giovedì 8 marzo 2012

Una torta mimosa per tutte le donne



Lo so, la torta di oggi è un po' banale. Preparare la torta mimosa per la festa della donna è quanto più ovvio e scontato ci possa essere...ma io non ho resistito.
Dovete sapere che la torta mimosa è stata la prima torta che ho preparato, quando ero ancora una fanciullina, o per meglio dire una bambina, dato che avrò avuto poco più di dieci anni.
Trovai la ricetta su un libro e pensai che questa torta doveva essere carina e soprattutto buona (all'epoca badavo solo alla sostanza :-P). Così convinsi mia zia ad aiutarmi a preparala e dopo una giornata di duro lavoro, in cui ero riuscita a montare anche gli albumi con una forchetta, dato che a casa mia si era fatto sempre così ed il frullino elettrico sarebbe stato introdotto dopo un'altra decina di anni, rimasi decisamente soddisfatta del risultato ottenuto.
Ve la voglio proporre oggi che è la "festa della donna", una festa che non tutti gradiscono pensando che possa essere discriminante festeggiare le donne. Invece personalmente credo che sia carino per una donna ricevere una piccola attenzione in più, anche un semplice fiore, in un giorno a lei dedicato e, si sa, noi donne amiamo molto questo genere di attenzioni ;-)



Torta mimosa

Ingredienti
Per il pan di spagna:
7 uova
7 cucchiai di farina
7 cucchiai di zucchero
1 bustina di lievito

Per la crema:
4 tuorli
80 g di zucchero
3 dl di latte
30 g di farina
1 bustina di vanillina o i semi di un baccello di vaniglia
200 ml di panna

Preparare il pan di spagna: separare i tuorli dagli albumi, unire lo zucchero ai tuorli e sbatterli fino a renderli chiari e spumeggianti.
Setacciare la farina ed il lievito nei tuorli. Montare a neve ferma gli albumi ed aggiungerli poco per volta all'impasto, mescolando con delicatezza dal basso verso l'alto. Versare l'impasto in una tortiera imburrata e cuocere a 180°C per 45 minuti.
Preparare la crema: sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata e poi il latte caldo, poco per volta e non prima che il composto abbia completamente assorbito quello aggiunto in precedenza.
Mettere il tutto in un pentolino e portare ad ebollizione lentamente e continuando a mescolare. Quando la crema inizierà a bollire, toglierla dal fuoco e farla raffreddare completamente. Montare la panna d incorporarla alla crema.
Quando il pan di spagna si sarà completamente raffreddato, tagliare il disco superiore (dovrà essere alto un paio di centimetri), scavare l'interno del pan di spagna e tenerlo da parte, in modo da ottenere una specie di tortiera in cui verseremo i 2/3 della crema. Coprire con il disco precedentemente tagliato, spalmare la torta con la restante crema e formare i "fiorellini di mimosa" sbriciolando l'interno del pan di spagna che avevamo messo da parte.



La torta che vedete l'ho preparata per il compleanno di una donna molto importante per me, di una piccola donna che sta crescendo: la mia nipotina che ha compiuto 8 anni...tanti auguri!

Anna Luisa

25 commenti:

  1. W.Le Donne,buona giornata anche a te;non vado pazza per l'estremo di questa festa ,pero' il senso lo condivido.Bacioni,Lisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa e buona festa della donna anche a te ;-)

      Elimina
  2. AnnaLu, la mimosa non è mai banale! Per quanto mi riguarda è una delle torte preferite, perchè è una sorta di anticipo di primavera ma soprattutto perchè è delicatamente buonissima.
    Buon 8 marzo cara.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabrina, effettivamente è una torta buona proprio per la sua semplicità...e perché ci ricoda che sta per finire il freddo ;-)
      Baci
      Anna Luisa

      Elimina
  3. La torta mimosa era l'unica torta che mangiavo da bambina, non amavo molto i dolci, ma la mimosa si! Ricordo che mangiavo tutti i pezzettini di pan di spagna prima di affondare il cucchiaio nel ripieno...buonissima! Buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Greta, i bambini l'apprezzano molto (ed anche gli adulti ;-), proprio perché è diversa dalle solite torte per le briciole che la decorano..ma anche perché è semplicemente buona :-P
      Baci

      Elimina
  4. La mimosa...quando ero più piccolo non volevo che fosse mai preparata perchè mi ero convinto che si facesse solo per non buttare via il pan-di-spagna riciclato...e quindi la vivevo come una mancata attenzione di mia madre al dessert. Ci ho messo un pò a capirlo...ma questo non voleva dire che non la finissi quasi tutta la Domenica stessa... :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mario, praticamente davi un voto basso a tua madre quando la preparava...ahahahaha
      Scherzo ;-) Sono certa che non lasciavi neanche...le briciole ;-) ahahaha
      Baci

      Elimina
  5. una torta mimosa che racchiude anche un bel ricordo! anche per me è un pò così. una bellissima torta complimenti ed auguri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rumi, grazie ed auguri anche a te ;-)
      Baci

      Elimina
  6. La torta mimosa non è mai scontata ... visto che è buonissima e, come ha scritto anche Sabrina, preannuncia la primavera!
    Anche io l'ho preparata in una versione però insolita con crema pasticcera e ribes.
    Auguroni anche a te!!!
    Bacioo
    Monique

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monique, che bell'idea quella dei ribes...un tocco di colore che sicuramente ci sa benissimo ;-)
      Baci

      Elimina
  7. 10 anni??? Tu a 10 anni preparavi dolci??? Oggi sarai diventata una vera esperta!!! Non è banale la torta mimosa oggi, è semplicemente BUONISSIMA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A 10 anni ho preparato la prima torta...ci sono voluti altri 10 anni perché iniziassi a prepapare altre torte ;-)
      baci e grazie ^_^

      Elimina
  8. Semplicemente grazie per questa ennesima dolcezza...un saluto caro simona

    RispondiElimina
  9. Bellissima :) Io non sono riuscita a farla per mancanza di tempo :( Secondo me preparare una mimosa l'8 marzo è d'obbligo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ines, diciamo che è il giorno ideale per farlo ;-)
      baci

      Elimina
  10. una torta buonissima e che si presenta anche molto bene. auguri a tutte le donne!

    RispondiElimina
  11. grazie per il pensiero e auguri anche a te!!!
    Paola&Tessa

    RispondiElimina
  12. I fiorellini gialli di mimosa hanno un profumo così intenso che mi diventa sgradevole e se non li allontano mi provoca il mal di testa.

    Questo dolce lo apprezzo decisamente di più e pensare che lo preparavi a 10 anni mi chiarisce su come oggi tu arrivi a certe vette di maestria...

    Hai mai visto qualche puntata di Masterchef Junior? No perchè mi sa che da piccina eri una di loro!

    RispondiElimina
  13. mica tanto banale...io direi più buona che banale :D
    buon we!

    RispondiElimina
  14. Arrivo dritta dritta da donnesulweb...magari in questo post non c'entra niente il commento...ma quella genevose è fantastica!!!! complimenti!!!! :-)

    RispondiElimina