giovedì 19 settembre 2013

Le raviole del plin, la sveglia e la colazione.


Capisco che leggendo il titolo di questo post qualcuno potrà pensare cosa possano avere in comune questi tre elementi. Ma qualcosa ce l'hanno, almeno nella versione che ho voluto dare io alle raviole del plin che Elisa, vincitrice dell'ultimo MTC, ha proposto per questa tornata. Devo dire che stavolta ho avuto un po' di difficoltà nel concretizzare la mia idea, perché diverse versioni mi sono passate per la testa, ma poi una ha avuto decisamente il sopravvento. Sia chiaro, è talmente impura (o quasi) che credo che sarò bandito da Piemonte e dintorni, ma io li ho visti così.


Dovete sapere che non ho un buon rapporto con la sveglia. O meglio, io un rapporto con la sveglia non ce l'ho proprio. E non perché faccia fatica a svegliarmi la mattina, ma al contrario. Perché sono io che di solito "sveglio la sveglia". Appena inizia a fare giorno tendo a svegliarmi e per quanti sforzi faccia per riaddormentarmi, di solito non ci riesco. E allora resto in attesa che suoni e che si svegli dal suo sonno beato la mia compagna di fase REM. Il tempo che (lei)  riprenda conoscenza (di solito si va dai 10 minuti al quarto d'ora, il quarto d'ira per me), a meno che non ricada tra le braccia di Morfeo, e si va a fare colazione.
A volte ho avuto il sospetto che il mio svegliarmi presto più che alla luce del giorno sia legato alla voglia di andare a fare colazione. E' uno dei pasti che mi piace di più, soprattutto perché mangio i dolci che durante la giornata difficilmente mi concedo. Ed io sono un golosone, è risaputo. Probabilmente è anche colpa del fatto che la sera apparecchiamo la tavola con le tovagliette, le posate e tutto ciò che già può essere messo in tavola. Insomma, già dalla sera ho quell'immagine davanti agli occhi. E' il richiamo degli zuccheri. Ma non solo. Devo dire che amo fare le colazioni all'inglese (o all'americana), non disdegno affatto il salato a colazione che va ad affiancarsi al classico cappuccino (dopo che degli amici mi hanno regalato la macchinetta per farlo in casa, non ne posso più fare a meno...) e a qualche dolcino.


Tutto questo per dirvi come sono arrivato a questa ricetta e l'equilibrio che ho cercato di creare nei sapori prima di tutto e poi nelle consistenze e nell'aspetto. Come carne avevo letto nel post di Elisa che a volte si usava anche il coniglio per questa ricetta ed ho subito pensato di utilizzarlo. Ma ho voluto dare un tocco di originalità alla pasta. Ho seguito scrupolosamente la ricetta di Elisa, ma invece di cuocerla nel modo tradizionale, ho ben pensato di friggerla, per dare al guscio esterno una consistenza croccante. Vista la correlazione che ho trovato con la colazione, ad insaporire ulteriormente l'impasto di carne di coniglio e salsiccia, ho pensato di aggiungerci della pancetta (fa un po' english, vero?). Non poteva certo mancare il mio cappuccino e così ho realizzato una spuma soffice al caffé con una decorazione al cacao, il cui gusto anche sposa perfettamente con il gusto della carne di coniglio. Anche perché io sono un po' vizioso ed il cacao sul cappuccino lo metto sempre.
Ritornando alle origini di questo piatto, l'ho servito semplicemente su un tovagliolo, per non coprirne il gusto e lasciare che la pasta ed il ripieno dessero il meglio di sé.



Purtroppo in questi giorni siamo davvero impegnatissimi e per realizzare la mia ricetta (e anche quella di Anna Luisa in verità),  abbiamo dovuto puntare la sveglia molto presto (anche stavolta mi sono svegliato prima di lei!) e le abbiamo realizzate praticamente di mattina, all'alba. E vista la ricetta, non poteva essere diversamente.
Tutto questo mi ha fatto venire in mente anche un personaggio, il coniglio bianco con l'orologio di Alice nel Paese delle meraviglie. E qualcuno sostiene che in effetti ci assomiglio anche, in quanto una delle espressioni che uso spesso è "E' tardi, è tardi!". Ma della mia puntualità vi parlerò un'altra volta.

Raviole del plin fritte con coniglio 'mbriaco e spuma di caffé



Ingredienti per 4 persone

Per la pasta (ricetta di Elisa)
200 g di farina di grano tenero 0
2 tuorli grandi
1 uovo intero (grande)

Per il ripieno*
1/2 coniglio
2 salsiccia di maiale (cervellatina)
100g di pancetta magra
2 carote
1/2 cipolla
1 costa di sedano
1 bottiglia di vino (preferibilmente piemontese)
olio q.b.
sale
pepe

Per la spuma al caffé
1 tuorlo d'uovo freschissimo
4 cucchiai di caffé amaro
50 ml di panna per dolci

*il ripieno è decisamente abbondante rispetto alla dose per la pasta di Elisa che consiglio di raddoppiare almeno. Tanto una volta fatto il lavoro, ci si trova delle raviole già fatte da conservare.


Preparazioni

La comodità di questo piatto è che si può prepare anche a tappe. Per prima cosa ho preparato il coniglio che richiede un po' di tempo. L'ho fatto marinare (già tagliato a pezzi dal macellaio) in un tegame con una bottiglia di Barbaresco, cipollee  carote tagliate grossolanamente, alloro e rosmarino (minimo 2 ore).  Ho preparato la classica base con sedano, cipolla e carote e l'ho fatto rosolare per bene in un po' di olio che avevo messo a riscaldare in una capiente padella. A rosolatura completa ho aggiunto un primo mestolo di vino, ho coperto controllando ogni tanto e, nel caso, aggiungendo altro vino per non farlo asciugare troppo. L'ho fatto cuocere circa un'ora-un'ora ed un quarto, e poi l'ho lasciato coperto affinché le carni fossero tenere. Dopo che si era raffreddato un po', l'ho spolpato e l'ho messo da parte.
Ho cotto in padella le salsicce, con un filo d'olio per farle rosolare per bene a fine cottura. Ho preferito le cervellatine con una pasta più fine rispetto a quelle a punta di coltello.
Infine in una padella, senza grassi aggiunti, ho fatto andare a fuoco medio le fette di pancetta per un paio di minuti, giusto il tempo di farle cambiare colore. Poi l'ho sminuzzata ed aggiunta al coniglio e alla salsiccia che ho tritato nel mixer assieme al fondo di cottura.
Per la preparazione della pasta ho seguito la ricetta di Elisa che riporto:
"Salare e tritare le biete. Togliere l’arrosto dal suo fondo di cottura e tritarlo finemente, insieme ai gusti. Unire i due composti ed incorporarvi la salsiccia sbriciolata. Aggiungere le uova, il sale, la noce moscata e il formaggio grattugiato. Mescolare bene con un cucchiaio di legno.
Mettere la farina a fontana e rompervi all’interno le uova. Mescolare le uova e la farina partendo dall’interno e incorporando poco per volta la farina. Impastare per una decina di minuti con i palmi delle mani finché si ottiene un composto liscio e compatto. Coprire con pellicola alimentare e far riposare per una trentina di minuti.
Tagliare pezzi di pasta e, che si scelga di usare la macchinetta o il mattarello, tirarla molto sottile .
Con l’aiuto di uno o due cucchiaini formare delle piccole palline di ripieno (grosse all'incirca come delle nocciole) e disporle sulla sfoglia, a poca distanza l’una dall’altra.
Piegare la sfoglia e pizzicare la pasta tra una pallina e l’altra. Dopodiché tagliare i ravioli con la rotella, partendo dalla parte chiusa e muovendosi verso i due lembi sovrapposti."
Ho fritto la pasta ripiena e chiusa col "plin" come Elisa mostra molto chiaramente nel suo video nella friggitrice, in olio alto, a 180°C per circa 2 minuti, togliendoli appena si erano dorati. Poi li ho messi a colare su carta assorbente da fritti.
Per la spuma al caffé ho messo in una ciotola un tuorlo d'uovo freschissimo, ci ho aggiunto 4 cucchiai di caffé amaro a temperatura ambiente e ho montato il tutto col frullino alla minima velocità. In un'altra ciotola ho montato la panna (fredda!) ben ferma e l'ho aggiunta all'altro composto. Ho amalgamato e versato il tutto in una tazzina da caffé e messo in frigo per almeno 3 ore. Ho guarnito con una sctriscia di cacao amaro e con un chicco di caffé ricoperto di cioccolato.
Ho servito in una classico vassoio da colazione, adagiando le raviole su un tovagliolo ed accostando la tazzina "di caffé". Il piatto si mangia col cucchiaino, prendendo una raviola alla volta ed intingendola leggermente nella spuma al caffé.



Insomma più che le raviole del plin, ho realizzato le raviole dle "drin". In alternativa, le raviole "col cappuccio".

Fabio


85 commenti:

  1. Assolutamente squisiti!
    Bravissima, la mia mamma a volte li frigge i ravioli e li seve come antipasto, li adoro, poi fatti in casa, saranno davvero superbi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed uno tira l'altro! Un'assoluta bontà e anche gli avanzi di pasta fritti sono ottimi!

      Fabio

      Elimina
  2. wow..famissima! idea genialissima e presentazione semplice ed elegante insieme...ma si potevano fare fritti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ciò che non è vietato, è consentito, quindi direi di si :-)

      Fabio

      Elimina
  3. So già chi vincerà a questo giro! No words!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non sono io :-D Solo San Gennaro oggi mi potrebbe aiutare :-D
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  4. a friggerli non ci ho pensato e non mi sarebbe mai venuto in mente!
    Complimenti! davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiola, ci ho pensato tanto alla ricetta, poi pian piano mi è venuta questa idea, un po' eretica, ma la mia idea :-)

      Fabio

      Elimina
  5. Risposte
    1. ahah in effeti, ora che ci penso, avrei potuto anche chiamarle "raviole col cappuccio" :-)

      Fabio

      Elimina
  6. L'idea di friggerli è geniale... in realtà quello è molto piemontese, li ho visti diverse volte, sia come antipasto,o anche ad impreziosire una vellutata (come fossero dei crostini).

    Bellissima idea, bellissima realizzazione, originalissimi (ho finito i superlativi, giuro)... ma non li mangerei a colazione, ecco! :D

    PS. come ti capisco, sulle dinamiche mattutine ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io che credevo di essere stato originale! Di certo non potevo essere stato il primo apensare di friggere della pasta :-)
      Dovremmo fondare il club dei sonnambuli mattutini.
      Grazie mille!

      Fabio

      Elimina
  7. Stupende, anzi direi uniche!! Idea veramente geniale la tua sia per la cottura che per il condimento, che per il modo in cui le hai servite!!!
    Ho mangiato spesso ravioli fritti, ma così assolutamente mai :-))

    RispondiElimina
  8. Ma grazie! Detto da te mi fa ancora più piacere :-)
    Ok, ti devo una cena :-D
    "A presto" :-p

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahahahahah maddai!!! Non fare il modesto! ;P
      E' il caso di dire: Ci vediamo presto!!!!!!!

      Elimina
  9. troppo forte!! in un primo momento pensavo fossero dei dolcetti a forma di raviole del plin! poi leggendo la ricetta, effettivamente ci avevo visto giusto, erano fritti ma dentro c'è roba salata :-) bello l'accostamento col caffè, mi piace molto
    complimenti
    Cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cris! Ho un po' giocato con questo piatto, mi sono divertito molto!

      Fabio

      Elimina
  10. Aspetta un po', sicuramente le avrai pensate tu, ma le mani mi sembrano di Anna Luisa...
    ... Lo dico, solo perché stento a darti del GENIO!
    Non è che deve vincere un altro maschietto????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah si, sono le sue, perché è allergica alla macchina fotografica e quindi ho preferito fare io le foto a lei mentre impastava. Però poi ci sono anche le mie (l'hpo preteso!) mentre confeziono le raviole :-)
      Ora puoi anche darmi del genio :-D

      Fabio

      Elimina
  11. Capisco il rapporto con la sveglia: quando la metto è automatico che il mio corpo mi faccia svegliare 20-30 minuti prima.
    Comunque io sono piemontese e non bandirei questi ravioli al plin! A parte che non è semplicissima la chiusura con il pizzicotto, ma il risultato è davvero invitante. La croccantezza salta subito agli occhi!

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie! Sono contento di questa approvazione. A me sono piaciute tanto!

      Fabio

      Elimina
  12. Quasi una full English breakfast! Ottimo l'abbinamento dolce del caffè del mattino con il croccante raviolino ripieno. Appena fritti devono essere come le ciliegie, una tira l'altra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, volevo provarli ed ho iniziato a mangiarne una dietro l'altra. Poi mi sono fermato per ovvi motivi.

      Fabio

      Elimina
  13. Le raviole del drin sono geniali...
    Non dico altro ragazzi. Il passo-passo è da stampare e appiccicare sul frigo :-)
    un bacione
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ci piace fare la pasta fresca, abbiamo anche seguito il corso della Spisni e abbiamo l'attestato di sfoglini :-)

      Fabio

      Elimina
  14. Troppi uomini stanno prendendo il sopravvento qui all'MTC...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho sempre partecipato, sono gli altri che si sono intrufolati ed hanno anche vinto :-D

      Fabio

      Elimina
  15. Bellissimi!!!!!
    Io mi sono limitata a friggere gli scarti della mia pasta!
    Qui da noi c'è un pastificio che durante le manifestazioni estive propone i ravioli di borragine fritti, e sono deliziosi!
    Figuriamoci questi....... da bave!!!
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente ho fritto anche i ritagli, come si poteva resistere?
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  16. ma che ganza questa ricetta... non capivo se erano dolci o salati...
    sei stata bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! In realtà è una ricetta salata, anche se capisco che può non sembrare a prima vista.

      Grazie.

      Elimina
  17. Anch'io avevo pensato ad una versione dolce poi ho letto coniglio....Fritti devono essere buonissimi, è il cappuccino che mi inquieta. Secondo me avete passato troppo tempo in Scozia ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah ma sicuramente avrà avuto la sua influenza :-)
      Ti assicuro che ci sta benissimo. E non è un cappuccino, bensì una spuma al caffé ;-)

      Fabio

      Elimina
  18. No vabbé, è proprio il caso di dirlo: tu te le sogni la notte!!! :))
    certo che una colazione così non mi dipiacerebbe affatto.
    ciao Genio!
    p.s. le raviole del drin è fantastico, non ti smentisci mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'inizio mi sono chiesto chi fossi, poi ho realizzato! :-D
      Ci vediamo a colazione!
      Grazie :-)

      Fabio

      Elimina
  19. Pazzesco l'abbinamento con il cappuccino, lo riconosco, ma ideale per una che fa colazione con tramezzini ai sottaceti e cappuccino rigorosamente con una spolverata di cacao...ah, già! Il fritto? Ve lo perdono, ma proprio perchè immagino già la delizia! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è un cappuccino, è una spuma al caffé :-D
      Ah, be'! Ti tratti bene a colazione :-D
      Dai, non friggiamo praticamente mai, mi sono concesso una eccezione, perdonamela :-)

      Fabio

      Elimina
  20. Uhm.. ho l'impressione che questi siano "uno tira l'altro"!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  21. ricetta superlativa così come le foto, mi viene voglia di assaggiarle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio :-)Cerco sempre di dare quel qualcosina in più per l'MTC.

      Fabio



      Elimina
  22. Anche io sono una patita della colazione e se non faccio tardi la sera mi sveglio sempre prima della sveglia proprio richiamata dal "momento magico della giornata"! tornando alla Scozia, pensa che io e la mia amica facemmo la classifica dei vari bed&breakfast visitati proprio tenendo conto del tipo di colazione che ci avevano serivito. Io però sono tutta per il dolce!
    Chiusa parentesi, ti dico che mi ha sempre incuriosito l'uso del cacao nelle preparazioni salate, ma non ho abbastanza coraggio, nè talento per farne buon uso. Tu invece ce l'hai, perchè nel leggere la ricetta, ho proprio pensato che con la carne di coniglio in effetti è un'abbinamento perfetto, e sei riuscito a farmi immaginare i sapori e quasi a sentirli in bocca. Bravissimo! ora aspetto la versione di Annalù! un bacione a tutti e due!

    RispondiElimina
  23. Dimenticavo, sempre per stare in tema di creatività, di chi ce l'ha e di chi no, le raviole del plin fritte chiariscono bene tu a che gruppo appartieni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dirti? Mi fai arrossire, davvero. Il cacao sarà la mi aparte golosa che ha il sopravvento :-D
      Un po' la classifica l'abbiamo fatta anche noi. Una mattina abbiamo mangiato un haggis decisamente superiore agli altri, vincitore anche di premi, e si sentiva bene!
      Grazie, di cuore.

      Fabio

      Elimina
  24. ma questa ricetta è incredibile!!! ma da dove ve la siete cavata fuori?!?!
    che scema, dal cappello del cappellaio matto, ovviamente!
    mentre la leggevo non capivo nemmeno dove andavi a parare, ho dovuto leggerla due volte per capire la cosa della spuma di caffè.
    qui si è oltre, ma davvero oltre.
    bravissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! In effetti il coniglio l'ho cacciato proprio da quel cilindro! :-D

      Fabio

      Elimina
  25. Di questo post mi piacciono tanto le foto passo passo.. davvero utili! Dovrei mettermici anche io ma sto mese non so se ce la faccio.. si vedrà..
    Smuack:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, provaci! impastare è rilassante e po' c'è tanta soddisfazione nel mangiare la pasta fresca fatta in casa. E ti assicuro che con le indicazioni di Elisa non è così difficile!

      Fabio

      Elimina
  26. ok. Non è suonata la sveglia e sto ancora sognando :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, continua a dormire che questi dreamplin sono pericolosi :-D

      Fabio

      Elimina
  27. Mai sentiti e mai provati ma sembrano buonissimi :)

    Anche io adoro fare colazione, però mi limito ad un pò di caffellatte davanti al pc se sono a casa, altrimenti caffè davanti alla macchinetta dell'ufficio :/ è bella anche l'idea di preparare tutto la sera prima (adoro quel vassoio!) ma io ho due gatti e rischierei di non trovare nulla sul tavolo -.- uff

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La versione originale è quella postata da Elisa, i miei sono una personalissima interpretazione che prende solo ispirazione con un tocco personale.
      Eheh immagino, con i gatti non deve essere semplice! :-D
      miao

      Fabio

      Elimina
  28. Risposte
    1. Cose normali per me :-D Scherzo!
      Grazie :-)

      Elimina
  29. A casa mia non friggo mai, ma a casa vostra questi raviolini li proverei eccome. Grande idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà anche noi friggiamo poco, ma stavolta ci siamo concessi un'eccezione e direi che ne valeva la pena.

      Fabio

      Elimina
  30. io la sveglia la punto ma solo per pracauzione...mi sveglio sempre prima io¨!!!! complimenti per la tua versione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sento meno solo dopo questo post! Grazie mille.

      Fabio

      Elimina
  31. Caspita se leggevo questa ricetta prima di vedervi, ieri, altro che bandirti dal Piemonte, non ti salutavo nemmeno!! Come hai osato?? Ahahahah! :P
    Senti, scherzi a parte, trovo che l'idea sia una genialata e non soltanto per la frittura e per la crema di caffè che accompagna il piatto, ma anche per gli accostamenti di sapori che sono davvero perfetti: mi immagino il gusto del caffè con il coniglio ed ora voglio provarlo. Il fritto è un gioco divertente da fare con il piatto ma anche un tocco di sapore in più e un contrasto di consistenze che mi conquista.
    Complimenti e grazie!!
    p.s. anche mio marito ha il tuo stesso tipo di rapporto con la sveglia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiossimo di sapere il tuo giudizio, prova e mi dirai! :-)
      Allora anche tuo marito è nel club.
      Felice di avere fatto l'incursione prima che vedessi la ricetta :-D

      Fabio

      Elimina
  32. caspita mi piace questa interpretazione! Ti faccio i miei più sentiti complimenti!

    RispondiElimina
  33. eh ben ben ma son fantastici!
    tu sei geniale fanciullo.
    sorbole mi son appena ricordata che anche tu avevi fatto il corso della spisni!
    sto meditando di farlo anch'io sai?
    buona serata. bacia annalu per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona.
      Noi a quel corso ci siamo divertiti ed abbiamo imparato tante cose, ne vale la pena!

      Fabio

      Elimina
  34. Avevo lasciato un mess.. ma non l'ha preso... ci riprovo! dicevo.... ho visto raviole in giro sul web tutta la settimana... ma l'idea di friggerle è da 10 e lode! davvero complimenti:***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che ne hai trovate tante in giro, mi fa ancora più piacere che le mie ti siano piaciute.
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  35. wow che meraviglia! non mi stancherei mai di mangiarli! grazie per averlo condiviso :) ciao e buona giornata, Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti una tira l'altra!
      Grazie mille.

      Fabio

      Elimina
  36. Vabbè dai...ma qui stiamo su un altro pianeta! E non dico altro... che mi mancano pure le parole per commentare questa meraviglia. Veramente, mi piace tutto, dall'inizio alla fine, l'idea, la relaizzazione, gli accostamenti di sapori e consistenze, la foto. Basta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh è che anche tu sei troppo buona!
      Grazie

      Fabio

      Elimina
  37. senza parole....ci vuole proprio una colazione cosi per rinforzarmi la giornata!

    Complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah forse per colazione sono leggermente pesanti, ma bisogna provare.
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  38. avevo adocchiato la foto su Facebook (benedetti social..) e avevo intuito di cosa si trattasse [ci ho l' occhio lungo per le cose buone io.... (e secondo mia madre pure per quelle costose, ma ne parliamo un' altra volta, via..) ]
    ora, io ho vissuto 4 anni tra Torino e la Val d' Aosta, di plin ne ho mangiati, eccome.. e me li ricordo bene, ne andavo ghiotta!
    ma mai e dico mai fritti come i vostri! e da quello che leggo e da quello che vedo credo che potrei mangiarne a tonnellate!! mi vedo già col cartoccino di carta paglia nel tragitto casa-lavoro a smangiucchiare quei plin.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io infatti ho fatto quelli terroni :-) e mi piace vederli come un piatto da passeggio. Non c'è niente da fare, leggevo in altri posti :-))) abbiamo proprio gusti molto simili.

      Fabio

      Elimina
  39. Una colazione decisamente alternativa e molto interessante come equilibrio di sapori! Peccato non essere così brava! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A colazione sarebbero decisamente alternative :-) Ma mi piaceva l'idea di associare il sapore del caffé a quello della carne di coniglio.
      Grazie!

      Elimina
  40. Non posso che associarmi a tutti i complimenti che ti sono già arrivati prima, non ho da aggiungere nulla di nuovo se non che sto sbavando, li mangeri subito, non è detto che non li rifaccia presto. Ho il compleanno del mio bimbo da organizzare e mentre i bimbi si lanciano sui soliti dolcetti colorati, questi sarebbero fantastici per l'aperitivo con i genitori, ma credo che mio figlio preferirebbe questi!!
    Inoltre mi hai fatto ricordare mia nonna che quando faceva i ravioli (liguri, di magro, però) "per sbaglio" ne faceva qualcuno troppo grande così era "costretta" a friggerlo o a cuocerlo direttamente sulla stufa a legna...la merenda di una volta!! Ciao, Manu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Splendido questo ricordo della nonna. Non posso che ringraziare anche te, siete stati uno più carino dell'altro. Sono contentissimo che la mia idea sia piaciuta.

      Fabio

      Elimina
  41. Ho sempre paura a passare da voi perché siete degli esseri di un altro mondonon soltanto in cucina ma anche sul set fotografico!
    C'e sempre del geniale nei vostri post, e più penso che ho già visto tutto più mi sorprendete!
    Fabio, so cosa portarti la prossima volta, una sveglia micidiale, così non ti vengono più idee del genere!!

    lo faccio per tutti noi, un altro maschio al potere no, bastaaaaaa!


    besazos!

    RispondiElimina
  42. dopo aver letto il tuo post e ridacchiando come una bischera, dubito che smetterò presto di pensare al Bianconiglio 'mbriaco :D

    fantastica idea Fabio, davvero!!! anche se, per i miei gusti e il mio palato, l'accostamento del caffè al coniglio è davvero coraggiosa :)
    però..una porzioncina, l'assaggerei molto molto volentieri! :D

    per la sveglia..ti capisco..io sono come te e il mio lui, è come la tua dolce metà :)

    a me viene un palletico ad aspettare che si svegli che, di tanto in tanto, lo tocco sulle guance per svegliarlo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah dovrò adottare la tua tecnica, mi sa che funziona.
      Ti assicuro che sembra azzardato come accostamento, ma ci sta benissimo.
      Grazie.

      Fabio

      Elimina
  43. Già il solo fatto che vi siate svegliati all'alba per prepararli merita un riconoscimento...non tanto a te, quanto alla povera donna al tuo fianco dotata di una normale fase REM! Spero proprio che ve li siate goduti. Sulla spuma di caffè, come si dice a Roma: devo da provà!! Un abbraccio cri

    RispondiElimina
  44. Copiando s'impara!! Grazie per l'idea cri
    http://beufalamode.blogspot.it/2013/10/le-raviole-del-plin-se-ne-vanno-trovare.html

    RispondiElimina