martedì 6 novembre 2012

Torino e Salone del gusto-Primo giorno



Salone del gusto a Torino, ovvero un sogno che avevo già da un bel po' di anni. Vedevo in tv tutti questi stands ricolmi di ghiottonerie, prodotti d'eccellenza e rarità e avevo una voglia matta di andarci personalmente. Finalmente quest'anno si è creata l'occasione per coronare questo piccolo sogno.
Io e Anna Luisa infatti siamo Gente del fud, vale a dire blogger che partecipano al progetto della Garofalo di creare un sito in cui i food blogger redigono schede di prodotti, segnalano i produttori che sono geolocalizzabili e preparano ricette con quegli ingredienti. In più ci sono anche degli itinerari consigliati dagli stessi blogger. Insomma, il massimo per chi è appassionato di cibo.
Quest'anno Gente del fud è sbarcata, ma potrei dire ha invaso il Salone del gusto e lo ha decisamente caratterizzato e reso speciale.
Dopo trepidante attesa, arriva finalmente il giorno della partenza, siamo infatti suddivisi per giorni, con ruoli specifici, secondo un calendario fittissimo di appuntamenti, sia allo stand della Garofalo che presso quelli regionali di Slow food. E così mi alzo molto prima dell'alba e comodamente in treno raggiungo Torino. L'hotel presso il quale ho soggiornato in questi 3 giorno è il Roma e Rocca Cavour, proprio all'uscita della stazione di Porta nuova. La camera era molto spaziosa, dotata di tutti i comforts e di un bel bagno. La colazione varia ed abbondante, i receptionist sempre gentili e pronti a soddisfare ogni richiesta. All'arrivo, nel primo pomeriggio, mi consegnano una valigetta tutta griffata "Gente del fud" contenente il pass per il Salone, un pacco di pasta senza glutine, linea appena lanciata dallo storico pastificio, ed uno in versione mignon da attaccare al frigo, un macinino e due splendide magliette personalizzate con nome personale e quello del blog firmate Gianluca Biscalchin che faranno furore in giro per il Salone.
Visto che per oggi le previsioni meteo sono buone, sfruttando anche la splendida posizione dell'hotel dal quale in pochissimi minuti a piedi si arriva in centro, ne approfitto per fare un giretto in città. Attraverso il giardino di Sambuy in Piazza Carlo Felice e proseguo per via Roma, verso Piazza San Carlo, elegante salotto della città. Da qui raggiungo in pochi minuti Piazza Castello, altra splendida piazza cittadina col castello, ovviamente e Palazzo Madama. Percorro quindi via Po fino all'altezza della Mole Antonelliana, simbolo cittadino. La giornata non è delle migliori, ma decido di salire ugalmente in cima. L'ascesa al centro dell'edificio è molto bella. Si va verso la cupola ammirando le luci colorate dell'esposizione che si sviluppa lungo il perimetro della struttura. Da qui si esce all'esterno per ammirare il panorama a 360°. Nelle immediate vicinanze c'è anche il museo del cinema. Purtroppo non riesco a vederli perché ho appuntamento con Rosalba, la mia compagna di stand per l'indomani. Dopo un salto veloce a Piazza Vittorio Veneto, faccio ritorno a Piazza San Carlo per ripercorrere sostanzialmente il giro con lei.































Tornati a Porta nuova (dopo aver lasciato i primi gianduiotti in hotel...), prendiamo la comodissima metro automatica che in pochi minuti ci porta alla fermata del Lingotto, sede del Salone del gusto. Col nostro pass entriamo direttamente senza fare la fila e per prima cosa andiamo allo stand della Garofalo a salutare. Qui troviamo subito il grande Emidio, mente del progetto e tutti i suoi eccellenti collaboratori, Flavia, Piero, Giorgio e tutti gli altri.
Subito mi immergo nell'atmosfera del salone, iniziando dal padiglione 1, quello riservato alle Regioni del nord. Ovviamente non mancano assaggi di formaggi, salumi e vini e non posso non comprare qualcosa, ovviamente solo per portarlo a provare ad Anna Luisa che, ahimé, non è potuta venire a causa di impegni di lavoro. Come tutti gli appassionati di cibo, mi sento nel Paese dei balocchi. Ogni tanto ovviamente si fa ritorno allo stand "madre" per assistere agli show cooking, per riabbracciare vecchi amici e per conoscerne tanti mai visti, conosciuti solo via web, ma che si muore dalla voglia di conoscere personalmente. Inoltre in giro vediamo i preparativi per i vari stand regionali di Slow food.
































La giornata prosegue al Padiglione 2, dedicato agli sponsor, agli stand istituzionali e alle Regioni del centro. Anche qui non mancano assaggi di prodotti eccezionali e ovviamente acquisto di "ricordini" da portare a casa. Visto che la sveglia era suonata poco dopo le 5, la stanchezza, vinta dall'adrenalina, inizia a farsi sentire e decido di tornare in hotel a riposare. L'indomani infatti mi attende una lunga ed intensa giornata che si concluderà con la degustazione presentata da me e Rosalba presso lo stand Slow food della Campania.







































Fabio

16 commenti:

  1. ragazzi, magnifiche immagini che trasmettono il vostro entusiasmo e l'attesa e quanto abbiate davvero apprezzato quest'esperienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata un'esperienza intensa che ci porteremo sempre dentro. Sono quelle esperienze forti sotto il lato umano, oltre quello che appaga inostri sensi, che danno tantissimo.
      E' stato belo essere lì con gli altri.
      Fabio

      Elimina
  2. Peccato non esserci stata...le tue foto sono bellissime come sempre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, peccato, perché è proprio bello.
      Dai che tra poco ci si conosce comunque.
      Fabio

      Elimina
  3. Che occhio!
    Colori e profumi, prospettive insolite (i tappi della birra nel sacco, bellissimi), momenti irripetibili (uomo inginocchiato nello stand) e prospettive della città che lasciano una panoramica personale ed unica. Ci sono molti linguaggi che non mi appartengono e quello dell'immagine è uno di quelli, provo sempre ad immaginare come deve essere bello saper cogliere l'istante e farlo proprio come nessun altro saprebbe fare, nemmeno i soggetti stessi. Aspettavo il tuo post, perchè è sempre un momento che arricchisce capire quali sono gli angoli con i quali i tuoi amici vivono un stesso evento.
    Il grazie ovviamente va anche per il tuo essere un amico....che ha fatto "filone" a scuola e che si incontra in giro per la città...con il sorriso divertito e furbo che solo i ragazzi trasparenti sanno avere :) ehehehehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le foto cerco sempre di fissare i momenti cercando di far vedere con i miei occhi quello che ho vissuto, sono contento che spesso ci riesco.
      Come vedi, da buon amico, ho sorvolato su alcuni particolari di quella prima giornata eheheh
      Un abbraccio a te e la paziente Miss D
      Fabio

      Elimina
  4. Guardando le tue foto ho sempre come l'impressione di non aver visto quello che hai visto tu... Eppure mi risultano così familiari! Inutile, sei grande!
    Peccato solo che Anna Luisa non ci fosse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà perché eri in ritardo! :-D
      Ho cercato di vivermi completamente ed intensamente questa esperienza.
      Peccato solo che non ci fosse Annalù!
      Fabio

      Elimina
  5. non mi stancherò mai di guardare le tue foto! sei proprio bravo!
    è stato un piacere conoscerti!
    alla prossima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Milena, è stato un piacere ancfhe per me.
      Fabio

      Elimina
  6. che foto!! meravigliose davvero, ma dov'è la novità? qui le belle foto sono di casa :-) bravi ragazzi, ciauu :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di cuore. Cerco sempre di impegnarmi. Spero di far vivere agli altri quello che ho vissuto io.
      Fabio

      Elimina
  7. tu si che sai come si fa un vero reportage!!! Magia allo stato puro! Mi è parso di essere di nuovo là!...per questo ovviamente grazie!
    Nel prossimo post spero mi offrirai caffè macchiato con VERA schiumina e mini brioche vero? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci stiamo attrezzando per il 4D. Intanto per caffé, cappuccini e schiumetta siamo già pronti :-)
      E' stato un piacere conoscerti.
      Fabio

      Elimina
  8. bellissimo reportage, complimenti, avrei dovuto esserci pure io ma per altri impegni non sono potuta venire, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato! E' stata una bellissima esperienza. Speriamo nella prossima volta.
      Grazie.
      Fabio

      Elimina