martedì 28 maggio 2013

Torta salata con le fave...aspettando la Primavera



Mi ero ripromessa di introdurre il piatto di oggi annunciando l'arrivo della Primavera, i fiori che sbocciavano, gli uccellini che cinguettavano, le scampagnate domenicali al mare, la temperatura mite, ma...qui si gela e piove!!!
Le temperature sono crollate in tutta Italia, il riscaldamento che, ancora impostato a 21°C si riaccende, un cambio di stagione che non ho proprio voglia di fare...in realtà non c'è mai la voglia di farlo, ma così è ancora peggio!!!
Ogni anno la stessa storia, con Fabio che è "contentissimo" di scendermi gli scatolini dall'armadio, che assiste inorridito al macello di panni spersi ovunque, mentre si chiede se per la sera riavrà un letto dove dormire, tra prove, dubbi e scelte decisamente difficili (quando poi sarebbe normale liberarsi di cose in cui ci si ripromette di entrarci l'anno successivo o che ormai sono fuori moda anche per la nonna). E poi si sa che i cambi di stagione e gli sbalzi di temperatura fanno restringere gonne e pantaloni (non osate negarmi ciò!). E' una tecnica da sempre usata dai venditori di vestiti per incrementare la loro attività.
Anche se sarei tentata proporvi una bella zuppa,  mi presento invece con una più primaverile quiche di piselli e fave.
Ed allora, lo sapete cosa vi dico? Che seppure in ritardo, la Primavera arriverà, non disperate e nel frattempo godetevi questa quiche...magari ancora calda, giusto per sentire un po' di tepore...brrrrrr!
 

Torta salata con le fave (da "La tavola delle feste")

Ingredienti:
Per la pasta:
300 g di farina
150 g di burro
1 limone
60 ml di acqua gassata
5 g di sale

Per la royale:
300 g di fave
200 g di piselli
100 g di prosciutto cotto
4 uova
100 g di taleggio
100 ml di latte
100 g di ricotta
1 scalogno
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Per la pasta: sul ripiano di lavoro disponete la farina a fontana, unite il burro, òa buccia grattugiata del limone e il sale sciolto in un cucchiaio di acqua calda.
Mescolate velocemente gli ingredienti, bagnate con l'acqua necessaria e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo, coprite con pellicola e mettete in figo per 30 minuti.
Per la royale: lessate i piselli in acqua bollente con un filo d'olio per 5 minuti.
Nella stessa acqua sbollentete le fave e pelatele.
In una cassruola rosolate lo scalogno con due cucchiai d'olio, unite il prosciutto cotto tagliato a dadini, i piselli e le fave, sfumate con il succo del limone e cuocete per 6 minuti.
In una terrina amalgamate la ricotta con il taleggio a pezzetti, il latte, le uova, le fave, i piselli, il prosciutto cotto, salate e pepate.
Stendete la pasta in una sfoglia sottile, foderate una tortiera rettangolare leggermente nta, bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e versate la royale. Passate in forno caldo a 180°C e cuocete per 35-40 minuti.
Note mie: quando preparo le torte rustiche la cui ricetta prevede l'utilizzo di un ripieno "umido" come può essere la royale, prima di versarla nel guscio di pasta, creo uno strato di protezione con del pane grattugiato, che aiuterà la pasta a non bagnarsi troppo ed a cuocersi uniformemente.


Confidate gente, confidate...tra un mese saremo in estate! O almeno così dovrebbe essere!

Anna Luisa

11 commenti:

  1. Annalù adoro le torte salate e questa la proverò sicuramente, mi piace anche l'idea di mettere la zeste di limone nella brisèe per renderla più profumata. E' vero la primavera non vuole arrivare, la mia paura è quella di ritrovarci direttamente con un' estate torrida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrica! Anche io sono rimasta affascinata dal limone nell'impasto (e ci stava veramente bene :-P)
      Speriamo che non arrivi l'estate all'improvviso e come dici tu torrida (anche io ho questo timore :-( )
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  2. Bella questa!Sai sempre come come prenderci per la gola,brava.Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lieta di riuscirti a prendere per la gola ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. Ecco appunto: aspettiamo la primavera! Certo che con questo genete di torte salate l'attesa è decisamente meno grigia :-)
    un abbraccio e complimenti
    simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, per fortuna ci sono dei piatti che sollevano l'umore ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  4. Che delizia questa torta salata!dai questa si può gustare anche in autunno!ahahh.. tanto tra un pò mi sa che ci tocca fare l'albero di Natale!forse ci siamo dimenticati dell'estate e stiamo scartando quei mesi per attaccarci all'autunno? Io odio il freddooooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelica, come ti capisco!!!
      Anche a me è venuto il dubbio di essere in autunno...arrivasse almeno il Natale ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  5. brrrr, davvero!!!
    io me la gusto bollente e croccantissima!!!!grazie per il raggio di sole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Elena, sei gentilissima!!! ^_^
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina