio sotto di me e nonostante la difficoltà dovuta allo steccato molto interno e al vento fortissimo, riesco a scattargli qualche foto.














Proseguiamo quindi in direzione di Wick. Ci fermiamo per fotografare il paesaggio, facciamo un giretto in centro, prima di andare a visitare il castello che si raggiunge con una passeggiata di 10-15 minuti dal parcheggio.










La zona è ricca si siti preistorici. Andiamo alla ricerca  di Cairn o' get, un tumulo sepolcrale preistorico. Il cartello dice di seguire i pali bianchi e neri, camminiamo per più di un quarto d'ora, quando ne avvistiamo altri molto lontani e allora desistiamo.


Ci dirigiamo verso la Hill o' Many Stanes, queste sono subito dietro "il parcheggio", è una collinetta disseminata di 22 file di pietre disposte a ventaglio.


Ci dirigiamo poi verso Grey Cairns of Camster, camere funerarie facilmente raggiungibili con dei sentieri in legno, visibili solo dall'esterno.



E' quindi la volta dei circa 40 menhir di Achavanich, nei pressi di Lybster.




Passiamo per la graziosa Dunbeath, con le case decorate da rose, quindi facciamo una sosta ad Helmsdale col caratteristico porticciolo.
Ovviamente tutti i tabloid annunciano in prima pagina la tanto attesa nascita del royal baby.






Decidiamo di allungarci al castello di Golspie che purtroppo è già chiuso e ci limitiamo a fare qualche foto dall'esterno e a visitare il bel giardino sul retro. Torneremo domani.






Arriviamo così al nostro hotel a Brora. Siamo fortunati, non c'è molta gente e ci danno un upgrade gratuito in una bellissima stanza. Ceniamo in hotel approfittando anche di un prezzo convenzionato, mangiamo molto bene.



Dopo la ricca consueta colazione scozzese, ci rimettiamo in strada, direzione Lairg che è situata in un bel contesto paesaggistico.







Da qui proseguiamo verso le falls of shine che si raggiungono con un breve sentiero dal parcheggio. Non sono spettacolari, ma c'è una comoda piattaforma per ammirarle. Sappiamo che questa è zona di salmoni, aspettiamo un po', ma non ne vediamo. Stiamo quasi per andare via dopo una decina di minuti, quando ad Anna Luisa sembra di avere visto qualcosa. Aspettiamo e siamo accontentati. Un bel salmone cerca con un bel salto di vincere la forza della corrente e delle rapide tumultuose, ci sembra senza riuscirci. Che fatiche che devono fare per riprodursi! A quel punto aspettiamo per cercare di fotografarne qualcuno, ma l'attesa è vana.
Subito dopo, tornati sulla strada, vediamo un bel castello ed attraversiamo bei paesaggi.






Torniamo quindi a Golspie per visitare il bel castello (Dunrobin castel) che avevamo trovato chiuso ieri. Qui, come spesso accade ai castelli più belli e frequentati, c'è un giovane suonatore di cornamusa. Visitiamo il castello (come sempre, non c'è possibilità di fare foto all'interno e qui bisogna anche lasciare lo zainetto) e andiamo ad assistere allo spettacolo del falconiere. E' la prima volta che assistiamo a questo genere di spettacolo e ne rimaniamo molto colpiti, davvero molto bello!
















Puntiamo verso Tain, il più antico borgo reale scozzese, che ci piace molto e ne visitiamo la chiesa/museo.









Facciamo a questo punto una deviazione verso Portmahomack per ammirarne il bel faro a strisce bianche e rosse, davvero molto bello! Si dovrebbero vedere anche i delfini da qui, ma non li vediamo (ci rifaremo in seguito!). Inutile dire che le foto si sprecano con un soggetto così.












Prima di arrivare ad Inverness, facciamo una deviazione verso Stratpeffer per ammirarne le belle ville.





Passando, mi sembrava carina Dingwall, ci fermiamo al ritorno ed in effetti le impressioni sono confermate.





Arriviamo quindi ad Inverness che è una bella cittadina. Ne visitiamo subito la Cattedrale di St. Andrews, prima che chiuda ed il Victorian market. Quindi ci dedichiamo ad una bella passeggiata per il centro, saliamo al castello, visibile solo dall'esterno, all'interno ci sono uffici giudiziari, e arriviamo lungo il fiume a Ness Island coi caratteristici posti in ferro. Carino, ma ci saremmo aspettati di più.















Prendiamo possesso della nostra camera alla guest house che abbiamo scelto, ad una quindicina di minuti a piedi dal centro. Ci prepariamo per andare a cena e ne approfittiamo per qualche altra foto. Per stasera abbiamo scelto il Rocpool situato all'incrocio sul ponte.







C'è una bella atmosfera, il personale è molto gentile ed il cibo squisito.





Terminata la nostra cena, tornando verso la guest house, ammiriamo un bellissimo tramonto che si accende sempre di più, uno dei pochi e forse il più bello, che avremo modo di vedere nel corso del nostro viaggio.

















Andiamo a riposare, con la speranza, il giorno dopo, di vedere il famoso mostro di Loch Ness. Lo vedremo? Continuate a seguirci.

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO

Fabio

36 commenti:

  1. ma che meraviglia! Spettacolo!
    Voglio venire con voi..............

    RispondiElimina
  2. Ci sono stata un bel po' di anni fa e le tue foto mi hanno fatto ricordare quei bellissimi posti e mi hanno anche fatto venire voglia di tornare a visitarli. Complimenti, le foto sono davvero bellissime e molto evocative

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo, perché io la voglia di tornarci già ce l'ho.

      Fabio

      Elimina
  3. Questo post è un tuffo nel passato per me! A 15 anni insieme ai miei genitori e in sella al nostro camper, abbiamo visitato la Scozia... e le vostre fotografie trasmettono la meraviglia di quei luoghi :)

    RispondiElimina
  4. oddio che bella la scozia! ci sono stata nel 2011 in agosto..
    isola di sky...edimburgo..lochness..
    non abbiamo avuta molto fortuna con il tempo, ma l'avevamo messo in conto...
    bello vedere queste foto
    grazie per averle condivise!
    e quelle pecore...quante ne abbiamo visti..foche..oddio che bello ci voglio tornare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sono posti splendidi, anche col cattivo tempo, se vogliamo. Ma di certo è meglio goderli senza pioggia, almeno per le foto.
      Bellissime le foche e facili da vedere.

      Fabio

      Elimina
  5. pensavo..hai qualche appunto di viaggio..su alghero..ora cerco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sul blog no, ci siamo stati, ma prima dell'apertura del blog.

      Fabio

      Elimina
  6. Meraviglia delle meraviglie... un tuffo nel passato ai miei anni universitari.. la Scozia è favolosa ma mi mancano un sacco di cose... e sopratutto un pò di tappe... che colori, che dettagli... wow :)
    un abbraccio ragazzi bentornati:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ci devi tornare assolutamente, semmai prendendo spunto proprio dal nostro giro.
      Grazie!

      Fabio

      Elimina
  7. si viaggia così: con qst scatti meravigliosi. e sembra di esservi vicini... complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Elena! Secondo me si viaggia sempre, anche con la fantasia e con le foto degli altri.

      Fabio

      Elimina
  8. foto davvero stupende!!
    se ti va passa a trovarmi: viviconvivi.blogspot.it

    RispondiElimina
  9. Splendido viaggio, ragazzi!!! Le foto raccontano tutto senza parole!

    RispondiElimina
  10. Senti un pò....ma hai fatto fuori tutti gli scozzesi per fare le foto o uscivate all'alba? Non c'è un'anima per strada!!!! Bellissimi i rapaci, sono animali inquietanti ma bellissimi e Inverness è la città che mi affascina di più, guarda caso c'è anche un volo diretto da Bristol ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ho una pazienza (quasi infinita) per attendere l'attimo buono per scattare quando non c'è nessuno. Ma a volte mi devo arrendere alla presenza umana :-D
      Diciamo che assieme ad Oban e soprattutto Edimburgo che è bellissima, Inverness è la terza città che merita, le altre lasciano molto a desiderare.

      Fabio

      Elimina
  11. Non so perché, ma dopo questa meravigliosa carrellata di bellezze naturali, io sono rimasta colpita da una bellezza in gonna e cornamusa! Perdindirindina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere, anche da maschietto, che gli uomini in kilt sono molto affascinanti ed eleganti, quindi ti capisco :-)

      Fabio

      Elimina
  12. ciao Anna Luisa, ciao Fabio
    scusate se arrivo solo ora ma talvolta sono stordi e non sempre collego il tutto;)
    allora, ho già fatto like alla vostra pagina di facebook cosi posso ricevere tutti i vs aggiornamenti.
    che dire, che già mi piace tantissimo il vostro modo di raccontare nonchè coniugare travel & food, un pò gli obiettivi del mio blog.
    e questa scozia deve essere davvero un luogo speciale. non ci sono mai stata ma ammirando le vostre foto e leggendo questo post, mi pare di averla qui vicina.
    complimenti davvero e grazie per le vostre gentilissime parole. a presto!
    vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, è un piacere averti qui. Siamo davvero contenti che ci segui.
      Grazie a te.

      Anna Luisa e Fabio

      Elimina
  13. i puffin!!!! li adoro!!!!! quell' aria paffutella ed il becco arancione...eheh..
    leggervi èun po' come essere venuti in vacanza con voi, tranne che io quelle cosine a metà post non le ho minimamente assaggiate.....mm.... :)
    baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che in Islanda li facevano anche arrostiti? Ah, non in quel senso... :-)
      Anche io li adoro e per questo mi sono rifiutato categoricamente di mangiarli. Poi, come hai visto, qui c'era ben altro da mettere sotto i denti. ^^

      Fabio

      Elimina
  14. Come ogni bambina che si rispetti, io credo e continuerò a farlo nella vecchia Nessie! E se non l'avete avvistata voi quest'anno, lo faro' io prossimamente.
    Le foto sono meravigliose...quella del faro con le nuvole mi toglie il fiato. Grandissimi! Un abbraccione, pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che sia da qualche parte, con noi è stata timida, ma va bene lo stesso, dovremo tornare a cercarla. Ti auguro buona fortuna!
      I fari, in particolare quelli a bande rosse e bianche, hanno un fascino unico!

      Fabio

      Elimina
  15. Come già ti ho scritto in Scozia ci sono stata circa 15anni fa...
    Inverness è stata la mia casa. Quel ponte l'avrò attraversato mille volte (a volte anche irrimediabilmente ubriaca), andavo a ballare da One One (chissà se c'è ancora), il pomeriggio a volte lo passavo da Eastgate, ho visitato tutte le chiesette (per sbaglio un giorno sono entrata in quella che definiscono la casa dei funerali :-O) ed in riva al fiume andavo per leggere libri ma finivo addormentata dal suono dell'acqua... che bei ricordi!!!
    Se trovo le vecchie foto ve le mostro.

    Grazie per avermi fatto rivivere dei bellissimi momenti!
    Baci, Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bei ricordi, Chiara! Dai, se trovi qualche foto, fammela vedere, sono curioso!

      Grazie a te per essere passata da noi.

      Fabio

      Elimina
  16. wow che spettacolo di foto, una più bella delle altre e che posti! I puffin sono troppo belli!! Io li ho intravisti in Norvegia, ma purtroppo non sono riuscita a fotografarli così bene come voi ^_^
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sono una meraviglia! Io li adoro.
      Grazie per essere passata qui.

      Fabio

      Elimina
  17. Non c'è niente da fare, le vostre foto sono uno spettacolo e credo che lo ripeterò all'infinito. Non so se ve l'ho chiesto, ma usate una fotocamera o uno smartphone? E quale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, mi fa sempre un sacco di piacere :-)
      Esclusivamente una reflex amatoriale (la 500D della Canon). Non è tanto quello il segreto, quanto l'esperienza e lo studio, anche relativo alla postproduzione delle foto. Insomma, dietro ogni post c'è un lavorone per le foto, sia in fase di scatto (manuale) sia che di lavorazione al rientro. Gli smartphone per ora li preferisco per telefonare e navigare :-)

      Fabio

      Elimina
    2. Ho capito, grazie mille :)

      Elimina