lunedì 10 settembre 2012

Copenhagen-Primo giorno



Eccezione alla regola. Le nostre vacanze di quest'anno son state così. Di solito iniziamo a pensare (ehm, a volte anche a prenotare...) ad un viaggetto con largo, larghissimo anticipo e ci troviamo a studiare i posti da vedere l'estate successiva già mentre si scarta un panettone o giù di lì per ritrovarci a definire l'itinerario nei dettagli in primavera dopo aver studiato tutto per benino. Quest'anno è andata diversamente, perché fino alla fine non sapevamo se avremmo avuto qualche giorno di libertà da dedicare a noi e quando ci avevamo ormai quesi rinunciato, abbiamo fatto una ricerchina veloce giusto per vedere se si riusciva ancora a trovare un volo ad un prezzo umano per l'unica destinazione a cui, tra le mille cose, avevamo pensato: la Danimarca. A spingerci verso questa meta è stata soprattutto una manifestazione culinaria che si è svolta nella capitale danese, il Cooking Copenhagen dedicato alla cucina dei Paesi del Nord. Diteci se non era un buon motivo!






 Stranamente i prezzi sono ancora abbordabili, d'altra parte il periodo è verso la fine d'Agosto ed evidentemente la richiesta inizia a calare, anche perché da quelle parti l'autunno già combatte per subentrare all'estate che a tratti regala squarci di bel tempo accompagnato da una temperatura ben più gradevole (almeno per i miei gusti) dei 38° C cittadini...









Una volta prenotato il volo scatta la corsa all'acquisto della guida, quella cercata non c'è perché sta per uscire la nuova versione. "Questa su Copenhagen non l'ho mai sentita, ci sarà da fidarsi?" "Quest'altra include sia la Danimarca che Copenhagen, ma forse la tratterà in modo meno esaustivo? E se poi ci perdiamo qualcosa? Ok, prendiamole entrambe. Ah, anche la cartinaaaaaaaaaaaa!!!" Si, perché nonostante il Tom Tom o Google maps, mi piace sia pianificare l'itinerario cartina alla mano, sia consultarla durante il viaggio, perché quell'utilissimo aggeggio che è il navigatore satellitare ti porta dove vuoi tu, ma in cambio ti fa fare la strada che vuole lui! E questo non sempre mi piace e allora ti tradisco con la sempre affidabile cartina. Se poi ci mettiamo anche che spesso nella piccola Danimarca si trovano più città con lo stesso nome...ma questa è un'altra storia che vi racconterò quando prenderemo l'auto per gironzolare un po'.




Di solito preparo l'itineario ed in base a quello prenotiamo il volo, stavolta l'itinerario dovrà adattarsi ai giorni a disposizione. Alla fine riusciamo a trovare la quadratura del cerchio e così, dopo la bella parentesi pugliese, neanche il tempo di infilare il maglioncino (ebbene si...) in valigia e si parte!
Lasciamo l'auto a Fiumicino nel parcheggio lunga sosta rivelatosi più economico dei vari parcheggi con navetta che ci sono nei pressi dell'aeroporto, speriamo solo di ritrovarla al ritorno, c'è un mare di macchine, alla faccia della crisi. Alla fine abbiamo deciso di viaggiare con la Norwegian che effettua il volo diretto, è una compagnia moderna, entro fine anno tutti i suoi aerei avranno il wi fi gratis a bordo, una figata, ci siamo già capiti. Inoltre prendiamo per la prima volta il Boeing 737 di nuova generazione (altra figata). Sembra di andare in Norvegia, invece si va in Danimarca. Poco più di 2 ore di volo e l'esuberante comandante ci comunica che stiamo per atterrare. Vediamo sfilare l'aeroporto sulla nostra sinistra e sotto di noi il bellissimo ponte che collega Copenhagen e quindi la Danimarca a Malmö in Svezia. Mentre torniamo indietro per allinearci alla pista, ammiriamo dall'alto le tante pale eoliche site in mare prima del nostro touch down.
Più che in un aeroporto, sembra di essere arrivati in un grosso mercato. La zona arrivi e partenze è infatti promiscua e i numerosi negozi espongono la loro mercanzia anche all'esterno dei locali. Sappiamo già come ammazzare l'attesa al ritorno...
Dopo un veloce passaggio dalla mezza manica alla manica lunga e dopo aver alzato bandiera bianca di fronte l'unica macchinetta che stampa i biglietti del treno per il centro, non avendo capito bene come funziona, ci rechiamo alla biglietteria umana, (quasi) sempre più chiara.





Saliamo a bordo del primo treno della metro completamente automatica e scendiamo alla fermata Kongens Nytorv. L'hotel che abbiamo scelto (che fatica anche qui trovare prezzi ragionevoli, la media è molto alta) è il Phoenix Copenhagen, in stile classico, camera molto piccola, ma dotata di tutti i conforts. Le recensioni sono buone, come la posizione, ad un niente da quello che considero l'angolo più suggestivo di Copenhagen, il salottino bello, la foto da cartolina, il canale di Nyhavn. Essendo arrivati in tardo pomeriggio, decidiamo solo di fare un giro orientativo, di fatto per oggi non abbiamo fatto programmi e siamo liberi. Veniamo però tentati dal fare una delle crociere lungo i canali che partono proprio da qui. Decidiamo di fare quella al tramonto per goderci la vista dall'acqua che è sempre un punto di vista particolare. Facciamo i biglietti per la crociera normale che ci permette poi di salire a bordo di qualunque crociera, non è infatti fissato l'orario. Alle 19, orario da noi scelto per permetterci di fare il giretto dopo aver scattato qualche foto, ci sarebbe anche la crociera con l'orchestrina jazz a bordo che ci sembra di capire costi un po' di più. Non sappiamo se abbiamo capito male, se non l'ha prenotata nessuno, fatto sta che ci troviamo l'orchestrina a bordo ed il folto gruppo di turisti (immaginiamo danesi ma non ci mettiamo la mano sul fuoco) ci lascia anche i posti in fondo a tutto con la visuale libera ed io sono contento. Copenhagen ha tantissimi canali , le imbarcazioni sono basse, i ponti anche, a volte quasi troppo. Partiamo ed io non resisto a fotografare il passaggio sotto il primo ponte, in piedi. Ovviamente lo sto fotografando e lo vedo, ma i premurosi amici danesi, cioè quasi tutta l'imbarcazione, si preoccupa per me e mi invitano a sedere. Insomma già mi hanno riconosciuto. E ancora non sono iniziati i brindisi a bordo. Vino e birra infatti abbondano. Scorgiamo tutte le principali attrattive, il Diamante nero, il teatro dell'Opera divenuto simbolo cittadino, c'è anche un festival dedicato ai castelli di sabbia.














 La crociera scorre piacevole lungo i canali accompagnati dai passanti che non lesinano nei brindisi con gli occupanti dell'imbarcazione; ascoltano con piacere la musica  anche gli occupanti delle abitazioni che ci salutano costantemente ede amichevolmente. Già ci piacciono questi danesi. Non mancano le soste sotto i ponti più alti che vengono utilizzati come cassa di risonanza. E mentre il tramonto inizia ad infuocare, con me che fremo di scendere dall'imbarcazione per fare qualche foto, pian piano prendiamo la via del ritorno.






 Ovviamente devo attendere con pazienza che tutto l'ospiz...ehm, che tutti gli imbarcati scendano. E mi fiondo a fare qualche scatto prima di andare a cena in uno dei localini che affollano il canale. Turistici perché molto frequentati dai turisti, ma non aspettatevi mediamente né servio né prezzi turistici, si mangia abbastanza bene ed il conto (solo quello) è salato, come sempre ci è capitato in Danimarca. Ormai è notte piena, le previsioni meteo non promettono niente di buono per l'indomani e ne approfitto per immortalare anche la versione notturna del canale ed un'artista di strada che lavora con corde infuocate che mi dà modo di fare qualche altro scatto prima di tornare in hotel.  Ci aspetta infatti la prima giornata piena a Copenhagen!









 Fabio

Trovate tutto il diario di viaggio nella pagina dei DIARI DI VIAGGIO

© Copyright: tutte le foto sono di proprietà di Fabio D'Amore, ne sono vietati l'uso e la riproduzione senza autorizzazione.

20 commenti:

  1. Non vedo l'ora di leggere le prossime puntate!
    Buona settimana
    Chiara - ilcastellodizucchero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, grazie per la visita.
      A prestissimo il seguito!
      Buona settimana anche a te!
      Fabio

      Elimina
  2. Un racconto splendido e preciso...per qualche giorno a Copenhagen sarei disposta a infilare i doposci! Ci sono stata qualche anni fa, quando ancora la mia passione per il food non era così "maniacale" e ho dei ricordi meraviglisi...Aspetto le prossime puntate!
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi piacerebbe rivederla d'inverno, semmai durante il periodo dei mercatini di Natale. Anche a noi è rimasto proprio un bel ricordo.
      Fabio

      Elimina
  3. Ah, che belle foto e che bel racconto! Sono ritornata per qualche minuto in questo luogo tanto amato!
    Aspetto con ansia di leggere i prossimi post ;)

    Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu che hai condiviso praticamente in contemporanea queste giornate, capisci ancora di più quanto scritto. A breve il seguito, appena torna dall'assistenza il pc con le foto dentro...
      Fabio

      Elimina
  4. Che meraviglia Copenagen !!! Quanti ricordi ...
    Ciao ragazzi un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  5. Davvero una capitale incantevole e tutta da scoprire oltre che a misura d'uomo. Da non perdere.
    Un caro saluto a voi!
    Fabio

    RispondiElimina
  6. Splendida Copenhagen, una delle citta' piu' belle che abbia mai visitato...ottimo cibo, anche! Complimenti per le foto: sono fantastiche...ma che ve lo dico a fare?...Un abbraccio, a presto

    RispondiElimina
  7. E' sempre bellissimo viaggiare attraverso il vostro blog!!!! Fabio....ora sai che hai un itinerario di viaggio speciale da preparare...confidiamo in te ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Flavia!
      Non ti peoccupare, il vostro itinerario è già ben delineato, dobbiamo solo stabilire qualche piccolo dettaglio ;-)
      Fabio

      Elimina
  8. Concordo, gran bella città, a misura d'uomo, con tante cose da fare/vedere, ottimo cibo, unico neo, un po' cara, come tutto il nord, ma i servi e l'organizzazione sono ottimi come la qualità di vita.
    Grazie mille!
    Fabio

    RispondiElimina
  9. Ma che bel sito che ho trovato (grazie a Monica TdM), ciao ragazzi, mi chiamo Tiziana. Mi ritrovo in alcune tue descrizioni di viaggio. Anch'io prima di partire faccio ricerche sul web ma la mia guida è un'inseparabile amica che mi segue durante tutto il viaggio. Ritorno ciao a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, mi fa piacere che sei arrivata da noi tramite l'amica Monica. A noi piace viaggiare così, ci piace documentarci prima, durante e a volte anche dopo il viaggio.

      Fabio

      Elimina
  10. Che bello rivedere il Nyhavn, quanti ricordi. Copenhagen è davvero splendida, come dice la canzone. Una cosa sola: il Diamante nero è la Biblioteca nazionale danese, dove ci sono molte altre cose oltre alla sola biblioteca, però nasce per quello. E già questo la dice lunga sul livello di civiltà di quel paese...
    http://www.copenhagenet.dk/cph-map/cph-diamond.asp

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che per chi ci sia stato sia sempre un piacere rivedere le immagini di Nyhavn.
      Grazie per la precisazione ulteriore.
      A livello di civiltà, mediamente, non ci vedono proprio.
      Fabio

      Elimina
  11. Ciao, sono Alessandro Chetta, redattore del Corriere del Mezzogiorno. Sto realizzando una serie di interviste online ai blogger di Napoli. Potreste darmi il vostro contatto telefonico scrivendo alla mail con cui mi sono iscritto al vostro Assaggi di viaggio? Grazie
    Questo è il format della nostra rubrica http://tiny.cc/guqxdw
    Ps. sono stato a Copenaghen anzi Kobenahvn ad inizio agosto: bella davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandro, ti ho contattato per email.
      Davvero bella Copenhagen, o come dici giustamente tu Kobenhavn.
      A presto.
      Fabio

      Elimina
  12. Anelavo a un'ora di tranquillità, per godermi il vostro diario di viaggio come merita. E per recuperare dalla memoria le emozioni che rivedere Copenhagen suscita in me ogni volta.
    il giro in battello è un must: non c'è altro modo per apprezzare a 360 gradi le architetture contemporanee, progettate e pensate in piena integrazione con l'ambiente cittadino, di cui i canali sono una parte essenziale. A noi, però, l'orchestrina non l'hanno offerta, miserialoca :-)
    Altra cosa su cui concordo sono i prezzi, altissimi- e servizi che non corrispondono a quello che si paga. solo che in danimarca è tutto talmente gradevole, talmente garbato, talmente efficiente che finisci per passare sopra a camere d'albergo molto spartane e a spazi ristretti.
    Al solito, foto meravigliose.
    vado a leggere la seconda puntata, ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I canali oltre a dare un punto di vista diverso e se vogliamo, spesso migliore, sono parte essenziale della vita di questa città; attraversali e viverli, relazionarsi con i passanti e addirittura con le persone affacciate alle finestre (di balconi, ahiloro ben pochi) è stato un primo approccio che ci ha veramente stupiti e ci ha regalato un ricordo di questa città che ci resterà.
      Dovrai tornare per l'orchestrina allora...
      Concordo sui prezzi, per quanto i servizi siano buoni, non ci sono metro d'oro o chissà che, ma tutto funziona bene e la qualità di vita è ottima (ed evidentemente gli stipendi proporzionati :-D).
      Grazie mille, la tua visita fa sempre un sacco di piacere.
      Fabio

      Elimina